Pietro Stancovich
Prominent Istrians

 

Vincenzo Scussa da Trieste

[Tratto da: Biografia degli uomini distinti dell'Istria, Seconda Edizione (Capidistria, 1888), pag. 262.]

224. − Scussa Vincenzo da Trieste (1620 (nota)-1702), canonico scolastico e vicario generale, del quale fra Ireneo parla in più luoghi della di lui storia di Trieste con somma lode, ed anzi dichiara essere a lui debitore delle molte notizie patrie inserte nella sua opera. fu dotto ecclesiastico e dilìgente raccoglitore delle cose patrie in modo che l'Ireneo dice essergli la patria molto debitrice. Nulla di lui abbiamo alle stampe (1), eccetto una breve relazione della caverna situata nel territorio di Trieste, detta dagli antichi Sperus Lugea, (2) inserta nella detta storia. Fece pure una Descrizione della diocesi di Trieste, accennata dall'Ireneo, che rimase inedita, e nella quale si riscontrano essere stale allora 429 chiese e 54,595 anime senza il clero secolare, regolare e le monache. Quest'opera con altri MSS. pure interessanti di quel capitolo cattedrale, e di quella citta esistono in mano di persona che sapra farne buon uso e pubblicarle colle stampe (3). Il canonico Scussa fu contemporaneo dell'Ireneo, e cessò di vivere il giorno di settembre dell'anno 1702 (4).

Note:

  1. Il can. Vincenzo Scussa scrisse la Storia cronografica di Trieste ecc. di cui si ha un' edizione del 1863, ed una seconda del l886, curata da F. Cameroni e pubblicata in Trieste coi tipi di A. Levi e C. A questa seconda edizione, il Cameroni aggiunse gli Annali dal 1645 al 1848 di P. Kandler, premettendo una biografia del can. Scussa, il quale era anche buon poeta latino. (E.)
  2. La relazione della Specus Lugea non è dello Scussa, ma del canonico Gio. Batt. Francol amico e concittadino dello Scussa. V. La storia cronografica di Trieste ecc. (E.)
  3. Questa persona, secondo lo Stancovich, era Iacono Guadagnini triestino, ma il Cameroni, che fece diligente ricerca della succ. Descrizione, assicura dì non averla rinvenuta, benchè posto sulla traccia dal sig. Luigi de Jenner, erudito cultore di cose patrie. Avrà corso, aggiunge il Cameroni, il deplorato destino di altra cronaca triestina, quella di Paolo Gradense. V. o. c. (E.)
  4. Un altro sacerdote Scussa di Trieste nominato Antonio, e pronipote del canonico Vincenzo, vissuto posteriormente, lasciò scritti storici municipali, tra cui — Annotazioni di cose seguite e Trieste e fuori dal 1734 al 1749. — Autografo in 4 di pag. 860. V. Prov. dell'Istr. IV. 1870. 9. (E.)

Ed. note: Stancovich's original text erroneously shows the birth year as 1610.


Main Menu


Created: Tuesday, January 26, 2016; Last Updated: Sunday, April 03, 2016  
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA