Pisces
Fauna


English

La storia dello stoccafisso

Lo Stoccafisso è probabilmente una delle più antiche merci commerciate dalla Norvegia. Per secoli è stato barattato all'estero con pelli e pellicce. Peraltro, solo di recente il valore nutritivo dello Stoccafisso è stato pienamente riconosciuto.

I Vichinghi

I Norvegesi, capi vichinghi che dominavano i loro vari possedimenti ai tempi della Saga, si avventuravano per il mondo e commerciavano lo Stoccafisso in cambio di vino, grano e abiti. Senza dubbio lo Stoccafisso era alla base della loro dieta quando intraprendevano i loro lunghi viaggi per mare. In effetti, fino alla fine dell'800, non c'era famiglia nel nord della Norvegia che non si basasse sulla pesca per il proprio sostentamento.

I capi di Haalogaland fecero lunghe spedizioni verso il lontano estuario del fiume Dvina nel Mar Bianco. Essi consideravano la maggior parte della Svezia del nord, la penisola di Cola e l'intera costa settentrionale come loro area commerciale riservata. A seconda dell'andamento stagionale, commerciavano, pescavano, coltivavano la terra per rifornirsi per l'inverno e partecipavano alle razzie vichinghe. Erano proprietari terrieri e, allo stesso tempo, commercianti di pelli, pellicce e Stoccafisso.

La Lega Anseatica

Verso la fine del periodo vichingo, gli abitanti dell'area di Haalogaland smisero di commerciare con l'estero. In seguito la città di Bergen divenne il luogo dove le popolazioni del Nordland potevano incontrare i mercanti europei. Gente proveniente da tutta l'Europa del nord e dell'ovest si radunava a Bergen per vendere pesce, pellami e pellicce in cambio di vino, grano e abiti. Gradualmente i mercanti tedeschi appartenenti alle città riunite nella Lega Anseatica presero il controllo di questo mercato. Per la prima volta gli abitanti del nord della Norvegia poteva commerciare con regolarità lo Stoccafisso e l'olio di pesce. Questo fatto consentì l'apertura di piccole basi di pesca sempre più a nord, dove la terra non era fertile ma la pesca era ottima. La popolazione crebbe: non solo alle isole Lofoten e Vesteraalen, ma anche lungo la costa fino al Finmark.

Il Monopolio

Il dominio degli Anseatici fu in seguito rimpiazzato dall'era del monopolio. Già all'inizio del 14° secolo c'era la tendenza a monopolizzare il commercio del Nordland concentrandolo nelle le città di Bergen e Trondheim. A partire dal 1550 questo fenomeno si intensificò e tutto il commercio estero del nord della Norvegia doveva obbligatoriamente essere svolto in queste due città.

Il Medio Evo

Durante il Medio Evo quasi tutto il pescato si trasformava in Stoccafisso. Questo prodotto norvegese era ovviamente il migliore sul mercato: proprio come oggi. Verso la metà del 16° secolo, il primato dello Stoccafisso fu sfidato da un altro prodotto, il merluzzo seccato spaccato. Lo Stoccafisso comunque non perse mai la propria popolarità presso i mercanti italiani.

Il 18° Secolo

Negli anni '30 del 1800, le cose cambiarono radicalmente per gli abitanti del nord della Norvegia. Tutto cominciò quando i mercanti locali delle Lofoten inziarono a comprare grossi quantitativi di pesce direttamente dai pescatori. Ciò consentì a quest'ultimi di incassare direttamente il prezzo e permise ai mercanti delle Lofoten di acquisire una fetta sempre più rilevante del mercato fino al completo soppiantamento della piazza di Bergen.

Gli Ultimi Cento Anni

Durante gli ultimi cento anni l'esportazione dello Stoccafisso ha vissuto trasformazioni epocali. Oggi è un business di livello mondiale che ha come suoi principali mercati l'Italia, la Svezia, gli USA e la Nigeria. Oggi lo Stoccafisso è esportato in 30 differenti Paesi.

Tratto da:

  • TMS - La storia dello stoccafisso - http://www.tms-as.no/Italiano/la_storia.html

Vedete anche:


Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Sunday, December 09, 2001; Last Updated: Sunday, January 26, 2014
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA