Lanischie - Lanišće
Churches and Cemeteries


 


Photo by Lanimol

San Canziano

548 m s.l.ra.

La chiesa parrocchiale dedicata ai santi Canzio, Canziano e Canzianilla martiri a Lanischie, fu costruita nel 1609 da maestri locali e fu dichiarata parrocchia nel 1609; aveva la giurisdizione sulle frazioni di Raspo, Bergozza, Racìa, Praporchie o Prapoce e Podgace. Era un vicariato dipendente da Trieste già nel 1416, e delegato per gli atti riguardanti il Carso di Raspo per quella parte della diocesi soggetta alla Repubblica veneta. A questa chiesa dovevano fare capo tutti i Cicci per gli atti parrocchiali fino alla creazione della parrocchia dì Vodizze.


Photo by Lanimol

The chiesa di Lanischie venne completamente demolita nel 1926 e ricostruita l'anno dopo su progetto dell'architetto Giovanni Berné, come spiega la scritta posta sopra il portale della chiesa. Consacrata nel 1935 dal vescovo Fogan è stata restaurata nel 1956.


Photo by Bjekoslav Šabarić

La grande chiesa, dipinta di giallo ocra, la faccia con un'elegante trifora sopra il portale, ha due navate laterali, l'abside poligonale a vista tre altari, ed il campanile staccato dal corpo principale, ma unito a questo da un corpo aggiunto posto alla sinistra dell'edificio. L'interno è ben tenuto e dipinto; il tetto è formato da capriate in legno.

Ci sono tre altari di un certo interesse ed uno semplice. In mezzo a due statue marmoree, c'è un grande Crocifisso del XIV/XV sec. proviniente dalla chiesa di S. Giusto a Trieste di altezza naturale, e una pala opera di Decleva del 1904.

Il campanile (19 m) addossato sul lato sinistro della facciata, è coperto da uno strato di grezzo intonaco ed è praticamente spoglio, a parte delle iscrizioni in corsi regolari di calcere. Una rappresenta una maschera, le altre ricordano la costruzione della chiesa nel 1609 e riportano il nome del pievano don Francesco e quello del gastaldo Gaspare Busdon.

Piccole bifore romaniche con colonnine sono sistemale nella zona delle campane. Sopra il tamburo ottagonale, con una sola finestra rettangolare e una cornice profilata sostenuta da beccatelli, è sistemato un basso tettuccio a quattro spioventi.


Photograph from http://www.glasistre.hr

Bibliografia:

  • Testo e disengo - Alberi, Dario. Istria - Storia, Arte, Cultura. Edizioni LINT (Trieste, 1997)
  • Testo - Daniela Milotti Bertoni, Istria, duecento campanili storici / Two Hundred Historic Steeples, Bruno Fachin Editore (Trieste 1997)
  • Fotografie - http://www.index.hr and courtesy of Ivan Grbac

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

 Created: Tuesday, March 22, 2005; Last updated: Sunday, September 09, 2012
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA