Recensioni
Letteratura


Lina Derin, Capodistria addio
Lettere di un esole 1945-1956

A cura di Gianantonio Godeas

Mursia (Milano, 2002)


Questo libro č uscito da qualche mese e contiene integralmente le lettere che la signora Lina Derin scrisse a due sorelle che da tempo erano in Italia, dal 1945 al 1956. La maggior parte sono scritte da Capodistria e comprendono un resoconto particolareggiato di quanto successe durante l'occupazione dei partigiani jugoslavi.

Hanno rivisto la luce dopo pių di cinquanta anni dagli avvenimenti, per gentile concessione di un figlio di una delle destinatarie e che le aveva conservate religiosamente. Una donna coraggiosissima racconta quanto le accade attorno e fa nomi di persone (gente di Capodistria) che si sono macchiate di nefandezze inaudite e che qualche anno dopo si rifugiano a Trieste chiedendo assistenza e la ottengono grazie ad appoggi discutibili, mascherandosi da profughi.

E' un libro che tutti gli istriani dovrebbero leggere (non solo i capodistriani) per capire finalmente perchč ancora oggi quelli che hanno vissuto quei momenti continuano ad avere paura!

autore
Lina Derin nacque a Capodistria il 17 marzo 1913 e morė a Trieste il 26 gennaio 1956, a 43 anni. Decise di porre fine alla sua vita, tormentata probabilmente da ricordi orribili che non riusciva a dimenticare.


Main Menu


This page compliments of Pietro Valente

Created: Wednesday, September 25, 2002; Last updated: Saturday, December 15, 2012
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA