line_gbg68.gif (1697 bytes)

Holiday
Lyrics
line_gbg68.gif (1697 bytes)

La Befana / Epiphany
and
Tri kralja jahahu / Three King's Day

Tri kralja jahahu

Blagdanom Bogojavljenja ili Tri kralja zaključuje se središnji skup božićnih običaja. I taj je blagdan obilježen počimanjem što se očituje blagoslovom kuća. Prethodi mu blagoslov vode u crkvi. Nekoć se blagoslovljenom vodom škropilo po kući, staji, vrtu, polju, pčelinjaku itd. Uz taj dan je vezan i običaj ophoda tzv. zvjezdara, trojice dječaka koji su odjeveni kao tri "kralja" s rasvijetljenom zvijezdom. U tom običaju su prisutne kolede pa zvjezdari pjevaju božićne pjesme, ali i pjesme kojima se želi duhovno i materijalno dobro ljudima. Naravno, i ti ophodi su povezani s darivanjem čestitara.

Kršćansko značenje blagoslova domova temelji se na božićnoj istini da se je Bog udomio na zemlji. Svećenik započinje blagoslovnu molitvu zazivom: "Mir kući ovoj i svima koji prbivaju u njoj!". Po Božiću naši hramovi postadoše kuće, a kuće hramovi, jer se Bog okućio na zemlji da stanuje među nama, s nama i u nama. Blagoslov kuća stoga želi naglasiti da su naše kuće i stanovi obitavališta Božja i zazivlju da se Bog ne iseli iz naših domova. Pjesnik A.G. Matoš je to rekao vrlo dojmljivo: "Samo onaj je čovjek, tko je živa kuća Božja". Stoga valja blagosloviti čovjeka, obitelj, da bi on sam, njegova obitelj i njegov svijet - bili dom Božji.

Score | MIDI | RA | MP3

Tri kralja jahahu s onih sunčanih stran
tri dara nošahu: mir,, zlato, tamijan,

Tri kralja dođoše pred grad Jeruzalem
pitajuć se za mjesto gdje se rodi Isus

U palaći stojeć, odgovori Irud:
“Naći ga nećete, zalud je sav vaš trud…

Ako ga nađete, natrag se vratite!
i meni Irudu glase donesite.”

Irude prehudi, Irude pekruti,
Krista hoćeš ubiti, to nam srce sluti.

Al’ im od anđela u snu nauk je dan,
neka dalje krenu, iskati drugi stan.

Sutradan pođoše - Irud nije znao,*
pravi put nađoše, Bog im je pomogao.

Mariji rekoše:”Zdravo, oj Djevice!
Zdravo oj Majčice, nebeska Kraljice!*

Isus digne ruke; lijipo [drago] im hvaljaše,
i nebeske dvore njima obećaše.

Siamo i magi de l'oriente

Siamo i magi de l'Oriente
siam guidati da una stela
mireremo sempre quela
che ci segna Betalem.

Questo giorno e' gia' predeto
dal profeta abreao Michea:
nase un re ne la Giudea
nase un Filio, Dio dona'.

Questa stela noi portiamo
fu impromesa al re Erode,
per veder Idio la lode
del divino Redentor.

Ringraziamo per questi doni
la famiglia sana e pia,
ritorniam per quela via
che ci insegna il nostro cuor.

Tre re noi Siamo
 
(Cherso)

Tre re noi siamo
d oriente partiti
tre doni portiamo
al re dai re
tre doni portiamo
al re dai re

Gasparo è primo
di stirpe reale
col cuore tuto umìle
cercava Gesù
col cuore tuto umìle
cercava Gesù

Siamo i tre re

[Tratti dal libro Folklore fiumano di Riccardo Gigante.] 

Version di Montona (Motovun)

Scrive il Gigante, "Il prof. Francesco Tomasi ha pubblicato nell' Annuario del R. Liceo Ginnasio "Dante Alighieri" di Fiume, per l' anno scolastico 1924-25, il seguente Canto dell'Epifania in uso a Montona d'Istria:

Nu semo i tre Re
vignudi de l'Oriente
per adorar Gesu',
che 'l xe 'l più grando re,
de quanti al mondo xe'

ancuo, xe' sta e sara'.
Xe lu che la gran stela
scoverto 'l ga nel ziel
e qua 'l n'a' ben mena'.
Dove xe' quel bambinel.

cussio tondo e cussio bel ?
El xe' in brazo de Maria
che 'l lata e che 'l repossa
co 'l bo' e co 'l asinel.
Eco qua 'vemo porta'.

inzenso d' orazion
che nasa de bon,
e mira e oro fin
in dono al re e i vin.
E l' oro che portemo

aiuti de Maria
la granda poverta'.
La mira dei morti
l' insegna del bambin
la vera umanita'.

L'inzenso che nasa
ghe cioghi el spuzor
de stala dove 'l sta,
e adesso nu andiam
ai nostri pajesi.

de cui venuti siam;
e qua ne resti el cuor
in man del Signor
e in brazo de Maria
che mare la ghe xe'.

Versione di Fiume ((Rijeka)

Noi siamo i tre Re
vignudi dal Oriente,
per adorar Jesu'
che 'l xe el più grando Re

de quanti al mondo xe.
Xe lù che la gran stela
el ga manda' in ziel
che qua ne ga mena'

adorar Jesù Bambin
cussi' bel e cussi' fin.
In brazo de Maria
che 'l lata e che 'l riposa

col manzo e 'l asinel,
San Jusepe suo sposo
lo scalda col suo fia'.
Eco avemo porta'

regali del Oriente:
inzenso profuma',
e mira e oro fin
per regalo al Bambin.

El oro che ghe sia
per ajutar Maria
in granda poverta',
e mira che ghe sia

quando che 'l morira'.
Inzenso per profumar
questa misera stala
dove el riposara',

fin che per far la straje
de qua i lo scazziara'.
E adesso noi partiam
in Oriente torniam,

e qua lassiamo el cor
in man de nostro Signor
e in brazzo de Maria.
E cossi sia.

La Befana

Viene viene la Befana,
vien dai monti a notte fonda.
Come è stanca! La circonda
neve, gelo e tramontana.
   Viene viene la Befana.

Ha le mani al petto in croce,
e la neve è il suo mantello
ed il gelo il suo pannello
ed il vento la sua voce.
   Ha le mani al petto in croce.

E s’accosta piano piano
alla villa, al casolare,
a guardare, ad ascoltare
or più presso or più lontano.
   Piano piano, piano piano.

Che c’è dentro questa villa?
Uno stropiccìo leggero.
Tutto è cheto, tutto è nero.
Un lumino passa e brilla.
   Che c’è dentro questa villa?

Guarda e guarda...tre lettini
con tre bimbi a nanna, buoni.
guarda e guarda...ai capitoni
c’è tre calze lunghe e fini.
   Oh! tre calze e tre lettini.

Il lumino brilla e scende,
e ne scricchiolan le scale;
il lumino brilla e sale,
e ne palpitan le tende.
   Chi mai sale? Chi mai scende?

Co’ suoi doni mamma è scesa,
sale con il suo sorriso.
Il lumino le arde in viso
come lampada di chiesa.
   Co’ suoi doni mamma è scesa.

La Befana alla finestra
sente e vede, e s’allontana.
Passa con la tramontana,
passa per la via maestra,
   trema ogni uscio, ogni finestra.

E che c’è nel casolare?
Un sospiro lungo e fioco.
Qualche lucciola di fuoco
brilla ancor nel focolare.
   Ma che c’è nel casolare?

Guarda e guarda... tre strapunti
con tre bimbi a nanna, buoni.
Tra la cenere e i carboni
c’è tre zoccoli consunti.
   Oh! tre scarpe e tre strapunti...

E la mamma veglia e fila
sospirando e singhiozzando,
e rimira a quando a quando
oh! quei tre zoccoli in fila...
   Veglia e piange, piange e fila.

La Befana vede e sente;
fugge al monte, ch’è l’aurora.
Quella mamma piange ancora
su quei bimbi senza niente.
   La Befana vede e sente.

La Befana sta sul monte.
Ciò che vede è ciò che vide:
c’è chi piange e c’è chi ride;
essa ha nuvoli alla fronte,
   mentre sta sull’aspro monte.

Giovanni Pascoli (1855-1912)

La leggenda

I Re Magi stavano andando a Betlemme per rendere omaggio al Bambino Gesù. Giunti in prossimità di una casetta decisero di fermarsi per chiedere indicazioni sulla direzione da prendere. Bussarono alla porta e venne ad aprire una vecchina. I Re Magi chiesero se sapeva la strada per andare a Betlemme perchè là era nato il Salvatore. La donna che non capì dove stessero andando i Re Magi, non seppe dare loro nessuna indicazione.

I Re Magi chiesero alla vecchietta di unirsi a loro, ma lei rifiutò perchè aveva molto lavoro da sbrigare. Dopo che i tre Re se ne furono andati, la donna capì che aveva commesso un errore e decise di unirsi a loro per andare a trovare il Bambino Gesù. Ma nonostante li cercasse per ore ed ore non riuscì a trovarli e allora fermò ogni bambino per dargli un regalo nella speranza che questo fosse Gesù Bambino. E così ogni anno, la sera dell' Epifania lei si mette alla ricerca di Gesù e si ferma in ogni casa dove c'è un bambino per lasciare un regalo, se è stato buono, o del carbone, se invece ha fatto il cattivo.

A Capodistria negli anni '40 nell'asilo di Calle San Biagio (e altrove in Istria), si cantavano la seguente filastrocca in dialetto istroveneto:

La Befana vien de note
Cole scarpe tuto rote
Col capel ala romana
Viva, viva, la Befana.

Le maestre invece ne insegnavano una in lingua italiana:

Viene, viene la Befana
Vien dai monti a notte fonda
Come è stanca, la circonda
Neve, gelo e tramontana
Viene, viene la Befana.

E poi si sentiva:

A Barbana:

L'Epifania tute le feste la scova via,
ma poà vien quel mato de carneval,
che indrio le fa tornar.

A Fiume:

L'Epifania tute le fest la scova via,
Se la vien con piove e bora,
Nel inverno semo fora
Se la vien con bel tempo,
Nel inverno semo dentro.

Sources:

  • Jurina i Franina, Rivista di varia cultura istriana, No. 55 / inverno 1993.
  • Tri kralja jahahu - http://www.hrt.hr/arhiv/bozic/tri.htm
  •  http://digilander.libero.it/driocastiel/storiaecultura/inniecanzonistriane/cantoepifania.htm
  • Tu scendi dalle stelle - http://ingeb.org/spiritua/tuscendi.html
  • Gesù Bambino - http://www.ingeb.org/spiritua/gesubamb.html
  • La Befana song - http://italian.about.com/library/weekly/aa120600j.htm
  • Pietro Valente
  • Giuseppe Radole, Folclore Istriano, MGS Press (Trieste, 1997
  • Leggenda - http://www.vicenza.com/mx_op-nwarticoli_id-0000002618_cat-3038008002.shtml and  http://www.ddripandelli.it/tamtam/numero04/epifania.htm

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Monday, November 04, 2002; Last updated: Sunday, January 11, 2009
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA