Giuseppe Caprin
Prominent Istrians


 
iuseppe Caprin era nato a Trieste il 16 maggio 1843 da famiglia popolana oriunda dall'Istria.

storico, scrittore ed editore

nato a Trieste
1843

Caprin era fra i più importanti scrittori della fine dell'800 e degli inizi del '900 a Trieste ed in Italia, è stato uno dei padri della cultura triestina. Dei suoi libri non si limitava alla scrittura del testo ma curava nei minimi dettagli anche la parte grafica, di rilevante gusto artistico; fra il 1888-1907 ci editò una mirabile serie di volumi rievocando paesi e memorie di tutta la Venezia Giulia, in cui all'erudizione, all'amore per la sua terra, all'originalità ed alla vivacità della descrizione si sposa un fine gusto da artista.

* * *

We shall not discuss his notable irredentist interests here except to say that he was a volunteer in Garibaldi's army and served on the Trentino front, was wounded at Bezzecca (1866), and returned home with all the flame and fervor that Italian propaganda had to offer in order charge the populance with a desire to oust the Austro-Hungarian rulers in Trieste and the Istrian region. Corriere della sera of April 3, 2010 quoted him as having said: "L'operaio non è né tedesco, né italiano, né slavo, né francese, egli è bensì il lavorante del tempio della pace.."

"L'Indipendente"

From 1877 through 1883, Caprin was editor of L'Indipendente, a newspaper that was published in Trieste.

Excerpts below in English are from Antonella Braida's article "Italo Svevo: Journalism and the Life of a Writer":

In the 1880s, the press in Trieste was divided among the different nationalities present in the town, but the cultural politics of individual papers were not always clear and coherent. Thus while the Triester Zeitung, the official newspaper of the Austrian government, aimed at promoting German culture and literature, the equally pro-Austrian newspaper L'Adria simply followed readers' taste and published translations of popular fiction, especially French novels. According to Silvana Monti Orel, generally political affiliations caused a widespread lack ot cultural engagement and a blind promotion of individual national cultures:

Sia nel caso che venga radicalizzata la scelta di una cultura in opposizione alle altre e quindi a svantaggio di un'apertura veramente critica verso il dibattito europeo, sia che per attirare i! pubblico meno colto e politicizzato venga favorita la letteratura d'evasione, il risultato e sempre quello di alienare la massa dei lettori. (15)

[The papers either offered a radical choice of one culture over others, thus losing out on a truly critical engagement with European debates, or they favoured escapist literature in order to attract a less cultured and politicized readership, but the result was always one of alienating the mass of readers.]

Bust of Giuseppe Caprin in the Botanical Gardens, Trieste

The newspaper endente deserves special attention because of its central role in attracting intellectuals and writers who sympathised with 'irredentismo' and who felt therefore closer to the Italian cultural field. Il Nuovo Tergesteo, directed by the intellectual Ugo Sogliani, in its only year of life {1877), already stands out for Alberto Boccardi's drama reviews and for the publication of short stories by Italian authors of some reputation as well as serial novels. Its successor, L'Indipendente, printed by Giuseppe Caprin, though initially edited by Enrico Matcovich, replaced it in 1877 and maintained the same formula but opened the collaboration to intellectuals not necessarily engaged in 'irredentismo'.

The numerous bans by the Austrian Government are well known; the most noticeable challenge concerned the moving article on Guglielmo Oberdan's death in 1883, penned by the editor Enrico Jurettig. Many collaborators were arrested in the course of its publication, among these Jurettig himself who was to die a few years after his release from prison; in thirty seven years ot life (1877-1914)..

Caprin's editorship was followed by that of Riccardo Zampieri in 1883, Marco Bassich 1883-84, and then Italo Svevo took charge through to the most difficult year, 1889, when all the editors were imprisoned on charges ot conspiracy and treason.drawn by the authorities as many as 1,016 times. (16) Eventually, the editors decided to discontinue the newspaper just before the outbreak of the First World War.

The Indipendente was a publication in-folio, four-pages long in four columns. The first page typically included a long editorial, some brief correspondence from Italian and European cities {'Nostri Telegrammi'), often written in the form of quotations from other newspapers, and a novel or a short story in instalments. The second page continued the political news, but dealt mainly with local news, grouped in brief paragraphs under the title 'Gazzettino di città ['City Gazette']. The sections 'Di qua e di là' [Here and There] and 'Echi mondani' [Society Echoes], dealt respectively with curiosities and society events or with some items of interest in the second. The third page consisted mostly of brief news items, 'Notizie telegrafiche' and 'Posta', and advertisements. The most significant critical contributions were usually on either the second or third page, after the local news or sometimes included within it and this was the case for most ot Svevo's articles. This was for instance the case of Svevo's first published review, 'Shylock', published as a commentary on the performance of the Merchant of Venice in Trieste under the direction ot Ernesto Rossi.

The most noticeable quality of the newspaper, rarely pointed out by critics, is not literary commitment but a commitment to the promotion of high-quality journalism: this is clear from the choice of collaborators and from the models on which the Indipendente is based. Most of the external collaborators on the newspaper are well-known journalists of some reputation in Italy. Both under Giuseppe Caprin's editorship and Zampieri's and Bassich's, the Indipendente aimed to secure high-quality contributions from journalists from the Roman and Neapolitan press. Rome and especially Naples are in fact the towns in which the most significant journalistic enterprises of the 1880s and 1890s develop and succeed. Less strong, on the contrary, is the relationship with the new literary periodicals. Vita Nuova, Cronaca Bizantina and later Il Convito (1895) and Marzocco (1896). These literary periodicals are at the forefront of the aesthetic turn in Italian literature in the 1890s and they conduct an open polemic against positivism and naturalism. As pointed out by Gatt-Rutter, they rarely publish contributions on Darwin. Comte, Spencer, Lombroso or Nietzsche, and among the writers that are almost ignored one can cite Max Nordau, George Bernard Shaw and Turgenev.

Caprin died on October 15 (or 16?), 1904.

Counted among his friends were Giosè Carducci, the poet and the lover. The following story comes from the book by Halupca e Veronese, Trieste Nascosta, published by LINT (Trieste):

Giosuè Carducci and his muse "Lina" (in the world Carolina Piva née Cristofori, mother of three children and wife of a government official from Rovigo).

The two lovers organized a secret journey to Trieste on July 7, 1878, after furtively exchanging many letters; naturally, they travelled under assumed names. However, the day after their arrival the couple was "spotted" by a journalist from the "Indipendente", and news of the great poet's presence in the city spread like lightning.

Accompanied by Attilio Hortis and Giuseppe Caprin, the couple visited the city, the Miramare Castle, the San Giusto hill, and Winkelmann’s cenotaph. They were constantly followed and applauded by a festive and noisy crowd – so much for privacy!

The following day they visited Koper, once again accompanied by their two "Virgils" and surrounded by a curious and merry crowd.

They departed from Trieste on July 11, amidst a joyous chorus of goodbyes, but evidently Giosuè Carducci was not pleased and never again returned to Trieste."

***

Dopo il successo dei suoi due volumi di novelle Sfumature ed A suon di campane, nella mirabile serie di volumi editi da luli fra il 1888-1907 ci diede, rievocando paesi e memorie, un quadro vivissimo di tutta la Venezia Giulia, in cui all'erudizione, all'amore per la sua terra, all'originalità ed alla vivacità della descrizione si sposa un fine gusto da artista.

Dated works:

  • 1877 - A suòn di campane, racconto;
  • 1885 - I nostri nonni. Pagine della vita triestina dal 1800 al 1830. Republished by Italo Svevo (Trieste, 1973). «Queste pagine sono amplificazione della lettura tenuta nel Gabinetto di Minerva la sera dei 2 di Dicembre del 1887 e nella sala della Società Filarmonico-Drammatica la sera dei 22 dello stesso mese ed anno.». Così l' A. nella prima carta dopo il frontespizio. — Quarta edizione. 1888. In-8°, pp. 235. Pagine riassuntive di questo libro sono quelle intitolate: «Grado e le sue lagune», nell' Illustrazione Italiana, an. XVII, n. 34. p. 123. Milano. 24 Agosto 1890. Vedi pure Lumbroso (Alberto Em.); Questo qualifica di 4a edizione è nella sola copertina. Forse si tratta della terza, se pure e tale. Con 19 figure e tavole. Sommario: 1. Il colle di S. Vito. 2. Il borgo Teresiano. — 3. La città vecchia. 4. La vita pubblica. —  5. Il teatro. — 6. Carnevale. — 7. La Vita intima. — 8. I viaggi. — 9. Ville e giardini. — 10. Il governatore Parcia. — 11. Pagine napoleoniche. — 12. La società delle ville Necker e Murat. — 13. La vita segreta. — 14. Fuori di casa. — 15. Germinazione artistica. — 16. Minerva;
  • 1889 - Marine istriane. Itinerario costiero da Muggia ad Albona, toccando Capo d'Istria, Pirano, Umago, Cittanova, Parenzo, Rovigno e Pola; con numerosissime illustrazioni in bianco e nero. Stabilimento Art. Tip. G. Caprin Edit.; 1974 da LINT, con introduzione di Nicoletta Zanni; [1890 - Recensione]
  • 1890 - Lagune di Grado, Stabilimento art. Tip. G. Caprin (Trieste), pp. 337. Prezzo f. 2.s V.A. o Lire it. 6. Le ultime 8 pp. non numerate. Nella copertina, simile all'antiporto: «Seconda edizione». Con molti disegni e fototipie. Indice: La Centenara. Le città di legno. — La madre di Venezia. - Il Patriarcato.Ecclesiastici della spada. — Zioba (Giovedì) grasso.ll Conte di Grado.Ad sonum campanae. — La città. — Il perdon di Barbana — Guerra piccola. — Reliquie d'arte. Canti lagunari. — Vita isolana. — Appendice.
  • 1890 - "II Perdon di Barbana". Nelle Pagine Friulane, an. III, n. 5, pp. 73-79. Udine, 22 Giugno 1890;
  • 1891 - Tempi andati. Pagine della vita triestina dal 1830 al 1848 (premio municipale Rossetti, 1893). llustrazioni di E. Croci, N. Girotto, A. Lonza, ed E. Scomparini e disegni riprodotti da originali di E. Rosa, L.F. Cassas, ecc. Trieste: Stab. Artistico Tipografico G. Caprin, 1891. - 527 p. :ill. ; 23 cm. ((In appendice: Lettere di Antonio Madonizza al Conte Prospero Antonini. In-8° grande, legatura d’amatore in m. pelle con i piani artisticamente eseguiti con rialzi comprendenti figure maschili e femminili, attorniate da motivi floreali e scene campestri con ritocchi dorati. 527 (6) pp. riccamente illustrate da svariate figure, molte delle quali a doppia pagina, le quali rappresentano belle vedute di Trieste, scene di battaglie, costumi dell’epoca, macchiette, ritratti di letterati ed artisti, ecc. Bell’esemplare in edizione originale di questa interessante opera dedicata a un importante periodo storico della città di Trieste. I vari capitoli sono dedicati alla vita e agli usi dei triestini di quel tempo, alla politica, all’economia, alla cultura, al commercio, agli spettacoli teatrali. L’opera si conclude con un lungo capitolo dedicato all’insurrezione del ’48 contro l’Austria, seguita da una dura e cruda repressione.
  • 1892 - Pianure friulane. Seguito ai libri Marine Istriane - Lagune di Grado. Disegni originali di: L. Prof. Comel (Gorizia); G. de Franceschi (Venezia), G. Garzolini (Trieste), E. Lancerotto (Venezia), Prof. E. Nordio (Trieste), G. Sigon (Trieste), A. Tominz (Trieste). Riproduzioni di: E. Croci (Trieste), I. Chiades (Gorizia), N. Girotto (Venezia), V. Scarpa (Venezia), L. Seculini (Gorizia). Stabilimento Artistico Tipografia G.Caprin, edit. 1892. Depositari: Gorizia e Provincia: G. Paternoli ecc. In-8°, pp. 472. L. it. 6. Il Folklore si legge nei sequenti capitoli: 1. Messidoro: Pompa agreate. Una sagra. Villotte. VIII. La sentinella al Timavo: Leggende popolari. — IX. Monfalcone. — X. Castelli e ville di S. Marco: Le cacce dei gentiluomini. La tessitura dell'erbe acquatiche. Cestaiole e panieria ecc. — XII. Musa e leggende. Usi auriali. Le industria in campagna. — XIII. Cormons: I figliuli dell'Isonzo. Supercherie baronali. Il dialetto di chiesa. La vita all'aparto. — Gorizia: Fogge di cortigiani. Tornei e corti bandite. Riti sociali. La vita.
  • 1892 - Documenti per la storia di Grado (Trieste: Caprin, 1892);
  • 1893 - Guerre gradiscane: documenti / raccolti da Giuseppe Caprin, Udine: Tipografia Domenico Del Bianco, 1893, 39 p. ; 24 cm
  • 1895 - Alpi Giulie. Seguito ai libri Marine istriane, Lagune di Grado, Pianure friulane / Giuseppe Caprin; disegni originali di Giuseppe Barison ... [et al.]. - 3. ed.. - Trieste: Stabilimento artistico tipografico G. Caprin, 1895. - 434 p. : ill. ; 24 cm. Prima edizione ricca di documentazione fotografica e iconografica, di luoghi, siti archeologici e geologici. interessante anche la parte inerente alla storia dei luoghi.
  • 1897 - Il Trecento a Trieste. Con illustrazioni policrome. Trieste Stab Art. Tip.G. CaprinCasa libraria F H Schimpff editrice 1897 in 8° ( 23 x 15,7 cm ) pagine 260. In 8 ( 23 x 15,7 cm), legatura recente in mezza tela, tassello in pelle con titolo in oro al dorso, brossura originale conservata pp. 253-(6). Numerose illustrazioni policrome nel testo anche a doppia pagina, disegni e copie di miniature di Giulio De Franceschi, due grandi tavole fuori testo ripiegate (in una il facsimile a colori dello Statuto di Trieste del 1350) - una quadrupla Tavole litografiche a colori, singole, doppie e una ripiegata Mezza Pergamena coeva Angoli in pergamena Dorso con titolo manoscritto Capilettera litografici a più colori tratti da miniature Testatine litografiche in nero e rosso Finalini UNITO Articolo di giornale “ Vent’anni dalla morte di Giuseppe Caprin”;
  • 1901 - Il teatro nuovo, XXI Aprile MDCCCI. Schimpff, (Trieste, 1901), republished by Italo Svevo (Trieste, 1970) in-16, pp. 48, bross. edit. La storia del teatro nuovo di Trieste con l'elenco delle prime opere. Testo arricchito da ritratti di artisti e personaggi illustri.

  • 1905 - L'Istria nobilissima. Libreria F.H. Schimpff Editrice/Stabilimento Artistico Tipografico G. Caprin, Trieste, 2 vol., 285 p.: front.(portr.), ill.; 27 cm. [1905 - Recensione]

Works undated (or dates unknown)

  • Sfumature, racconti;
  • Movimento intellettuale in Francia prima e durante la rivoluzione, due conferenze;
  • I dissidi tra i figli di Raimondo VI della Torre, documenti inediti;
  • Guèrre gradiscane, documenti;
  • Una vittimaò novella;
  • Movimento intellectuale in Francia prima e durant la rivoluzione, due conferenze.

L'Istria nobilissima la quale ultima, come segna la perfezione da lui raggiunta nell'arte tipografica, così segna anche un notevole accrescimento della sua coltura artistica e della sua erudizione storico-geografica. I due volumi che la compongono furono publicati dopo la sua morte, avvenuta il 15 ottobre del 1904, dalla sua consorte Caterina Croatto-Caprin nel 1905-1907.

La via Giuseppe Caprin perpetua la memoria dello storico, letterato, garibaldino e patriota, autore di preziosi volumi di piacevole lettura come, ad esempio, "I nostri nonni" (Trieste 1888) e "Tempi andati" (Trieste 1891); dalla parallela via Castaidi si accedeva alla tipografia di proprietà del Caprin che, sotto la ragione "Stabilimento Artistico Tipografico Giuseppe Caprin" diede alle stampe in oltre tre decenni eleganti volumi in lussuose edizioni tra cui i primi dieci volumi della terza serie dell'Archeografo Triestino (1903-1922).

Sala Caprin a S. Giusto - "In questa grande stanza sono stati portati i mobili appartenenti alla casa dello storico e collezionista Giuseppe Caprin: il soffitto è decorato con una grande tela "Il trionfo di Venezia" di Andrea Celesti. Al centro della sala c'è un tavolo di legno massiccio, con delle sedie dallo schienale intagliato, ai lati cassapanche in legno con dorature e due sculture raffiguranti due dogi di Venezia".

Rovigno, nelle illustrazioni delle "Marine Istriane" di Giuseppe Caprin. [Cortesia di Piero Valente]

U mladosti se bavio novinarstvom, a 1864. postao je gl. urednikom časopisa Il Pulcinella, koji je sam izdavao. Zbog iredentističkih ideja osuđen je na nekoliko mjeseci zatvora. Borio se u redovima garibaldinaca 1866., a potom se vratio u Trst, gdje je osnovao časopise Sor Bortolo Tacchi, Giornale Umoristico-democratico i Libertà e Lavoro, koje je i uređivao zajedno sa suprugom Caterinom Croatto. Nakon što je potonji prestao izlaziti, surađivao je s tal. novinskim i izdavačkim kućama (Universo illustrato, Letture di famiglia, Cittadino, Progresso), a uređivao je Časopis L'Indipendente. Osnovao je u Trstu vlastito izdavačko poduzeće, u kojem je izdavao vlastita djela zavičajnoga karaktera:

  • Marine istriane i Lagune di Grado (1890),
  • Tempi andati (1891),
  • Alpi Giulie (1895),
  • Il Trecento a Trieste (1897).

Najpoznatija knjiga L'Istria Nobilissima izašla je posmrtno. U njoj je bogatim ilustracijama i čitkim tekstom uspio postići ravnotežu historiografskoga predloška s nakanom da se približi najširoj publici. To je bio dotad najopsežniji rad o pov. i umj. spomenicima Istre.

LIT:

  • C. Pagnini, Giuseppe Caprin, Pagine Istriane, 1950, 4;
  • E Semi, Istria e Dalmazia: uomini e tempi, I, Istria e Fiume, Udine 1991.

R. Matijašić

Izvor:

  • Istarska enciklopedija, Leksikografski Zavod Miroslav Krleža (Zagreb, 2005)

See also:

Other readings:

  • Metzeltin, Michele, Alla ricerca dell’identità istriana con Giuseppe Caprin, in "Le identità delle Venezie (1866 – 1918)" ed. By Tiziana Agostani, Roma/Padova, Antenore, 2002b, p. 249-275.

Sources:

  • Bernardo Benussi, L'Istria nei suoi due milleni di storia, Collana degli Atti, Centro di Ricerche Storiche - Rovigno, N. 14 (Venezia - Rovigno, 1997). p. 619-20.
  • Top image - Pagine Istriane, Anno II, ottobre-novembre 1904, N.. 8-9, Capodistria, p. 261-271. Google books -
  • Sketched image - Almanacco italiano, p. 594.
  • Via - http://www.tergeste.org/sangiacomo/storia.htm
  • http://www.libreriasermoneta.it/cat%20%20-%20artelibro.pdf;
  • Sala - http://www.dante.trieste.it/mediadante/anno07_08/sgiusto.htm
  • http://www.lucapiattiantiquario.com/libri1.htm
  • Google books - Giuseppe Pitrè, Bibliografia delle tradizioni d'Italia: con tre indici speciali, Carlo Clausen (Torino-Palermo, MDCCCXCIV), reprinted by Ayer Publishing (1974) - http://books.google.com/books?id=l6JZAAAAMAAJ&source=gbs_navlinks_s

Main Menu


Created: Tuesday, March 24, 2009; Last Updated: Friday, January 23, 2015
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA