Bepi Nider
Poetry

Vergarola, Pola - August 18, 1946 at 2:15 PM

Vergarola

El sol brusa le piere, 
tremola l'aria e vien
su da l'asfalto 
de catrame vampade.
A Vergarola xe festa
Su le barche, bandiere,
soni, canti, ridade.
El mar, lucido e fermo, par de smalto.
Ogi nissun, sicuro, a casa resta.
Sfarfala i cuters, motoscafi cori,
passa barconi pieni de mame e fioi sereni,
foleti scuri come tanti mori,
scherzosi, alegri come useleti
(sarą presto su, in cel, tanti angioleti)
...E tuti quanti va lą, a Vergarola...
Circa le due e venti, quando tremar se senti,
La tera, el cel, le case, tuta Pola.
Tremendo un rombo, 'na grande fumada,
e poi da Vergarola 'na fumada ,
nera se alza in alto e paurosa.
Vetri roti...rolč sbregadi via...
...che disastro...che strage...Mama mia!
E` la notizia cori dolorosa...
El sol brusa le piere,
tremola l'aria e vien
su da l'asfalto
de catrame vampade.
A Vergarola la morte.
a mez`asta bandiere ....
Sangue...vite sfalzade...
el mar xe rosso, fermo e par de smalto.
Quanti i colpidi de la bruta sorte?...
Un brazo qua...lą do mani...'na testa...
stroncadi come fiori...
i fioi coi genitori...
A Vergarola che tragica festa!
Pica dai rami dei pini spiantadi,
tochi de carne...intorno, seminadi,
corpi de fioi ne le pose pił strane,
scrivelai, tuti storti,
poveri pici morti!
Calca de gente a l'ospedal davanti.
done palide, oci gonfi de pianto...
spedinade...mal vestide...Dio santo!
Dove xe el picio mio?...Mia sorela?...
I miei cognadi..i mi parenti tuti?...
Assasini...vigliachi...farabuti...

Maria!..Tonin!..dove xe la mia putela?...
El giorno se fa scuro...
campane a morto co l'Ave Maria.
In capela stivadi, da l'altar, a fanco a fianco,
per tera, lungo 'l muro, riposa i masacradi...
I feridi vanegia su in corsia...
Vea piansendo un dolor tanto stanco...
Per i nostri morti un pensier...un adio....
pei assassini...tuto vedi Idio...!...


...E rimase l'Arena

Ma quante storie raccontava il nonno,
tra i denti la cannuccia masticando
della nera pipa, mentre pel sonno
mi si chiudevan gli occhi e fumigando
il ciocco si spegneva.

Eran fole, storie vere e leggende,
ora tristi, ora allegre, or paurose,
di belle fate, di streghe tremende,
di gnomi e d'orchi, d'imprese gloriose,
di guerre e di vittorie.

E tutte le sapevo poi narrare
Ai miei compagni ed alla mamma mia,
tutte; ma il tempo me le fé scordare
ed ora, col dolor, la nostalgia
ne ridesta il ricordo...

E' notte. In cielo la luna sorniona
sembra sorridere, commiserando,
e pur le stelle che le fan corona
miran stupite, tra lor parlottando,
la gran Fata Istriana.

Gił da Monte Maggiore insino al mare
Corre la Fata, corre e non ha posa:
nella notte un palagio deve fare
di pietre, bianco come vel di sposa,
lieto di muschi e fiori.

Corre la Fata gił dal monte al piano,
corre affannata ma ogni tanto l'occhio
verso l'oriente rivolge, lontano,
spiando ansiosa se gią l'alba il cocchio
annunzia dell'Aurora.

E' notte ancora. Canta il rusignolo;
stonano rauche a Valdarsa le rane;
D'una civetta lor risponde il duolo;
dal mare vengon sul vento lontane
nenie di pescatori.

La luna intanto, pił che mai sorniona,
nella conca del ciel commiserando
sta con le stelle che le fan corona
la povera Fatina che stancando
si sta ma inutilmente.

Inutilmente che il canto temuto
rompe il silenzio, la pace notturna:
il gallo manda al nuovo dģ il saluto
e chiama l'arator alla diuturna
dei campi rude fatica.

Una campana suona, altra risponde.
Torna la vita, il mondo si ridesta.
Ninfe e gnomi nelle selve profonde
vanno a celarsi e preparar la festa
per la ventura notte.

Impietrita la Fata, il guardo spinge
per un momento ancora a rimirare
l'opra incompiuta che ora l'alba tinge
d'un'azzurrina luce e lambe il mare
lontano a l'orizzonte

poi fuor dal grembo ove teneva ancora
lascia cadere macigni e gioielli.
Fendono l'aria fresca che l'aurora
inonda d'oro e di canti gli augelli
e cadono su Passo.

Fugge la Fata allora lacrimando
e passa piani, valli, monti carichi
di nevi eterne e scompare. Sfidando
il tempo, la romana Arena gli archi
lancia eterni nel cielo...

Ma quante storie raccontava il nonno,
tra i denti la cannuccia masticando
della nera pipa, mentre pel sonno
mi si chiudevan gli occhi e fumigando
il ciocco si spegneva.

Roma 1954


Istria

Pietre.
Argenteo fremito
di frondosi ulivi.
Conche bionde di messi
e verdi di prato.

Pietre.
Gelide ed infocate,
sitibonde pietre,
ch'ammucchia il curvo
campagnol paziente
cercando terra.

Terra sanguigna
che tinge di rosso
madenti volti
di povere macchine umane,
che rompe la pelle,
che brucia le occhiaie,
infossate dalla fatica.

Pietre
che il mare accarezza,
che il mare percuote,
che leviga, il mare.
Pietre,
velate di pini
che cercan la linfa
entro le rocce.

Pietre.
Cunicoli fondi
dipinti di morte;
irte foibe abissali
percosse d'urla inumane.
Istria!
Terra di pietre e di vento,
terra d'odio e d'amore
Istria,
terra del nostro dolore.


No dimentichemo

Va per el ciel, de qua e de lą girando,
un tochetin de luna
e, tra le frasche,
fis'ceta un rusignol 'na serenada.
S'colto in silenzio e guardo,
posą sula finestra,
le stele lusigar nel scuro
mar de la note
e col pensier ghe mando
al tochetin de luna
'na preghiera:

"Quando doman, in viagio,
ti rivarą sul mio paese,
carezime, te prego,
la cesa, el campanil,
la mia caseta.
Fermite un momentin,
solo un momento,
sora le tombe
del vecio cimitero e
basa una per una
le lapide e le crose
e dighe ai Morti, dighe
luna, te prego,
che no dimentichemo."

Sources: 

  • Photograph - from L'Arena di Pola (1996), courtesy of Franco G. Aitala
  • ...E rimase l'Arena, courtesy of Mario Lorenzutti
  • http://www.arenadipola.it/

See also:


Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Friday, April 21, 2000; Last updated: Saturday, February 08, 2014
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA