Sergio M. Katunarich
Poesia


...ma de Fiume
 

Nadal 1990

Cara mularia,
semo tuti qua
perchè convocà
da chi xè sta
el primo...Profugo d'onor
che se savaria:
Gesù Bambin.
Scampà anca lù
picio fantolin
da un'altra tirania.
Una de quele che sempre,
se sa, porta libertà
e democrazia...

Semo qua per farse
tanti cari auguri,
confortai dal fato 
che tanti de essi 
de i scorsi anni
i se ga verificà.
Gavemo visto squajarse
come neve al sol
blochi monolitizi
de stupidità 
e del pegio che ghe sia.
Se ga manifestà
che, senza de Dio,
gnente de bon se fa
e el mal che se combina
te casca sula testa.

Pensar 
che a noi,
che cussì ghe se dixeva,
quei tanti merli
che no' i ne credeva
i ne cioleva 
per dei fassisti!

In futuro cossa sarà
Dio solo sa.
Noi, davanti ala grota
dolze de Betleme,
preghemo e speremo 
che quel che gavemo in cor
se verificaria,
che quel che xè giusto e bon
se realizaria,
con l'aiuto de Gesù Bambin
de Giuseppe e de Maria. 

 

mularìa: ragazzi, giovani
picio: piccolo
squajarse: squagliarsi
cioléva: prendevano
fassisti: fascisti

Source:

  • http://www.leonexiii.it/gexe/poesie/030_nadal_1990.htm

See also:

  • Fiume e profughi - http://www.leonexiii.it/gexe/poesie/home_fiume.htm


Main Menu


This page courtesy of Franco G. Aitala, Marisa Ciceran and Alida Gasperini

Created: Wednesday, February 02, 2005; Last updated: 13 December, 2012
Copyright 1998 IstriaNet.org, USA