line_gbg70.gif (2214 bytes)
istrians.gif (1498 bytes)
Hillforts - Castellieri - Gradine
Archeology

line_gbg70.gif (2214 bytes)

I Castellieri del Carso

Quasi tutti i castelli della zona sono stati costruiti sulla base di precedenti castellieri. Borghi fortificati che erano la base della società

I castellieri sono abitati posti su alture e circondati da cinte di difesa, alle volte imponenti, con muri fino a sei metri di larghezza e a otto di altezza. Essi cominciano a apparire nell'Istria e nelle isole immediatamente a sud con l'età del bronzo e rappresentano l'assestamento e il consolidamento di una tecnica caratteristica, forse non estranea alla civiltà delle tombe a tumulo dell'Europa centrale.

Le sepolture sono presso gli abitati: nella prima fase, cassette di pietra, nelle quali i morti erano deposti in posizione rannicchiata seduta. Esse poi venivano ricoperte da un tumulo. Alla continuità della tecnica non corrisponde nella storia dei castellieri continuità culturale assoluta. E difatti solo nella seconda fase si afferma nei castellieri il rito funebre della incinerazione che, più a occidente, si era precedentemente imposto nella civiltà delle terramare. Ma il nuovo rito non si è sovrapposto, distruggendo, con la sua nuova visione della vita. Si è limitato ad introdurre le urne, e queste, che contenevano le ceneri, hanno continuato a essere custodite a loro volta nelle cassette di pietra tradizionali.

Il secondo strato della civiltà dei castellieri si distingue anche per una maggiore apertura di orizzonti. Mentre nel primo i confronti più ovvi avvengono al livello di elementi propri della civiltà terramaricola, nel secondo non si hanno soltanto i legami con la finitima civiltà atestina ma anche, dalla parte opposta, con quella centro-europea di Hallstatt.

La civiltà dei campi d'urne, che ne è l'antefatto, ha agito così sul territorio giulio in una forma indiretta, quasi accerchiando le tradizioni ancora inumatrici risalenti alla civiltà precedente nella stessa area dell'Europa centrale, e cioè quella di Unevtice.

Tra i castellieri più antichi si annovera quello di Montursino presso Dignano d'Istria. Quello degli Elleri presso Muggia appartiene invece alla civiltà del Ferro arcaica e mostra collegamenti generici non solo con il filone terramaricolo e poi con quello atestino, ma anche con la civiltà subappenninica dell'Italia centrale.

Questo castelliere continua ad essere utilizzato fino in età romana. È interessante notare come, scendendo nel tempo, tale attività di rapporti e traffici venga mantenuta dalle genti dei castellieri: nel IV secolo a. C. la ceramica di Gnathia, creazione della Magna Grecia, arriva fino nell'Istria.

Più intrinsecamente interessanti sono le necropoli di Nesazio e di Pizzughi, degli inizi della seconda fase dei castellieri in Istria, per la bella documentazione che offrono dell'assimilazione del nuovo rito incineratore entro schemi arcaici, con l'interramento, nel grande sepolcro tradizionale, della cassetta litica contenente l'urna con le ceneri al posto del cadavere.

Altri castellieri importanti sono quelli di Monrupino e di Zolla immediatamente a nord di Trieste. Tracce caratteristiche di un ampliamento progressivo mostrano i castellieri di monte Gioia presso Prosecco, posti su due cime vicine, ma contornati da una cinta esterna comune. Resti di intonaco di capanne mostra infine il castelliere di San Polo presso Monfalcone.

Trovamenti in grotta sono stati segnalati più sopra: forse le grotte servivano da rifugi occasionali oppure venivano frequentate per scopi cultuali. Tumuli non organizzati in castellieri sono quelli di Contovello e di monte Lanaro, che si inseriscono però completamente nella civiltà classica dei castellieri.

Invece a Cattinara si è trovato un abitato, privo di cinta di difesa, gravitante verso i modelli contemporanei della civiltà atestina.

Distribuzione dei castellieri di Venezia - Giulia e dell'Istria


(Click on the map for a zoomed view of Istria)

Sources:

  • Text - http://www.esiaonline.it/carso/default.asp?id=42&ACT=5&content=52&mnu=42
  • Map - http://www.univ.trieste.it/%7ezuglio/all/jpg/ps.bronzo.fvg-istria.castellieri.carta.html

See also:

  • I castelli del Carso - http://www.esiaonline.it/carso/default.asp?id=42&mnu=42

Main Menu


Created: Tuesday, May 24, 2006; Last updated: Wednesday, February 11, 2015
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA