Saline - Saltpans
Crafts and Trades


Le saline dell'Istria

© Franco Colombo

[Tratto da: http://www.circoloistria.it/public/saline%20colombo.pdf.]

Il sale oggi e ieri

Attualmente il sale marino è tra i prodotti che costano meno: in qualunque negozio o supermercato se ne può acquistare un chilo per pochi centesimi di euro. Anzi, ormai il suo consumo maggiore è quello di essere buttato a tonnellate nelle strade per evitare il rischio che esse si ghiaccino. Anche dal punto di vista alimentare ormai il comandamento dei medici e dietologi è di evitare un eccessivo consumo di sale. Secondo l'Istituto nazionale di ricerca per gli alimenti e la nutrizione gli italiani consumano in media 10 g di sale al giorno, mentre il valore di riferimento dovrebbe essere di 6 g e comunque il nostro organismo funziona perfettamente anche con soli 2-3 g al giorno. Se la carenza di sale provoca malattie come il gozzo, un tempo molto diffuso nelle zone di montagna, l'eccesso, come è noto, comporta un incremento della pressione arteriosa ed una maggiore incidenza di rischi cardiaci e delle

patologie correlate. Secondo medici e nutrizionisti l'unica ricetta seria sarebbe di modificare progressivamente le abitudini del gusto. Infatti il sale, questo pericoloso killer, non è solo quello aggiunto in cucina a sughi ed insalate, ma si nasconde, insidioso, in vari cibi: nel pane e grissini (da 1,3 a 2,8 g per 100 g), nei piatti pronti e surgelati dove si aggiunge un esaltatore dell'aroma come il gluttamato monosodico per cui 200 g di pasta contengono da 1,6 a 4,4 g di sale, negli hamburger dei fast food: già un cheeseburger da 200 g contiene la quota massima di sale consigliata (6,16 g), un panino con hamburger oscilla da 1,6 a 2,7 g, una porzione di pizza Margherita sempre da 200 g contiene da 2,7 a 4,4 g di sale; poi, logicamente nei salumi: il salame tipo ungherese o Milano ed il prosciutto crudo in una porzione di 50 g contengono dai 2 ai 2,5 g di sale e valori dimezzati per il prosciutto cotto e la mortadella, addirittura 3 g per porzioni di 50 g di formaggi stagionati come il pecorino romano, per il grana si scende a 0,8 g e meno ancora per formaggi freschi o dolci. Altro sale nel pesce fresco o surgelato e nei cereali da molti consumati durante la prima colazione. Sembra quindi oggi quasi impossibile immaginare quanto un tempo il sale sia stato prezioso, davvero un oro bianco!

Era tanto prezioso un tempo il sale che per causa sua si ebbero lotte sanguinose, rivolte e perfino guerre, come vedremo.

Quello che è il maggior problema economico dell'Italia attuale, vale a dire la "stagnazione", è invece il fenomeno che sta alla base della creazione della ricchezza del sale. La salina è infatti costituita da un "fondamento" che impermeabilizza un antico tratto di palude, ha una forma rettangolare ed è diviso in vasche di vario tipo dove avviene l'evaporazione dell'acqua marina, circondate da arginature di varia struttura. L'acqua marina penetra nel "fosso" mediante il "callio", un'apertura nell'argine che si chiude con una piccola saracinesca detta "portello". L'acqua rimane nel "fossado" alcuni giorni per favorire la successiva evaporazione. Un altro bacino, il "libador" riceve le acque inutili o guaste mediante due canaletti detti "lide", l'uno posto per la lunghezza, l'altro per la larghezza della salina, e quindi, tramite un'altra apertura nell'argine ("callio del libador') ritornano in mare le acque di rifiuto e di scarico. Il fondamento è diviso in sei zone centrali, dove avvengono cinque gradi di evaporazione: nell'ordine il "moraro del fossado", iTmoraro de meso", il "soracorbolo", il "corbolo" ed i "servidori" finché arriva nei "cavedini" dove avviene la cristallizzazione del sale.

Il terreno è leggermente in discesa da una vasca all'altra, per cui l'acqua passa attraverso alcune tacche negli arginelli dette "bocchette", oppure nelle saline "a le Alte" e non "a le Basse" si usavano i "zorni" specie di votazze usate anche per versare l'acqua dalla "vasca" (bacino per la salamoia) all'altro deposito detto "lidon".In seguito le operazioni si meccanizzarono con l'uso di pompe eoliche, cioè a vento, dette "machine' se erano fisse sugli argini e "machine a care!' se spostabili. Le pompe a mano erano chiamate "zorni". All'angolo dei bacini saliferi c'era poi una "fossa" per conservare X"acqua madre'' o salamoia.

Gli argini, a seconda del vario tipo o uso, venivano chiamati "arzeni", "mesarole", "verghe o tressi", "cavassali", "gordoni".

I salineri e le salinere, come stabilito dagli Statuti delle varie città istriane, abitavano di solito con le famiglie da aprile a tutto settembre, ed anche oltre se il tempo lo consentiva, in capanne e casoni poi divenute casette in muratura dette a Pirano "salari" con a pianoterra il magazzino per il deposito del sale per ripararlo dalle piogge.

L'origine delle saline istriane

II Tamaro, nella sua "Storia di Trieste", parlando dell'origine delle saline di Trieste, ipotizzava che esse esistessero fin dall'epoca romana, ma ciò non appare verosimile: se sugli scogli di Brioni ed in altre località della costa il sale si raccoglieva fin dalle epoche più antiche per le necessità locali, sembra ormai probabile che l'origine delle saline vere e proprie si possa far risalire al Medio Evo, ad un periodo tra il IX ed il XIII secolo quando si produssero quei fenomeni di bradisismo che portarono all'impaludamento delle foci dei fiumi, dalla Rosandra al Dragogna, formando quelle "mugle" costiere poi trasformate in peschiere e saline. Dapprima Trieste, Muggia, Capodistria, Isola, Pirano, Orsera, Rovigno e Pola produssero la quantità di sale sufficiente al consumo cittadino ma in seguito la domanda di sale proveniente dai paesi dell'interno fece ampliare a dismisura gli stabilimenti saliferi.

In precedenza, dal VI secolo ad oltre il Mille, era stata Venezia ad avere un vero e proprio monopolio del sale nell'Alto Adriatico; in due sue celebri lettere del 538 Cassiodoro, esaltando la feracità dell'Istria, nomina per la terra olio, vino e frumento e per il mare non nomina affatto saline ma solo peschiere (seni e "piscine" chiuse) ed allevamenti di ostriche. Invece nella lettera diretta nella stessa circostanza ai tribuni dei Veneti marittimi dice (nella traduzione del Kandler): "Ogni attività è concentrata nel sale, invece di adoperare falci ed aratri, rotolate cilindri, dalle saline viene a voi ogni prodotto, mentre in queste medesime avete quanto non fate: voi per così dire battete moneta vittuale (che serve per il vitto, per campare); ogni flutto è addetto all'arte vostra'. Che è praticamente quanto riassume un noto proverbio piranese. "Per fà sai ghe voi aqua, sol e bava'.

Pur nel celeberrimo "Placito del Risano" dell'804 si parla dapprima delle zone un tempo pubbliche di mare dove sotto i Bizantini il popolo aveva pescato liberamente mentre allora i Franchi lo impedivano con la forza assalendocon le loro fuste i pescatori, uccidendoli e recidendo le loro reti. Poi, tra i proventi pubblici del duca Giovanni, si parla solo di peschiere (piscationes) da cui gli venivano pesci a sazietà per la sua mensa e più di 50 soldi mancosi (moneta bizantina) all'anno. Di saline non si fa cenno alcuno: se ce ne fossero state sarebbero state sicuramente ricordate. Era infatti la sola Venezia a controllare il mercato, distruggendo dapprima Comacchio che l'aveva preceduta nei commerci saliferi, quindi controllando strettamente la produzione di Cervia. Oltre alla lettera di Cassiodoro del VI secolo anche le "Honorantiae Civitatis Papiae" (XI secolo) parlano del commercio del sale veneziano anche per le vie fluviali. Ed era sempre Venezia anticamente a fornire il sale alle città istriane come si vede da un trattato concluso con Capodistria nel 1182 dal doge Mastropetrus nel quale Capodistria veniva definita "scalo privilegiato" per cui i Capodistria-ni si obbligavano alla manutenzione delle strade ed a curare la distribuzione del sale entro recipienti muniti di sigillo dogale: gli utili dovevano essere divisi con Venezia al 50 %. Però in Istria doveva entrare solo sale veneziano. Dopo la decadenza delle saline lagunari, accentuatasi intorno al 1300, e dopo la perdita delle saline di Pago e di Cervia, Venezia perse il controllo del commercio del sale ed anche i rifornimenti di sale dall'Oriente vennero spesso a mancare, per cui fu la stessa Serenissima, dopo la dedizione della maggior parte delle città istriane costiere dal 1268 (Parenzo) al 1331 (Valle e Pola), a favorire in Istria l'impianto di saline. In precedenza fino agli inizi del XIII secolo nelle varie cessioni feudali si parla solo di paludi e peschiere e non di saline. Senza aver fatto una ricerca specifica, il primo documento che mi viene in mente è un atto del 1216 con cui il vescovo di Parenzo Fulcherio investì a titolo feudale ser Balduino (Baldovino) Signolo di Venezia di una "valle" sita tra la Mugla di ser Pietro Zorna e la Mugla de Zane per edificarvi saline, con la condizione delle antiche saline, cioè 1/8 del sale fatto, la stessa percentuale che un altro vescovo di Parenzo, Pagano, chiede per diritti di pesca investendo nel 1243 Leone Vetramo della Mugla di Ripa Teolo. È singolare il fatto che a Muggia esista una via dedicata al Signolo: il motivo è che il nome "mugla" ha fatto confondere alcuni studiosi che hanno scambiato il territorio di Parenzo con quello di Muggia (Mugla).

La prima notizia documentale sulle saline di Fasano in territorio del comune di Pirano è del 1278 nel "Chartularium Piranense": i consoli concedono un tratto di spiaggia nella contrada di S. Lorenzo (attuale S. Lucia) per costruirvi saline. Per Trieste, Muggia, Capodistria, Isola e Pirano la maggior quantità di notizie sulle saline si trova nei rispettivi Statuti medievali e nei Quaderni dei Camerari del Comune di Trieste, dal 1330 in poi, ed in quelli dei Vicedomini dal 1322 in poi.Vedute delle saline di Trieste, Muggia, Capodistria e Pirano

Secondo un detto molto semplificatorio che correva in epoca veneta le maggiori saline istriane erano state sempre quelle di Pirano: "Produce Pirano il doppio del sale di Capodistria che a sua volta produce il doppio di Muggia". Grosso modo le cose stavano così ma daremo degli esempi quantitativi che dimostrano come ci siano stati dei mutamenti anche significativi nella produzione salifera delle città istriane nelle varie epoche.

Intanto una prima classificazione topografica: le saline di Trieste più antiche erano poste vicino alla città, nella zona della val di Rivo fuori Riborgo dove si apriva la Porta delle Saline; poi in Riva Grumula ed al Campo Marzio; infine lontano dalla città a Santa Sabata (San Sabba) e Zaule fino a Giarizzole.

Le saline di Muggia presso la città erano quelle della "Palù" (da Palude) subito fuori delle mura, nella valle di S.Bartolomeo quelle di Pugnano; nella valle dell'Ospo detta allora di S. Clemente le saline omonime; presso la foce della Rosandra o Lussandra come si disse in epoca veneta infine le saline di Zaule confinanti con quelle dei Triestini. Le saline di Capodistria verso la Punta Grossa erano quelle di Val Campi, Val Stagnon ed Ancarano, verso Isola quelle di Semedella. Le saline principali di Pirano erano quelle di Sicciole divise nei due stabilimenti di Fontanigge e Lera, minori quelle di Fasano e Strugnano.

Naturalmente non esistono vedute delle saline antiche come le documentazioni succitate. Per avere un'idea delle antiche saline di Trieste rimando alle ricostruzioni della pianta del Trecento elaborata dal Caprin: vi si vedono le saline di Val del Rivo e delle saline più piccole lungo tutto il promontorio di Camarzo (Campo Marzio) da Riva Grumula ad oltre Calvula (Chiarbola).

Seguono poi la pianta della Trieste del Quattrocento del Cavalli ed infine - finalmente realistica! - la veduta del 1681 di Trieste nelle "Memorie sacre e profane dell'Istria" di Prospero Petronio. Delle vedute più antiche, del 1594 e del 1620, delle saline di Zaule si vedono però in disegni che rappresentano le saline di Muggia o le saline di tutto il Golfo da Capodistria in su.

Le saline di Zaule appaiono anche nella mappa del 1745 di Franz von Blyh.

Come si diceva, la più antica veduta delle saline di Muggia che finora si conosca è un disegno allegato dal provveditore Marc'Antonio Longo ad una sua relazione a Venezia del 1594. Vi si vede la prima rappresentazione grafica di Muggia circondata di mura e, nel territorio, tanto le saline di Muggia quanto quelle di Trieste a Zaule in quanto già c'era la vertenza, di cui riparleremo, a causa del mutamento del corso della Rosandra. Perciò non viene data alcuna importanza alla valle di S. Clemente, appena accennata. Oltre alle saline di Zaule vi si vedono invece le saline triestine di Santa Sabada ed oltre la punta di Camarzo le saline di Val di Rivo nel sito dell'attuale Borgo Teresiano ed il torrente che ora scorre sotto Via Carducci, già infatti Via del Torrente.

In una stampa a rame senza data ma di cui esiste un'edizione tedesca del 1617 che alcuni ritengono del 1599 ma che rappresenta probabilmente una scena di battaglia della Guerra di Gradisca si vedono anche le saline di Zaule ma solo stilizzate e pertanto di forma del tutto improbabile. Poi ci sono tre disegni mandati a Venezia dal podestà-capitano di Capodistria Marino Barbaro. Il primo disegno inviato il 22 settembre 1620 riporta con grande precisione la "zona salifera" di Capodistria in basso, di Muggia al centro e di Trieste in alto e sono segnate anche le strade. Oltre le saline di Zaule sono segnate per Muggia anche quelle di S. Clemente e per Trieste quelle della zona teresiana. Il secondo disegno inviato dal Barbaro in lettera del 4 ottobre 1620 mostra in modo più particolareggiato le saline di S. Clemente e quelle di Zaule. Il terzo disegno del Barbaro, fatto dall'ing. Iseppe Cariolo, inviato il 7 ottobre, mostra, con una prospettiva però criticabile, Capodistria circondata dalle sue saline: a sinistra sono quelle di Ancarano, al centro - ai piedi del Monte Sermino - quelle di Val Stagnon e Val Campi (tra le saline scorre il Risano), a destra quelle di Semedella. Per Muggia c'è quindi la tradizionale veduta di Prospero Petronio del 1681 che riesce a mostrare le saline della Palù e così pure per Capodistria.

Per Muggia c'è da segnalare un'ulteriore veduta del 1767 con le saline di S. Clemente e le saline muggesane e triestine di Zaule. Dello stesso sec. XVIII c'è poi un disegno privo di data che mostra sia la valle di S. Clemente che quella di Zaule come pure il disegno allegato alla relazione del marchese Giuseppe Gravisi del 1749 con le saline di Zaule sempre al centro della vertenza austro-veneta, i confini e le peschiere muggesane di Molon per le quali s'era aperta un'altra vertenza con i Triestini.

Per Capodistria c'è infine un disegno del Provveditore ai confini del 10 giugno 1778 che mostra a sinistra Capodistria, di fronte Valle Stagnon, il M. Sermino ed il corso vecchio e quelle nuovo del Risano ed in alto "Valle in Campo" ed "Ancarano", disegno firmato dall'ing. Pietro Antonio Letter.

Nell'Ottocento ci sono stampe e quadri e documenti ufficiali come la mappa censuaria di Muggia del 1818 che mostra per l'ultima volta le saline di Muggia prima della loro soppressione ed il catasto franceschino del 1868 che già mostra il loro progressivo impaludamento. Per Pirano è proprio la mappa del catasto franceschino quella che per prima ci rivela l'aspetto delle saline piranesi di Strugnano e Fasano, mentre è del 1807 la "Carta topografica della Valle delle saline di Sicciole" di Lorenzo Vitelleschi. Infine le saline di Strugnano, Fasano e Sicciole sono rilevate in una carta militare austriaca del 1867.Le guerre del sale

Nel Medio Evo ed anche in seguito per i comuni istriani vigne ed oliveti erano gli unici fornitori di prodotti di esportazione e quindi le sole fonti di reddito. La concorrenza era pertanto spietata e non era raro che sfociasse in taglio di strade, distruzione di saline e talvolta in vere e proprie guerre quando i comuni ricorrevano alla tutela dei loro Stati sovrani: Venezia ed Austria.

Si può dire che ci furono quindi diverse "guerre del sale":

1) quella dei proprietari di saline contro l'istituzione di monopoli del sale (istituiti dai comuni, da Venezia e dall'Austria);

2) quella dei comuni e degli stati contro il contrabbando del sale;

3) quella della concorrenza armata tra Trieste e le città istriane di area veneta per rivolgere, con il controllo delle strade con castelli e blocchi e con la politica dei prezzi e dei dazi, i mercanti tedeschi e carniolici ai rispettivi mercati del sale;

4) infine quella di Venezia contro chi costruiva saline in mare senza il suo permesso in base al principio del suo possesso sul mare Adriatico e su tutto quanto produceva e sull'obbligo per ogni commercio marittimo di fare scalo a Venezia o di pagare dazi a Venezia.

Inizialmente i comuni cercarono in tutti i modi di favorire la costruzione di nuovi fondamenti di saline o cedendo le aree paludose trasformabili o sovvenzionando chi voleva fabbricare saline in cambio della cessione di una parte del prodotto, di solito 1/6, il "sestiere" (1/7 a Pirano, 1/8 a Pola), dell'obbligo di portare e far vendere il sale prodotto solo nel proprio comune ed infine di corrispondere al comune o all'appaltatore un dazio per ogni moggio di sale, di solito di 4 soldi, nell'Istria veneta chiamato "mozadego". Obbligo di portare il sale a Trieste avevano anche i cittadini che possedevano saline fuori del distretto, e precisamente nella valle di S. Clemente, dopo aver pagato però il sestiere al comune di Muggia: gli Statuti di Trieste del 1350 fanno anche i nomi di questi proprietari: gli eredi del fu ser Ottobono (manca il cognome), ser Andrea del fu ser Geremia, ser Vitale de Argento (che per grazia speciale può portare il suo sale dovunque), ser Rantulfo Ballario e Bona de Bonizis. A parte questa eccezione, gli Statuti delle città istriane prescrivono che i salineri debbano lavorare solo nelle saline cittadine e non in quelle appartenenti a forestieri o fuori distretto. Ad esempio gli Statuti di Capodistria del 1423 prescrivono che i salineri di entrambi i sessi (la percentuale femminile è sempre stata consistente) non possano lavorare saline non di capodistriani in pena di 10 lire all'anno al comune e di non poter più lavorare per i cinque anni seguenti, pena terribile per chi avesse avuto quel solo reddito!Però i Veneziani non erano soggetti a questo statuto.

Gli Statuti di Trieste del 1315 trattano pochissimo di saline: solo un capitolo parla della vendita di sale al minuto da parte di bottegai e salineri, però manca la pubblicazione delle addizioni, alcune delle quali sono state però viste dal Tamaro. Il Comune di Trieste nel 1320 promise un premio di 10 lire, ridotto però nel 1329, per ogni fondo o "lavorerio" di saline e nel 1332 offriva metà del capitale necessario ad ogni stabilimento. Negli Statuti del 1350 chi edificava nuove saline riceveva dal Comune 10 soldi di grossi per ogni lavoratore ma solo dopo aver costruito la salina ed aver pagato al Comune il sesterio del sale prodotto. Se avevano ricevuto dal Comune una palude per trasformarla in salina dovevano dare garanzia di costruirla entro i tre anni seguenti, di non alienarla a forestieri, di mantenerla in funzione ("in laboratura et conzamento") per sempre in pena di soddisfare il danno al Comune. Lo stesso faceva il Comune di Muggia nella Valle di S. Clemente ed a Zaule, allo stesso modo con cui si davano gratuitamente dei terreni incolti con il compito di migliorarli con l'impianto di viti o ulivi. Così il Comune di Capodistria apparigliava le saline alle vigne avute dal Comune a "curucongio" (1 congio ogni 4 orne del prodotto): come le vigne venivano perdute se non zappate per 2 anni, così le saline ritornavano al Comune se non lavorate per un biennio. A Pirano qualunque cittadino poteva occupare le saline non lavorate per due anni (poi portati a tre) con licenza del podestà, dando al Comune 1/7 del sale. Anche per le nuove saline il cittadino era obbligato a farle solo nel terreno del Comune con la volontà del podesta e dei giudici in pena di 100 soldi e di perdere il sale se le avesse costruite abusivamente altrove.

Alle facilitazioni corrispondevano però una serie lunghissima di obblighi e di divieti: obbligo di portare il sale a Trieste, proibizione di commerciarlo via mare per non incorrere nelle ire di Venezia (Trieste 1328, Pirano 1395), minuziose prescrizioni statutarie regolanti l'ufficio dei dazieri, dei mediatori (messeti, sprochoni, iotoni o giotoni) che accompagnavano gli acquirenti stranieri, mercanti o semplici "mussolatf, i lavori di padroni di saline e salineri ecc.

Nel 1357 Trieste nuovamente vietò di vendere il sale fuori della città obbligando i proprietari ad "incanevarlo" (metterlo nei magazzini) entro la festa di S. Michele (29 settembre). D'altra parte gli Statuti del 1350 vietavano di portare il sale "contra bannum" per mare in pena di 100 lire di piccoli e di perdere la barca o naviglio con il sale che doveva venir bruciata. Se il proprietario non poteva pagare finiva in bando perpetuo e, se catturato, doveva rimanere nelle carceri a sue spese finché non avesse pagato la multa. Chi lo avesse catturato si prendeva tutto il carico della nave. Nessuno poteva portare sale di contrabbando nei porti di Trieste dallo Zucco fino a Sistiana e chi accusava riceveva metà della pena. Come abbiamo già detto, poteva condurre sale a Trieste solo chi possedeva saline fuori del distretto. Il podestà di Trieste era obbligato in pena di lire 25 di piccoli a far leggere questo statuto in ogni arengo (assemblea popolare). A Pirano un'addizione del 1382 al capitolo che vietava di esportare oltre 1 staio di sale fuori Pirano senza licenza del podestà in pena di pagare con la perdita del sale e del naviglio, cercava di impedire i contrabbandi direttamente dalle saline con gravi pene: le saline colpevoli sarebbero state vendute all'incanto, i contrabbandieri non avrebbero potuto più possedere saline, avrebbero pagato 100 lire di piccoli, sarebbero stati in carcere sei mesi e più finché non avessero pagato. Chi contrabbandava fuori Pirano veniva bandito per sempre e se catturato rimaneva ogni volta quattro mesi in carcere prima di riprendere l'esilio. Chi veniva a conoscenza di contrabbandi doveva accusare i responsabili al podestà entro 3 giorni. La parte dovrà durare - è scritto - finché il dominio di Venezia prenderà il sale del Comune di Pirano secondo la provvisione fatta sul sale dei Piranesi. Ancora più esplicita la parte del 1395 decisa a causa delle proteste di Venezia che incolpava, a ragione o a torto, dei contrabbandi di sale i Piranesi e non i Muggesani ed i Capodistriani e minacciava di distruggere tutte le saline di Pirano causandole irreparabile rovina, per cui le pene per i contrabbandieri vennero ulteriormente inasprite. Nel 1475 viene addirittura stabilito che Pirano pagherà di tasca sua a Venezia i sali venduti di contrabbando nelle valli, salvo poi rivalersi sui malfattori.

Soprattutto a Zaule dove le saline muggesane e triestine erano confinanti ed in S. Clemente dove i Triestini possedevano delle saline erano più facili le liti tra i due Comuni. Negli Statuti di Trieste del 1350, del 1365 e del 1421 si fa divieto ai cittadini di Muggia di andare a Trieste finché quel Comune non avesse fatto giustizia degli assassini di Giusto de Avanzago cittadino triestino, delitto avvenuto nella valle di S.Clemente. Altro statuto vietava addirittura i matrimoni tra cittadini delle due città. Come è noto, nel 1353 durante una guerra che vide le due città su opposte sponde i Triestini incendiarono per vendetta il Castrum Muglae, cioè Muggia Vecchia. Nel 1379 invece, quando temporaneamente Trieste era sottomessa alla Serenissima, il patriarca Mar-quardo aveva potuto facilmente convincere il Parlamento Friulano a muovere guerra a Venezia a causa del blocco veneziano che arrecava grande pregiudizio alla terra di Muggia che non produceva da sola viveri di cui alimentare la popolazione e, diceva, "i cittadini nostri di Muggia non potevano vendere il loro sale e i loro vini, dei quali normalmente sogliono vivere" per cui sarebbero finiti per fame nelle mani dei Veneziani. La situazione si invertì successivamente dopoche Muggia nel 1420 era passata sotto Venezia e Trieste nel 1382 si era data all'Austria per cui il confine alla Rosandra che per alcuni secoli era stata una semplice frontiera tra due Comuni istriani era diventata un confine internazionale tra la Serenissima e gli arciducali austriaci, diventati poi imperiali dopo che gli Absburgo erano diventati nel 1438 con Federico III e successori titolari del Sacro Romano Impero. Trieste, che godeva di una larga autonomia, aveva già acquisito in precedenza i castelli già vescovili di Moncolano (Contovello) e Moccò per controllare le principali strade dei traffici verso Trieste, ma più tardi - come dice il Cusin - con l'acquisto di Muggia Venezia si assicurava un ottimo guardiano per controllare il commercio di Trieste, ma i Triestini passarono al contrattacco ottenendo la cessione in pegno nel 1426 del castello di Castelnuovo sull'importantissima strada del Carso da parte del conte di Gorizia Enrico, sembra per 1500 lire. Invano i Veneziani che forse troppo si erano fidati del solo possesso di Raspo ne avevano offerto il doppio.

Nel 1461 Venezia con il doge Malipiero vietò il 4 agosto ai sudditi veneti ogni commercio terrestre con Trieste e ogni navigazione con quel porto e nel settembre Trieste fu bloccata con barche armate fornite da Muggia, Capodi-stria, Isola e Pirano; alla fine del 1462 Venezia chiese la cessione di Castel-nuovo ma i Triestini rifiutarono. Soldati veneziani sulle strade rimasero uccisi e ci fu la guerra sul Carso nel 1463 e il blocco terrestre e navale di Trieste: capitolarono i castelli di Moccò, S. Servolo, Castelnuovo e Moncolano. Con la mediazione pontificia di Pio II, già vescovo di Trieste, Enea Silvio Picco-lomini, si ebbe finalmente la pace. Venezia però voleva proibire la produzione del sale con la tesi giuridica che la Serenissima era la padrona del mare e quindi in diritto di disporre di tutto quanto riguardasse le acque dell'Adriatico. Infine il trattato del 17 novembre 1463 previde che tutto il sale che oltrepassasse il consumo locale doveva essere venduto a Venezia allo stesso prezzo fatto dalle città istriane. Nel 1536 il Governo Imperiale volle assicurarsi il monopolio del sale con una "Camera salaria" e tutto il sale veniva acquistato al prezzo fissato dal Governo e i Carniolici dovevano essere obbligati ad andare a Trieste a comprare tutto il sale disponibile. Fallì ed il Governo ruppe il contratto coi produttori e lasciò libero il commercio dei Carniolici.

Alvise Priuli, podestà-capitano di Capodistria, nel 1577 dichiarava che "il fondamento della città era far sali', i popoli transalpini accorrevano a comperarli con "40 in 50 mille cavalli accompagnati da 30 e più mille persone, che oltra il portar che facevano le biave ed altre robe, lasciavano buona somma de danari nella città". Nel 1579 dopo la protesta dei Capodistriani una ducale ingiunse al podestà di Capodistria di distruggere le saline triestine di Zaule. Nel 1584 iTriestini stabilirono nuovamente un dazio protezionistico di 30 soldi su ogni soma di vino o di sali transitanti dal territorio veneziano a quello austriaco, ma i Carniolici risposero mettendo dazi particolari anche sui vini e le altre merci provenienti da Trieste, che nel 1591 si trovò in gravi difficoltà economiche. Nel frattempo anche Muggia, Capodistria e Pirano avevano subito danni ma i dazi promossero un largo contrabbando di sali dalle zone veneziane verso i porti arciducali del Quarnero. Ci fu poi il blocco di Trieste nel 1599. Nel 1609 i Triestini allargarono le saline e ottennero nuovamente un decreto imperiale che vietava di andare a comprare sale ed altre mercanzie in Istria e misero sui Carsi gli "iberaiterf, le guardie a cavallo, armati e perfino Uscocchi per sequestrare le merci ai contravventori, che poi venivano vendute a Trieste all'incanto. Per rappresaglia Venezia impedì ai Triestini il commercio non solo dei sali ma di qualunque merce per mare e quindi una flotta veneziana chiuse la città in un blocco navale. Nell'agosto 1610 l'arciduca si impegnò a distruggere la "saliera" di Zaule, cioè le nuove saline, a vietare l'introduzione di sale non veneto nei porti austriaci, di abolire i dazi illegittimi e permettere le libertà di commercio con l'Istria. Nel 1614 una fusta armata veneziana con altre barche bloccò le saline di Zaule per impedire il contrabbando del sale, seguì il blocco della città nel settembre e poi la grande guerra del Friuli (di Gradisca o degli Uscocchi) che durò dal 1615 al 1618.

Nel 1750 le saline fuori porta Riborgo furono espropriate ed interrate in quanto non potevano sopportare la concorrenza dell'ottimo sale pugliese e veneziano venduto a migliore prezzo, divenute ormai pestifere e producenti un sale grosso e scuro.

Tra la foce della Rosandra e la punta di Stramare c'erano poi le saline appartenenti dal 1567 ai conti von Tnùrn (della Torre), sudditi veneti di un ramo del casato stabilitosi nel Duecento nel Friuli al seguito dei Patriarchi di Aquileia Raimondo, Gastone, Pagano e Lodovico della Torre (tra il 1273 e il 1365). Erano parenti del ramo principale che nel XVI secolo ottenne Duino. Le saline dei conti erano state in precedenza della Scuola muggesana di Ognissanti, poi dei Marcuzzi e dei Farra: una Maria Farra si sposò col triestino Giovanni Bentos, cui pervennero le saline in dote malgrado il divieto degli Statuti che lo consideravano forestiero. Prima di morire il Bentos vendette tali saline nel 1565 al conte Girolamo della Torre. Le saline dei conti vennero aumentate con l'acquisto di fondamenti contigui nel 1591.

Le saline di Zaule devono essere state fondate più tardi rispetto alle altre del territorio muggesano in quanto non sono nominate negli Statuti del 1333 e del 1420: la loro prima citazione è del 1413 quando Giovanni Pascallidi Muggia lasciò nel suo testamento al Capitolo di Trieste saline in Zaulis, vicine a quelle dei Giuliani. Dalle saline muggesane alla punta di Stramare si estendevano le peschiere del Molon (da Mons Longus, il nome antico del Monte S. Giovanni, non del Monte d'Oro come erroneamente dice il Borri). Delle saline triestine di Zaule erano proprietari nel XVI secolo i Bonomo, i Burlo, i Giuliani, i Marenzi, i Petazzi, i Dell'Argento. Un Giusto di questa famiglia, segretario cesareo, aveva ottenuto nel 1564 l'esenzione dal dazio del sestiere per le sue saline in Zaule. Arrivato a Trieste da Bari il facoltoso Tullio Calò riuscì ad ottenere nel 1561 la concessione di fondare saline su una secca della Rosandra e poi le aveva estese anche oltre, anche se avvertito che si trattava di zona veneziana, in quanto la Rosandra, sembra, per le accuse dei Muggesani, a causa dei lavori fatti da Triestini sugli argini aveva cambiato il suo corso finendo per inglobare sulla sua sponda destra parte delle saline dei della Torre. Ciò iniziò una controversia confinaria che si prolungò per secoli fino ad arrivare fino al Settecento, con la Relazione del marchese Gravisi del 1749 ed il Trattato solenne confinale dell'anno seguente. I Muggesani iniziarono a protestare fin dal 1564 ma nonostante le proteste altre saline in mare furono costruite nel 1577 e 1578 dai triestini Bonomo, Marenzi, Giuliani e dalla stesso Tullio Calò.

Tali saline furono distrutte dai Muggesani e dai Capodistriani nel 1579 ma pochi anni dopo furono ricostruite e lo stesso Tullio Calò fondò nuove saline nel 1589 in una zona più a nord. Anche queste però furono distrutte dai Veneziani il 24 novembre 1615, dopo che il blocco del 1610 (dopo quello del 1599) era stato determinato dall'instaurazione di una "saliera" con monopolio governativo che fallì come quello della "Camera salaria" del 1536. In tali occasioni le saline di Zaule sia nel 1599 che nel 1610 furono danneggiate ed in parte distrutte.

L'istituzione dei provvedimenti veneziani introdotti a Capodistria nel 1622 ed a Muggia nel 1623 contro i contrabbandi del sale, furono - come è noto - alla base della rivolta di Muggia del settembre 1623 contro Venezia.

Venezia aveva mandato a Capodistria fin dal febbraio 1623 il provveditore in Istria Francesco Basadonna per rendere operante una disposizione del Senato del 2 dicembre 1622 in materia di sali non ancora eseguita con grave pregiudizio degli interessi pubblici ordinando il deposito dei sali nella "Camera pubblica" pagati anticipatamente a 18 lire il moggio. Il monopolio era stato esteso con provvedimento del 29 luglio 1623 anche a Muggia, provocando la reazione dei commercianti. Il 12 settembre un litigio tra un operaio di Muggia e l'ingegnere veneziano Costantino Capi si allargò ad una rivolta fino al17 settembre, conclusasi con dieci giustiziati appesi fuori dalle mura per aver ucciso tre persone.

Dalla Relazione del Provveditore in Istria Zaccaria Bondulmier si ricavano numerose notizie sulle saline di Muggia. C'erano in tutto 1.537 cavedini con rendita di poco di più di 3.000 moggi all'anno, che Venezia comprava allo stesso prezzo di Capodistria a lire 19 il moggio (rivendendolo però a 48 lire!), dando a Muggia 1/8 dei sali perché quest'obbligo i suoi antichi Statuti stabilivano per i cittadini al Comune in cambio dei fondi per le saline.

I cavedini delle saline dei della Torre erano 174, e il provveditore consigliava di disfarle perché era impossibile impedire i contrabbandi; 48 cavedini erano a Paugnano, 12 quelli della Palù.

In tempo di pestilenze il commercio di sale era fatto direttamente nelle saline, in zona non contagiata, lontana dal centro abitato (ad esempio nel 1634, 16 novembre, come si legge nella Relazione del provveditore in Istria Giuseppe Civran e nel 1635, dalla Relazione di Zanne Renier, capitano di Raspo).

Nel 1696 il sale triestino venne monopolizzato nuovamente dal Governo, con un provvedimento detto della "Regalia" per cui si doveva vendere all'amministrazione erariale tutto il sale prodotto. All'inizio del Settecento fu imposto un forte dazio protezionistico dal Governo austriaco al sale istriano, determinando una forte crisi a Pirano, Capodistria e Muggia. A Trieste invece le saline prosperavano: nel 1722 a Servola c'erano 7 fondamenti con 206 cavedini ed a Zaule 15 fondamenti con 1.046 cavedini.

La fine delle saline di Muggia e Capodistria

Secondo il Combi ("La Porta Orientale", 1890), Venezia nel 1721 decise di acquistare tutti i sali fatti nell'Istria e che non se ne potesse produrre maggiore quantità di quella prestabilita anno per anno secondo i suoi bisogni e fosse proibita la costruzione di nuove saline, comandando che si migliorassero le esistenti e la qualità del sale tramite apposita commissione di periti.

In seguito Venezia fu costretta per le proteste dei proprietari a ridare le antiche franchigie ed a consentire la costruzione di nuove saline. Quindi ci fu un nuovo periodo di decadenza quando la Presidenza economica del ducato austriaco di Milano disdettò l'acquisto dei sali dell'Istria in quanto Venezia ne ritardava la spedizione.

A Muggia nel decennio 1797-1806 c'erano solo 440 cavedini in lavoro con l'annuo prodotto di 3.390 centinaia di sale (1 centinaio era circa 50 kg). A seguito di nuove strutture create per migliorare il corso dei torrenti Rabuiese e Recca, cioè Ospo, ed a sovvenzioni statali del Governo italico, le saline passate poi sotto l'Austria nel quinquennio 1818-1822 presentavano 907 cavedini in buona cultura con un prodotto annuo di 11.879 centinaia di sale.

Nel 1824 venne posta una limitazione a fare sale in quantità maggiore alla media del quinquennio 1818-1822. Ciò portò alla crisi: il cavedino produsse nel quinquennio 1823-1827 solo 6 centinaia di sale, quando pochi anni prima sorpassava le 13. L'introito complessivo era di soli 569 fiorini.

Le prime ad essere soppresse furono nel 1829 le saline di Muggia, anche perché si spendevano più soldi per vigilare gli stabilimenti. In seguito l'intera valle di S. Clemente venne acquistata dal cav. Tonello, proprietario del cantiere Squero Cadetti e delle campagne limitrofe alle antiche saline, che ne iniziò la bonifica, trasformandole in peschiere, prati e campagne.

Le saline di Trieste, di Zaule e Servola ebbero amministrazione separata durante il Regno Italico e quindi diverso era il prezzo del sale fino al 1814. Erano divise in 37 fondamenti con 1.030 cavedini. Ugualmente le stesse furono soppresse, dopo essere state unite alle altre dell'Istria nel 1815, dopo il 1829.

Riguardo alle saline di Capodistria ci furono lavori per rendere più profondo il corso del Risano e del Torrente S. Barbara, governarne il corso e rialzarne gli argini per impedire il trabocco delle acque correnti e le inondazioni del mare. C'era poi il pregiudizio che fosse lavoro di donne, come per il passato. I cavedini non più che 2.200 nel 1806 erano 3.844 nel quinquennio 1818-1822, ma con prodotto minore per cavedino rispetto al 1806. Nel settennio 1800-1806 s'erano raccolte 26.375 moggia di sale, con 15 centinaia per moggio, quindi annue centinaia 56.517, quasi 26 per cavedino. Nel quinquennio 1818-1822 ci fu un aumento complessivo ad annue 88.810 centinaia in 3.844 cavedini ma il prodotto per cavedino fu minore di 250 centinaia rispetto al periodo precedente. Il Combi fa risalire il fatto all'uso oramai generale del solo lavoro delle donne: se avevano avuto difficoltà a far rendere 2.200 cavedini come potevano cavarsela con 3.844? Capodistria aveva pochissimi operai, salvo quei pochi che, venuti da Pirano per fabbricar le saline, erano stati assunti stabilmente da alcuni proprietari. Nel 1824 le restrizioni alla produzione colpirono soprattutto Pirano che invece ne abbondava, per cui gli operai delle saline rimasti disoccupati si trasferirono a Capodistria dando impulso alla produzione, sostituendo progressivamente le donne cui rimasero pochi fondamenti o vennero occupate come semplici "adiutrici". Vennero costruite case per raccogliere il sale che in precedenza veniva disperso quasi del tutto dagli acquazzoni. Il prodotto nel quinquennio 1852-1856 (gli anni immediatamente precedenti allo studio del Combi) era praticamente raddoppiato a 177.959 centinaia annue di sale e conseguentemente era doppio anche il reddito per cavedino. Le saline di Capodistria rimasero fiorenti fino al 1870; furono abbandonate nel 1918 e furono definitivamente bonificate nel 1932-1936.

Le ultime saline: Pirano

Con la sparizione delle antiche saline di Muggia (S. Clemente, poi Valle delle Noghere, Zaule, Palù, Paugnano nella valle di S. Bartolomeo) e di Trieste (Val di Rivo e Riborgo, Riva Grumula, Campo Marzio, S. Sabba - Sabata, e Zaule fino a Giarizzole da una parte e fino alla Rosandra, confine con Mug-gia e Venezia, dall'altra), rimasero a produrre solo le saline di Pirano.

Esse forse non erano le più antiche: oltre la raccolta del sale fin dal neolitico sugli scogli dell'isola di Brioni (Brevoni, negli "Statuti di Pola", per cui si pagava a quella città il dazio di 1/8 del sale prodotto), ricordata in documenti antichissimi, abbiamo, prima della loro menzione in documenti e negli Statuti piranesi del Trecento, le saline fabbricate in Istria nelle "lame" o "mugle", cioè bassi fondali marini facili a trasformarsi in fabbriche salifere.

Abbiamo già riferito come Pirano come principale centro del commercio del sale in Istria sia stato preceduto nel sec. XII da Capodistria, ma le sue saline divennero nel corso dei secoli il principale centro di produzione e di esportazione del sale "coltivato" direttamente in Istria.

Oltre la prima notizia di saline a Pirano nel 1278, seguono successivamente sia le disposizioni statutarie sia una copiosa documentazione nel Trecento e nel Quattrocento che trattano dell'impianto di nuove saline o della loro concessione in fitto.

Solo come esempio cito il passo dello Statuto di Pirano del 1307 (Libro IX, cap. 24) che stabiliva come al Comune spettasse il settimo del sale prodotto nel territorio ma se le saline non venivano lavorate per due anni consecutivi esse potevano essere intromesse nel possesso da parte di qualche altro cittadino piranese.

A Pirano c'era il "Consiglio dei XX dei Sali" che contrattava con le autorità di Venezia sia la quantità di sale assorbita dalla Serenissima sia il prezzo, stipulando i "Mercati del sale" rinegoziati ogni 5 o 10 anni, a partire dal 1375.

Ecco una stima dei cavedini di Pirano: nel 1283 stimati in n.1.200 (ma forse erano solo 800 o 1.000); nel 1375, stimati n. 1.750; nel 1550 circa, n. 3.000; nel 1688, n. 2.679; nel 1727, n. 2.426. Dopo che una piena del Dra-

gogna ("le montane") aveva distrutto una gran parte degli impianti saliferi, la produzione riprese. Tra il 1791 e il 1800, stimati n. 4.534, con una parte predominante a Sicciole (1904 a Fontanigge e 2.166 a Lera) ed i rimanentia Fasano (307) e Strugnano (157); 1813, n. 4.776; 1817, n. 6.363; 1820, n. 7.034, e tale numero rimase costante per tutto il secolo, anche se verso la metà dell'Ottocento il mercato del sale entrò in crisi in quanto il prodotto, anche se di meno qualità che a Pirano (sale bianco, fior di sale, ecc.) era in grande quantità e a basso prezzo, ma poi il Monopolio dispose del salgemma austriaco a prezzi concorrenziali. Poi venne la perdita dei mercati della Lombardia nel 1859 e del Veneto nel 1866. Il "sale rosso" era destinato all'agricoltura ed all'allevamento, poi il sale marino serviva per la produzione di concimi chimici, della soda e di altri sali industriali nello stabilimento che sorgeva a Portorose sull'area dell'attuale Hotel Palace, mentre la vendita del "sale inglese" e delle "acque madri" per le malattie artritiche avveniva a Portorose. Nel 1896 una terribile "montana" distrusse ancora una volta gli impianti di Sicciole facendo cessare la gestione privata delle saline che vennero cedute all'Erario austriaco.

L'estensione massima delle saline fu di oltre 6 milioni di mq: nel 1375 Pirano esportò a Venezia 3.500 moggi, pari a 28.000 quintali (1 moggio era uguale a circa 8 quintali); nei secoli successivi circa 5.000 moggi annui; nel 1810, in un anno eccezionale, si produssero 20.138 moggia (160.000 quintali) contro una media di 11.000 annue negli anni precedenti. Nel 1822 si arrivò, dopo l'ampliamento, a 51.380 moggia, ma poi nel sec. XIX la media fu tra i 200.000 e i 280.000 quintali annui. Le saline di Pirano producevano il doppio di Capodistria e queste il doppio di Muggia, si diceva in epoca veneta.

Venezia concedeva ai proprietari di saline 1/5 del sale da vendere liberamente ai "mussolati" (solo a Capodistria arrivavano ogni anno 50.000 mussolati prima delle restrizioni austriache per favorire Trieste). A Pirano il libero mercato si svolgeva sul "Salario", in Marzano, presso il magazzino cittadino. Il sale dal Seicento in poi, finito il mercato libero, venne usato per la salagione del pesce, attività tipica che si prolungò per tutto l'Ottocento in quanto l'Austria dava a prezzo politico quantitativi fissi di sale a tutti i pescatori della costa istriana, specie a quelli di Pirano e Rovigno. I ricavi delle saline erano divisi rigorosamente al 50 % tra proprietari e salineri, una parte della manutenzione primaverile era a carico dei salineri, mentre i lavori straordinari erano a carico dei proprietari. Anche gli anticipi erariali erano divisi al 50 %. Per sei mesi si viveva prima in capanne o "casoni", poi dal 1770 in 440 casette in muratura, più igieniche. Il sale veniva conservato nei magazzini a pianoterra però spesso rovinato dalle piene. Erano occupate alla fine del Settecento 400 o 500 famiglie con circa 1.950 occupati, inclusi donne e ragazzi sopra i 10 anni (Pirano nel 1808 contava 1.466 capifamiglia di cui 1.441 abitavano in città, per cui solo 25 famiglie vivevano i maniera stabile a Strugnano, Fasano, Sicciole.Pirano aveva fino al 1806 ben 4.637 cavedini che producevano 214.897 centinaia annue di sale, 7.034 cavedini con centinaia 460.695 nel 1818-22, 7.034 con centinaia 603.473 nel periodo 1852-56.

Mentre Venezia pagava il sale nerissimo a 30 lire venete al moggio, ma allora si trattava di sale nerissimo che conteneva ben 1/3 di fango, l'Austria lo pagava 26 carantani al centinaio ma era sale bianchissimo al 100 %. Già nel 1818 la quantità di sale bianco di Pirano aveva addirittura superato il totale del sale misto prodotto da Capodistria e Muggia. La bianchezza del sale era in relazione sia con la buona livellatura dei fondi sia con la riparazione dei guasti nelle saline durante l'intero anno e quindi anche durante l'inverno e non solo nel tradizionale periodo estivo.

Le saline di Fontanigge e quelle di Fasano, nel territorio piranese, cessarono la loro attività appena nel 1967 e le prime, con le saline di Sicciole e la penisola di Sezza, sono diventate oggi un Parco naturale dove si vedono ancora, sia pure in rovina, 118 delle 480 casette dei salinari, mentre al posto delle saline di Fasano, le più antiche, c'è oggi a S. Lucia un moderno porto turistico. Nel Parco c'è un Museo delle saline con un "salaro", il deposito a pianoterra, un fondo salifero ed il relativo canale per la conduzione nei cavedini dell'acqua marina. Si produce ancora a Strugnano e nella zona di Lera (Sezza), ma oggi il prezioso "oro bianco" del passato, come già detto all'inizio, viene venduto pressoché esclusivamente allo Stato sloveno per essere buttato nelle strade d'inverno per evitare o sciogliere le lastre di ghiaccio.