Giovanni Quarantotto[i]
Prominent Istrians
iovanni Quarantotto è nato il 9 giugno 1881 a Rovigno. letterato e storico

nato a Rovigno
1881

Illustre letteratore e storico, in particolare per quanto attiene la storia del Risorgimento a Trieste e in Istria. Diressse vari istituti scolastici a Pisino e a Trieste nonchè quello presso l'Ambasciata italianao di Berlino. Collaborò con numerose riviste e associazioni letterario-culturali giuliane e italiane.

La famiglia Quarantotto risultava da sempre tra quelle iscritte al Corpo dei Cittadini o Nobili di Rovigno. Nelle tombe più antiche il cognome è scritto anche: 48 o XLVIII. Nel censimento del 1° ottobre '45, risultavano presenti 39 famiglie. Nel 1937, Giovanni  modificò il cognome in Quarantotti. Dal suo matrimonio con Fides Histriae Gambini, ultima discendente di un'illustre famiglia di Capodistria nacque il noto scrittore Pier Antonio Quarantotti-Gambini. Fu un buon poeta come attestano le sue prime opere poetiche: i "Tentativi", i sonetti di "Musiche e fantasmi" e "Sponde adriatiche" ed il poemette del 1903 "Histria". Iniziò inoltre a collaborare a "Pagine istriane" sin dal 1903 con articoli in particolare sul Carducci di cui fu un estimatore come dimostrano anche i "Sonetti istriani" del 1908.


Quarantotto (Quarantotti), Giovanni, povjesničar, pjesnik (Rovinj, 9.VI.1881 – Venecija, 13.XI.1977). Studij je završio 1905. na Sveučilištu u Grazu, a potom je bio nastavnikom u tal. gimnaziji u Pazinu. Za I.svj. rata bio je, zbog dotadanje suradnje s mnogobrojnim iredentističkim listovima, interniran u Austriji do 1918. Nakon povratka u Trst najprije je bio ravnateljem Dopunske škole (Scuola Complementare), od 1928. Učiteljske škole (Istituto Magistrale). U politici se angažirao među osnivačima faš. pokreta. Prve mladenačke pjesme (lirika Tentativi, soneti Musiche e fantasmi, Sponde adriatiche, kratki spjev Histria) napisao je 1901–03., zatim je objavio zbirku Sonetti istriani (1908), Rime dell’attesa e della passione istriana (1919) i dr. Od 1903. objavljivao je stihove, članke, studije u časopisu Pagine Istriane, te bio stalnim suradnikom novina Il Piccolo i časopisa Porta orientale, Atti e Memorie della Società istriana di archeologia e storia Patria, Archeolografo Triestino i dr. Godinama je u arhivima istraživao gradivo za povijest tal. preporoda u Istri, te je toj temi posvetio mnoge tekstove. U tome ga je poticao i njegov tast Pier Antonio Gambini, političar koji je bio u središtu tal. nacionalnoga pokreta u Istri. Proučavao je arhive C. Combija i A. Madonizze, pisao o separatističkom pokretu, koji je promovirao tršćanski list La Favilla, te je pratio polit. zbivanja oko borbe za pripadnost Istre Italiji. Gl. su mu djela Figure del Risorgimento in Istria (1930), Uomini e fatti del patriottismo istriano (1934), Storia della Dieta del Nessuno (1939), Sviluppi dell’Idea nazionale e unitaria a Trieste e nell’Istria dal 1859 al 1866 (1949), L’Istria nel 1848 (1949), Pietro Kandler e l’Istria (1951), Nicolò de Rin nel movimento risorgimentale di Trieste (1952), Trieste e l’Istria nell’età napoleonica (1954) i Il principio autonomistico dell’Istria nell’Ottocento (1958). Iz njegovih su posljednjih godina studije Gli Istriani nella difesa di Venezia (1966), Metternich contro Leopardi (1969–70), Un’inquisizione politica nell’I.R. Ginnasio di Capodistria; La seconda Dieta istriana (1861–67) (1971) i Nuovi apporti alla biografia di Antonio Madonizza (1972).

M. Budicin

Selected works:

  • 1906 - Dall' Histria di Andrea Rapicio, Pagine Istriane, Periodico mensile scientifico-letterario-artistico, Annata IV, 1906, p. 439-43;
  • 1907 - La Galleria degli Uffizi e Francesco Trevisani pittore, Pagine Istriane, 1907 - p. 47-51;
  • 1908 - Sonetti istriani (1903-07). Parenzo, Tip. Gaetano Coana, 1908;
  • 1914 - Besenghiana: (Il Besenghi in tribunale) / Giovanni Quarantotto Udine: Tip. G. B. Doretti, 1914; 
  • 1914 - La cultura letteraria di Trieste e dell'Istria / Giovanni Quarantotto Capodistria: Vittorio Vascotto, 1914 (Capodistria: Stab. Tip. Carlo Priora); 
  • 1914 - Tino Gavardo, ricordato à suoi concittadini nel dì trigesimo dalla morte. Capodistria: Priora, Carlo (tip.); Fascio giovanile istriano, 1914;
  • 1914 - Letterati triestini e istriani ne l'Ottocento di Guido Mazzoni / Giovanni Quarantotto Capodistria: Tip. C. Priora, 1914;
  • 1919 - A ricordo del Terzo anniversario del supplizio di Nazario Sauro. Capodistria: Comitato Esecutivo Del Monumento A Nazario Sauro, 1919 (Tip. Nazionale, C. Priora);
  • 1919 - Nazario Sauro / Giovanni Quarantotto \S.l.: s.n., 1919?;
  • 1919 - Per un monumento a Nazario Sauro nella sua natale Capodistria / Giovanni Quarantotto Capodistria: Comitato promotore del monumento, 1918 and 1919;
  • 1920 - Nel centenario dalla nascita di re Vittorio Emanuele 2.: Discorso tenuto nel Teatro Verdi di Gorizia il Giorno 14 Marzo 1920 Gorizia: Tip. G. Juch, 1920; 
  • 1928 - Nuovi studi sul poeta e patriotta istriano Pasquale Besenghi Degli Ughi / Giovanni Quarantotto Parenzo: Tip. G. Coana, 1928; 
  • 1923 - Le Origini e i primordi del giornale letterario triestino La Favilla, su la scorta di documenti inediti. 1923;
  • 1925 - Il patriottismo di un poeta / Giovanni Quarantotto Parenzo: Stab. tip. G. Coana e figli, 1925;
  • 1921 - Pietro Kandler commemorato nel 40. anniversario dalla morte; aggiuntavi la bibliografia degli scritti di lui a stampa / Giovanni Quarantotto. - Trieste: G. Caprin, 1921. - 152 p.; 26 cm. (Già pubbl. in: L'archeografo triestino, 3. serie, vol. 9. (vol. 37. della raccolta generale). 1921;
  • 1923 - La deputazione istriana alla Costituente austriaca del 1848-49, Pagine Istriane, Fasc. IV-5, luglio-ottobre (Capodistria, 1923);
  • 1927 - Carlo Combi letterato ed erudito: discorso commemorativo / Giovanni Quarantotto. - Parenzo: Stab. tip. G. Coana e figli, 1927.  22 p.; 24 cm. (Estr. da: Atti e memorie della Società istriana di archeologia e storia patria, vol. XXXIX, 1927, fasc. II.  1927);
  • 1928 - Nuovi studi sul poeta e patriotta istriano Pasquale Besenghi degli Ughi / Giovanni Quarantotto. - Parenzo: tipografia G. Coanna e figli, 1928. - 140 p.; 26 cm. 1928;
  • 1930 - Figure del Risorgimento in Istria / Giovanni Quarantotto; con prefazione di Francesco Salata. - Trieste: C.E.L.V.I., 1930. - 218 p.; 19 cm.  1930
  • 1932 -  Un soldato istriano del Risorgimento: Alfredo Cadolino / Giovanni Quarantotto. - Trieste: Stabilimento tipografico mutilati, 1932. - 11 p.; 25 cm. (Già pubblicato in: La porta orientale della Compagnia volontari giuliani e dalmati, a. 2. n. 1, gennaio 1932 - A. X.  1932);
  • 1932 - Per la storia della emigrazione politica giuliana: lettere di Leonardo D'Andri ad Antonio Coiz / Giovanni Quarantotto. - Parenzo: G. Coana, 1932. - 124 p.;
  • 1934 - Uomini e fatti del patriottismo istriano / Giovanni Quarantotto. - Trieste: CELVI, 1934;
  • 1938 - Storia della Dieta del nessuno / Giovanni Quarantotti. - Parenzo: G. Coanna & figli, 1938. - 215 p., [6] c. di tav.: ill.; 26 cm. ((Precede il tit.: Istria del Risorgimento. 1938;
  • 1950 - Istria nel 1848 alla luce di nuove testimonianze / Giovanni Quarantotti. - Udine: Del Bianco & figlio, 1950. - 125 p., [4] c. di tav.; 25 cm. ((Estr. da: La Venezia Giulia e la Dalmazia nella rivoluzione nazionale del 1848-1849. 1950;
  • 1951 - Di me e de' fatti miei: (1806-1870) / Antonio Madonizza; a cura di Giovanni Quarantotti. - Trieste: Edizioni dello Zibaldone, 1951. - 157 p.: ill.; 18 cm. ((Ed. di 375 esempl. num. per l'ed. orig., di 75 esempl. num. per la 2. serie e di 100 esempl. num. per la 3. ed ultima serie, 1951;
  • 1954 - Trieste e l'Istria nell'età napoleonica / Giovanni Quarantotti. - Firenze: Felice Le Monnier, 1954. - XVII, 356 p.; 20 cm, 1954;
  • 1960 - Combi, Carlo. *Epistolario di Carlo Combi / raccolto e annotato da Giovanni Quarantotti; con l'aggiunta di un'appendice. - Venezia: [s.n.], 1960. - XXXIV, 422 p., [4] c. di tav.: ill.; 26 cm. On testa al front.: Societa istriana di archeologia e storia patria. 1a. 11955 - La *storiografia istriana nell'Ottocento / Giovanni Quarantotti. - Trieste: Università di Trieste, 1955. - 15 p.; 24 cm. (Già pubblicato in: Centro studi per la storia del Risorgimento dell'Università di Trieste, v. 3. 1955);
  • 1962 - Cavaletto, Alberto. *Carteggio Cavalletto-Luciani: (1861-1866) / raccolto e annotato da Giovanni Quarantotti. - Padova: Tip. antoniana, 1962. - XVII, 224 p.; 25 cm. ((In testa al front.: Comitato di Padova dell'Istituto per la storia del Risorgimento;
  • 19? - Francesco Salata e il problema storico giuliano / Giovanni Quarantotti. - Udine: Tipografia D. Del Bianco, [19...]. - 15 p.; 23 cm. (Già pubblicato in: Italia del Risorgimento e Mondo danubiano-balcanico.)

LIT.:

  • A. Fragiacomo, Due poeti dell’Irredentismo, Pagine istriane, 1968, 23;
  • A. Benedetti, Rovignesi che si sono particolarmente distinti, u: Rovigno d’ Istria, Trieste 1997;
  • F. Semi, Istria e Dalmazia: uomini e tempi, I, Istria e Fiume, Udine, 1991.

Sources:

  • http://opac.sbn.it/opacsbn/opaclib?db=solr_iccu&resultForward=opac/iccu/brief.jsp&from=1&nentries=10&search
    Form=opac/iccu/error.jsp&do_cmd=search_show_cmd&item:5032:Nomi::@frase@=IT\ICCU\RAVV\056744744
  • http://opac.provincia.ra.it/SebinaOpac/Opac?action=search&thAutEnteDesc=Quarantotti%2C+Giovanni&startat=0

Reviews:

Tratto da Pagine Istriane, Annata IV, 1906., pag. 206:

Giovanni Quarantotto: L'Istria di Andrea Rapicio tradotta in esametri con un saggio di bibliografia rapiciana in appendice. In Programma del ginn.-reale ecc. di Pisino (anno VII). — Parenzo, Coana, 1906.

Pochi poeti umanistici in Italia possono contare quattro traduzioni in italiano delle loro opere: tante ne ha avute oramai il vescovo triestino negli ottant' anni dacchè il suo poemetto Histria fu ridato alla luce da Pietro Kandler, cioè una dell' avo materno di questo, Matteo Ceruti (1826), l' altra di G. B. De Medici, il traduttore di Vergilio (1871), la terza del poeta della patria Riccardo Pitteri (1900), sempre in endecasillabi. Ed ora un altro poeta dell' Istria (chi non ha viva nella memoria la sua bella collana di sonetti?) volge il componimento latino nel metro dell' originale, ch' egli rende con maestria grande modellandolo sugli esametri di Giuseppe Chiarini. E la versione, pur mantenendosi letterale, è tutta in terso italiano, di sapore squisitamente classico. (Solo qua e là vorremmo sbandito qualche latinismo: v. 43 lapidose, 207 lime: e mi pare sien gli unici.) Non indugiamo a dichiarare che il poemetto rapiciano s' è abbellito ed elevato nella nuova veste. Leggendolo intendemmo il segreto della sua straordinaria fortuna: quello sviscerato amor di patria, che è stato il primo incentivo a quasi tutta la produzione letteraria istriana, e che nel Rapicio s'esalta e trabocca: amor di patria che lo strazia, quando «lacerata da lotte di parte la terra sua vede», che lo fa lirico efficace al conspetto delle bellezze naturali del paese, che lo trasporta nel glorioso passato e gli magnifica e ingigantisce le glorie del presente: «Ricca di belli ingegni è l'Istria e niun' altra l'uguaglia | terra d'Ausonia in ciò», e lo fa desiderare solamente di vivere e finir la sua vita fra i suoi colli:

«Deh m' assentan gli Dei molt' anni di vita giocondi,
e non altrove io certo che in grembo alle vostre convalli
li passerò, quand' anche le beatitudini sue
Roma stessa in' offrisse e la porpora cardinalizia»

Non vi ricordano questi affettuosi versi, quelli del Muzio, contemporaneo del nostro, quando sospira la sua Giustinopoli, in cui vorrebbe cessar l'agitata sua vita? Ma torniamo al Quarantotto: dei suoi versi non più, che i lettori di queste Pagine dal brano offerte in esse (IV, pp. 116 sgg.) possono farsene un giudizio da soli; dirò piuttosto che l'A. con saggia misura discorre dei traduttori che lo precedettero e che da ultimo ci offre una bibliografia rapiciana, la quale, non essendo pubblicata quella che il Dr. Pietro Tomasin raccolse anni addietro, è la più completa che s' abbia.

B. Ziliotto.


Main Menu


Created: Tuesday, August 25, 2015. Last Updated: Thursday April 14, 2016
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA