line_gbg70.gif (2052 bytes)

Giulio de Manzini
Poesia
line_gbg70.gif (2052 bytes)


Le poesie che seguono sono tratte dalla raccolta "Vevimo un logo" di Giulio de Manzini (1910 - vivente), nato a Capodistria e nipote di Giovanni, autore de "La fabrica de pan  sensa farina". 

Diceva di essere un esule (non gli piaceva il termine di profugo). Della sua vita diceva anche che era stata una sequela di errori, come quella di tutti. Ma avendoli commessi per amore verso il prossimo, la famiglia e la patria, viveva sereno a Venezia.


COME LA MARE

Esule a remengo in mia malora!
Ma i oci del mio cuor te vedi ancora
verde pei boschi, rossa ne la tera,
bianca nel basamento tuo de piera,
Istria, te vedo, te go senpre in mente
come la Mare, si', eternamente.


TORNAR

Come l'moroso pensa a la morosa
cussi' mi penso a Capodistria mia
... e xe una freve grossa, tormentosa
de quando lori ne ga para' via.

E pur mi voria farlo ancora un viagio
e 'ndar de novo in cesa de San Biagio
e, caminando per la mia contrada,
sentindo rintronar la salisada,
andar avanti in fondo de la cale
po ranpegarme su per quele scale,
rivar fin su nel portego de casa
--la' me speta mia Mare e la me basa--
e po, davanti una finestra 'verta
come 'na volta in barca stando a l'erta
l'ocio strento in batuda de la bora,
quel mar e Doltra ben vardarli ancora.

Tornar..chi, xoramai, vole' che speri?
Ve devo saludar, Portisolana,
casa, murete, montaron e squeri,
mia Capodistria senpre piu' lontana!


RINO RELLO

Quando la mestra, un toco de ragassa
che se ciamava Carmen se no falo,
la caminava drita per la Piassa,
in loxa qualchedun pareva un galo.

I piu' taseva i propri sentimenti
ma se trovava qualche capo ameno
che jera pronto a far i so comenti
e a no podeva proprio far de meno.

In Piassa jera un poco la mania
de la batuda e, natural, fra tante
sortiva quela de no butar via.

Un xorno Relo, al solito incurante,
vardandola ga dito: --Quela fia
me par che xe 'l piu' bel... corpo insegnante -


PIRAN

Vedo l'antica tua difesa, el muro
coi merli, coi torioni, i contraforti,
le tue calete al sol in ciaro - scuro
e in alto el piu' bel logo pei to Morti,

la strada 'rente 'l mar che la se storxi
passando, la', davanti la Rotonda;
rivedo 'l Mogaron e 'l tuo San Xorxi,
i tui Tamaro, i Maraspin, i Fonda

e tuti i altri: marineri esperti,
mercanti quel che ocori sparagnini,
studiosi che de gloria xe coverti,

"mamoli", veci, frati Capucini,
e done, done con quei oci 'verti
e quel tuo grando fio che xe Tartini.


EL VENTO

La bava de fora me riva sul muso
insieme al sussuro de l'onde lisiere:
ricordi, ricordi ... Me trovo deluso,
tradi' ne le robe piu' care, piu' vere:

el fresco maistro con righe piu' scure
Sul Dosso, sul Scano, fin drento 'l Stagnon
--de Portisolana in pie su le mure
ciapavo la bava de duto 'l valon--

e Doltra--oh Doltra! --olivi d'arxento,
e canpi de gran e xunieveri e pini
--tesori, profumi--ve vedo, ve sento

odori de tera, odori marini.
Ricordi. Ricordi portai da sto vento
che scorla la vita, sta graia de spini.


Main Menu


This page compliments of Ottavio de Manzini (poetry) and Pietro Valente (note)

Created: Sunday, May 12, 1996, Last Updated: Tuesday, September 04, 2007
Copyright 1998 IstriaNet.org, USA