Cesarina Ceschia - Smrekar
Poesia


Nata a Trieste, dopo il matrimonio con uno sloveno, vive da sempre, prima in Jugoslavia e dopo in Slovenia precisamnete a Portorose. Scrive per diletto personale e per la »vanitą« di lasciare ai nipoti qualcosa di pił di qualche fotografia sbiadita.

El vecio caligher

In fondo de l'androna
posą contro i scalini
ghe iera un sgabuzin
con tanti finestrini;
e la fra scarpe vecie
e feri del mestier,
bateva tachi e siole
sior Gigi caligher.
El stava tuto 'l giorno
sentado sul scagneto
a lavorar coi ciodi,
la lesina, el trincheto;
e solo a mezogiorno
el lasava 'l sgabuzin
pel piato de minestra
e un bon bicer de vin.
In t'una cheba verta
posada sul bancheto
a farghe compagnia
ghe iera un useleto
e pił che lui bateva
pił forte el ghe cantava,
quel canto pien de vita
l'androna rimpiniva.
Ma 'l tempo passa, anche
pe' un picio canarin
e un giorno xe restado
serą el sgabuzin.
Mai pił no xe tornado
el vecio caligher,
el ga lassą el bancheto
coi feri del mestier.
E ancora ogi, quando
che paso per l'androna
sento quel bater e un canto
le orecie me rintrona,
e i ricordi me torna
dela mia gioventł
con quel canto che ogi
nisun no canta pił.

La casa abandonada

Le vecie gorne tute ruzinide
e zo dei muri la malta xe cascada,
la casa del mio nono in zima l'erta
la stava tuta sola, abandonada.
I vetri roti, finestre senza scuri
che come tanti oci me vardava,
la porta co' un'anta un poco verta
pareva 'na boca che ciamava.
Ciamava i fioi a corer per le scale,
le done a far el pan nela cusina
piena de vita, i omini col fiasco
andar a cior el vin nela cantina.
Adesso per le camere svodade
gira l'aria e la porta tuto intorno
quel che no i ga podudo portar via:
la speranza de poder tornar un giorno.
A far nidi soto le sue gorne
solo le rondini torna in primavera.
E pasa le stagioni. Ma morindo
la casa abandonada ancora spera.

La nona

Ogi che tuti parla dela mama
mi volaria parlar de quela dona
andada fora giro e zo de moda
che mama xe do volte: dela nona.
Ghe iera quela nona de una volta
che portava una coda de cavei
puntada in testa come una corona.
Xe quela che co ierimo putei
le vecie ninenane ne cantava,
che saveva rimediar tuti i malani
e dei dolori la ne consolava,
che del tanto lavor e dei afani
una vecia tropo presto diventava.
E xe la nona de ogi, che ga messo
de parte tuto quel che no ghe andava
che col modo de dir che usa adesso
la se senti una »nona realizada«.
La va in teatro, ale conferenze,
la fa ginastica per tera ogni matina,
la scrivi le poesie, e a tempo perso
la se da de far anche in cusina.
La ga la permanente, i tachi alti
e la scambia i vestiti con la fia,
dei ani no ghe importa e per i nipoti
xe la nona pił in gamba che ghe sia.
Do modi diferenti de eser nona
che no xe nostro intento giudicar,
do modi diferenti de eser dona,
de lavorar, de viver, de pensar.
Ma un sentimento no ghe xe mai cambiado
che 'l sia de ogi o dei tempi andai:
l'amor, che queste done ga brusado
che 'l xe de sempre e no cambierą mai.

Tempi bei

Mia mama me diseva »I tempi xe cambiai,
voi ieri pił ubidienti, no rispondevi mai.
A papą ghe bastava alzarve solo un dito
che tuti lo scoltava e se filava drito.
Gavevi pił rispeto, no comandavi voi,
no iera le pretese che ga ogi sti fioi!«
Mi stavo zita: mama se ga dimenticą
che la ne contentava de sconto de papą.
Lui po ne dava ancora do soldi de scondon,
se no la ghe diseva ch'el xe masa bon.
E noi ne profitavimo: con quei do tre soldini
andavimo zo in cine a vardar Ridolini.
E po tornando a casa, con quel che ne vanzava
ciolevimo un gelato e se se contentava.
Xe vero: i nostri fioi no va pił a piedi a scola
I vesti de blugin e i bevi cocacola.
No i varda Ridolini ma la television
e inveze dele s'cinche i va a zogar el balon.
Xe tempi pił moderni cussi disemo tuti
ma miga che per questo i ga de eser bruti!
Che se te pensi indrio a quei tempi pasai
te vedi che po in fondo no i xe tanto cambiai:
che sia del quarantoto o del setantasei
quei dela giovineza xe sempre tempi bei!

Bernardin

La iera Bernardin, framezo i uliveti,
un per de case intorno, le strade coi mureti.
De soto iera el mar. Se 'l tempo iera ciaro,
se vedeva la punta de Salvore col faro.
Le case no xe pił, le strade xe asfaltade,
al posto dei ulivi xe do grande spianade
de piere e de cemento. Intorno i ghe ga meso
i alberghi e le boteghe; i segni del progreso.
Nel novo Bernardin quando che xe stagion
se senti tante lingue in quela confusion.
Xe tuto pien de gente; ma questo xe de giorno,
mi vegno qua de note co tuto dormi intorno.
Me sento su 'na piera e vardo la sul mar
el faro de Salvore ch'el va vanti a girar.
Dentro de mi me iludo che niente xe cambiado
ma no xe vero: l'omo ga tuto ribaltado.
Dove xe ogi i alberi, i campi, i useleti
che un giorno i ne cantava posadi sui mureti?
Ma cosa semo mati? Quando se fermeremo,
ai fioi dei nostri fioi cossa ghe laseremo?
Del vecio Bernardin la tore xe restada
a far bela figura in mezo a 'na spianada.

Parlan le mani

Anche le mani hanno un linguaggio
che puoi capire. Muto messaggio
che senza parole
parla di vita, di morte, d'amore.
Parla la mano di chi nella vita
gią tutto ha provato, la mano sfinita.
La man che saluta chi parte, chi resta,
chi mai pił ritorna: la mano pił mesta.
La mano pietosa che sulla ferita
leggera si posa e dona la vita.
La man che al bisogno ti porge l'amico,
la mano sincera che non ha tradito.
La piccola mano del bimbo che ha fame,
la mano che chiede un pezzo di pane.
La man che di nero imbratta una tomba,
la man terrorista che lancia la bomba,
la mano crudele che senza pietą
nel sangue sopprime l'altrui libertą.
La mano che tesa vuol dire amicizia,
la mano contratta che chiede giustizia.
Selva di mani che senza parole
ci parla di vita, di morte, d'amore.
Ma davanti a tutte una schiera s'avanza:
le mani dei giovani, della speranza.

La cicogna

Scordato il tempo dei giochi e degli amori,
scordato il nome del vicino amico,
oggi pił niente esiste.
Č diventato
l'amico tuo di ieri
tuo nemico
Il fragore dei fucili e dei cannoni,
oggi ha coperto le risate e i canti.
Odio, dolore
e disperazione
salgono dalle rovine ancor fumanti.
Mucchi di pietre senza pił passato:
č tutto cio che resta.
Desolanti
case distrutte
che mai pił saranno rallegrate
da culle dondolanti.
Sopra una nube fiammeggiante e nera
una cicogna bianca
sta volando.
Le han distrutto il nido,
e gią ferita
inutilmente un tetto va cercando.

Bosnia '93

Ai morti senza nome

Ceneri di vita sparse al vento
posatevi sui volti ad asciugare
le lacrime del popolo sgomento
che piange i figli. Fatevi trovare
tombe nascoste d'acqua e di cemento
che mano amata mai potrą sfiorare.
Grida di rivolta e di dolore
ancor pił forte fatevi sentire!
C'č chi vorrebbe gią dimenticare
ed una volta ancor farvi morire.

(Dedicata alla Risiera di San Sabba nel giorno della memoria)

Autunno

Un giorno capirai il tempo
poco apprezzato,
dell'etą fiorita.
Ti sentirai allora in quel momento
sommergere,
da un'ansia indefinita.
E sarą vano
rimpiangere il passato
che niente farą pił ritornare.
Ma non dimenticare:
ciņ che č stato
aiuto ti darą,
per continuare
a vivere serena.
E se nel fondo
Pungente sentirai malinconia,
non ci badare:
lastricato č il mondo
di sogni perduti per la via.

Istria

Nei secoli depredata
terra aspra
generosa.
Conquistata, soggiogata
terra testarda.
Occupata, riscattata
terra di tutti
e di nessuno.
Aggiogata,
divisa
e ancora una volta
fregata.


Main Menu


This page compliments of Cesarina Ceschia-Smrekar and Sandro Sambi

Created: Tuesday, Friday, October 25, 2002; Last Updated: Wednesday, March 05, 2008
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA