History and Folklore
Music


The Origins of Capriccio Italien in A Major, op. 45 (1880)
by Pyotr Ilyich Tchaikovsky (1840-1893)


Playing in the background: Capriccio Italien (MIDI)
(From: Laura's MIDI Heaven)

  • Data di composition: January 1880 (initial) - May 1880 (final revision)
  • First performance: 18 December 1880, Moscow
  • Dedicated to: Karl Juliovic Davydov

Picture of TchaikovskyTchaikovsky's inspiration for the Capriccio Italien seems to have come almost as much from the model of one of his great Russian predecessors as from the melodies he heard everywhere around him during his 1880 trip to Rome. In a letter to his patron Nadezhda von Meck, he declared, "I want to compose something like the Spanish fantasias of Glinka." He wrote again a week later, "I have already completed the sketches for an Italian fantasia on folk tunes for which I believe a good fortune may be predicted. It will be effective, thanks to the delightful tunes which I have succeeded in assembling partly from anthologies, partly from my own ears in the streets."

Of the five tunes that make up the thematic material of the Capriccio, only two have been identified: the opening fanfare, which the composer's brother Modest identified as a trumpet call Tchaikovsky heard every day from the barracks beside his hotel in Rome, and the final tarantella, known in Italy as "Cicuzza." Tchaikovsky biographer David Brown points to the second of Glinka's Spanish overtures as the model for the Capriccio, both make use of an abundance of folk melodies freely juxtaposed in an arrangement that evades formal rigor, favoring instead a sequence of contrasting sections.

Where Mendelssohn's Italian music was put clearly to the service of a traditionally conceived symphonic form, Tchaikovsky found in his Italian melodies a means of escaping those formal restrictions. The recently completed Fourth Symphony had left him temporarily drained, disinclined to impose upon himself yet again the demands inherent in symphonic composition. Instead, he contented himself with a work whose principal aim, according to Brown, was "the projection of bright, warm, contrasting colors," and whatever the modesty of its ambitions, the Capriccio Italien has earned a permanent place in the orchestral repertoire.

[Continued below in Italian]


  • Data di composizione: Gennaio 1880 (inizio) - Maggio 1880 (ultima revisione)
  • Prima esecuzione: il 18 dicembre 1880 a Mosca
  • Dedica: Karl Juliovic Davydov
  • Organico: ott., 3 fl., 2 ob., cor. ingl., 2 cl., 2 fag., 4 cor., 2 cornette, 2 tr., 3 trb., tuba, timp., Glockenspiel, triang., tamburo basco, piatti, grancassa, arpa e archi
  • Struttura (durata indicativa): Andante un poco rubato - Allegro moderato - Andante - Presto - Allegro moderato - Presto - Più presto - Prestissimo (16 min.)

Cajkovskij viaggiò in Italia diverse volte: in questo Paese vi trovava un rifugio tranquillo, lontano dai tormenti quotidiani della sua intensa vita in Russia. Il Capriccio è un omaggio all'Italia e rispecchia gli umori, gli stati d'animo che durante i soggiorni a Firenze, a Roma e a Napoli si impossessavano del compositore. Indubbiamente si tratta di un'opera di grande fascino, poiché è ricca e variegata, piena di spunti popolari e divertenti: in essa troviamo del tutto spiegata la sua abilità nel maneggiare motivi e canzonette popolari, ed il risultato è, citando il critico J. Warrack, una vera e propria «cartolina multicolore».

"Voglio scrivere una suite italiana su melodie popolari".

"Voglio scrivere qualcosa sul genere della fantasia spagnola di Glinka".

"Ho lavorato bene e ho già pronta in prima stesura la fantasia italiana su temi popolari. Sarà d'effetto grazie ad alcuni temi incantevoli che ho avuto modo di raccogliere parte dalle antologie, parte dalla strada con le mie orecchie."

Secondo il fratello Modest, che si trovava a Roma nello stesso periodo, il segnale di guerra della cavalleria che il compositore sentiva quotidianamente dalle finestre dell'Hotel Costanzi, dove allora viveva, servì al tema della fanfara iniziale.

Tutta la composizione è un susseguirsi di danze, un mosaico di luminose melodie popolari che incalzano l'una dietro l'altra senza un criterio ben definito. Una trascinante tarantella, dai ritmi coinvolgenti e veloci secondo il consueto divertimento Cajkovskijano, termina il Capriccio.

I tempi principali sono: Andante un poco rubato, Allegro moderato, Andante, Presto, Allegro moderato, Presto, Più presto, Prestissimo.

Cajkovskij ci dimostra qui che la sua musica non è soltanto espressione di drammi e tormenti interiori, ma è anche divertirsi, giocando con la fantasia di chi sa vedere gli aspetti più diversi e appassionanti della vita e della gente. È come se fosse riuscito, nella sua grandiosa opera, a cogliere gli aspetti estremi e opposti del nostro essere umani, quelle forme contraddittorie di vivere, ora troppo chiuse e profonde, ora più estroverse e spensierate.

L'ultima parte del capriccio si risolve in una trascinante tarantella [ascoltalo al link di sotto], dai ritmi coinvolgenti e veloci secondo il consueto divertimento cajkovskijano. Preceduta da una sorta di marcia pesantemente scandita dalle percussioni, l'accelerazione finale assume tutto quel colore e quella vivacità tale da portarci verso un ubriachezza dal ritmo vivace ed entusiasmante.

Music samples:

  • The folk song that inspired this piece has many variations in the lyrics, including "Bella ragazza dalla treccia bionda" (1938 rendition by Carlo Buti, with orchestra and chorus); "La veneranda"
  • Capriccio Italiano, Finale - Durata: 2'01" sec. (1.894Kbytes). Daniel Barenboim, Chicago Symphony Orchestra, 1982 Hamburg.

Sources:

  • English text - http://loudounsymphony.org/notes/tchaikovsky-italien Copyright 1997 by David Isadore Lieberman
  • Italian text and performers clip - http://www.it.easynet.net/ (page is no long online)
  • Capriccio Italien (MIDI) - Laura's MIDI Heaven)

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Thursday, January 24, 2002; Last updated: Sunday, January 04, 2009
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA