line_gbg70.gif (2052 bytes)

Virgilio Schönbeck (Giotti)
Prominent Istrians
line_gbg70.gif (2052 bytes)
 

Selected Poetry


Chersan

A Chersan, là che ferma
la coriera de Albona,
go trovado una dona
ne la su' casa arente del Castel.

Chersan xe un per de case,
la cesa, do lodogni,
quel Castel, che de ogni
balcon se vedi oltra par oltra el ziel.

Se va su nel paese
pa' un trozo pien de scàie
che sona: ne le gràie
xe i rusignoi che canta in 'sta stagion.

Quela dona la iera
'na pòara contadina;
sola, 'n una cusina,
la fazeva la calza in un canton.

El mari ghe xe morto
mazzà de una cavala,
'na sera tardi, in stala,
tornado de una fiera, oto ani fa.

E i fioi 'desso i xe grandi;
contadini e pastori come el pare.
Par lori, come prima par lui, 'desso la fa
queta i fati de casa.

Par servirme la se alza,
la meti zo la calza,
la me porta davanti el vin e el pan.

Sentado là s'un banco,
co' de drio el muro grezo
fuma, go bevù un mezo
de quel vin ciaro, fresco, bon, pian pian.

[Da: Caprizzi, Canzonette e Storie]


I veci che 'speta la morte

I veci che 'speta la morte.

I la 'speta sentai su le porte
de le cesete svode d'i paesi;
davanti, sui mureti,
co' fra i labri la pipa.
E par ch'i vardi el fumo,
par ch'i fissi el ziel bianco inuvolado
col sol che va e che vien,
ch'i vardi in giro le campagne e, soto,
i copi e le stradete del paese.
Le pipe se ghe studa,
ma lori istesso i le tien ,'vanti in boca.
Pipe,
che le xe squasi de butarle via,
meze rote, brusade,
che le ciama altre nove:
ma za
le basterà.
Se senti el fabro del paese bàter,
in ostaria ch'i ciàcola,
un contadin che zapa là vizin,
e el rugna
e el se canta qualcossa fra de sè
ch'el sa lu solo;
e po' ogni tanto un sparo,
in quel bianchiz smorto de tuto,
un tiro solo, forte.

I veci che 'speta la morte.

I la 'speta sentai ne la corte,
de fora de le case, in strada,
sentai su 'na carega bassa,
co' le man sui zenoci.
I fioi ghe zoga 'torno.
I zoga coi careti,
i zoga còrerse drio,
i ziga, i urla
che no' i ghe ne pol più;
e quei più pici i ghe vien fina 'dosso,
tra le gambe;
i li sburta,
i ghe sburta la sèdia,
i ghe porta la tera e i sassi
fin sui zenoci e su le man.
Passa la gente,
passa i cari de corsa con un strèpito,
pieni, stivai de òmini e de muli
che torna de lavor:
e tra de lori ghe xe un per de fie
mate bacanone,
che in mezo a quei scassoni
le ridi e ridi;
e le ga el rosso del tramonto in fronte.

I veci che 'speta la morte.

I la 'speta a marina sui muci
tondi de corde;
ne le ombre d'i casoti,
cuciai par tera,
in tre, in quatro insieme.
Ma ziti.
I se regala qualche cica
vanzada d'i zigàri de la festa,
o ciolta su, pian pian, par tera,
con un dolor de schena:
i se regala un fulminante
dovù zercar tre ore,
con quele man che trema,
pai scarselini del gilè.
A qualchedun ghe vigniria, sì,
de parlar qualche volta;
ma quel che ghe vien su,
che lu' el volarìa dir,
lo sa anca l'altro,
lo sa anca staltro e staltro.
Nel porto, in fondo, xe 'na confusion,
un sussuro lontan,
forte che se lo senti istesso.

I vaporeti parti
e riva drïo man.
I ciapa el largo, i va via pieni neri;
i riva driti, i se gira, i se 'costa,
i sbarca in tera
muci de gente
che se disperdi subito.
Resta solo el careto de paranze,
un per de muli
che i se remena tuto el dopopranzo
là 'torno,
e el scricolar sul sol del ponte.
I veci che 'speta la morte.
I la 'speta sentai su le porte
dei boteghini scuri in zitavècia;
nei pìcoli cafè, sentai de fora,
co' davanti do soldi
de àqua col mistrà;
e i legi el fòglio le ore co' le ore.
In strada,
ch'el sol la tàia in due,
ghe xe un va e vien continuo,
un mòverse, nel sol ne l'ombra,
de musi, de colori.
I legi el fòglio :
ma tute robe xe
che ghe interessa poco;
ma come mi i lo legi,
quando che 'speto su 'na cantonata
la mia putela,
che tiro fora el fòglio
par far qualcossa,
ma che lèger, credo de lèger,
ma go el pensier invezi a tuto altro;
e un caminar, 'na vose,
che me par de sintir,
me fermo e 'scolto.

[Da Piccolo canzoniere in dialetto, Ed. Mondadori]


Vècia moglie

La xe in leto, nel scuro, svea un poco;
e la senti el respiro del marì
che queto dormi, vècio anca lui 'desso.
E la pensa: xe bel sintirse arente

'sto respiro de lui, sintir nel scuro
che'el xe là, no èsser soli ne la vita.
La pensa: el scuro fa paura; forsi
parché morir xe andar 'n un grando scuro.

'Sto qua la pensa; e la scolta quel quieto
respiro ancora, e no' la ga paura
nò del scuro, nò de la vita, gnanca
no del morir, quel che a tuti ghe 'riva.

[Da: Versi]


La strada

Guardo una strada della mia città,
che ci sarò passato mille volte,
e non mi pare di averla mai vista.
Le facciate gialline, le botteghe,
un bar, delle auto, e quel poco di viavai.
Come la nostra vita, sì: vissuta,
finita ormai, e mai ben conosciuta.

[Da: Versi]


Marzo

Soffia un'arietta cruda
e pioverà fra poco:
ci si chiude il cappotto,
si ficcano le mani dentro.

Nel viale, dove finisce,
la in fondo, tra la nebbia,
si vedono, come un grido
piccolo e allegro, tre o quattro

macchioline di colore:
bianco, rosa,giallino,
celestino. Un carretto
di gelati si vede!

Sùfia 'n'arieta cruda
e piovarà diboto:
se se sera el capoto,
se fica la man drento.

Nel vial, là ch'el finissi,
in fondo, tra el caligo,
se vedi, come un zigo
pìcio e alegro, tre o quatro

maciete de colori:
bianco, rosa, zaleto,
zelestin. Un careto
de gelati se vedi!


Inverno

Dei purziteri,
ne le vetrine,
xe verduline
le ulive za;

ghe xe le renghe
bele de arzento;
e sùfia un vento
indiavolà:

cativo inverno
ècote qua!

Inverno. Nelle vetrine dei salumieri sono
già verdoline le olive; ci sono le belle
aringhe d'argento; e soffia un vento indiaolato:
inverno cattivo, eccoti qua!


I zacinti

I do rameti de zacinti
bianchi e lila li vardo, ch'i xe come
el viso tuo de prima
che, dàndomeli, un poco te ridevi,
tignìndomeli in man co' le tue fermi,
pàlida e i denti bianchi.

Pàlidi qua in t-el goto,
sul sbiadido del muro,
'rente el sol che vien drento, che camina
su la piera frugada del balcon.

E tuti lori no i xe che quel pàlido
lila slusente: 'na fiama lassada
là ardir che intanto xe vignudo giorno;
e el bon odor ch'i gà impinì la casa.

Come 'sto nostro amor,
che tuto lui no' 'l xe che un gnente là,
un pàlido; ma un pàlido che lusi,
che ardi, e un bon odor, una speranza,
che me impinissi el cuor co me la sento:
'na casa mia e tua,
mèter insieme la tovàia,
mi e ti, su la tola,
con qualchidun che se alza
su le ponte d'i pie
pici e se sforza de 'rivar coi oci
su quel che parecemo.

[Da: Piccolo canzoniere in dialetto triestino, Firenze 1914]


Sul vial

Vardemo, mi e mia fia,
le ombre su la giarina:
pice ombre de 'na tinta
tra rosa e zelestina.
Vardemo in suso; e un Oh!

ela la fa contenta.
Vignude apena fora
ghe xe le foietine
sui rami, averte ancora
una sì una no.

La ridi: e quel su 'rider
de fiola se combina
col verde che xe nato
là suso stamatina,
co' 'ste ombrete qua zo.


La casa

La casa che ga i ani
d'i fioi, la casa adesso
la casca; la se disfa.
Prinzìpia e po' ga un fin
tuto; nassi con tuto
l'istesso.

I nostri fioi xe grandi
la casa la xe vècia.
Una suasa sul muro
Zeleste; un fià de pra,
de monte 'n una lastra
che spècia:

qualche canton restado
par miràcolo su,
che soli noi vedemo,
che, forsi, no 'l isisti
za più.


Piova

Spiovazza. Ombrele negre,
drite, storte, le cori
le scampa. Soto i àlbori,
nel sguaz, xe pien de fiori.

Xe alegro 'sto slavazzo.
Vien l'istà. E altri istai
se svea in mi pa' un àtimo,
ùmidi, verdi... andai

'N omo se ga fermado
soto un'ombrela sbusa.
El varda i fioi che sguazza
nel ziel de 'na calusa.

[Da: Colori]


El paradiso

Ne la mia casa son;
e xe 'sta casa quela
de 'desso, e anca la mia
de San Felice bela,

col giardin e quel làvarno
grande, e drio l'ortisel;
e anca quela co' nona
Giudita e mi putel.

E el tempo che xe, bel,
tuti i tempi el xe in uno;
e la stagion no' istà,
no' primavera o utuno

xe, no' inverno, ma una
bela e granda; e de sora
xe el ziel, che un xe e tuti
i ziei, e no' 'l ga ora:

matina xe, e sera,
e xe el bel ciaro giorno.
E mi son qua de passa
mila ani; e go 'torno,

con mi, mia molge giòvine,
e i mii fioi grandi, e anca,
sì, putei; go mia mama
de mi pìcio e po' bianca

cara vècia; e Tandina
puteleta e po' dona,
co' la su' Rina e mia;
e la sèria nona.

E stemo insieme; e tuti
insieme spaggegiemo;
e se metemo in tola
e magnemo e bevemo
pulito; e se vardemo
un co' l'altro nel viso;
e in pase se parlemo;
e semo in paradiso.

Tratto da:

  • Colori di Virgilio Giotti, Collezione Olimpia. Loinganesi & C.. II, Caprizzi, Canzonette e Storie [1921-1928] -
    cortesia di Fulvio Di Gregorio
  • Piccolo canzoniere in dialetto
  • http://www.giuseppecirigliano.it/giotti_veciamoglie.html
  • http://wikisource.org/wiki/I_zacinti
  • http://userhome.brooklyn.cuny.edu/bonaffini/DP/giotti.htm
  • http://www.bloggers.it/embycicleta/index.cfm?blogaction=article_detail&idBlogStorie=DBD5B777-D1D1-
    930B-CD1E596E5ABE9ED6
  • http://xexe.splinder.com/

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Wednesday, May 19, 2010, Last Updated: Monday, May 24, 2010
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA