line_gbg68.gif (1697 bytes)

Sandro Cergna
Poesia
line_gbg68.gif (1697 bytes)

 

Poesie nell'Istrioto di Valle/Bale (poetry in the Istriot of Bale/Valle):

I

Mi e me pare

De 'n verno zendu a fa legne 'n bosco,
mi co la sega e me pare de drio
col marsan el bruscava.
Qualco volta, prima da scomensà
un albero più grando
ghi sigavi che 'l se fego 'n banda
  ma lui 'l mi feva solo un moto
co la man como per di 
"taia, taia, su!"
perchè za 'l saveva
prima de mi
 da che banda 'l caiarò...
Co zendu a magnà
 el ghi dava fogo a le frasche
sula mazera e se scaldeundu un pò.
Favelaundu poco, 
qualco volta anca gnente
o 'l mi dizeva che ghi dol le man
i brasi, le gambe
 che no 'l pol più lavorà.
Mi no ghi rispondevi;
mi piazeva scoltà 'l fogo, le ramete
e le fuie verde de le frasche
como grisulava...
Poi ghetavi la lata zvoda de la
'n te le zbronze
e restavi a varda` como la se squaia.  

Io e mio padre

D'inverno andavamo a far legnaco,
io con la segae mio padre dietro
con l'accetta a sfrondare i rami.
Qualche volta, prima d'iniziare
a tagliare un albero più grande
gli urlavo che si facesse da parte
ma lui mi faceva soltanto cenno
con la mano come per dire
"taglia, taglia, dai!"
perchè già sapeva
ancor prima di me
da che parte sarebbe caduto...
Quando andavamo a mangiare
dava fuoco alle frasche
poste sul muricciolo di pietra e ci scaldavamo un pò.
Parlavamo di rado qualche volta anche per niente
oppure mi diceva che gli faceva male la mano
le braccia, le gambe che non era in grado più di lavorare.
Io non gli rispondevo
mi piaceva ascoltare il fuoco, i rametti
e le foglie verdi delle frasche
che crepitavano.
Poi gettavo la lattina vuota della
birra sulle braci
e restavo a guardare mentre si squagliava

I and my father

In winter we would  cut wood
in  the forest

I with  the saw
and  my father  behind me with the axe
to trim the branches.
Sometimes, before starting

to fell a larger tree
I would yell at him to stand aside
but  he'd only chop at me
with his hand signaling
"Cut, cut, go ahead!"
as he already knew
even ahead of me
which way the tree would fall...
When we would go and eat
he would burn the branches
strewn on a  stone wall
to warm ourselves a little.
Seldom speaking
saying nothing sometimes,
otherwise he would tell me about his hurts:
his hands. the arms, the legs,
that he couldn't  any longer work.
I would not respond
as I enjoyed listening to the fire,

the thin branches
and the green leaves
cracklng. Then I'd throw
the empty beer can
onto the embers
and  stood gazing
as it was melting.

II

Me barba

mi piaz da voldilu co 'l ze un pò biù. Ghi ven 'n cao robe che de sincer no ghi vignarao mai o anca se le ghi vignarao nol le contarao. Como quela de 'l saso a forma de tromba sconto zota na lavera 'n Corgnaloza o quela del cason pien de fiorini de oro che nona Checa ghi contava soterà zota la mazera dela caza de drio `cimitero. Poi 'l mpiniso de novo quela vecia bucaleta coi orli macadi e bevemo. E `l nde conta ananti e mi lu scolti e ridemo...

Mio zio

mi piace starlo ad ascoltare quando è un pò alticcio. Che gli vengono in mente cose che da sobrio non gli verrebbero mai od anche se gli venissero non le racconterebbe. Come quella del sasso a forma di tromba nascosto sotto un pietrone in Corgnolosa o quella del baule pieno di zecchini d'oro che nonna Checca gli narrava sotterrato sotto il muretto a secco della casa dietro il cimitero. Poi riempie nuovamente il vecchio boccale  dagli orli sbrecciati e beviamo. E continuava a raccontarne ed io l'ascolto e ridiamo...

III

El Sergio

El Sergio i diz che 'l va ancora
a sercà` ' oro sul Manzin
che 'l io sapa` mezo monto
che 'l io zbraza` dute le mazere
che 'l ze mato, mala`
che ghivorao che 'l vego la del dotor
a fase vedi, a fase curà.
El Sergio ogni dumenega 'l va
'n cesa, e qualco volta
co pasi dananti la so casa,

se`'l ze de fura 'l me ferma
e 'l mi conta che de novo
i ze vignudi a ciolu
che i ghi io mostrà 'l Inferno
el Purgatorio e 'l Paradiz
e che tanti de Vale 'l nde io
cognosù, como i padiso,
e 'ncora,
che ze tante strighe a Vale
ma lui le cognoso dute
e de noto co le se gheta 'n tei gati
e dute 'n ciapo le ghi ven sula porta a pisa`
e le miagoleia e le schila como i fioi pici
da fa pagura
lui 'l se isa del leto
el verzo le portele
e dute, una per una
el le ciama per nome
e subito, como `ndemognade
le scampa via.
"Si?" ghi feghi, e lu ciami
a bevi qualcosa
'n osteria, ma nol vol.
Se saludemo e veghi ananti.

Il Sergio

Dicono che Sergio vada ancora
a cercare l'oro sul Manzin
che abbia zappato mezzo monte
che abbia buttato giù tutti i muretti
di pietra che è matto, malato
che bisognerebbe che andasse dal dottore
a farsi vedere, a farsi curare.
Il Sergio ogni domenica va
in chiesa, e qualche volta
quando passo davanti la sua casa,

se sta di fuori mi ferma
e mi racconta che di nuovo
sono venuti a prenderlo
che gli hanno mostrato l'Inferno
il Purgatorio ed il Paradiso
e che tanti di Valle  ne ha
riconosciuto
che vi scontano la pena
e ancora,
che ci sono tante streghe a Valle
ma lui le conosce tutte
e di notte quando s'impossessano dei gatti
e tutte in gruppo gli vanno a pisciare sulla porta
e miagolano e strillano come bambini piccoli
da far paura
lui si tira sù dal letto
apre gli scuri
e tutte, una per una  le chiama per nome
e subito, come indemoniate
fuggono via.
"Si?" gli faccio io, e lo invito
a bere qualcosa
in osteria, ma lui non vuole.
Ci salutiamo e vado avanti.

Sergio

They say that Sergio
is still looking for gold on the Manzin
that he has dug out half a mountain.
that he has demolished
all the stone walls in the field,

that he is crazy,
so sick he should go see a doctor,
to be examined, to be cured.
Sergio every Sunday
goes to church and sometimes
as I walk past his house,
if he is out in front
he stops me and tells me
that again They have come
to grab him.
that they have shown him Hell,
Purgatory and Paradise,
and many that suffer there
he has recognized,
and beside there are so many witches in

Valle
but all of them he knows
and at night when they have captured a
few cats
and all together go to piss on his door
as they meow and scream like little kids to
scare you, he rises from bed to open the
shutters
and all of them he calls
one by one, when suddenly,
as possessed by a devil,
they run away.
"Yes?" I tell him and I invite him for a
drink in the tavern
but he refuses.
We say goodbye and I keep on going.

IV

'l Egidio

iera musica scoltalu
co 'l porconeva per Vale
ma le dumeneghe 'n cesa 'l Egidio
canteva el Gloria 'n latin
e solo de drio de 'l morto al preto
'l ghi respondeva
"Liberame Domine de morte aeterna..."

Como `l Egidio, i diz
no nde iera per podà i ulii,
per tegni a posto le boto
e fa vigni` bon vin

Ma 'l Egidio no se vantava
e per lui 'l dizeva solo
che oto volte al di` anca
de zoveno
'l si lu meneva
e che la roba più bela del mondo
iera la mona.

E co 'l feva el pisigamorto
ogni tanto un oso a qualchidun
voltra 'l cimitero 'l ghi gheteva
-ciapa sà` che ti fare`
la menestra!- 'l ghi sigheva,
e cusì che 'l sapeva la fosa
el canteva...

L'Egidio

era musica starlo ad ascoltare
quando bestemmiava per Valle
ma la domenica in chiesa l'Egidio
cantava il Gloria in latino e solo
dietro il morto rispondeva al prete
"Libera me Domine de morte

aeterna..."

Come l'Egidio, dicono,
che non ce ne fossero
per potare gli ulivi,
per tenere a posto le botti
e far venir del buon vino.
Ma l'Egidio non si vantava
e di sè stesso diceva soltanto
che anche otto volto al giorno
da giovane se lo menava
e che la cosa più bella al mondo

era la mona.

E quando faceva il becchino
ogni tanto un'osso a qualcuno
oltre il cimitero gettava
- prendi che farai la minestra!
gli gridava,
e mentre scavava la fossa
cantava...

That Egidio!

It was music to the ear
as he swore left and right in Valle
but on Sunday that Egidio
would sing the Gloria in Latin
and all by himself behind the deceased he’d answer the priest
-- Libera me Domine de morte aeterna...-

Like Egidio there is none they say
that trims the olive trees. so well.
and tends to the wine barrels
to produce such good wine

But Egidio would not boast at all
and about himself he’d only say
that eight times a day ,
when he was young,
he would beat his dong :
The most beautful
thing in the world in fact
wa the twat.

Besides as a gravedigger
from time to time he’d throw
to someone a bone,
over the cemetery wall
"catch! it will make you a good soup!" he would call.
and as he was digging the grave
he kept on singing...

Translators: 

  • Franco G. Aitala (English)
  • Gianclaudio de Angelini (Italian)

See also:


Main Menu


This page compliments of Franco G. Aitala, Sandro Cergna, Marisa Ciceran, and Gianclaudio de Angelini

Created: Monday, February 21, 2000; Last updated: Wednesday, August 15, 2007
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA