Carpinteri and Faraguna
Short Stories and Humor


 

Sangue lussignano
Dal libro L'Austria era un paese ordinato di Carpinteri e Faraguna

Nella quale si esaltano le virtù terapeutiche dell'aria dei Lussini e si racconta del prodigioso cambiamento che si operò nell'Arciduca Carlo Salvatore, Principe del Sangue, di malferma salute ivi esortato a soggiornare dai più illustri luminari della Facoltà di Vienna.

— I primi dotori de Viena diseva che no xe logo meio de Lussin, specie per i maladi de peto, e quel ze sta anca la fortuna de Lussin. Le Nautiche dacordo, ma anca quel. E lori ga impiantà bosco, lori ga messo pini, ' ste vile, una roba, l'altra. E zà prima dela prima guera vigniva 'sti foresti, che adesso 'sti foresti par che sia l'ultima invenzion de Guglielmo Marconi. Lussin gaveva foresti che i altri gnanca no saveva come che i xe fati. Bravi xe i Lussignani, interessosi, strenti, ma bravi.

— Eh, el pin fa, el pin xe san. Ma anca noi gavevimo pini qua.

— Cossa volè che noi podevimo competer con Lussin? Intanto lori gaveva ogni sera e ogni matina bonora, el vapor, che anca quel vol dir, e anca 'sti yacht, perchè i grandi, nobiltà, gente de polso vigniva col yacht savè.

Prima dela prima guera solo che i grandi gaveva el yacht. Adesso ga tuti e xe come se no gavessi nissun.

— No capisso.

— Indiferente, xe cussì. Mi, in quei ani — sarà sta del Dodici, del Tredici — iero in Governo Maritimo de Lussin, e un giorno, me ricordo,  son là in scritorio del Capitano Nicolich, fradel del Comandante, che giusto i lo gaveva avanzado, perchè prima el iera deputato de spiagia a Sansego, figureve, e vien drento el piloto Matìevich — me lo ricordo come ieri — el se sentà, el poza la bareta de montura sul pulto e el disi: "Xè passà telegrama..."

—....che l'Austria ghe ga intimà guera ala Serbia.

— Ma cossa? Perchè l'Austria doveva intimarghe guera ala Serbia, che iera del Dodici, del Tredici, che dove mai un gaverìa pensado che dopo l'Austria se gavessi precipitado in 'sto modo.

— No, pensavo: sicome che iera passà telegrama....

— E cossa? Co' passa telegrama, l'Austria ghe devi intimar ogni volta guera ala Serbia? Insoma, indiferente. Me ricordo come ieri: el piloto Matìevich vien drento, el se senta e el poza la bareta de montura sula carega.

— Ma no el la gaveva pozada sul pulto?

— Ma sul pulto, sula carega, sul picatabari, sul'ostia: indiferente. Me ricordo come ieri, el ga posà 'sta bareta e el ga dito: " Xe passà telegrama che ariva a Lussin l'Arciduca Carlo Salvatore."

— Una barca in avarea?

— Una barca? Perchè una barca? E po' perchè avarea? Chi ve ga dito che la iera in avarea? E po' no iera una barca.

— No, pensavo....

— Vu no stè pensar. El rivava sì cola barca, sua de lu, el yacht — ve go dito che quela volta solo i grandi gaveva el yacht — ma l'Arciduca Carlo Salvatore iera un del Sangue. In carne e ossi, in persona: vivo. Oh Dio, vivo.....vivo, per miracolo i diseva, perchè sempre, fin de picolo, i contava che no el gaveva assai salute. E pensè, omo giovine, ancora.

E insoma parlava el telegrama che l'Arciduca Carlo Salvatore vigniva a Lussin per un lungo sogiorno. Perchè prima i lo gaveva mandado in Dalmazia, a Curzola e gnente, tropo umido, e cussì i sperava assai de Lussin.

Che anzi noi no savevimo, ma gavevimo visto che zà de mesi i pareciava a Cigàle quela vila dove che adesso i ga fato quel ultimo hotel prima dela cesa. Bon: che riva come stasera 'sto Arciduca e che fora xe 'ssai mar e che viste le condizioni i ga dito che sarìa meio che el piloto vadi ciorlo cola pilotina in Boca Falsa, cussì i ghe sparagna el giro.

— Mal de mar?

— Mal, siora Nina, de mar e de tuto. E el Comandante Nicolich ciàpilo, lìghilo, che a lui no i lo ga avisado, che i doveva avisarlo prima, che adesso come se fa, e cussì e culì. Che el piloto Matìevich pareci subito la pilotina e che intanto lui farà tuto quel che se devi far per saludarlo. Savè un principe del Sangue, imponeva, come. 'Sto povero piloto Matìevich disi che va ben, che lui andarà, ma che lui non sa, che lui no ga pratica, che, presempio, quante volte bisogna saludarlo? "Muss: vintiun volte — ghe disi el Capitano Nicolich — vintiun, un Principe del Sangue."

Bon, che se lui no saveva, no vol dir che el xe un muss. I ga trovà anca de dirse.

— Vintiun come?

— Spetè, spetè,no. Intanto che el Capitano Nicolich coreva su in bateria — un canon iera a Lussin, quel che sbarava per mesogiorno una volta — el piloto Matìevich ciol la bareta de montura, me lo ricordo come adesso e rugnando che chi che ghe disi muss ai altri dovessi vardarse prima soli si stessi e che chi che dice è, cento volte più di me, e insoma el monta in pilotina biastemando che no ve digo, che anzi el ghe ga dado una piada a Pillepich che el lo ga trovà che el beveva soto coverta.

— El iera rabiado?

— Rabiado e impressionado, come: no iera miga ogni giorno che capitava a Lussin un del Sangue. E insoma, siora Nina, el ghe va incontro per Boca Falsa, rugnando che co' un xe malà che el staghi a casa in leto.

Siora Nina, co' i xe tornadi, Pillepich in local, un poco ciapà che el iera, el ne ga contà che xe sta pupoli.

Insoma, che vien zò 'sto Arciduca Carlo Salvatore dela biscaìna, vestì in zivil, con una coverta sule spale, palido come Sant'Antonio morto che xe in cesa dei frati a Cherso, e 'sto piloto Matìevich, fermo sula prora, che comincia a saludarlo cola man sula bareta de montura. Duro el stava e dò, tre, quatro, zinque volte no el faseva che saludarlo. E 'sto Arciduca che ghe ga dito " Basta, basta!" E lui ghe disi: " No, Altezza Imperiale manca ancora dieci volte!"

E zò a saludarlo avanti. Vedè come che xe: gaveva ragion el Capitano Nicolich de dirghe muss, perchè lui intendeva dir vintiun volte la salva de canon.

— Eh, i sbarava, i sbarava per 'sti grandi.

— I sbarava sì. Anche a Francesco Ferdinando i ghe ga sbarado magari cussì no.

Indiferente. 'Sto Arciduca Carlo Salvatore iera là, ma no se lo vedeva atorno per Lussin. El iera sempre in vila, col dotor suo propio de lu, portado apositamente zò de Viena. E un giorno: mal, mal, mal. Savè cossa che i ga fato? I ga ciamà el dotor Colombis, quel che el fradelo ghe gaveva la farmacia.

Consulto, cussì i parlava a Lussin almeno. E i ga fato ben, perchè 'sto povero omo iera al ultimo stadio e savè come che se disi: "Fa meio el Papa e el nonzolo, che el Papa solo."

Arè siora Nina, che el dotor Colombis iera un dotor come pochi. Lui xe restado sempre là, perchè inamorado de Lussin, ma lui gaveva avù oferte, lui gavessi podù diventar a Graz el primo primario, e el ga sempre ricusà.

Insoma lui ga subito capì cossa che el gaveva, guardandoghe qua dentro dele bale dei oci: anemia, siora Nina.

— Perniciosa.

— No, siora Nina. El dotor Colombis ga dito subito: " Perniciosa no! " che anzi quel altro de Viena contrastava.

E che l'unica roba — ga dito el dotor Colombis — xe una trasfusion de sangue, ma prima che xe, meio xe. Che ghe vol propio un cambiamento de sangue, che sarà un beneficio subito.

— Cavarghe el sangue?

— Ma cossa cavarghe, che no el stava gnanche in pìe, siora Nina?

Mèterghe, mèterghe: e presto ga dito el dotor Colombis. E anzi lui stesso, cussì diretamente el xe andà subito in local, dove che iera tuti ' sti maritimi che se trovava e el ghe dimanda a dò tre più giovini, chi che se anunzia volontario per darghe un dò litri de sangue al Arciduca Carlo Salvatore, che Lussin no devi sfigurar e che sarà compensado anche. Quela volta, siora Nina, iera i primi primordi de 'ste robe. Però Pilletich se ga fato subito avanti. "Ti no — ghe ga dito el dotor — perchè ti xe ancora imbriago."  Che piutosto el giovine Piero Bunicich. E Piero Bunicich, che no: lori savè stava ben de casa, i gaveva el squero. Ma Barba Nane ghe ga dito: "Varda xe meio farse cavar el sangue che la matricola." Che se se vien a saver che un ga ricusà de darghe sangue a un del Sangue, i fa assai osservazion.

— E xe andado questo Bunicich?

— Sicuro, andado e tornado.

E co' el torna, el conta che 'sto Arciduca Carlo Salvatore, parla franco italian, che subito dopo el dotor Colombis ghe ga fato bever due biceri de vin de Porto, che nualtri gnanca no se sognemo, che cavarse el sangue no fa gnente mal, che l'Arciduca, pretamente democratico, ghe ga dà la man e anca una busta e che drento dela busta iera zinquanta fiorini, pensève.  E subito meio xe sta 'sto Arciduca, che anzi el giorno dopo se lo ga visto che el caminava in giardin cola coverta sule spale.

— Guarido!

— Guarido? Magari, siora Nina. Savè: xe anca el fato che questi regnanti se sposa fra de lori e quel no xe ben, perchè vien sangue marzo. E cussì, un per de giorni dopo, el dotor Colombis ga dovesto andar a zercar qualchedun altro in local, perchè Piero Bunicich no podeva dar più.  E alora xe andà Premuda povero. Tuto ben, l'Arciduca ghe ga dà la man, el bicer de vin e la busta. Solo che Premuda ghe ga dito a Bunicich: "Come? A ti Piero, el te ga dà zinquanta fiorini e a mi solo vintizinque?" Ben: volè creder siora Nina, che quando xe andado el Cadeto Giadrossich, che no iera gnanca Cadeto ancora, el ghe ga dà diese fiorini? E che quando che xe andado Pillepich, un giorno che no el iera imbriago, el ghe ga dà solo el bicer de vin?

— Sempre meno? El se gaveva disgustado, come?

— Eh,siora Nina! El Comandante Brazzanovich me fazeva sempre contar 'sta qua nei saloni de prima classe.

No xe che l'Arciduca Carlo Salvatore se gavessi disgustado, xe che prima Piero Bunicich, po' Premuda, dopo el Cadeto Giadrossich: co' xe rivado a Pillepich oramai no el iera più gnanca un del Sangue.

Solo che sangue lussignan el gaveva in corpo.


Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Thursday, June 19, 2008; Last Updated: Saturday, January 16, 2010
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA