Ireneo della Croce
Prominent Istrians

 

I nostri Chichi [Cici]

In his monumental book, Historia antica, e moderna sacra, e profana, della città di Trieste that was published in his native town of Trieste in 1698, Fra Ireneo della Croce (1625-1713) mentions a people who, "beside the Slavic idiom common for all the Karst area, speak also their own and particular language, which is similar to Wallachian and contains many different Latin words." He was referring to the language of the Chichi - Cici (the Istro-Romanians), who were known to inhabit an extensive part of Istria in his own time. The following are transcriptions of his notes, followed by image copies of same.

See also La Famiglia patr. de Chicchio.


Transcription of pages 334 and 335 - click on copies of the two original pages to view them full size:

 Un'altra memoria antica, degna d'osservatione non minore della già addotte Antichità Romane, osservo in alcuni Popoli addimandati comunemente Chichi habitanti nelle Ville d'Opchiena, Tribichiano, e Gropada situate nel Territorio di Trieste, sopra il Monte cinque miglia distante dalla Città verso Greco: Et in molti altri Villaggi, aspettanti à Castel nuovo, nel Carso Giurisditione de gl'Illustrissimi Signori Conti Petazzi, quali, oltre l'Idioma I Sclavo comune à tutto il Carso, usano un proprio, e particolare consimile al Valacco, intracciato con diverse parole, e vocaboli Latini, come scorgesi dall'ingiunti, & à bel Studio qui da me riferiti. Non deve meravigliarsi chi legge, fe questi Popoli, quali proffessano l'origine loro da Carni, e suoi discendenti, venuti dalla Toscana à fondare la Nostra antica Provincia de' Carni, habbiano sempre conservato l'uso antico della lingua Romana, ò Latina, idioma comune de' loro Antenati, come constumano hoggidì pure al sentire [335] di Gio:Lucio (a) i Popoli nella Valacchia: Valachi autem hedierni quicunque lingua Valacha loquuntur, se ipsos non dicunt Vlahos, aut Valachos, sed Romanos, & à Romanis ortos gloriuntur; Romanaque lingua loqui prositentur, quiod sicut sermo ipsorum comprobat: ita mores quoque crum Italis quam Slavis similiores conveniunt, Che perciò anco i nostri Chichi, addimandansi nel proprio linguaggio Rumeri: Essendo sentimento del mentovato Lucio, (b) che l'uso della lingua latina, fiorì anticamente non solo nell'Italia, ma anco nella Dalmatia, nell'Illirico, & altre parti: Lingua romana, sive Latina Dalmatas usos ad ann. 1200 VVilliemus Tyrius testatur. lib. 2. cap. 17.

Parole, e Vocaboli usati da Chichi.

Anbla cu Domno   Ambula cum Domino
Anbla cu Uraco (now Dracu?)   Ambula cum Dracone
Bou   Bos
Berbaz   Huomo
Basilica   Basilica
Cargna   Carne
Cassa   Casa
Cass   Caseus
Compana   Campana
Copra   Capra
Domicilio   Domicilium
Filie mà   Mie Figlie
Forzin   Forceps
Fizori mà   Miei Figliuoli
Fratogli mà   Miei Fratelli
Lapte   Latte
Matre mà   Mater mea
Mugliara mà   Mia Moglie
Padre mà   Mio Padre
Puine   Pane
Sorore mà   Mea Soror
Vino   Vino
Urra Ova   Una ovis

From Lib. IV: Cap. IX (missnumbered as VII. on pg. 335)

Sources:

  • Internet Archive - http://www.archive.org/details/historiaanticaem00iren
  • http://static.unilang.org/babelbabble/index.php?n=22&t=6

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Monday, January 11, 2010; Last Updated: Saturday, August 16, 2014
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA