line_gbg68.gif (2052 bytes)

Apis
Insecta
line_gbg68.gif (2052 bytes)

MIELE: Ha origini antichissime, è un alimento di elevato valore nutritivo
L’energia che ci arriva dai fiori

La storia del miele ha origini antiche, il “cibo degli dei” ha rappresentato per millenni l’unico alimento zuccherino ma anche oggi, nonostante la comparsa sul mercato di diversi dolcificanti, il miele resta sempre un alimento prelibato. Risalgono a tremila anni prima di Cristo le prime notizie di apicoltori egiziani che si spostavano lungo il Nilo per seguire la fioritura delle piante. Inoltre veniva usato in medicina per curare i disturbi digestivi e come componente di diversi unguenti per piaghe e ferite. I sumeri preparavano creme di bellezza a base di argilla, acqua, miele e olio di cedro. Per i greci il miele rappresentava una delle offerte di rito fondamentali in una componente cerimonia religiosa. I romani ne consumavano talmente tanto da dover addirittura importarne da Creta, Cipro, Spagna e Malta.

La medicina ayurvedica, attribuisce al miele proprietà purificanti, afrodisiache, dissetanti, cosmetiche e cicatrizzanti. Infine, ad oggi, numerose sperimentazioni hanno dimostrato la capacità del miele e dei suoi derivati (pappa reale, propoli) di favorire la cicatrizzazione di bruciature e ferite, attenuare le irritazioni della gola e fungere da ricostituente e antianemico.

Caratteristiche

Il miele è la sostanza alimentare che le api producono partendo dal nettare dei fiori o dalle secrezioni di parti vive di piante, che esse raccolgono, trasformano, combinano con sostanze proprie e depongono nei loro favi. Avvengono numerosi scambi da un’ape all’altra, all’interno dell’alveare che consentono una graduale maturazione ed arricchimento di enzimi che derivano dalle secrezioni ghiandolari delle api stesse.  I componenti principali del miele sono il fruttosio, il gluciosio, l’acqua, altri zuccheri e sostanze diverse, tra cui acidi organici, Sali minerali, enzimi, aromi. Le altre sostanze che sono contenute nel miele sono: minerali zinco, magnesio, potassio, vitamine C, B2, B1, aminoacidi, enzimi.  Il miele è un alimento di elevato valore nutritivo, facilmente assimilabile. Il glucosio fornisce energia di immediato utilizzo, il fruttosio viene metabilizzato a livello epatico e costituisce una riserva energetica. Cento grammi di miele forniscono 320 calorie ed un potere dolcificante elevato.

Liquido o cristallizzato

Quando il miele che custodite gelosamente nella vostra dispensa cristalizza e da liquido qual´era comincia a presentarsi più “solido” non significa che il suo destino è segnato dal tragico volo nella pattumiera. La cristalizzazione è un processo naturale del miele che, scientificamente, si spiega con la precipitazione del glucosio in eccesso sottoforma di cristalli di glucosio monoidrato. Questo processo è influenzato da differenti fattori. Una di questa è la temperatura. La cristalizzazione non avviene al di sotto dei 5 gradi e al di sopra dei 25. Le temperature fresche (14-16 gradi) velocizzano la cristalizzazione, mentre temperature molto basse (da congelatore) o calde (estive) la bloccano. I cristalli cominciano sempre a formarsi dove trovano un “appiglio”, per esempio una minuta particella solida o il fondo e le pareti del vaso. Anche l’agitazione del prodotto può promuovere la formazione di cristalli in un miele liquido e accelerarla in un miele in corso di cristalizzazione.

Una volta cristalizzato il miele si presenta con caratteristiche diverse e seconda di come si sono combinati i diversi fattori: esistono per questo mieli con aspetto più o meno omogeneo, a cristalli grossolani o finissimi, a consistenza compatta o cremosa. La scelta tra liquido e cristalizzato è una questione di preferenze personali.

I rimedi della nonna

Un po’ di miele fatto sciogliere nel latte caldo, ma anche in una tisana emolliente, aiuta a combattere la tosse. Nel caso di mal di gola, invece, si possono fare dei gargarismi con un preparato a base di acqua tiepida, succo di limone e miele.

La conservazione

Il miele è un prodotto lungamente conservabile, questa affermazione non va però presa in maniera assoluta, in quanto, come per gli altri prodotti analoghi, il passare del tempo non apporta vantaggi al prodotto, anzi. Ricordatevi che la luce diretta danneggia il prodotto almeno quanto il calore, ed è utile conservare i vasi di vetro all’interno di scatole di cartone o in armadietti chiusi. Occorre infine fare attenzione al sistema di chiusura dei recipienti, infatti il miele tende ad assorbire l’umidità e gli odori dall’ambiente!  Bisogna però sottolineare che il miele non diventa mai nocivo per la salute. È consigliabile comunque consumare il miele entro due anni dalla data di produzione.

Tipi di miele

Il miele, in quanto prodotto alimentare che le api producono dal nettare dei fiori, cambia sapore, colore e proprietà a seconda del tipo di pianta sulla quale si sono posati questi instancabili insetti  con le relative caratteristiche e proprietà.

Miele di castagno:  Ha un colore scuro con un odore forte e acre, il suo sapore caratteristico è un po’ amaro. Ricco di sali minerali, in particolare di ferro, per cui è consigliato a chi soffre di anemia. E’ un buon ricostituente, stimola la circolazione sanguigna ma è utile anche in caso di tosse poichè esercita un’azione sedativa. Si abbina bene alla ricotta e a formaggi poco saporiti, ma anche alla carne di maiale.

Miele millefiori: Il miele di macchia mediterranea o il millefiori ha un sapore che cambia di anno in anno, rimanendo però, sempre legato ad un certo aroma, che gli permette di essere, riconosciuto in mezzo alle numerosissime specie di miele.  La miscela ottenuta è ineguagliata per il suo aroma ricco e speziato; se il miele è ricco di lavanda avrà un sapore più morbido ed un aroma balsamico, se predomina il cardo, invece il sapore sarà più ricco e l’aroma più speziato.  Sono questi “giochi” della natura che ci permettono ogni anno di avere nuovi aromi e nuovi sapori. E’ un miele molto energetico agisce come buon ricostituente in caso di immuno-depressione, stanchezza e anoressia. Il millefiori è ottimo con lo yogurt.

Miele di timo: Ha un colore ambrato, l’odore molto intenso e un sapore forte ed aromatico. E’ indicato nelle affezioni bronchiali, intestinali e nelle astenie.

Miele di tiglio: Colore chiaro, odore tipico mentolato, resina di mentolo. E’ un ottimo sedativo dei dolori menstruali, calmante, diuretico, digestivo. Indicato per tisane. Ha proprietà antinfiammatorie, contro l’insonnia e l’irritabilità.

Miele d’acacia: Ha un sapore delicato di confetto e vellutato, colore molto chiaro, odore leggero, generico di miele. Questo tipo di miele in piccole dosi può essere consumato anche dai diabetici. Utile in caso di infiammazioni della bocca e della gola. Ottimo per addolcire i pasti dei neonati. Agisce sull’intestino pigro e sul fegato, esercitando un’azione disintossicante.

Miele di lavanda: Il suo colore va da un colore chiaro a quello ambrato. Ha un odore molto intenso ed un sapore speziato. Le sue proprietà antisettiche lo rendono un buon rimedio per tosse, bronchite ed altri disturbi che interessano le vie respiratorie. Ha effetti diuretici e aiuta a combattere l’insonnia.

Curiosità

Il Mielefrutta è un nuovo alimento nato dall’unione di due prodotti naturali per eccellenza: il miele e la frutta. Il risultato è un gusto equilibrato dove il sapore della frutta prevale leggermente su quello del miele. “Mielefrutta” è ideale ed energetico per i bambini, gli sportivi e quanti hanno bisogno di un alimento sano e ricco di zuccheri, enzimi, vitamine, ferro e oligominerali.

La pappa reale

La pappa reale è una sostanza semifluida, gelatinosa, di colore bianco, di sapore acidulo-aromatico caratteristico, di elevato valore nutritivo. È prodotta dalle ghiandole ipofaringee delle api giovani per alimentare le api regine.È ricca di sostanze vitali e 100 grammi di prodotto fresco contengono oltre il 48% di proteine e amminoacidi essenziali, per il 38% da zuccheri, per il 10% di grassi. Contiene un gran numero di vitamine del gruppo B e numerosi sali minerali. Inoltre nella pappa reale è presente un fattore antibiotico.

La propoli

Il termine propoli, secondo l’etimologia greca o latina, indica ciò che sta davanti, che ha la funzione di pulire, disinfettare. In realtà, le api utilizzano questa sostanza per rivestire tutte le superfici interne dell’alveare, i favi e le pareti dell’arnia con lo scopo di impedire il diffondersi di batteri e malattie. L’uso della propoli in soluzione alcolica trova applicazioni in dermatologia, in odonto-stomatologia per le sue proprietà antibatteriche e antibiotiche naturali.

CONSIGLI

Miele, i consigli fai da te per la bellezza

Miele buono e... bello! Sempre più spesso molte case cosmetiche introducono i derivati del miele all’interno dei preparati, questo perchè il miele oltre ad essere un alimento è anche un efficace prodotto di bellezza. Ecco dunque alcuni utili rimedi tutti naturali per avere pelle liscia, capelli d’angelo e labbra morbide.

Per il corpo

Dopo aver riempito la vasca da bagno con acqua calda e 500 grammi di sale, versateci mezza tazza di miele d’acacia e mezzo litro di latte. Immergetevi e rilassatevi quanto basta.

Maschera nutriente: mescolate ad un vasetto di yogurt intero un cucchiaio di miele, spalmatevi il corpo con questa delizia e lasciate agire la “crema” per 10 minuti, dopodichè sciacquatevi con acqua tiepida.

Per le mani

Mescolare cinque cucchiai d’avena, un tuorlo d’uovo e due cucchiai di miele, applicare prima di andare a dormire.

Per le labbra

Con appena un dito di miele si possono ottenere labbra davvero morbide, basterà spalmarlo fino ad assorbimento.

Per i capelli

Mescolare un tuorlo di uovo, un cucchiaio di olio e uno di miele allo stato liquido, quindi applicare l’emulsione per tutta la lunghezza dei capelli e lasciare agire almeno per un’ora. Successivamente sciacquare con acqua calda e un po’ di shampoo.

Pelle secca

Se la pelle “tira” e appare inaridita e a tratti screpolata ecco un’ottima maschera idratante. Mescolate bene insieme nel frullatore un cucchiaio di miele, un cucchiaio di yogurt, e una banana matura. Il miele e la banana sono ricchi di zuccheri, addolcenti ed idratanti. Lo yogurt è utile per amalgamare le parti. Spalmate questa crema sulla pella e lasciate agire per 10 minuti, sciacquate.

Il miele in cucina (ricette)

Tratto da:

  • La Voce del Popolo in Più, Cucina - 28 Ottobre 2006 - http://www.edit.hr/lavoce/inpiu/cucina061028.pdf


Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Friday, September 08, 2000; Last Updated: Wednesday, October 10, 2012
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA