line_gbg70.gif (2052 bytes)

Giovanni de Manzini
Poesia
line_gbg70.gif (2052 bytes)


 

La fabrica de pan senza farina

(1866)

Satira

Se i nostri noni, poveri,
podesse, a poco a poco,
(Un toco ancuo de scheletro,
Doman un altro toco,)
Tanto ingrumar de regerse
O ben o mal in pie
E ziti come spie
Cucar del nostro secolo
Le tante novità,

Fora de lori, estatici
A boca spalancada,
Pestandose la zuca
Lissa, lustra, pelada,
I zuraria che el diavolo,
O almanco un so' parente
Abia insegnà alla zente
Cose che solo a crederle
Par za de far peca'

Con argomenti in barbara
In ferio, in baralipto
Col jus sacrorum canonum
Ete cum jure scripto
Con sachi de quemadmodum,
D'erghi, de cur, de quia,
Provarse i cercaria
A costo de dir buzere
Che quel che xe no xe,

Ma vinti de la logica
Dei fati bei e boni,
(Logica inesorabile
Anche pei nostri noni)
Imatunii de spasemo
Pieni fin sora i oci
Coi tremiti ai zenoci,
I tornarave a sconderse
Indove che savè.

E infati, no burlemose!
Voleu viagiar el mondo?
Ve sbisega de corerlo
Quanto l'è largo e longo?
Per aqua, su per grebeni,
Per viscere de monti,
Oltra viadoti e ponti,
Corendo come un fulmine,
Ve menarà el vapor!

De qua fin in America
Volè imbrogiar la zente?
Scieglie' la corda eletrica
Per vostro confidente!
Volè un ritrato? Ecolo!
Gh'è la fotografia,
Che int'un Gesù Maria
Ve riproduse identici
Musi che xe un oror.

Per cuser gh'e' la machina
La gh'e' per segar legni
Per impiantar carote po'
Trovè un milion de inzegni,
Trove' canoni monstres,
Trovè fusili a ago,
E fabriche de spago,
Barche de fero e scatole
e cosa vojo mi!

Ma el quid, che de sto secolo
Fa un secolo portento,
Ma el quid, che ve precipita
Le code in svenimento,
El quid che i nostri posteri
Farà (se almeno spera)
Proprio felici in tera,
Xe el modo novo e semplice
De procurarse el pan.

El pan! sto inevitabile.
Petito de la panza,
Sto antico, santo e mistico
Tipo de l'abondanza
Sta giornaliera vitima
De tuti quanti i denti,
A son de strusii e stenti
S'a guadagnà illo tempore
El povero mortal;

Gobo, sbasì de brividi
De fredo, o dai calori
Ridoto cartapecora,
Tra i colpi e i rafredori,
Fin desso el miserabile
Fruto de Adamo e Eva,
Per farse un pan, doveva
Mandar la tera in fregole
Più dura de l'azal.

Farse un campeto, scieglierse
Formento de semenza,
Butarlo e co le seleghe
Intanto aver pasienza,
Schiarirlo, co' la siesola
Tagiarlo raso tera,
Far le manele e a sera
Ciaparlo e strasinarselo
Al salvo in t'un tiguor;

E dopo farse un'area
Davanti de la casa,
A forza de sbovazza
Tirarla drita a stasa,
Molar i sbalzi, meterli
Distesi in tante righe,
Vardar che sia le spighe
Scoverte, a testa bassa
Grondante de suor

Laorar de batitangolo
Con colpo drito e giusto
Penseve, per i nomboli,
Creature mie, che gusto!
Tor via la pagia e subito,
Perche'‚ no manchi el vento,
Butar bula e formento,
A son de pala e muscoli,
In aria a sventolar;

Netar el gran; co l'aseno
Magro e impiagà davanti
Sigandoghe sta picolo,
Sta largo, e l'eri avanti
Acompagnando energico
Co' le peae nel croco,
Far strada a poco a poco
E, pesta e spenzi e sbrighite,
Portarlo a masenar,

Là, se per caso i nuvoli
Ga ritension de orina,
Spetar el turno un secolo,
Per vederlo in farina,
Pagar con mita (scilicet
Co un ocio de la testa)
E po con quel che resta
Racomandarse al aseno
E andar al so destin.

Sorbirse su i rimproveri
De la mugier che aspeta,
Per solito za un aspide,
Un orco, una saeta
Che urla, ziga e strepita
Da l'alba a negra note
E a sconto de la dote
Ghe versa puntualissima
Ogni ano un fantolin;

Scorlar el fior co i soliti
Tamiso e passadora
Finche', for che la semola,
Sia passa' tuto fora,
E po' con aqua tepida
Sal e leva' impastarlo,
Menarlo, remenarlo
Pugnarlo, far el diavolo
Coi piei e co le man;

E po' tagiar zunieveri
Spini, fraschi e sermente,
Cazzarli, se no i passa,
In forno a son de sprente,
Impizzarlo, scovarlo,
Tor el pan, infornarlo,
Aspetarlo, cavarlo
Per dir Te deum laudamus
Al fin m'o fato un pan.

Adesso: campi? Buzere!
L'area? La batadora?
El muliner e l'aseno?
Che i vadi in soa malora!
E la mugier? Che fabrichi
Pupoti alegramente!
No ne ne importa gnente,
L'arte, ambizion del secolo,
El pan n'a assicurà.

Quatro parole in arabo,
Un poco de panzeta,
Qualche sufiada e, a debito
Tempo, la so preseta
E sora tuto el scrupolo
De no perder l'efeto
Parlando lisso e schieto,
Ve fa passar per medego
E el pan s'a assicura',

Un camerin, un zovene
Che tiri zo sbagazzi,
Molt'aria de docebo
E quatro scartafazzi,
Un fregolin de lastico
In vece de cossienza
E un poco de prudenza,
Ve stampa su avocato
E el pan ve' guadagna'.

Fe' l'omo de proposito
Lezendo le gazete?
(E non importa un cavolo
S'anca no capì un ete)
Se fato deputato!
Ve fabrica de bale?
Impiantè su un Giornale,
Ve ocio al responsabile,
E el pan no mancarà.

Sentì un'iresistibile
Passion per l'armonia?
Toleve una trombeta
E fe... Ma andemo via!
Xe tanto e tanto facile
L'uso de st'arte nova
Che, co una sola prova,
Ciape' su più de pratica
Che no ve imaginè.

A dir el vero, un storico
Doto e profondo assai,
Vol sostener che i omeni
Se sia sempre inzegnai
Con un sistema simile,
Sara'! ma mi no credo
Altro che quel che vedo
E in barba a tuti i storici
Digo e sostegno che:
Se i nostri noni, poveri,

podesse, a poco a poco,
(Un toco ancuo de scheletro,
Doman un altro toco),
Tanto ingrumar de regerse
O ben o mal in pie
E ziti come spie
Cucar del nostro secolo
Le tante novità,

Fora de lori, estatici
A boca spalancada,
Pestandose la zuca
Lissa, lustra, pelada,
I zuraria che el diavolo,
O almanco un so' parente
Abia insegna' alla zente
Cose che solo a crederle
Par za de far peca'.


giovanni2.jpg (9070 bytes)

Nota:

Giovanni de Manzini (1838-1883). avvocato (e si noti la critica rivolta anche a se' stesso nel testo), si dedicò alla poesia vernacola con una forte vena di umorismo e di ironia. Questa satira è stata piu' volte pubblicata, il manoscritto originale è in possesso degli eredi. Si noti la forte ascendenza veneta del puro dialetto di Capodistria nella seconda metà del secolo scorso.


Prima pagina dal manoscritto originale:

fabrica2.jpg (29723 bytes)

See also:


Main Menu


This page compliments of Ottavio de Manzini

Created: Sunday, May 12, 1996, Last Updated: Monday, October 31, 2011
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA