line_gbg68.gif (1697 bytes)

Silvio Alesani
Poesia
line_gbg68.gif (1697 bytes)

Me par ieri is a posthumous small volume of poems in the Venetian dialect (46 pages), published at Christmas in 1996, by his daughter Laura and his grandchildren. A refined edition with heavy paper and pictures of Zara.

Silvio Alesani, born in Zara in 1902 died in Trieste where he had spent his whole life. Besides his professional interests and engagements, he used to write poems.

The meaning and the value of this publication (twenty-one poems), can be interpreted in the lines of the poem "Pensando a ti" (Thinking of you): Xe passai i ani, xe passadi tanti / che son lontan da Ti mia bela Zara ... E me par ieri quando xe sc'iopada / la prima guera, iero ancora fiol / e po' quando che la xe terminada / e su noi ga brilà splendido el sol / un sol che illuminava una bandiera / venua dal mar, s'una torpediniera.

(I have been far from You, my beautiful Zara / for so many years .... And it feels like yesterday as the first war / broke out and I was still a child / then when the war was over / the sun shone brightly above us / a sun illuminating a flag / coming from the sea, on a torpedo boat) . These lines recall the arrival in Zara of the first Italian warship, torpedo boat 'AS 55', at 14.45 on Nov. the 4th 1918.

The small volume was nicely reviewed by "Il Piccolo" - Trieste (26-2-1997): Poems by an old-fashioned man.

Source: http://www.dalmatia.it/dalmazia/pubblicazioni/ien.htm

Selected poems:


El moleto

Iera un moleto grezo, uno de quei
fato de sassi, in mar, dai pescadori
con qua e là qualche, grembano più grosso
per involzer le zime; la mareta
lo carezzava intorno e ghe cantava 
sotovose come una nina nana:
(e iera pien està, a mezzogiorno!)

Tuti iera zà a casa e solo mi,
sortio fora dal mar, stavo sentado
in zima, su una piera, là incantà.
E guardavo sto sol, sta gran distesa
de mar e i cocai che i girava
e in fondo, in fondo, el fumo de un vapor.

Un granzo, pian pianin, se rampigava
de sbiego e raso el fondo se moveva,
ai piccoli scosseti, due guati

E mi sentado là, su quela piera,
là tut'in t'un me son sentido drento 
come un languor, come se me paressi 
che fussi nato alora un'altra volta
e el mondo me acogliessi a brazzi averti
belo, imenso, da far quasi spaurir.
Alora me so alzado e son tornà
de corsa a casa, con el cor in gola. 
Gaveo sei ani, presto andavo a scola. 

Il moletto

Era un molettino grezzo, uno di quelli
fatti di sassi, nel mare, dai pescatori 
con qua e là qualche sasso più grosso
per avvolgere le cime; la maretta
lo carezzava intorno e gli cantava
sottovoce come una ninna nanna
(ed era la piena estate, a mezzogiorno)

Tutti erano a casa e solo io,
uscii fuori verso mare, stavo seduto
in cima di una pietra, li` incantato.
E miravo questo sole, questa vasta distesa
del mare ed i gabbiani che libravano intorno
ed in fondo, laggiu` in fondo, il fumo di un vapore.

Un granchio, pian‘ pianino, si arrampicava
obliquo e rasi al fondo, guizzavano.
verso i piccoli scoglietti, due guati.

Ed io seduto li, su quella pietra,
ad un tratto in me sentii
una specie di languore. come se mi sembrasse
che fossi nato un’altra volta
ed il mondo mi accogliesse a braccia aperte,
bello, immenso, da far quasi spaurire.
Allora mi sono alzato e sono ritornato
correndo a casa, con il cuore in gola.
Avevo sei anni, presto andavo a scuola.


Translated by Franco G. Aitala


El primo amor

Cossa te ga Tonina sta matina?
Te me par palidina!
Presto, svelta, bisogna andar a scola!
Cossa, te diol la gola?

No, mama, niente, stago proprio ben!
Svelta alora; me vien
voia de ribaltarte zo del leto!
Mama, cossa me meto?

Me meto el novo vestitin!
Cossa te ga morbin?
Te vol strazzar cussì l'abito novo?
Lassa che me lo provo!

Ma che provo, xe ora de filar!
su, no farme arabiar!
Ti xe pronta, cos'è questo rosseto?
Mama, solo un pocheto.

Ti fia mia te me par un poco mata !
Bevi la ciocolata.
Te pianzi fia ! Ma cossa mai te ga?
Ciò, no te te ga miga inamorà?!


El ritrato

Questo museto, lisso e tondeto
co' sto naseto suo picoleto
e co sti oceti cari e furbeti
e la bocheta, co' un soriseto
che par ciamarlo qualche baseto
(mi ghe lo dago, co' un sciocheto)
coi caveluzzi bei morbiduzzi
e la frontina, così carina,
el xe el ritrato de Vittorina.

Mi me lo guardo, mi me lo cocolo
sto tesoreto mio caro e picolo
mi non lo vedo da più de un secolo
e mi, a cavalo perfin de un bacolo,
parto doman
vado a Milan
porco d'un can
basta spetar
voio scampar
voio arivar
voio ciapar

quele manine, sue picoline
e po' tirarmela tanto vizin
per carezarlo quel suo visin
dirghe, strucandola streta al mio sen
te voio ben


Pensando a ti

Xe passai i ani, xe passadi tanti
che son lontan de ti mia bela ZARA
E più che i passa, più ti me xe cara
e penso sempre a ti, più spesso; avanti

ai mi oci, de boto, me se para
una piazzeta, una cale, una ciesa
un canton de le mura, una distesa
de mar, ch'el primo sol lontan ris'ciara.

Me par sentir la fresca bavisela
che se alza col levante de matina
sofiando pian soto Porta Marina
de tute le altre porte la più bela.

Là soto n'altri che col vaporeto
vegniimo a scola, sempre se passava
e el leon da là su ne saludava
dixendo,ciao! nel nostro bel dialeto.

Oh! cosa ti dirà, mio benedeto
leon, adesso che de ti, de soto
tuto i ga frantumà, tuto i ga roto
e passa solo al più qualche s'ciaveto?

Ti tasarà, tenindo streto streto
el libro chiuso, dentro la tua zata
maledindo in cor tuo, sta sorte ingrata
che stranier la te fa, soto el tuo teto!


A Zara

Ti ieri tanto bela,
o Zara mia sul mar,
là dala "Porporela"
al parco militar

Quela tua Riva Nova,
splendida soto el sol,
nessun, zerto, se el prova
trovar l'ugual no pol

Se tuto adesso, tuto fini
solo le piere resta de ti!

La tua Porta Marina,
col vecio suo leon,
l'Arca indorada e fina
del nostro San Simon,

le piaze le calete
tuto, con tanto amor,
ricorderemo, e che strete
sentimo, in fondo al cor!

Cara mia Zara, ti xe là zò
chi sa se ancora te vedarò!

Anca se drento a ti
tuto xe ormai crolà,
nessun, scoltime a mi,
mai sconder podarà

le piere i monumenti
che, come un grando altar,
xe ancora là presenti
là, per testimoniar!

Roma e Venezia xe sempre qua
in barba a quei che ora te ga!


L'imbriago

Per tera, co' la schena su un porton,
el viso sconto dal capel, russava
a mezzanote un vecio imbriagon
e un grupeto de gente lo guardava.

Fazeva fredo, un fredo can, dal ciel
cascava un pioveta fina, fina
e cussì, riparai soto l'ombrel,
i lo guardava, là imbiancà de brina.

Ma varda! che spetacolo ch'el dà!
svergognado de vecio! che bevuda!
ridurse in questo stato, ala sua età!
(La note se fazeva sempre più cruda.)

Convien sveiarlo! Oeh! su fiol d'un can!
Alzite! via! se no, con sto caligo,
no te arivi de zerto fin doman!
Robe de l'altro mondo, mi ve digo.

Lu' se scorla, el alza su la man,
el se soleva un poco indrio el capel;
e po' guardando in giro, el se dise pian:
"Perché sveiarme, iera tanto bel!"


Me par ieri

Me par ieri, co son andado a scola
la prima volta tuto emozionà;
co la borsa dadrio e un nodo in gola,
quando el papà alla porta el m'à molà;
"Varda de far pulito", el me ga dito,
mi go ingiotido, entrando zito, zito.

E me par ieri quando xe sc'iopada
la prima guera, iero ancora fiol
e po' quando che la xe terminada
e su noi ga brilà splendido el sol;
un sol che iluminava una bandiera
venua dal mar, s'una torpediniera

Po col passar dei ani tante cose
xe capitae, de bele e anca de brute;
Lassemo star! Ma, come tante nose
ch'una drio l'altra ti le magni tute,
cussì, uno drio l'altro, xe passadi
questi ani, anzi i s'à ribaltadi.

E adesso, a ricordar, semo sinceri,
quel che più brusa xe, che te par ieri!


I re magi

T re museti, rossi de bora
coi ciufeti de cavei, che sbircia fora
de le barete slambriciade;
i oci lustri, fissi
in su, imbambolai
e fra le man
tre candele impizade. ..
Quando pian
ghe se avizina un quarto
come a racomandarse ai altri tre,
quei lo guarda, i se guarda. ..
ch ' el resti, un disi, bon
ch' el resti; varda
de no stonar.
E lu ingiote, cussě, senza fiatar.
Ecoli! I vien! gavemo zà sonado !
Se spalanca la porta e inginociado
te se presenta in basso sto grupeto
de visi risciarai dal mocoleto,
e ti ti senti, oh, santa ingenuitŕ!
el vecio ritomel, per l' ocasion
cussě cambiado, senza esitazion:
( el fato xe avenu, non credarè )
"Noi siamo -i cantŕ -i quattro tre re!"

The above poems were selected by Franco G. Aitala who presented an original copy of the book of poems as a gift to me.

Marisa Ciceran


Main Menu


This page compliments of Franco G. Aitala and Italo Svevo (Publishers)

Created: Sunday, October 17, 1999; Updated Sunday, August 09, 2015
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA