Carpinteri and Faraguna
Short Stories and Humor


 

L'uomo di Sansego

Cossa che no ve iera el Carneval una volta, siora Nina! Massime a Sebenico. Per Carneval i sebenzani fazeva feste grandiose. E giusto giovedý grasso iera che ierimo lÓ in porto e i fazeva el balo dela Dalmatica.

 Ma v¨, sior Bortolo, no sŔ dalmata...

 Cossa ghe entra? Giovedi grasso iera anche per mi, ma la setimana no se la cucava che de sabo.

 Ah, xe vero, de sabo, in antico, se tirava la paga.

 Sicuro: "Siamo Stati Sempre Senza Soldi, Solo Sabato Semo Siori" se diseva. E insoma giovedi, fliche no iera pi¨. E de sera 'sto balo dela Dalmatica, e cisto iero. No solo per el balo, ma non gavevo soldi gnatiche per el barbier. In tera, savŔ, perchÚ a bordo i taiava ala va lÓ che vai bene. E alora, in guera de bon guerier, son andÓ dal Comandante OkrŔtich, che no ga ocoresto gnanca che parlo. El me ga dito: "Ti vol l'antecipo per andar a fraiar stasera? Qua, ciapa d˛ fiorini, ma de pi¨ no, se no sabo oto semo a cope e finir˛ col darve la paga del Quatordici; perchÚ ierimo dei Tredici quela volta.

 El giorno prima?

 MachÚ el giorno prima. L'anno prima. Ierimo del 1913, che anzi, lui proprio del '14 el xe stÓ un dei primi a andar a fondo, povero. "Qua, te dago d˛ fiorni el me ga dito  e basta". E cussi no me xe restÓ che andar a impegnar orologio e cadena se no no me bastava le fliche e per el balo e per el barbier.

 Eh, el barbier costa! "Ti vol creder  diseva sempre mio padre povero  che ogni volta che vado costa pi¨ dela volta prima?"

 Indiferente. Insoma, vado dentro de 'sto barbier: pien de maritimi, 'sti istriani, 'sti piranesi. Ve go dito, iera balo quela sera. Me sento a spetar. Legevo un giornal de Zara e vien dentro un maritimo con un picio per man. "Istesso assai gente xe, istesso  el disi  ma istesso speteremo". Sansegoto el doveva esser, mi go calcolÓ de come che el parlava. El se senta lÓ a spetar, con 'sto picolo sui zenoci, un putel de sete, oto anni. E el ghe fazeva sula man, savŔ quel che se ghe fa ale creature: "Ghirin ghirin gaia, Martin xe sula paia, paia paiuza, ciÓpite una s'ciafuza!". Tuti un rider. Insoma prima me toca a mi, i comincia a farme i cavei e po', co' se libera l'altra poltrona, disi 'sto qua de Sansego: "Bon, feme prima a mi, che go furia, e dopo farŔ el picolo".

 Anche mio padre defonto portava sempre, lui, mio fradel defonto da Zago barbier, defonto.

 Requiem eterna e lassŔme contar. Insoma, ve disevo, 'sto sansegoto se senta e el ghe disi: "Barba e cavei", po' el fero per i mustaci, la frizion, se el vol profumo: profumo! Zipria sul colo, insoma completo. Co' el ga finý, el se alza, el meti la cratura sul caregon, el ghe disi "Feghe i cavei cola franzeta che intanto mi vado".

 E el xe andÓ fora intanto che i ghe fazeva al picolo?

 Sicuro. E 'sto muleto bon, savŔ, che i muleti qualche volta fa pantomine, perchÚ i xe fastidiosi, no i ga pazienza. Inveze bon, el ga lassÓ che i ghe fazzi ben cola franzeta davanti, in perder de drio, e dopo el barbier ghe ga dito: "Adesso picolo speta qua", e lo ga fato sentar su un scagneto e el ghe ga dÓ de guardar pupoli de soldai. Mi iero zÓ lesto che 'sto omo no iera ancora vign¨ a ciorlo. Bel picolo iera, cussi sui oto, nove anni. E intanto che me metevo suso l'inzerada, sento el barbier che ghe disi al muleto: "No sta gaver paura, picolo, papÓ tornerÓ presto a ciorte". E 'sto picolo ghe disi: "Che papÓ?" "PapÓ che iera con ti, no?"  ghe disi el barbier...  "Ma quel no xe mio papÓ"  disi el picolo. "E chi el te xe? El zio?". "No  el disi  no el me xe zio. Xe un signor che go incontrÓ qua fora sule scale del Domo e che el me ga ciapÓ per man e el me ga dito: "Vien picolo con mi, che andemo a farse taiar i cavei a gratis". E po' i vol dir che i sensegoti xe moni, Siora Nina.

Tratto da:

  • II Piccolo, Trieste, 6 marzo 2000.

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Saturday, June 28, 2008; Last Updated: Saturday, January 16, 2010
Copyright ę 1998 IstriaNet.org, USA