line_gbg68.gif (1697 bytes)

Italic
Lyrics
line_gbg68.gif (1697 bytes)

Index  |  A-G  |  I-L  M-V

Amici miei
midi

Quando ti prende la malinconia
Pensa che c’è qualcuno accanto a te.
Vivere non è sempre poesia,
Quante domande senza un perché!

Ma l’amicizia, sai, è una ricchezza,
è un tesoro che non finirà.
Metti da parte questa tua tristezza.
Canta con noi, la tristezza passerà.

[Ritornello:

Amici miei
Sempre pronti a dar la mano
Da vicino e da lontano:
Questi son gli amici miei.

Amici miei,
Pochi e veri amici miei.
Mai da soli in mezzo ai guai:
Questi son gli amici miei.]

Quando ritorna la malinconia
Questa canzone canta insieme a noi.
La tua tristezza poi se ne andrà via
E scoprirai in noi gli amici tuoi.

A volte basta solo una parola
Detta ad un amico che è un po’ giù,
Fare un sorriso che in alto vola.
Torna la vita, di nuovo si va su.

[Ritornello]

  • Testo: Piero Montanaro
  • Musica: Remigio Passarino

Amor dammi quel fazzoletino
(Il tuo fazzolettino)

Amor dammi quel fazzolettino. 
Amor dammi quel fazzolettino.
Amor dammi quel fazzolettino...
vado alla fonte, lo voglio lavar.

Te lo lavo con acqua e sapone.
Te lo lavo con acqua e sapone.
Te lo lavo con acqua e sapone... 
ogni macchietta un bacino d'amor. 

Te lo stendo su un ramo di rose. 
Te lo stendo su un ramo di rose.
Tel lo stendo su un ramo di rose... 
il vento d'amore lo deve asciugar. 

Te lo stiro col ferro a vapore.
Te lo stiro col ferro a vapore.
Te lo stiro col ferro a vapore... 
per comparire una palma di fior. 

Te lo porto di Sabato sera.
Te lo porto di Sabato sera.
Te lo porto di Sabato sera... 
di nascosto di mamma e papà. 


Amore mio non piangere
(La mondina)

Amore mio non piangere
se me ne vado via,
io lascio la risaia,
ritorno a casa mia.

Vedo laggiù tra gli alberi
la bianca mia casetta,
vedo laggiù sull'uscio
la mamma che mi aspetta.

Mamma, papà non piangere,
non sono più mondina,
son ritornata a casa
a far la signorina.

Mamma, papà non piangere
se sono consumata,
è stata la risaia
che mi ha rovinata.

Mamma, papà non piangere
se sono consumata,
è stata la risaia
che mi ha rovinata.

È stata la risaia
che mi ha rovinata.
È stata la risaia
che mi ha rovinata.


Ancora un litro de quel bon 
[No go le ciave del porton]
audio

Ancora un litro de quel bon,
Ancora un litro de quel bon,
Ancora un litro de quel bon,
po' vado [ndemo] a casa.

No go le ciave del porton
No go le ciave del porton
No go le ciave del porton 
pe'ndar a casa. 

Le go lassade in un cantòn
Le go lassade in un cantòn 
Le go lassade in un cantòn 
de la scarsela. 

No voio cafè nero, no,
No voio cafè nero, no,
No voio cafè nero, no,
ma deme trapa! 

Marieta, buta zo 'l paiòn,
Marieta, buta zo 'l paiòn,
Marieta, buta zo 'l paiòn,
che dormo in strada!


Angiolina

O Angiolina, bela Angiolina.
O Angiolina, bela Angiolina.
innamorato io son di te
innamorato da l'altra sera
quando venni ballar con te.
Innamorato da l'altra sera
quando venni a ballar con te.

E la gaveva 'na vesta rossa
E la gaveva 'na vesta rossa
E le scarpete co' le rosete
fate aposta per ben ballar
E le scarpete co' le rosete
fate aposta per ben ballar.


Aveva gli occhi neri

Aveva gli occhi neri, neri, neri, 
la faccia di un bambino appena nato, 
l'ho vista ieri sera e l'ho baciata, 
l'ho vista ieri sera e l'ho baciata.

La va, la va in filanda a lavorare, 
per guadagnarsi il pane col sudore 
l'ho vista ieri sera a far l'amore, 
l'ho vista ieri sera a far l'amore.

La ga la bicicietta stretta stretta, 
che passa l'ortolan con la carretta, 
l'ho vista ieri sera e l'ho baciata, 
l'ho vista ieri sera e l'ho baciata.

Aveva i capelli d'oro fino, fino, 
il labbro d'un bel rosso porporino, 
l'ho vista ieri sera in giardino, 
l'ho vista ieri sera a far l'amor.


Babbo non vuole

Bella ragazza dalla treccia bionda,
i giovani per voi fanno la ronda
babbo non vuole, mamma nemmeno
come faremo a fare l'amor?
Babbo non vuole, mamma nemmeno
come faremo a fare l'amor?

Venir se voi volete nel giardino,
vi troverete o bella un gelsomino.
Babbo non vuole, mamma nemmeno,
come faremo a fare l'amor?
Babbo non vuole, mamma nemmeno
come faremo a fare l'amor.

Un gelsomino a voi v'ho regalare
in pegno del mio vero e grande amore.
Babbo non vuole, mamma nemmeno,
come faremo a fare l'amor?
Babbo non vuole, mamma nemmeno,
come faremo a fare l'amor?

Poi vi diro che rosa a primavera
non e quanto voi siete tanto cara.
Babbo non vuole, mamma nemmeno,
come faremo a fare l'amor?
Babbo non vuole, mamma nemmeno,
come faremo a fare l'amor?

  • Elaborazione Lumni 
  • Ed. Midem/Karma It.
  • Cantata da Orietta Berti, "Così come le canto°
  • Polydor - 2448 032 A

Balocchi e profumi

Tutta sfolgorante è la vetrina
piena di balocchi e profumi.
Entra con la mamma la bambina
tra lo sfolgorio di quei lumi…
"Comanda signora?"
"Cipria e colonia Coty…"

"Mamma!
-mormora la bambina
mentre, pieni di pianto ha gli occhi-
per la tua piccolina
non compri mai balocchi
mamma, tu compri soltanto i profumi per te!"

Ella, nel salotto profumato
ricco di cuscini di seta,
porge il labbro tumido al peccato,
mentre la bambina, indiscreta,
dischiude quel nido
pieno d'odor di Coty…

"Mamma…

Esile, agonizza la bambina..
Or la mamma non è più ingrata:
corre a vuotar tutta la vetrina
per la sua figlia malata..
"Amore mio bello,
ecco i balocchi per te…"

"Grazie!
-mormora la bambina,
vuole toccare quei balocchi…
Ma il capo già reclina,
e già socchiude gli occhi..
Piange la mamma, pentita,
stringendola al cuor!


Bati, bati le manine
audio

Una delle poche filastrocche rimaste vive. La si canta al  bambinello per invogliarlo a sorridere e a battere le manine.

Bati, bati le manine 
Che vignirà papà:
porterà i bomboni
e (N.) li magnerà.

Batti, batti le manine
che arriverà il papà:
porterà le caramelle
e (N.) le mangerà.


Bella bimba [La villanella]
MIDI (1 & 2) + score

Canzone dal Veneto

Guarda che passa, la villanella*,
Agile snella* saben danzar,
O come balli bene bella bimba,
Bella bimba, bella bimba. 
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, balli ben.

Guarda che passa, la villanella,
Agile snella saben danzar,
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, bella bimba.
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, balli ben.

Danza al mattina, danza alla sera, 
sempre leggera, sembra volar.
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, bella bimba.
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, balli ben.

Danza al mattina, danza alla sera, 
sempre leggera, sembra volar.
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, bella bimba.
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, balli ben.

Guarda quel merlo su quella pianta,
Come ben canta, seza passion.
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, bella bimba.
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, balli ben.

Guarda quel merlo su quella pianta,
Come ben canta, seza passion.
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, bella bimba.
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, balli ben.

Variation:

Guarda quel merlo su quella pianta,
Come ben canta, seza passion.
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, bella bimba.
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, balli ben.

Guarda quel merlo su quella pianta,
Come ben canta, seza passion.
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, bella bimba.
O come balli bene bella bimba
Bella bimba, balli ben.

Varda che passa la villanella:
Os-ce* che bela, fa inamorar!
O come bali ben, bella bimba
Bella bimba, bali ben.

Varda quel vecio sotto la scala,
Os-ce che bala ch'el ga ciapà* !
O come balli bene bella bimba,
Bella bimba, bella bimba.
O come balli bene bella bimba.
Bella bimba, balli ben.

Varda quel merlo* dentro la gabbia*,
Os-ce che rabbia ch'el ga ciapà!
O come balli bene bella bimba,
Bella bimba, bella bimba.
O come balli bene bella bimba,
Bella bimba, balli ben.

Varda quel merlo* dentro la gabbia*,
Os-ce che rabbia ch'el ga ciapà !
O come balli bene bella bimba,
Bella bimba, bella bimba.
O come balli bene bella bimba,
Bella bimba, balli ben.

* nella = junge Bäuerin | * snello = schlank
* os­ce (Hostie) = Hei! Donnerwetter | 
* achiappare = fangen, bekommen

* merlo = Amsel | * gabbia = Käfig


Bella istriana mia

L'estate mi porterà,
oltre la nostra frontiera,
tra gente calda e ospitale,
in una bella riviera,

Da Capodistria ad Isola,
Da Portorose a Pirano,
Chi vuole l'estate d'amore,
Del dolce incanto istriano.

Nei occhi tuoi c'è il mare,
Bella istriana mia,
E nelle tue parole,
C'è tanta poesia.

La nostra bella rosa,
Su l'onda sta lontana,
Ed io ti stringo al cuore,
Mia bella istriana.

L'estate mi porterà,
Oltre la nostra frontiera.
Tra gente calda e ospitale,
In una bella riviera.

Da Capodistria ad Isola,
da Portorose a Pirano.
Chi vuole l'estate d'amore,
del dolce incanto istriano.

Nei occhi tuoi c'è il mare,
Bella istriana mia.
E nelle tue parole,
C'è tanta poesia.

La nostra bella rosa,
Sull'onda sta lontana.
Ed io ti stringo al cuore,
Mia bella istriana.

Ti stringo al cuor,
Mia bella istriana.
Per tanto amor,
Mia bella istriana.

  • Cantante: Lidija Percan (Lidia Persan)

Bella ragazza dalla treccia bionda
Babbo non vuole / Son'nnamorata di Pepin, io voglio

The lyrics of this old classic has many variations. It also became the primary musical theme in Tchaikovsky's Capriccio Italien. We present here the 1938 Carlo Buti version, also given below in Spanish translation, and also the Orieta Berti version.

Carlo Buti rendition:

Bella ragazza dalla treccia bionda,
Per nome vi chiamate Veneranda
Li giovani per voi fanno la ronda

Papà non vuole, Mamma nemmeno
Come faremo Per far l'amor?

Venir se voi volete nel giardino,
voi troverete, o bella, un tulipano
Che fatto par pel vostro canestrino.

Papà non vuole, Mamma nemmeno
Come faremo Per far l'amor?

E se mi date un sguardo rubacore,
Io, bella, proprio a voi lo voglio dare
Quel fior che tengo e che m'ha dato amore.

Papà non vuole, Mamma nemmeno
Come faremo Per far l'amor?

Poi vi dirò che rosa in primavera
Non è tanto voi siete tanto cara,
E voi ci avrete gusto...e buona sera.

Papà non vuole, Mamma nemmeno
Così faremo per far l'amor.

Spanish translation:

Papai não quer, mamãe também,
como faremos a namorar.
Papai não quer, mamãe também,
como faremos a namorar.

Bela garota com as tranças loiras,
de nome te chamas Veneranda,
os jovens por ti fazem a ronda.

Papai não quer, mamãe também,
como faremos a namorar.
Papai não quer, mamãe também,
como faremos a namorar.

Se pois queres vir em Paraíso,
encontrarás, o bela, um girassol
que parece feito para beijar-te o rosto.

Papai não quer, mamãe também,
como faremos a namorar.

Papai não quer, mamãe também,
como faremos a namorar.

E se me dás um trevo de quatro folhas,
eu, bela, mesmo a ti a quero dar
aquela flor que tenho e que me deu amor.

Papai não quer, mamãe também,
como faremos a namorar.

Papai não quer, mamãe também,
como faremos a namorar.

Pois te direi que rosa em primavera
não é tão querida como és tu,
e depois tu tomas gosto e....boa noite!

Papai não quer, mamãe também,
como faremos a namorar.

Papai não quer, mamãe também,
como faremos a namorar.

Source: http://www.buscarletras.com.br/carlo-buti/letra-bella-ragazza-dalle-trecce-bionde-traducao.html

Orietta Berti (from the album "Cosi' come le canto"):

Babbo non vuole

Bella ragazza dalla treccia bionda
i giovani per voi fanno la ronda
babbo non vuole, mamma nemmeno
come faremo a fare l'amor
babbo non vuole, mamma nemmeno
come faremo a fare l'amor.

Venir se voi volete nel giardino
vi troverete o bella un gelsomino
babbo non vuole, mamma nemmeno
come faremo a fare l'amor
babbo non vuole, mamma nemmeno
come faremo a fare l'amor.

Un gelsomino a voi v'ho regalare
in pegno del mio vero e grande amore
babbo non vuole, mamma nemmeno
come faremo a fare l'amor
babbo non vuole, mamma nemmeno
come faremo a fare l'amor.

Poi vi dirò che rosa a primavera
non è quanto voi siete tanto cara
babbo non vuole, mamma nemmeno
come faremo a fare l'amor
babbo non vuole, mamma nemmeno
come faremo a fare l'amor

Elaborazione Lumni
Ed. Midem/Karma It.


Bigoli co' le luganighe

This snippet of song is sometimes used as a "ritornello" for "La mula de Parenzo / Polenta e Bacalà°. .

Me piase i bigoli co' le luganeghe
Marieta damele sul canapè
Marieta damele per carità
Marieta damele per carità.

Me piase i bigoli su le luganeghe
Marieta damele sul canapè
Marieta damele per carità
Per carità.


Bionda, bella bionda
audio

E mi son chi in filanda,
Speti che'l vegna sera,
Che'l me moros al vegna,
Per compagnarmi a casa.
Per compagnarmi a casa,
Per compagnarmi a letto,
Farem un bel sognetto,
Un sognettin d'amor.

Refrain:

Bionda bella bionda,
O biondinella d'amor.
Bionda o bella bionda
O biondinella d'amor.

E ti colla barchetta,
E mi col timonello,
Andrem pian, pian, bel, bello,
Andrem pian, pian, bel, bello.
E ti colla barchetta,
E mi col timonello,
Andrem pian, pian, bel, bello,
In sulla riva del mare.

(Refrain)

Quando ero piccina piccina
Mio papà mi portava a giocar,
Mi diceva Marietta vien grande,
Mi diceva Marietta vien grande.
Quando ero piccina piccina
Mio papà mi portava a giocar,
Mi diceva Marietta vien grande
Che ti voglio maritar.

(Refrain)

Grandicella io sono venuta,
All'età di sedici anni,
Ho una figlia che chiama già mamma,
Ho una figlia che chiama già mamma,
Grandicella io sono venuta,
All'età di sedici anni,
Ho una figlia che chiama già mamma,
Ma non ha mai conosciuto 'l pappà.

(Refrain)


Cara Clorinda, me mari l'e bon

Cara Clorinda io sono peppino
Dammi un bacino piu bellino che tu puoi
Se me neghi con tanto prego
In mezze ai guai tu mi metterai

Sta zitto non parlare
A me di queste cose
Son troppo vergognosa
Per far I'amor con tè

Sta zitto non parlare
A mè di queste cose
Son troppo vergognosa
Per far I'amor con tè.

E me mari l'e bon
L'e bon l'e tantu bon
Soltanto la Domenica
Soltanto la Domenica
E me marì l'e bon
L'e bon l'e tantu bon
Soltanto la Domenica
Mi unge col baston.

  • Cantato da Valtaro, 
    "New Sing Along in Italian, Vol 5" - LP 792
  • Copyright Miserlou Publishing Co. Inc.
    (New York City, 1962)
  • Standard-Colonial Records, Inc.

Cativo custode (e la fia del paesan)
audio

E la fia del paesan,
tuti dì che la xe bela.
Tanto bela non la xe,
la faremo rimirare.

La faremo rimirar,
da un do, tre soldati armati.
El più`bel de questi tre,
el se la pota via.

L`ha portata sai lontan,
L`ha portata in 'un castelo.
L`ha condana`per sete ani,
se ga scoprì na finestrela.

La guardava de lontan,
la guardava i bastimenti.
O papà, mio bel papà,
cossa mai dira la gente?

Tuti parla mal di te,
Che sei figlia disgraziata.
Disgraziata io non son
io son dona maritata.

  • Musica Emil-Zonta con strumenti
  • Armonica Triestina, bais sopele,clarino, meh,
    flauto in canna, violino mandola, flauto dolce.
  • Capodistria, 1908, rilevato da Leone Volpis
  • Raccolta: Giuseppe Vidossi, canta coro Villotta.

Che bel che iera

Sta vecia fotografia,
fata cinquant'anni fa,
la guardo, la volto, la giro,
cusì tanto tempo xe za pasà!

Un caro de muleria,
tira` da un sgaio museto,
e ogni tanto anche un baseto,
un goto de vin e tanto morbin.

Che bel che iera - co'ierimo giovani,
co' ierimo poveri - el sol ne scaldava,
quel po' ne bastava, l'amor che naseva...
per esser contenti - che bel che iera,
Che bel che iera - che bel che iera...

El tempo svola in un lampo,
e presto te riva el momento,
te toca tirà i remi in barca,
e lasarte portar da la corente.

Quanta fadiga fradei,
per gaver un po' de più da la vita
ma poi ti faria anche 'l boia,
per poder tornar indrio e no ti pol più.
Che bel che iera.

  • Musica di Piero Soffici
  • Versi di Luciano Beretta
  • Canta Italia Vaniglio
  • Durata: 3 min. 

Ciribiribin paghé 'na bira

Ciribiribin, paghè 'na bira, 
Ciribiribin, no go moneda, 
Ciribiribin, doman de sera, 
Ciribiribin, la pagherò! 

Sei bella, sei cara, 
bella, non piangere! 
bella, non piangere! 
Sei bella, sei cara, 
bella, non piangere 
nè sospirar! 

Ciribiribin, ghe vol persuto, 
Ciribiribin, e mortadela, 
Ciribiribin, la mula bela 
Ciribiribin per far l'amor. 

Sei bella, sei cara, 
bella, non piangere! 
bella, non piangere! 
Sei bella, sei cara, 
bella, non piangere 
nè sospirar! 


Come porti i capelli bella bionda

Come porti i capelli bella bionda
tu li porti alla bella marinara
tu li porti come l'onda, tu li porti come l'onda
ma come porti i capelli bella bionda
tu li porti alla bella marinara
tu li porti come l'onda, come l'onda in mezzo al mar.

Ah guardi, io non ho una regola fissa
perchè io nasco castano chiaro
perchè i miei capelli sono castani chiari,
però sotto le ascelle sono testa di moro
e più giù sono rossa,
io preferirei diversamente cioè preferirei,
sotto le ascelle rossa
e più giù la testa del moro.

Là in mezzo al mar ci stan camin che fumano
là in mezzo al mar ci stan camin che fumano
là in mezzo al mar ci stan camin che fumano
saran della mia bella che si consumano.

Ah sì guardi, come prodotti, come prodotti,
come si chiama quello per accendere il gas,
come si chiama, o santo cielo,
non mi ricordo più come si chiama,
ah sì zolfo, io prendo lo zolfo
poi vado dal mio parrucchiere, dal Gino e
mi faccio massaggiare tutta la cute e anche sotto.

Come porti i capelli bella bionda
tu li porti alla bella marinara
tu li porti come l'onda, tu li porti come l'onda
ma come porti i capelli bella bionda
tu li porti come l'onda, come l'onda in mezzo al mar.

Ah guardi, cioè, dipende molto anche delle serate,
dall'abito che ne so, per esempio,
che ne so, io cosa ne so, scusi perchè continua
a farmi tutte queste domande,
io cosa ne so, poi guardi allora io vado
dal mio coiffeur e poi mi faccio tante...

Là in mezzo al mar ci stan camin che fumano
là in mezzo al mar ci stan camin che fumano
là in mezzo al mar ci stan camin che fumano
saran della mia bella che si consumano.

Beh, guardi, cioè come prodotti
io faccio un giorno sì e un giorno no
faccio i colpi di sole e le mechès,
ogni nove mesi faccio la placenta
e poi bevo un bicchierino di balsamo
così mi si gonfiano tutte le scapole.

Come porti i capelli bella bionda
tu li porti alla bella marinara
tu li porti come l'onda, tu li porti come l'onda
ma come porti i capelli bella bionda
tu li porti come l'onda, come l'onda in mezzo al mar.

O guardi, senta, scusi, un giorno il Gino
il mio parrucchiere Gino,
mi aveva appena fatto la permanente, io
lo chiamo il Gino, però lo chiamo coiffeur
perchè lui è di Punta Raisi, sono uscita
è venuto un monsone ho preso
tanta di quell'acqua che ho pianto,
la mia portinaia mi ha preso a schiaffi.

Là in mezzo al mar ci stan camin che fumano
là in mezzo al mar ci stan camin che fumano
là in mezzo al mar ci stan camin che fumano
saran della mia bella che si consumano

Ah senta, no guardi allora io faccio delle
applicazioni di ortiche, no,
poi così per stimolare il bulbo,
a me non è successo niente ma al Gino
gli si è gonfiato il bulbo,
pensi gli han dovuto cambiare la lampo.

Come porti i capelli bella bionda
tu li porti alla bella marinara
tu li porti come l'onda, tu li porti come l'onda
ma come porti i capelli bella bionda
tu li porti alla bella marinara
tu li porti come l'onda
come l'onda in mezzo al mar.

Là in mezzo al mar ci stan camin che fumano
là in mezzo al mar ci stan camin che fumano
là in mezzo al mar ci stan camin che fumano
saran della mia bella che si consumano

Ah senta, scusi signor marinaio, ma signor
marinaio mi scusi, ma cosa fa,
ma adesso se ne va, mi fa un sacco di
domande e poi se ne va, signor marinaio,
mezzo marinaio, venga marinaio,
le faccio vedere il bulbo, marinaio, senta,
senta, signor marinaio, ciao, ciao, ciao...


'Coreva andar pel mondo...?

Co' la fiaca strassinando i pie',
un giorno in bosco Siana tornerò,
de ciclamini un masseto ingrumerò
e a casa in un bicer li meterò,
per ricordar con tanto amor,
la` dove un giorno go lassado el cuor.

'Coreva andar pel mondo?
e tanto tribolar,
per capir che tuto il mondo,
lo gavevimo qua!

A xe cosi la vita,
ghe vol ciorla come che la vien,
bastava un toco de sofita,
e volerse un po de ben.

Gente bona, gente cativa,
dapertuto ti pol trovar,
ma la tua tera no' te ga mai inganà,
ti vedi la xe ancora qua:

Le bianche sponde, i verdi oliveti,
el sol che mori sui veci teti.
. . . . . . . . .

Coreva andar pel mondo?
e tanto tribolar,
per capir che tuto il mondo,
lo gavevimo qua!

  • Parole e musica di Pietro Soffici
  • Canta Ines Budicin
  • Durata 2 min. 40 sec.

Cosa me fa sofrir

Son vecio de otant'ani,
crigo de malani,
el mondo xe cambiado,
el bel per mi pasado.

In fondo al cuor no`sento,
tristesa nè spavento,
al pensier de la morte,
comune xe la sorte.

Cosa me fa sofrir?

No' poderò morir,
la dove che son nato,
e son vissù,
e son vissù beato.

  • Versi di Mario Davanzo
  • Musica di Piero Soffici
  • Canta Piero soffici
  • Durata: 2 min.20 sec.

Da Trieste fin a Zara
audio

De Trieste fin a Zara 
go impegnà la mia chitara, 
Amor, amor, amor! 
Amor, amor, amor! 
De Trieste fin a Zara 
go impegnà la mia chitara, 
Amor, amor, amor! 
Chè Trieste xe un bel fior!

Iero in campagna col primo amore, 
oh, che bel fior! 
Oh, che bel fior! Oh, che bel fiore! 
Iero in campagna col primo amore, 
oh, che bel fior! Oh, che bel fior! 
Viva l'amor!

De Trieste fin Duino 
go impegnado el mandolino, 
Amor, amor, amor!
Amor, amor, amor!
De Trieste fin Duino 
go impegnado el mandolino, 
Amor, amor, amor!
Chè Trieste xe un bel fior!

Iero in campagna col primo amore, 
Oh, che bel fior! Oh, che bel fiore! 
Iero in campagna col primo amore, 
oh, che bel fior! Oh, che bel fior! 
Viva l'amor!

De Trieste fin a Pola 
go impegnà la mia zivola, 
Amor, amor, amor!
Amor, amor, amor!
De Trieste fin a Pola 
go impegnà la mia zivola, 
Amor, amor, amor! 
Chè Trieste xe un bel fior.

Iero in campagna col primo amore, 
Oh, che bel fior! Oh, che bel fior! 
Iero in campagna col primo amore, 
oh, che bel fior! Oh, che bel fior! 
Viva l'amor (sul paion)! 


E mi la donna bionda

E mi la donna bionda la voio no. (2x)
tutti i veci ghe fan la ronda
e mi la donna bionda (2x)
tutti i veci ghe fan la ronda 
e mi la donna bionda la voio no.

E mi la donna mora la voio no. (2x)
donna mora l'è traditora
e mi la donna mora (2x)
donna mora l'è traditora
e mi la donna mora la voio no.

E mi la donna rossa la voio no (2x)
all'inverno le vien la giossa
e mi la donna rossa (2x)
all'inverno le vien la giossa
e mi la donna rossa la voio no.

E mi la donna riccia la voio no. (2x)
sotto i ricci la ga i capricci,
e mi la donna riccia (2x)
sotto i ricci la ga i capricci
e mi la donna riccia la voio no.

E mi la donna grassa la voio no. (2x)
tutta quanta la te sconquassa,
e mi la donna grassa (2x)
tutta quanta la te sconquassa
e mi la donna grassa la voio no.

E mi la donna secca la voio no. (2x)
pesa come una bistecca
e mi la donna secca (2x)
pesa come una bistecca
e mi la donna secca la voio no.

E mi la donna bella la voio sì. (2x)
la ga i oci che par na stella,
e mi la donna bella (2x)
la gh'ha i oci che par na stella,
e mi la donna bella la voio sì.


E picchia picchia la porticella

E pichia pichia la porticela
che la mia bella la mi vien d'aprir
e picchia picchia la porticella
che la mia bela la mi vien d'aprir.

Con una mano aprè la porta
e con la boca la mi da un bacin
con una mano apre la porta
e con la boca la mi da un bacin.

E quel bacino fu tanto forte
che la mia mamma la mi gà senti
e quel bacino fu tanto forte
che la mia mama la mi gà senti.

Che cosa hai fato figliola mia
che tutto il mondo parla mal di te
La che cosa hai fato figliola mia
che tutto il mondo parla mal di te.

E lascia pure che il mondo dica
io voglio amare chi mi ama me
e lascia pure che il mondo dica
io voglio amare chi mi ama me.

Io voglio amare quel giovanoto
ch'ha fat set'ani di prigion per me
io voglio amare quel giovanoto
ch'ha fat set'ani di prigion per me.

Dopo set'ani e sete mesi
e sete giorni di prigion per me
dopo set'anni e sete mesi
e sete giorni di prigion per me.

E la prigione gli è tanto scura
mi fa paura la mi fa morir
e la prigione gli e tanto scura
mi fa paura la mi fa morir.
la la la la la la

  • P.D.
  • Cantata da Orietta Berti, "Così come le canto"
  • Polydor # 2448-032-A

El spazzacamin
MP3

(Dal Dialetto milanese)

Su e giù per le contrade
Di qua e di là si sente
‘na voce allegramente
‘riva el spazzacamin!
Su e giù per le contrade
Di qua e di là si sente
‘na voce allegramente
‘riva el spazzacamin!

S’affaccia a la finestra
La bella signorina
Con voce graziosina
Ciama el spazzacamin
S’affaccia a la finestra
La bella signorina
Con voce graziosina
Ciama el spazzacamin

Prima lo fa entrare
E poi lo fa sedere
Gli dà mangiare e bere
Per poi spazzà el camin
Prima lo fa entrare
E poi lo fa sedere
Gli dà mangiare e bere
Per poi spazzà el camin

E dopo aver mangiato
Mangiato e ben bevuto
Gli fa vedere il buco
Il buco del camin
E dopo aver mangiato
Mangiato e ben bevuto
Gli fa vedere il buco
Il buco del camin

E quel che mi rincresce
O caro giovinetto
Che il mio camin l’è stretto
Com’ el farà a passar?
E quel che mi rincresce
O caro giovinetto
Che il mio camin l’è stretto
Com’ el farà a passar?

Non dubitar signora
Son vecchio del mestiere
So fare il mio dovere
Su e giù per il camin
Non dubitar signora
Son vecchio del mestiere
So fare il mio dovere
Su e giù per il camin

E dopo quattro mesi
La luna va crescendo
La gente va dicendo
L’è lo spazzacamin
E dopo quattro mesi
La luna va crescendo
La gente va dicendo
L’è lo spazzacamin

E dopo nove mesi
È nato un bel bambino
Che somigliava tutto
A lo spazzacamin
E dopo nove mesi
È nato un bel bambino
Che somigliava tutto
A lo spazzacamin.

Segnalato da Testo e musica di Nanni Svampa


El tram de Opcina
[La nova bora]
audio

Tre date - 10 ottobre 1902, carnevale 1911, 14 luglio 1916 – hanno concorso a creare l’enigma della canzonetta del "Tram de Opcina". La prima è quella del famoso incidente occorso alla trenovia, la  seconda segnò la comparsa della canzonetta "Le cotole strete"  di Ettore Generini e Giorgio Ballig, la terza è quella della pubblicazione – da parte dell’editore Carlo Schmidl di Trieste – della marcia "Die neue Bora" ("La nuova Bora") del M.° Franz Zitta. Tutto sarebbe stato semplice ed ovvio qualora fosse dapprima apparsa la canzonetta "Le cotole strette" e se questa avesse fatto seguito la rielaborazione popolare ispirata all’incidente del "tran de Opcina".

Accadde invece che quest’ultimo venne revocato a nove anni di distanza, ciò costituì un caso più unico che raro. Fino ad allora, infatti, tutti gli anonimi cantastorie di Trieste avevano cantato con immediatezza i fatti di cronaca utilizzando comunissime melodie  popolari: si pensi ad "Antonio Freno". [continua sotto]

E anche il tram de Opcina 
xe nato disgrazià: 
vignindo [vignudo] zo per Scorcola 
'na casa [el] ga ribaltà. 
Bona de Dio 
che iera giorno de lavor 
e drento no ghe iera 
che 'l povero frenador! 

Ritornello:
E come la bora che vien e che va, 
i disi che 'l mondo se ga ribaltà! 
E come la bora che vien e che va, 
i disi che 'l mondo se ga ribaltà! 

E anche il tram de Servola 
xe nato disgrazià. 
Corendo in Galeria 
in piazza el xe sbrissà. 
Drento ghe iera 
diverso personal 
che se ga ribaltado 
e se ga fato mal!

(Ritornello)

E anche 'ste mulete 
tute mate pe' l' capèl, 
le zerca de compagnarse 
da qualche bel putel; 
ma co le 'riva a casa 
se senti un gran bordel, 
e pare, mare e fia 
copa i zimisi col martel! 

(Ritornello)

L'Italia ga pan bianco,
la Francia ga bon vin,
Trieste ga putele, 
tute carighe de morbin,
carbon ga l'Inghiltera,
la Rusia ga cavial
e l'Austria ga capuzi
che no se pol magnar!

(Ritornello)

E anca el tran de Servola
xe nato disgrazià:
rivà fora del tunel
no 'l se ga più fermà.
Bona de Dio
vhe ghe iera el parador,
se no l'andava in piazza
e 'l finiva in pissador.

(Ritornello)

***

Vecchio testo della canzone originaria:

Le cotole strette

Xe tuto sforzi inutili,
Te ga cossa sufiar
Le cotole sto’ anno 
No ti le pol alzar.
Te zerchi el lato debole 
Fis’ciando in tuti i ton
Ma te fa fiasco, cocola:
Sbassa resta il tendon: 

Ritornello:

Con tuta la bora che gira qua e là
Le bele donete che streta la ga.
La moda’sta volta xe stada moral, 
po’ disi che’l mondo va sempre più mal!

***

La strofetta si riferisce ad un episodio vero:  nel 1918 l'imperatore Carlo I erede di Francesco Giuseppe, soprannominato Carlo Piria (imbuto), passando su un ponte dell'Isonzo scivolò e cadde in acqua.  Punta Sdobba è il punto dove il fiume Isonzo  sbocca nel mar Adriatico. 

E anca sior Carleto 
Xe nato disgrazià:
andando per l’Isonzo 
in acqua xe cascà.
Bona de Dio 
Che iera su’ cugnà 
Se no’l finiva a sdoda 
In boca al baccalà!


Eviva el mar!

In mezo al mare
xe un bastimento
che speta al vento
per navigar

Eviva el mar!
son marinaro, eviva l'amore!

In mezo al mare
son tre sorele
una di quele
vorei sposar!

In mezo al mare
xe un osteria
xe l'alegria del marinar!

  • "Cantata da Coro Illsberg: Nostalgia de Trieste"
  • Discografiche Lupi - RL 18942

Finchè la barca va

Il grillo disse un giorno alla formica:
"Il pane per l'inverno tu ce l'hai,
perché protesti sempre per il vino,
aspetta la vendemmia e ce l'avrai".

Mi sembra di sentire il mio fratello
che aveva un grattacielo nel Perù,
voleva arrivare fino in cielo
e il grattacielo adesso non l'ha più.

Fin che la barca va, lasciala andare
fin che la barca va, tu non remare
fin che la barca va, stai a guardare
quando l’amore viene il campanello suonerà
quando l'amore viene il campanello suonerà.

E tu che vivi sempre sotto il sole
tra file di ginestre e di lillà,
al tuo paese c'è chi ti vuol bene
perché sogni le donne di città?

Mi sembra di vedere mia sorella
che aveva un fidanzato di Cantù,
voleva averne uno anche in Cina
e il fidanzato adesso non l'ha più.

Fin che la barca va, lasciala andare
fin che la barca va, tu non remare
fin che la barca va, stai a guardare
quando l’amore viene il campanello suonerà
quando l'amore viene il campanello suonerà.

Stasera mi è suonato il campanello,
è strano, io l'amore ce l'ho già,
vorrei aprire in fretta il mio cancello
mi fa morire la curiosità.

Ma il grillo disse un giorno alla formica:
"Il pane per l'inverno tu ce l'hai",
vorrei aprire in fretta il mio cancello
ma quel cancello io non lo apro mai.

Fin che la barca va, lasciala andare
fin che la barca va, tu non remare
fin che la barca va, stai a guardare
quando l’amore viene il campanello suonerà
quando l'amore viene il campanello suonerà.

Fin che la barca va, lasciala andare
fin che la barca va, tu non remare
fin che la barca va, stai a guardare
quando l’amore viene il campanello suonerà
quando l'amore viene il campanello suonerà.

Fin che la barca va
lasciala andare....


Fioi come noi
audio

Fioi come noi la mama non li fa piu'
La mama noi li fa pui'
Se ga roto la machineta
Se ga roto la machineta
Fioi come noi la mama non li fa piu'
Se ga roto la machineta
E non funziona piu'.


Gli scariolanti

Song of the workers making the "bonifica" of Po valley (early 20th century).

A mezzanotte in punto
Si sente un gran rumor
Sono gli scariolanti
Che vanno a lavorar.

Gli scariolanti belli,
son tutti ingannator
ch'hanno ingannà la bionda,
con un bacin d'amor.

Ritornello:

Volta rivolta e torna a rivoltar
Sono gli scariolanti
Che vanno a lavorar.


Gondola gondola gondoli

Gondola, gondola, gondoli, 
Gondola, gondolà (2x)

Un'inglesina sul Canal Grande, 
guarda la luna, sorride e va . Gondola…

Un fornaretto sentimentale 
s'affaccia al ponte, sospira e va. Gondola…

Lei gli sorride, lui fa l'occhietto,
e tutt'a un tratto nasce l'amor. Gondola…

Ogni notte a Venezia sotto il chiaro di luna, 
scivola sulla laguna il più bel sogno d'amor ... 

Gondola…

Index  |  A-G  |  I-L  M-V

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Tuesday, December 6, 1999; Last updated: Sunday, December 30, 2012
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA