Fruit and Nuts
Flora


Querce
(Quercus)

Querce: Roverella (Q. pubescens), Rovere (Q. petraea), Farnia (Q. robur), Cerro (Q. cerris), Leccio (Q. ilex), sono le pi diffuse querce in istria e formano ancora, se presto non saranno distrutte dagli incendi, una bella parte dei nostri boschi. A Pola e principalmente nella zona di Veruda, cresce ancora la Quercus pseudosuber, una variet molto interessante di quercia sempreverde e molto simile a quella da sughero, che addirittura da tanti considerata tale. Le querce portano fiori maschili e femminili, fioriscono da aprile a giugno e fruttificano da settembre a ottobre. I frutti o meglio ghiande, torrefatti e macinati, sono un ottimo sostituto del caff, non eccitante ed adatto per persone che non sopportano la caffeina. Ma in Istria non si usano o meglio non si usano pi, forse per il ricordo degli anni tristi, quando non c' era il caff e si ricorreva alle buone ghiande! Certamente la ghianda stata un frutto che ha nutrito i nostri antenati nel periodo arboreo come lo dimostrano certi reperti archeologici. Ancora oggi si prepara il pane dalla farina delle ghiande, si mangiano arrostite o bollite come le castagne. Si ingrassano i maiali e con esse si sfamano molti animali del bosco. Il vero cognac viene fatto invecchiare solo nelle sue botti. L'importanza e l'impiego della quercia per le genti istriane li stanno a dimostrare anche i nome dialettali. Cosi nel dialetto veneto-giuliano rvere e nell'istrioto ruvr per Q. pubescens, Q. petraea e Q. robur, quest'ultima viene anche indicata come rvere de palde; in dialetto croato grm. Il frutto in veneto-giuliano ghianda, nell'istrioto a Dignano e Fasana jnda, a Valle jndo a Rovigno ginda, in dialetto croato zelud. Il Q. cerris in veneto-giuliano cerovto , in istrioto a Dignano servto, a Valle sarvto; in dialetto croato cer . Il Q. ilex m veneto-giulano lise, m istrioto a Dignano e Rovigno lso , a Valle lso; in dialetto croato brsid. Infine non dimentichiamo che l'Istria era famosa per le sue querce e purtroppo a noi non arrivato che il ricordo di grandi e lussure reggianti boschi che coprivano il suo suolo e di cui forse ultima traccia rimasto il bosco di S. Marco di Montona, ora famoso sopprattutto per i suoi tartufi.

Tratto da:

  • Claudio Pericin, "Frutti selvatici 2 - Piccole delizie di bosco", Jurina i Franina, Rivista di varia cultura istriana, No. 59, inverno 1995, Libar od Grozda - Pola, p. 62-70.

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Tuesday, March 27, 2001; Last updated: Thursday, October 11, 2012
Copyright 1998 IstriaNet.org, USA