Carpinteri and Faraguna
Poetry

Tratti in dialetto triestino scritti da Lino Carpinteri e Mariano Faraguna dal loro libro: Co' ierimo putei, MGS Press (Trieste, 1998):



Campagnete

Trieste la finiva in via Setefontane,
e andando un poco fora
no iera anima viva,
come de inverno a Bane in un giorno de bora.

Le case popolari iera solo in Ponziana,
tute quante col orto e i fondi meno cari
in via Rugero Mana.

PapÓ iera zÓ morto
rente dei Campi Elisi andove adesso i disi
che xe case de siori,
ma lu fazeva bori
portando via i cavai del Campo dei soldai.

Mi me lo vedo ancora scampar coi Lipizzani
e col revolver fora un Ober dei ulani
che ghe zigava ofese
in gnoco e in ungherese.
Che tempi, che ridade, che bele campagnete:
galine per le strade, scoi contro le mulete
e in via Molin a Vento i cari de formento.

Adesso xe cambiado: xe pien de case nove
e quando che ghe vado, se no domando aiuto
no so gnanca per dove
se torna in Istituto.


Addio, sante memorie

Co' ierimo putei, stavimo in via Donota
e mi coi mii fradei se andava gambe in spale
quando mia nona zota, per sparagnar le scale
la ne diseva: źAle, andŔ a comprar fasioi
osso de carne cota, d˛ cr˛dighe e capussi
che ve fasso una jota╗.

Cussi noi quatro fioi corendo come mussi
se andava z˛ per Rena
sburtando le putele,
su per Riborgo e atorno per via Punta del Forno
e andando z˛ de riva
per la via San Michele,
dove in Coperativa, in mezo dela gente
rambavo caramele
senza che i vedi gnente, tanto la iera piena.
Po' in piazza Barbacan - zÓ squasi ora de zena -
in botega del pan
compravo un tiramola robando un carantan
sul vin e la zivola.

Che tempi, che ridade!
Le go ancora in orecia e in ocio le contrade
de la mia Zitavecia, quando tra muro e muro,
tra una corte e un'androna, iera tuto un sussuro,
tuto un zigarse mona, un bon odor de frito
e un far l'amor in zito.


I sottomarmo

Co' ierimo putei, de festa vestý in nero
con mama e mii fradei andavo in zimitero
col tran numero uno
insieme con zio Bruno.

Lo spetavimo rente del vecio ospedaleto,
po', sconti tra la gente per no pagar bilieto
gnanca el giorno dei Morti,
stavimo con el naso fracÓ contro del vetro
pronti a smontar nel caso che i se fussi inacorti
che passavimo el metro.

Saltai del predelin, corevimo de briva
se el controlor vigniva dela porta de drio.
Mama del finestrin
perdendo un grisantemo,
zigava: źSe vedemo sula tomba de zio!╗.

Che tempi, che ridade, per no pagar d˛ fliche;
d˛ corse sparagnade e in scarsela tre ciche,
un gheto e una scalmana
fin drento de Sant'Ana.
Zio Bruno col stagnaco, cambiando l'acqua ai fiori
me mostrava le tombe:
el pare de Pitaco, i loculi dei siori,
quei mazzai dele bombe e, drio de d˛ cancelli
Scipione Sandrinelli.

Portavimo lumini anche sul colombario
dove vizin zio Nini morto sbrovÓ sul źDiana#&187;
del'Austro-Americana,
ghe iera nono Mario finido soto piera
cola pension de guera
per 'ver bevudo tropo e portÓ in leto el s'ciopo.


K. und K.

Co' ierimo putei e i meteva l'aviso
che a Viena i ga deciso de levar i soldai,
i mii quatro fradei,
mati coli che mai,
i se ficava in leto per no andar al Distreto.

PapÓ iera zÓ morto,
fusilÓ nela schena
quando i se ga inacorto che el iera spia rumena
e mi per 'sta maroca, me go fissÓ, 'sto impegno:
źMeo cusirse la boca che el capoto de legno╗
co' in Bosnia-Erzegovina iero soldÓ in Marina.

Che tempi, che ridade, che gamele de jota,
che gheto per le strade e che ganghe in tradota!
Anca adesso co' bevo penso ala Kaiserschule
e a quei tochi de mule che iera a Sarajevo.

El sabo iera el soldo
e mi del regimento Imperator Leopoldo
de stanza a Banjaluka,
iero tuto contento, lustrÓ come una cluca.

Adesso xe cambiado, nissun pi¨ me richiama,
no i me fa bon el grado, no xe pi¨ viva mama
no go gnanca gamela,
e per 'ste gambe stanche de tanti demoghŔla,
nissun dÓ d˛ palanche.


L'arciduca

Co 'ierimo putei e vigniva un de Viena
per qualche ricorenza
mi, mama e i mii fradei saltavimo la zena
per 'ndar in Piazza Granda.

Se sentiva la banda
che la sonava in corte dela Luogotenenza;
davanti dele porte iera tapedi rossi
e drio dei finestroni
vedevo coli grossi che magnava bomboni.

Soto dei volti iera i servi de Palazzo
in calze e flaida nera, coi cordoni sul brazzo.
Drio i gendarmi la fola fazeva sburta e struca
quando col źSerbidi˛la╗
passava l'Arciduca.

I uficiai del comando ordinava l'AbtÓt
e po' el mato smontando diseva: źSch÷ne Stadt!╗
con drio la piazza piena e pien de barche el porto.

PapÓ iera zÓ morto
senza in scarsela un boro e sie patrone in schena,
quando el stava scampando fora de Villa Necker
con una borsa a folo
con sora scrito in oro źFrancesco Ferdinando╗.
Ma dentro iera solo
tre camise e un Baedecker.


Viribus Unitis

Sul bel dei ani bei, ne xe s'ciopÓ la guera
e mi coi mii fradei per no andar sototera
se davimo mar˛t.

Ierimo de Marina
e lustravimo el jot del amiraglio Horty
nel arsenal de Pola.

Lu ispezionava i porti
in capel nero e argento fermÓ col sotogola
come i pizzigamorti, e mi bagnavo i flochi
pissando soravento.

PapÓ iera zÓ in tochi
per via del quel siluro che el ga smontÓ a Brioni
scaldandolo a carburo per sbagazar i otoni.
E mi son vign¨ grando sempre con questo credo:
r˛bighe al Platzkomando, ma atento ala torpedo!

Che tempi, che ridade e che guera famosa:
le navi silurade fora de Pelagosa
e mi in infermeria co' un zerto Marco Mitis
per no dover 'ndar via
sul źViribus Unitis╗.


I caffŔ

Co' ierimo putei, andavimo in cafŔ
e mi coi mii fradei, con una frÓmbua in tre,
spetavimo zio Bruno che legeva i giornai
vardandose un per uno tuti quei ilustrai
de fora de Trieste.

Le riviste foreste
iera nei cartolai col nome scrito in oro
e lu, pagando un boro per la consumazion,
el stava fin le dieci al CafŔ Secessi˛n
opur, de sabo, al Speci.

Al Fabris e al San Marco
(qua parlo de quei ani 'ssai prima che i 'taliani
gavessi fato el sbarco) ghe iera tavolini
col marmo tuto scrito dei conti de fiorini,
che dopo i camerieri scancelava col dito
tociado nei biceri.
PapÓ iera zÓ morto
quando quei de Marina se gaveva inacorto
che no iera pi¨ i bori sul źMaria Carolina╗
e lu nel cori cori iera cascÓ in Sacheta,
con tuta la casseta.

Ancora mi co' vardo
oltra dela vetrina me lo vedo in bareta
distirÓ su un biliardo del CafŔ Transalpina.

Che tempi, che ridade, che bei cafŔ de moda:
le siore incapelade, i camerieri in coda
con anca nela zanca le guantiere de alpaca
e la traversa bianca de soto dela giaca.

Adesso xe cambiado: 'sti cafŔ pi¨ no esisti.
xe solo un d˛ che vado, in Riva e in via Batisti.
Xe gran torefazioni, senza gnanca le sedie
dove che va i muloni
con mule a far comedie.


Il discorso della corona

Co' ierimo putei, no iera el tredicesimo
e dicembre pei schei iera sempre el medesimo
de tuti i altri mesi.

I contava che i Inglesi
gaveva el sabo franco e la mesata dopia.
Noi del uficio copia, co' rivava le feste,
no vedevimo manco l'aquila con d˛ teste
sul cul de una corona.

E mia povera nona
me ga tirado suso sempre con 'sto principio:
Xe meio un mese in buso che un posto al Municipio.

Tratti da:
  • Sergio Fumich / Keraunia, Rivista internazionale di poesia - Co' ierimo putei - http://utenti.lycos.it/keraunia/3/coierimo.html

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Tuesday, February 3, 2004; Last Updated: Monday, January 28, 2013
Copyright ę 1998 IstriaNet.org, USA