line_gbg68.gif (1697 bytes)

Italic
Lyrics
line_gbg68.gif (1697 bytes)


Index  | A-G  |  I-L  M-V

Il cacciatore del bosco

Il cacciatore del bosco
mentre alla caccia andava
'incontrò 'na signorinella
graziosa e bella
il cacciatore s'innamorò.

La prese per la mano
e la condusse a sedere
dal gusto, dal piacere
e dal gran godere
la bella bimba si addormentò.

Mentre la bella dormiva
il cacciatore vegliava
pregava gli uccelletti
che non cantassero
perché la bella potesse dormir.

A mezzanotte in punto
la bella s'è svegliata
alzando gli occhi al cielo,
gridava piangendo,
Oh che crudele tu mi hai tradì

Bella non t'ho tradito,
non sono un traditore
sono figlio d'un gran signore,
d'un gran signore
Io te Io giuro ti sposerò.

Avremo dei bei figli,
che cosa ne faremo?
Faremo dei cacciatori, dei cacciatori
con allegria di mamma e papà


Il cimitero di rose

1. Sotto le cime di quegli alti monti
la mamma mia riposa tra i fiori ...
i fiori più belli e più profumati
di quelle montagne dove io sono na'!

2. Quando piccino sul letto di foglie
sempre dormivo accanto a lei
diceva: "Ricordati, e portami un fiore
quando sarò anch'io vicino al tuo papà!"

3. La mamma è morta: io devo partire
devo partire e andar 'lavorar ...
e devo lasciare i miei cari monti
come faremo a portarle quel bel fior?

4. Ho seminato un campo di rose
nel cimitero abbandonà ...
La neve dei monti sciogliendosi al sole
di quel cimitero i fiori bagnerà.

5. Son ritornato al mio paese
nel cimitero abbandonà ...
i fiori più belli e più profumati
erano quelli di mamma e di papà


Il ragazzo della via Gluk
Adriano Celentano (MP3)

Questa è la storia di uno di noi
anche lui nato per caso in via Gluck
in una casa fuori città
gente tranquilla che lavorava
La` dove c'era l'erba ora c'è una citta`
e quella casa in mezzo al verde ormai
dove sarà?

Questo ragazzo della via Gluck
si divertiva a giocare con me
ma un giorno disse, vado in città
e lo diceva mentre piangeva
io gli domando amico, non sei contento?
vai finalmente a stare in città.
Là troverai le cose che non hai avuto qui
potrai lavarti in casa senza andar
giù nel cortile!

Mio caro amico, disse, qui sono nato
e in questa strada ora lascio il mio cuore.
Ma come fai a non capire
che e` una fortuna per voi che restate
a piedi nudi a giocare nei prati
mentre là in centro io respiro il cemento.
Ma verrà un giorno che ritornero` ancora qui
e sentirò l'amico treno che fischia così, "wa wa"!

Passano gli anni, ma otto son lunghi
pero` quel ragazzo ne ha fatta di strada
ma non si scorda la sua prima casa
ora coi soldi lui può comperarla
torna e non trova gli amici che aveva
solo case su case, catrame e cemento.
Là dove c'era l'erba ora c'è una città
e quella casa in mezzo al verde ormai
dove sarà.

La la la... la la la la la...
Eh no, non so perchè
perchè continuano a costruire le case
e non lasciano l'erba, non lasciano l'erba,
non lasciano l'erba, non lasciano l'erba,
eh no, se andiamo avanti cosi`
chissà come finirà, chissà...


In meso al mar che xe...

In meso al mar ghe xe un camin che fuma,
e dentro xe 'l mio ben che se consuma:
El se consuma a poco, a poco,
come la legna verde sora `l fogo.
Dirindindin. . . . . .

El se consuma l'anima anca 'l corpo,
voio andarlo veder se 'l xe vivo o morto;
e se 'l xe morto ghe porterò el velo,
e se 'l xe vivo dormirò con elo.
Dirindindin. . . . . .

Amore, amore, non sta dubitare,
che de le done no xe carestia;
ghe xe una barca grande in meso al mare,
de le più bele che al mondo ghe sia.
Dirindindin...

In meso al mar ghe xe una fontanela,
chi bevi de quel'aqua se inamora;
mi ghe ne go bevudo ana scodela,
m'ho inamorato in te, Marieta bela.

Dirindindin...

In meso al mar ghe xe una fontanela,
chi bevi de quel'aqua se inamora;
e mi ghe ne go bevudo un scudeloto,
m`ho inamorato in te, bel giovinoto.

Dirindindin. . . . . .

  • Musica Emil Zonta con strumenti
  • Armonica Triestina, bais sopele,clarino, meh,
    flauto in canna, violino mandola, flauto dolce.
  • Capodistria, 1908, rilevato da Leone Volpis
  • Raccolta: Giuseppe Vidossi, canta coro Villotta

Variation:

In mezo al mare

(A navegar barca e batelo,
a far l'amor cuore e servelo.
A navegar batelo e barca,
a far l'amor l'amore e basta.)

In mezo al mare,
eviva el mar,
c'è una barcheta,
eviva el mar,
l'è la caseta del marinar
eviva el mar, eviva l'amor.

In mezo al mare,
eviva el mar,
c'è un pra' fiorito,
eviva el mar,
senza marito non si può star
eviva el mar, eviva l'amor.

In mezo al mare,
eviva el mar,
c'è un pra' di folie,
eviva el mar,
senza la molie non si può star
eviva el mar, eviva l'amor.

Source - http://www.canzonieredelprogno.it/cassette%20cd/in%20mezo%20al%20mare.htm

  • Per informazione di Augusta Catazzo (Cazzano di Tramigna, 1899),
    numerosissime le testimonianze.
  • Flauto: Serena Domenichini. Chitarra: Errico Pavese.
  • Violino: Aida Caldeo. Basso: Luca Viviani.
  • Solisti: Paolo Domenichini, Antonio Verlato e Luisa Anselmi.

Iò, iò cavalo
audio

Questa filastrocca la si canta per invogliare il bimbo a prendere la pappa. Naturalmente lo si fa saltare sulle ginocchia.

Iò, iò cavalo,
la mama vien dal balo
co' le scarsele piene
per darghe a le putele,
putele no le vol:
e (N.) se le ciol!


Io parto per l'America

Anonymous (perhaps late 1800s)

Io parto per l'America, l'America lontana,
Mia bella istriana non ti vedrò mai piu.
Mia bella istriana non ti vedrò mai piu.

Io parto per l'America, col lungo bastimento,
parto col cuor contento, per non vederti più.
Parto col cuor contento, per non vederti più.

Ma prima di partire, faro un giro in piazza,
Se ce qualche ragazza, che piangera per me.
Se ce qualche ragazza, che piangera per me.

Se piangeran le belle, se piangeran le brute,
Poi piangerano tutte, poi piangero anche mi.
Poi piangerano tutte, poi piangero anche mi.

Non sono americano, il mio cuore resta a casa,
Io sono istriano, in Istria tornerò,
Io sono istriano, in Istria tornerò.

Variation:

Io parto per l'America, parto sul bastimento
Io parto e son contento di non vederti più.

       2Quando sarai partito, ti troverai pentito
Ti troverai pentito d'avermi abbandonà.

       3Quando sarò in America, sposo un'americana
La bella italiana la lascio in abbandon.

       4L'anel che tu mi hai dato, l'ho messo sotto i piedi
o bello se non credi te lo farò veder!

       5O donna sei volubile, o donna senza cuore
tu mi giurasti amore con grande falsità.

       6O dammi le mie lettere, o dammi il mio ritratto
l'amor con te, vigliacco non lo farò mai più.

       7Io parto per l'America, parto sul bastimento,
arrivederci un giorno a far l'amor con te.


Istria, o Istria

Istria, o Istria,
Istria . . . . .
Istria . . . . .
O Istria.

Dalle verande tremanti,
di pini pencolanti sul mare
giunge il vento del ricordo
dei sereni giorni felici.

Scorre l`immagine più viva,
sopra lo schermo della memoria,
di ridenti borghi festosi,
di timidi baci d'amor.

Allor che l'Ave chiude,
in preghiera il giorno,
e s'accendono pallide le stelle,
nell'imminenza della notte,
dolci si spamdono voci d'amore.

Dagli orizzonti spezzati,
rimanda l'eco l'antico nome:
Istria...Istria...Istria...Istria,
Oh, Istria...aaaaaaaaaaaaa.

  • Versi di Bepi Nider
  • Musica di Piero Soffici
  • Canta il coro Franco Vittadini di Pavia
  • Diretto dal maestro Augusto Pesci
  • Durata: 3 min. 40 sec.

L'adio a Pola

I disi che bisogna far valise,
Che in primavera dovarò pompar,
Con quatro fazoleti e do camise,
E con do brazi che sa lavorar.

Se devo andar, te voio dir adio,
Come sa dir adio un polesan,
A saludarte come un vero fio,
Che parti, per andar assai lontano.

Solo due lagrime, una per ocio,
E po in zenocio, questa terra baserò
Solo due lagrime, el cor in gola,
Mia cara pola, mi te saluderò.

Adio voio dirghe a la caseta,
Dove go pasà la gioventù,
Adio a questa terra benedeta,
Perche se vado non te vedo più.

Con la coscenza più che mai serena,
Do robe voio cior per ricordar,
In t'un scartosso un tochetin dè rena,
In 'na fiascheta un fia` del tuo bel mar.

  • Parole: Arturo Daici
  • Musica: Olindo Pascotto

L'Alegria / La ligrie

This lively song from Veneto is about how joy is for young people and not old married couples. The young man says tomorrow is a holiday so he is going to go find his sweetheart and have fun. He forgot to go to church on the day he was supposed to get married because he didn't want to stop having fun.

E l'alegria la vien dai zòveni 
E l'alegria la vien dai zòveni 
E l'alegria la vien dai zòveni 
e non dai veci e non dai veci maridà.

Ciribiribin, doman xe festa 
ciribiribin, non si lavora 
ciribiribin, gò la morosa 
ciribiribin, d'andà a truvà.

E l'han perdute andande a mese 
E l'han perdute andande a mese 
E l'han perdute andande a mese 
e da quel dì e da quel dì che i s'ha spusà.

Ciribiribin, doman xe festa 
ciribiribin, non si lavora 
ciribiribin, gò la morosa 
ciribiribin, d'andà a truvà. 

Variation: La ligrie

E la ligrie 'e jè dai zòvins
E la ligrie 'e jè dai zòvins
E la ligrie 'e jè dai zòvins
e nò dai vécjos nò dai vécjos maridaz.
Ciribiribin doman l'é festa
ciribiribin non si lavora
ciribiribin g'ho l'amorosa
ciribiribin d'andà a trovar.
Le an piardùde biel lant a messe
Le an piardùde biel lant a messe
Le an piardùde biel lant a messe
e in chè di e in chè di che son sposaz.
Ciribiribin doman l'é festa
ciribiribin non si lavora
ciribiribin g'ho l'amorosa
ciribiribin d'andà a trovar.
E veso vu che biele fie
E veso vu che biele fie
E veso vu che biele fie
e no la daiso no la daiso a di nissun?
Ciribiribin doman l'é festa
ciribiribin non si lavora
ciribiribin g'ho l'amorosa
ciribiribin d'andà a trovar.
E la tigniso riservade
E la tigniso riservade
E la tigniso riservade
e sot la nape e cjapà il fum?
Ciribiribin doman l'é festa
ciribiribin non si lavora
ciribiribin g'ho l'amorosa
ciribiribin d'andà a trovar.

L'Inno Istriano

Oh bell'Istria, chi lungo il tuo lido,
Va scorrendo sul placido mar,
A te manda un festevole grido,
Come amico ad amico suol far
quai smeraldi I tuoi pingui oliveti,
Sono invidia al lontano stranier!

Sono sempre I tuoi dolci vigneti,
Nuova fonte di vita e piacer.
Delle muse qui il mite sorriso, sorriso,
qui il sapere ebbe culto ed onor, ed onor,
A tuoi figli qui brilla sul viso, sul viso,
L'amistade che viene dal cor.

L'amistade che viene dal cor.
Istria salve! salve!
Istria salve, ruggente procella,
Mai turbi il sereno tuo ciel,
Ma di pace e di gioia la stella,
A te splenda benigna e fedel.

Ruggente procella mai non turbi,
Mai non turbi il sereno tuo ciel,
Ma di pace e di gioia la stella, la stella,
A te splenda benigna e fedel, si fedel,
Ma di pace e di gioia la stella,
A te splenda benigna e fedel;

Ma di pace e di gioia la stella,
A te splenda benigna e fedel,
Ma di pace a te splenda, a te splenda,
a te splenda benigna e fedel, benigna e fedel.

  • Cantiamo all`Istriana,  L'Innio Istriano, Pola (1884)

  • parole di  G.- Giorgeri


L'Istria nel cuore

Notte fonda quando se la luna,
la fa ciaro per fortuna,
tra le strade tutte grige,
....come ombre due valige.

Un singhiozo, un soriso,
e due joze sul mio viso,
ale sete meno un quarto,
Istria mia mi sa parto.

Istria cara nel cuor mio,
porto sempre sasi e mar,
per pensarte ogni note,
sia de giorno ricordar......

Istria cara nel cuor mio,
mi te porto a quela gente,
che magari i se lontani,
ma i xe sempre istriani...

Tra stranieri co son solo,
col pensiero lontan mi sono,
a mi sempre compan,
Istria quanta nostalgia...

Istria cara nel cuor mio,
porto sempre sasi e mar,
per pensarte ogni note,
sia de giorno ricordar...

Istria cara nel cuor mio,
mi te porto a quela gente,
che magari i se lontani,
ma i se sempre istriani..
ma i se sempre istriani...


L'uomo di sale

In un paese vicino al mare,
vicino al mare c`era una casa,
e la sono nato
sull`onda del mar.

Tira, tira la rete,
ehi hop dal fondo del mare,
tira, tira la rete,
ehi hop dal fondo del cuor.

Era mio padre un buon pescatore,
un buon pescatore tutto di sale,
ma un di si è perduto
sull'onda del mar.

Tira, tira la rete,
ehi hop dal fondo del mare,
tira, tira la rete,
ehi hop dal fondo del cuor.

In un paese lontano dal mare,
lontano dal mare vedo una casa,
e vedo mio padre,
sull`onda del mar.

  • Musica di Piero Soffici

  • Versi di Luciano Beretta

  • Canta il coro dell`Unione degli Italiani

  • Durata: 2 min. 40 sec.


L'inverno è pasato / La bela a la finestra / La canzone del cucù
Der Winter ist vorüber

MID-1, MID-2, MP3 ("Batana")

Kanon im Halbtaktabstand aus dem Tessin u. aus Norditalien
Der Winter ist vorüber,
Vorbei ist der April,
Im Maien heimgekommen,
Der Kuckuck bleibt nicht still.
|: Kuckuck, kuckuck,
   Vorbei ist der April,
   Im Maien heimgekommen,
   Der Kuckuck bleibt nicht still. :|

Da droben im Gebirge
Ist aller Schnee zertaut,
Der alte Schelm, der Kuckuck,
Schaut, wo ein Nest gebaut
|: Kuckuck, kuckuck,
   Ist aller Schnee zertaut,
   Der alte Schelm, der Kuckuck,
   Schaut, wo ein Nest gebaut. :|

Die Schöne hinterm Fenster
Schaut sich die Augen aus
Und hofft, daß ihr der Kuckuck
Den Liebsten bringt nach Haus.
|: Kuckuck, kuckuck,
   Schaut sich die Augen aus
   Und hofft, daß ihr der Kuckuck
   Den Liebsten bringt nach Haus. :|

Der Mai, der liebe Maien,
Das ist die beste Zeit,
Er läßt die Liebe blühen,
Sobald der Kuckuck schreit.
|: Kuckuck, kuckuck,
   Das ist die beste Zeit,
   Er läßt die Liebe blühen,
   Sobald der Kuckuck schreit. :|

L'inverno è già passato
l'aprile non c'è più
è ritornato il maggio
al canto del cucù.
|: Cucù, cucù,
   l'aprile non c'è più.
   È ritornato il maggio
   al canto del cucù.

Lassù per le montagne
la neve non c'è più
comincia a fare il nido
il povero cucù.
|: Cucù, cucù,
   la neve non c'è più.
   comincia a fare il nido
   il povero cucù.

La bella alla finestra
la guarda in su e in giù,
l'aspetta il fidanzato
al canto del cucù.
|: Cucù, cucù,
   la guarda in su e in giù,
   l'aspetta il fidanzato
   al canto del cucù.

Tusan dal dì d'incöö
non se maridan più
perché non fan l'amore
al canto del cucù.
|: Cucù, cucù,
   non se maridan più
   perché non fan l'amore
   al canto del cucù.

Te l'ho pur sempre detto
che maggio ha la virtù
di far sentir l'amore
al canto del cucù.
|: Cucù, cucù,
   l'aprile non c'è più.
   È ritornato il maggio
   al canto del cucù.


Variation

La bela a la finestra,
la varda su e giu,
la speta 'l fidanzato,
al canto del cu cù.
Cucu`, cucù`, cucù, cucù e cucù,
la speta `l fidanzato,
al canto del cucù.

  • Musica Emil-Zonta con strumenti
  • Armonica Triestina, bais sopele,clarino, meh,
    flauto in canna, violino mandola, flauto dolce.
  • APRIS ISTRIAE
  • Capodistria, 1908, rilevato da s.d. Maria Minca
  • Raccolta: Carlo Riccobon, canta coro Villotta.

Other performers: La Batana of Rovigno


La bella Gigogin

Canzone popolare patriottica del Risorgimento italiano, musicata dal maestro Paolo Giorza, risale al tempo della seconda guerra d'Indipendenza. Fu eseguita la prima volta al teatro Carcano, a Milano, la notte di S.Silvestro, il 31 dicembre del 1858, e diventò subito popolare come canzone di protesta contro gli austriaci e di auspicio all'unità d'Italia. E' diventata la canzone ufficiale del corpo dei Bersaglieri. [More at http://torredibabele.blog.tiscali.it/2008/05/26/la_bella_gigogin_1896677-shtml/]

Rataplan! Tamburo io sento
che mi chiama alla bandiera.
Oh che gioia, oh che contento,
io vado a guerreggiar.
Rataplan! Non ho paura
delle bombe e dei cannoni:
io vado alla ventura,
sarà poi quel che sarà.

Oh, la bella Gigogin,
col tromilerillellera,
la va spasso col so' spincin,
col tromilerillerà!

Di quindici anni facevo all'amore...
Dàghela avanti un passo,
delizia del mio core!
A sedici anni ho preso marito...
Dàghela avanti un passo,
delizia del mio core!
A diciassette mi sono spartita...
Dàghela avanti un passo,
delizia del mio cor!

La ven, la ven,
la ven alla finestra,
l'è tutta, l'è tutta,
l'è tutta insipriata!
La dis, la dis,
la dis che l'è malada
per non, per non,
per non mangiar polenta!
Bisogna, bisogna,
bisogna aver pazienza,
lassalla, lassalla,
lassalla maridà!

Mi baciò, mi baciò il bel visetto.
Ciacciaccià!
Io le dissi, io le dissi: che diletto!
Ciacciaccià!
Là più in basso, la più in basso, in quel boschetto,
andaremo, andaremo a riposà!


La bella va al fosso
MP3

La bella la va al fosso
ravanei remolaz barbabietol' e spinaz
tre palanche al mazz
la bella la va al fosso
al fosso a resentar
e al fosso a resentar.

Intant che la resenta
ravanei remolaz ...
intant che la resenta
al ghè cascà l'anel
o al ghè cascà l'anel.

La alza gli occhi al cielo
ravanei remolaz...
Ia alza gli occhi al cielo
ravanei remolaz...
la vide il ciel seren
e la vide il ciel seren.

La sbassa gli occhi all'onda
ravanei remolaz...
la sbassa gli occhi all'onda
la vide un pescator.
e la vide un pescator.

O pescator dell'onda
ravanei remolaz...
o pescatore dell'onda
pescatemi l'anel
o pescatemi l'anel.

E quand l'avrai pescato
ravanei remolaz...
e quand l'avrai pescato
un regalo ti farò
un regalo ti farò.

Andrem lassù sui monti
ravanei remolaz...
Sui monti a far l’amor
Sui monti a far l’amor


La biondina in gondoleta (gondoeta)

Questa è probabilmente la canzone veneziana più consciuta, musicata da Johann Simon Mayr (1763-1845) su testo di Anton Maria Lamberti (1757-1832), in onore di una nobildonna veneziana - Marina Querini Benzon - nota per la sua vita sentimentale assai tumultuosa, la sua esuberanza e la sua coscia lesta. È lei la biondina che s’addormenta in gondola  lasciando che Lamberti dapprima la contemplasse e poi passasse ai fatti, cosa della quale lui non se ne è mai pentito. Quando arrivarono e Venezia le truppe napoleoniche, donna Marina, come previsto, si dichiarò subito giacobina. Una sera, a un ballo in onore degli occupanti francesi, ruzzolò in terra, finendo a gambe levate e dando mostra, non indossando biancheria intima, delle sue così dette parti vergognose.

Questo motivo è il più classico esempio di canzone da batelo, cioè una composizione concepita proprio per intrattenere i partecipanti a passeggiate in barca, cosiddette freschi, molto di moda a Venezia nel Settecento. Le canzoni erano composte sia da anonimi dilettanti sia da celebrati autori che ci tenevano all'anonimato. Venivano eseguite abitualmente di notte, su barche decorate con palloncini colorati, nel momento in cui il popolo si divideva sulla laguna una volta terminata la festa. Tra i titoli si ricordano: Premi o stali, Per gòder le tartane. Tutt'oggi molte di queste canzoni sono ancora eseguite per intrattenere i turisti durante la rituale passeggiata in gondola. Nell' Ottocento la tradizione di questo genere musicale continuò a essere coltivata: rimangono numerosissime composizioni di vari autori come Antonio Buzzolla e Filippo Filippi. Giovanni Simone Mayr probabilmente era molto legato alla città di Venezia, ha scritto anche: Chi dice mal d'amore (testo in italiano) Chi vive senza pene (testo in italiano) Donne l'amore (testo in italiano) El sofà, La biondina in gondoleta, La mia Bettina, Mi co te vedo sento, Non mi sprezzar (testo in italiano) Oh, come scorrono (testo in italiano) Per carità, Bettina, Per ti, Nina Perché sì mesto (testo in italiano) Se posso spirare (testo in italiano) Sentì mie care donne, Sì xe verissimo. [Source: http://mobile.international.rai.it/php/forum_notturnoitaliano/vedirecord.php?padre=5643&id=5643]

La Biondina in gondoleta
L'altra sera g'ho menà:
Dal piacer la povereta,
La s'ha in bota indormenzà.

La dormiva su sto brazzo,
Mi ogni tanto la svegiava,
Ma la barca che ninava
La tornava a indormenzar.
Gera in cielo mezza scontaa
Fra le nuvole la luna,
Gera in calma la laguna,
Gera il vento bonazzà.
Una solo bavesela
Sventola va i so' caveli,
E faceva che dai veli
Sconto el ento fusse più.
Contemplando fisso fisso
Le fatezze del mio ben,
Quel viseto cussi slisso,
Quela boca e quel bel sen;
Me sentiva drento in peto
Una smania, un missiamento,
Una spezie de contento
Che no so come spiegar!
M'ho stufà po', finalmente,
De sto tanto so' dormir,
E g'ho fato da insolente,
No m'ho avuto da pentir;
Perchè, oh Dio, che bele cosse
Che g'ho dito, e che g'ho fato!
No, mai più tanto beatoAAi mii zorni no son stà.

Sources: http://www.recmusic.org/lieder/get_text.html?TextId=9808 (text) and http://italiasempre.com/verita/labiondinaingo1.htm (Introduction)


La domenica andando a la messa

Trentino

La domenica andando a la messa
compagnata dal mio amatore
mi sorprese il mio genitore
monachella mi fecero andar
o si si o no no.
monachella mi fecero andar.
Dimmi che m'ami.  Sono innocente
come il sol che risplende sul mare.
Voglio dare l'addio all'amor
o si si o no no.
voglio dare l'addio all'amor.
Giovanotti piangete, piangete
m'han tagliato i miei biondi capelli.
tu lo sai, eran ricci eran belli
giovanotti piangete con me
o si si o no no.
giovanotti piangete con me.
Dimmi che m'ami.  Sono innocente
come il sol che risplende sul mare.
Voglio dare l'addio all'amor
o si si o no no.
voglio dare l'addio all'amor.

La famiglia dei gobbi

In un paese strano viveva una famiglia
era gobba anche la figlia,
era gobba anche la figlia.
In un paese strano viveva una famiglia
era gobba anche la figlia,
era gobba anche la figlia.
la famiglia dei gobbon!

Ritornello:

Gobbo so pare, gobba so mare,
gobba la figlia e la sorella
era gobba pure quella-
era gobba pure quella (bis)
la famiglia dei gobbon.

Il dì del matrimonio si sposa il segretario,
che assomiglia a un dromedario, 
che assomiglia a un dromedario.
Il dì del matrimonio si sposa il segretario,
che assomiglia a un dromedario, 
che assomiglia a un dromedario.
la famiglia dei gobbon!

(Ritornello)

La sposa del segretario si chiama Mariarosa,
dalla gobba bianca e rosa,
dalla gobba bianca e rosa
La sposa del segretario si chiama Mariarosa,
dalla gobba bianca e rosa,
dalla gobba bianca e rosa,
la famiglia dei gobbon!

(Ritornello)

Padrino della sposa era stato zio Marcello;
dalla gobba da cammello,
dalla gobba da cammello
Padrino della sposa era stato zio Marcello;
dalla gobba da cammello,
dalla gobba da cammello
la famiglia dei gobbon!

(Ritornello)

Madrina della sposa la vecchia Maddalena;
dalla gobba sulla schiena, 
dalla gobba sulla schiena
Madrina della sposa la vecchia Maddalena;
dalla gobba sulla schiena, 
dalla gobba sulla schiena,
la famiglia dei gobbon!

(Ritornello)

Source - http://ingeb.org/songs/lafamigl.html

Variation:  La famiglia dei gobbi

La storia dei gobboni è la storia originale
di una gobba colossale, di una gobba colossale
che mena buono al popolo e rider fa la gente:

oh, la gobba strapotente, la famiglia dei gobbon.
Gobbo so pare, gobba so mare, gobba la figlia e la sorella 
era gobba pure quella, era gobba pure quella (2 v.) 
che famiglia di gobbon.

E c'era in un paese 'na famiglia molto in voga
i gavevan tuti la goba, i gavevan tuti la goba,
e c'era in un paese 'na famiglia molto in voga
i gaveva tuti la goba, la famiglia dei gobbon

Il gobbo Gedeone la Geppina prende in sposa
dalla gobba bianca e rosa, dalla gobba bianca e rosa,
Gebbina la gobetta ha sposato Gedeone
dalla gobba a pungiglione, la famiglia dei gobbon.

Celebrava il matrimonio il canonico don Piero,
con la gobba fatta a pero, con la gobba fatta a pero,
al Municipio firmano, davanti al segretario,
gobbo come un dromedario, la famiglia dei gobbon.

Compare dello sposo era stato zio Marcello,
con la gobba da cammello, con la gobba da cammello;
comare della sposa la cugina Maddalena
con la gobba sulla schiena, la famiglia dei gobbon.

Mangiato e ben bevuto, son rivati i musicanti,
con la gobba sul davanti, con la gobba sul davanti;
compagni e conoscenti dalle gobbe assai sporgenti
brutte, storte ed indecenti, la famiglia dei gobbon.

Nel mezzo della festa, son rivati i suonatori
eran gobbi pure lori, eran gobbi pure lori,
e dopo aver mangiato si ballò la tarantella
ch'era gobba pure quella, la famiglia dei gobbon.

E dopo che fu morto, gli fu fatta una gran cassa,
con il buco per la gobbassa, con il buco per la gobbassa;
e dopo alcuni mesi son nati i vermicelli
eran gobbi anche quelli, la famiglia dei gobbon.

E dopo un certo tempo vi cresceva su l'erbetta,
anche lei con la gobbetta, anche lei con la gobbetta,
e dopo alcuni giorni l'ha mangiata un bel caprino
con due gobbi sul cornino, la famiglia dei gobbon.

La dolorosa storia l'è bella e terminata
con 'na gobba sterminata, con 'na gobba sterminata;
che nascon tutti quanti, per trentun generazioni
maschi e femmine gobboni, la famiglia dei gobbon.

Variation: La fameja dei gobon

(Everytime you se a la, the el should have a slash through it so it should be pronounced like ya. My computer won't make this character. This song is about a family of hunchbacks. Gedeone marries Rosina. At their wedding, the priest has a hunchback. So do the musicians. Their baby has a hunchback. So does the wet nurse. When Gedeone dies, he is buried with a hole for his hunchback. After one hundred years, the worms that eat his body all have hunchbacks, too.)

A Leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru là.
El gobo Gedeone la Rosina chiede in sposa
Con la goba bianca e rosa
con la goba gianca e rosa.
El gobo Gedeone chiede in sposa la Rosina
C la goba moesina la fameja dei gobon.
Gobo so pare, gobo so mare
goba la fja de so sorela
gera goba anca quela
gera goba anca quela.
gobo so pare, goba so mare
goba la fja de so sorela
gera goba anca quela
la fameja dei gobon.
A Leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru là.
El di del matrimonio g'era anca i sonadori
co la goba anca lori
co la goba anca lori.
Celebrava el matrimonio el canonico don piero
co la goba fata a pero
la fameja dei gobon.
Gobo so pare, gobo so mare
goba la fja de so sorela
gera goba anca quela
gera goba anca quela.
gobo so pare, goba so mare
goba la fja de so sorela
gera goba anca quela
la fameja dei gobon.
A Leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru là.
E dopo nove mesi xe nato un bel bambino
anca lu col so gobino
anca lu col so gobino.
Ci diedero una balia co tre gobe longhe un metro
do davante e una di dietro
la fameja dei gobon.
Gobo so pare, gobo so mare
goba la fja de so sorela
gera goba anca quela
gera goba anca quela.
gobo so pare, goba so mare
goba la fja de so sorela
gera goba anca quela
la fameja dei gobon.
A Leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru leru là.
E quando che fu morto ci fecero la cassa
con el buso par la gobassa
con el buso par la gobassa
E dopo cento anni venner fuori i vermicelli
co la goba pure quelli
la fameja dei gobon.
Gobo so pare, gobo so mare
goba la fja de so sorela
gera goba anca quela
gera goba anca quela.
gobo so pare, goba so mare
goba la fja de so sorela
gera goba anca quela
la fameja dei gobon.
Amen.

La mamma di Rosina (Il molinaro)
MP3

versione Milano:

La mamma di Rosina era gelosa., bim-bom-ba. (2)
nemmeno a prender l'acqua, con gli occhi bianchi e neri,
nemmeno a prender l'acqua la mandava.

Un giorno s'alzo presto e ando at molino, bim-bom-ba. (2)
Un giorno s'alzo presto, con gli occhi bianchi e neri,
ma trova il molinaro addormentato.

E sveglia molinaro ch'e fatto giorno, bim-bom-ba. (2)
E svegila molinaro, con gli occhi bianchi e neri,
che devo macinare questa farina.

E gia ehe sei venuta mia Rosina, bim-bom-ba. (2)
Ti voglio macinare, con gli occhi bianchi e neri,
ti voglio macinare fina, fina.

E mentre che la mola macinava, bim-bom-ba. (2)
Le mani accarezzavano i tuoi capelli neri,
se la stringeva al petto e la baciava.

Sta fermo con le mani molinaro, bim-bom-ba. (2)
lo tengo sei fratelli, con gli occhi bianchi e neri,
io tengo sei fratelli; ti uccideranno.

A me non fan' paura i tuoi fratelli, bim-bom-ba. (2)
Io tengo una pistola con due palline d'oro,
la tengo sempre pronta e caricata.

Te la scarico nel corpo con gli occhi bianchi e neri.
Sarai la moglie mia, la mia Rosina.

Version Siena:

La mamma di Rosina era gelosa
bim bom bam ciapa'l curtel, taia giò 'l salam
Rosina amami, per carità,
Nemmeno a prender l 'acqua
con gli occhi bianchi e neri,
nemmeno a prender l'acqua, la mandava.

Un giorno la Rosina andò al mulino
bim bom bam ciapa'l curtel, taia giò 'l salam
Rosina amami, per carità,
Son qui da stamattina
con gli occhi bianchi e neri
son qui da stamattina, che t'aspetto.

E mentre che'l mulino macinava
bim bom bam ciapa'l curtel, taia giò 'l salam
Rosina amami, per carità,
Le mani dentro il petto
con gli occhi bianchi e neri
le mani dentro il petto, le metteva.

Sta fermo, mulinaro, con le mani
bim bom bam ciapa'l curtel, taia giò 'l salam
Rosina amami, per carità,
Io tengo sei fratelli
con gli occhi bianchi e neri
io tengo sei fratelli, t' ammazzeranno

Non ho paura di sei, nemmen di sette
bim bom bam ciapa'l curtel, taia giò 'l salam
Rosina amami, per carità,
Io tengo una pistola
con gli occhi bianchi e neri
io tengo una pistola, caricata;

E mentre la pistola fu sparata
bim bom bam ciapa'l curtel, taia giò 'l salam
Rosina amami, per carità,
Rosina cadde a terra
con gli occhi bianchi e neri
Rosina cadde a terra, sverginata.

La mamma le domanda com’è andata
bim bom bam ciapa'l curtel, taia giò 'l salam
Rosina amami, per carità,
"Mi mise contro il sacco
della farina fina
mi dette quattro colpi, a pecorina."


La mia mamma mi diceva [Viva l'amor]

A funny song, with very fast music. They are the words of a mother advising her daughter: "don't take blond-haired lovers, because they are lazy and unable to make love; don't take black-haired lovers, because they are betrayers and unable to make love; don't take brown-haired lovers, because they are stupid and unable to make love; don't take red-haired lovers because they are crazy and unable to make love."

La mia mamma mi diceva
non prendere dei biondi
che son tutti vagabondi, 
che son tutti vagabond.
La mia mamma mi diceva
non prendere dei biondi
che son tutti vagabondi, 
e l'amor non sanno far.

Viva l'amore l'amore l'amor 
che vien, che va
Viva l'amore l'amore l'amor 
che vien, che va
Viva l'amore l'amore l'amor
che vien, che va
Viva l'amor, viva l'amor 
e chi lo sa far!

La mia mamma mi diceva
non prendere dei mori
che son tutti traditori, 
che son tutti traditori
La mia mamma mi diceva
non prendere dei mori
che son tutti traditori 
e l'amor non sanno far
Viva l'amore...

La mia mamma mi diceva
non prendere i castani
che son tutti barbagiani, 
che son tutti barbagiani
La mamma mi diceva
 non prendere i castani
che son tutti barbagiani
e l'amor non sanno far
Viva l'amore . . . .

La mia mamma mi diceva
non prendere dei rossi
che son tutti saltafossi,
che son tutti saltafossi
La mia mamma mi diceva 
non prendere dei rossi
che son tutti saltafossi 
e l'amor non sanno far
Viva l'amore...

Source - http://ingeb.org/songs/lamammam.html

Variation:

La mia mama me ga dito 
[Le mule de San Giacomo]

La mia mama me ga dito 
(me ga dito la mia mamma) 
No sta andar coi militari perche' fuman Popolari 
Non mi sposero' mai piu' 
Mi resto celibe.

La mia mama me ga dito 
Non sta far l'amor coi biondi che son tutti vagabondi 
Non mi sposero' mai piu 
Mi resto celibe. 

La mia mama me ga dito 
Far l' amor non se peccato 
basta farlo regolato 
Non mi posero' mai piu' 
Resto celibe.

La mia mama me ga dito. 
No sposar una de piaza che se tuta vreisa raza
Non mi sposero mai piu',
Resto celibe.

...... 

Le mule de San Giacomo le porta Cristo in peto 
Le ga el mari' che naviga l'amante soto 'l leto 
Le prega el bon Gesu' che el mari' non ghe torni piu' 
El prete de San Giacomo ga predicado in cesa 
Ste attente mule mie che el Triestin ve frega 
bim, bum, bam, chi me la pagera. 


 La mula de Parenzo
(La mia murusa vegia /  La mia morosa vecia / Tutti mi chiamano bionda)
Audio

A song that is popular with all Istrians as well as the Alpini. It has many variations and combinations.

La mia murusa vegia:

Tutti mi chiamano bionda
ma bionda io non sono,
porto i capelli neri
sinceri nell'amor
e perché non m'ami più

La mia murusa vegia
ga meso su butega,
de tutto la vendeva
polenta e baccalà.
e perché non m'ami più

La mia murusa vegia
la tengo per riserva,
ma quando spunta l'erba
la mando a pascolar.
e perché non m'ami più

La mando a pascolare
insieme alle caprette
l'amor con le servette
non lo farò mai piu.
e perché non m'ami più

Se il mare fosse di tocio
e i monti di polenta,
ohi mamma che tociade
polenta e bacalà.
e perché non m'ami più

La mula de Parenzo:

La mula de Parenzo
ga meso su botega;
de tuto la vendeva,
de tuto la vendeva.

La mula de Parenzo
ga meso su botega;
de tuto la vendeva,
fora che bacalà!

Perché non m'ami più?

Tutti mi chiamano "bionda"
ma bionda io non sono:
porto i capelli neri,
porto i capelli neri.

Tutti mi chiamano "bionda"
ma bionda io non sono:
porto i capelli neri,
sinceri nell'amor.

Perché non m'ami più?

Sinceri nel'amore,
sinceri negli amanti:
ne ho passati tanti,
ne ho pasati tanti.

Sinceri nel'amore,
sinceri negli amanti:
ne ho pasati tanti,
e paserò anche te!

Perché non m'ami più?

La mia morosa xe vecia
la tegno de riserva;
per quando spunta l'erba,
per quando spunta l'erba.

La mia morosa xe vecia
la tegno de riserva;
per quando spunta l'erba,
la meno [mando] a pascolar!

Perché non m'ami più?

Se 'l mare fosi tocio
e i monti de polenta,
ohi mama che tociade,
ohi mama che tociade.

Se 'l mare fosi tocio
e i monti de polenta,
ohi mama che tociade,
polenta e bacalà!

Perché non m'ami più?

Se 'l mare fosi vino
e i laghi de marsala,
tuta la vita in bala,
tuta la vita in bala.

Se 'l mare fosi vino
e i laghi de marsala,
tuta la vita in bala,
polenta e bacalà!

Perché non m'ami più?

Variation:

La mula de Parenzo laililoilà
ha messo su bottega, laililoilà
e tutto la vendeva
di tutto la vendeva.

La mula de Parenzo laililoilà
ha messo su bottega, laililoilà
e tutto la vendeva
di tutto la vendeva
fora che il baccalà.

[Ritornello]
Me piase i bigoli co' le luganeghe
Marieta damele sul canapè
Marieta damele per carità
Marieta damele per carità.

Me piase i bigoli co' le luganeghe
Marieta damele sul canapè
Marieta damele per carità
Per carità.
]

La mia morosa vecia, laililoilà
la tengo de riserva, laililoilà
e quando spunta l'erba
e quando spunta l'erba.

La mia morosa vecia, laililoilà
la tengo de riserva, laililoilà
e quando spunta l'erba
e quando spunta l'erba
la mando a pascolar.

Ritornello

La mando a pascolare laililoilà
nel mese di settembre, laililoilà
ma quando vien novembre
ma quando vien novembre.

La mando a pascolare laililoilà
nel mese di settembre, laililoilà
ma quando vien novembre
ma quando vien novembre
la mando a ritirar..

Ritornello

La mando a pascolare laililoilà
insieme alle caprette, laililoilà
l'amor con le servette
l'amor con le servette.

La mando a pascolare laililoilà
insieme alle caprette, laililoilà
l'amor con le servette
l'amor con le servette
non lo farò mai più!

Ritornello

Tutti mi chiamano bionda, laililoilà
ma bionda io non sono, laililoilà
porto i capelli neri
porto i capelli neri.

Tutti mi chiamano bionda, laililoilà
ma bionda io non sono, laililoilà
porto i capelli neri
porto i capelli neri
neri come il carbon.  [sincere nell'amor]

Ritornello

Se il mare fosse tocio laililoilà
ei monti de polenta: laililoilà
oi mamma che tociade
oi mamma che tociade!

Se il mare fosse tocio laililoilà
ei monti de polenta: laililoilà
ohi mamma che tociade
ohi mamma che tociade!
Polenta e baccalà!


La pesca dell'anello
Audio

Ghe iera tre sorele,
bianche di rose, rami di fior.
Ohilà, bela la xe,
ghe iera tre sorele,
e tute tre d'amor.

Nineta la più bela,
s`e messo a navigar,
e navigando 'l mare,
l`anel ghe xe casca`.

L`alza li ochi al cielo,
no la vedi nissun,
la sbassa li ochi al mare,
la vedi un pescador.

O pescador del mare,
vegni a pecar più in qua.
Cosa volè che pesco?
L'anel me xe cascà.

Cosa mi donarete,
se ve lo pescherò?
Vi dono cento scudi,
e una borsa ricamà.

Non voglio cento scudi,
solo un bacin d'amor.

Cosa dira la gente,
che ci vedrà baciar?
Dira che ce l'amore,
che ce l'ha fato far.


La risaia

Amore mio non piangere
se me ne vado via
io lascio la risaia,
ritorno a casa mia.

Vedo laggiù fra gli alberi
la bianca mia casetta
vedo laggiù sull'uscio,
la mamma che mi aspetta.

Ragazzo mio non piangere
se me ne vo’ lontano
ti scriverò una lettera
per dirti che ti amo.

Mamma e papa non piangere,
non sono più bambina
Son ritornata a casa,
per far la signorina.

Mamma e papa non piangere
se sono consumata
è stata la risaia
che mi ha rovinata.


La vilanella

Trentino

Varda che passa la villanella
os-ce che bela, la fa innamorar!
O come bali bene bela bimba
bela bimba, bela bimba
O come bali bene bela bimba
bela bimba, bali ben.
Varda quel vecio sotto la scala
os-ce che bala ch'el ga ciapà.
O come bali bene bela bimba
bela bimba, bela bimba
O come bali bene bela bimba
bela bimba, bali ben.
Vara quel marto dentro la gabbia
os-ce che rabbia ch'el ga ciapà.
O come bali bene bela bimba
bela bimba, bela bimba
O come bali bene bela bimba
bela bimba, bali ben.

Le galine tute mate

Le galine tute mate
per la perdita del galo.
Le rabalta il caponaro
da la rabia che le g'ha

L'e rabalta balta, balta,
Il caponaro, naro, naro,
da la rabia, rabia, rabia,
che l'e g'ha.

Amici, beviam, beviam! 

E le done tute mate
hano perso il marito
l'e rabalta anche il sofito
da la rabia che l'e g'ha.

L'e rabalta, balta, balta
Anche il sofito, fito, fito
Da la rabia, rabia, rabia
Che l'e g'ha.

Mio compare giacometo
Lui aveva un bel galeto
Quando canta versa il beco
Lui fa proprio inamorar.

Quando canta, canta, canta
Versa il beco, beco, beco
lui fa proprio, proprio, proprio
Inamorar.

Alternate lyrics:

Le galine tute mate
per la perdita del galo.
Le ga roto il caponaro
da la rabia che le g'ha

L'e ga roto, roto, roto,
Il caponaro, naro, naro,
da la rabia, rabia, rabia,
che l'e g'ha.

Amici, beviam, beviam! 

A le more, a le more 
deghe trenta, deghe trenta, 
a le bionde ventioto, 
a le rose, a le rose 
gnanca oto, gnanca oto, 
a le grise un patacòn! 
Amici beviam, beviam!

Le galine tute mate
per la perdita del galo.
Le ga roto il caponaro
da la rabia che le g'ha.

E la vecia, vecia, vecia 
de l'apalto, de l'apalto, 
la gaveva un bel galeto, 
quando el canta, canta, canta, 
i verzi, 'l verzi 'l beco, beco, beco 
che 'l fa proprio inamorar! 
Amici, beviam, beviam!

  • Canta: Chorus with Valtaro Musette Orchestra, "Sing Along in Italian, Vol. 5"
  • Additional lyrics 
  • Colonial  LP-792

Lili Marleen

History (with individual performers' tracks)

Tutte le sere, sotto quel fanal, 
presso la caserma, ti stavo ad aspettar 
Anche stasera aspetterò, 
e tutto il mondo scorderò 
con te, Lilì Marlen, con te, Lilì Marlen.

O trombettiere, stasera non suonar: 
una volta ancora la voglio salutar ... 
Addio, piccina, dolce amor, 
ti porterò per sempre in cuor 
con me, Lilì Marlen, con me, Lilì Marlen.

Dammi una rosa da tener sul cuor, 
légala col filo dei tuoi capelli d'or ... 
Forse domani piangerai .... ma dopo tu ... sorriderai
a chi, Lilì Marlen? a chi, Lilì Marlen?

Quando nel fango debbo camminar 
sotto il mio "bottino" mi sento vacillar. 
Che cosa mai sarà di me? 
Ma poi sorrido e penso a te 
A te, Lilì Marlen, a te, Lilì Marlen.

Se chiudo gli occhi, il viso tuo m'appar 
come quella sera nel cerchio del fanal... 
Tutte le notti sogno allor, di ritornar ... di riposar
con te, Lilì Marlen, con te, Lilì Marien ...

Additional lyrics: The Official Lili Marlen Page - http://ingeb.org/garb/lmarleen.html


Lo Spazzacamino
MP3

Quando in ogni paesello l'inverno viene
e la neve il suo mantello si distende pian piano
abbracciando il mio fardello di cenci e pene
sospirando il ritornello me ne vado lontan.

Come rondine vo'
senza un nido né raggio di sol,
per ignoto destino
il mio nome è Io spazzacamino.
Della mamma non ho
la carezza più tenera e lieve,
io mi sento un signor
quando dormo in un letto di neve,

È Natale, non badare, spazzacamino,
ogni bimbo un focolare, e un balocco vicino,
io mi accosto per giocare quando un bambino
mi dà un urto non toccar, va a spazzare il camin.

Tu mi scacci Io so
perché il volto più bianco non ho.
Ma Io spazzacamino
tiene il cuor come ogni altro bambino.
Se possiedi un tesor di un lettuccio
ben soffice e lieve
io mi sento un signor
quando dormo in un letto di neve.

Ed è questo il destin di noi poveri spazzacamin.


Lussimpiccolo
MP3

Fresca e tonda,
tutta bionda,
nel tramonta d'or...
l'incontrai... le partai...
- Mia divina
Signorina - chiedi - per favor,
ma da lei...
io vorrei...
Saper s'è nata a Roma o a San Rossore? - 
Rispose:
«Sono nata, o mio signor...

A Lussimpiccolo,
ch'è molto piccolo,
dove ogni cosa è assai piccina in verità! 
c'è un porto piccolo
col faro piccolo:
perfin le case piccoline stanno là! 
Anche le bestie
non dan molestie,
perchè son tutte non più grosse di cosi!
»  
Nel sentir la seducente
descrizione, dissi allor:
- A Lussimpiccolo... ti sposo, mio tesor!

Sull'istante, 
fulminante, nacque la passion!
Io l'amai... l'adorai!...
Col diretto
e il vaporetto
senza esitazion,
dissi a lei:
- Io vorrei
le nozze al tuo paese incominciare! 
E lei rispose:
«Andiamo o mio signor...

A Lussimpiccolo
ch'è molto piccolo,
dove ogni cosa è assai piccina in verità! 
c'è un porto piccolo
col faro piccolo:
perfin le case piccoline stanno là! 
Anche le bestie
non dan molestie,
perchè son tutte non più grosse di così!
»  
Senza perdere un istante 
Con la bionda e con l'ardor

A Lussimpiccolo,
ch'e... alquanto piccolo, 
quand'arrivai, tutto osservai per 
curiosar!

È  normalissimo!
C'è un faro altissimo!
Ed ogni cosa è una caserma in verità! 
Strade lunghissime...
piazze vastissime...
io mi smarrivo in mezzo a tante vastità!...
Solo un piccolo ho trovato
che diceva già
«mammà»
... ed era il bimbo che la bionda avea di già!

  • 1930s by Danielle Serra, an Argentinian-Italian

Index  | A-G  |  I-L  M-V

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Tuesday, December 6, 1999; Last updated: Wednesday, October 07, 2015
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA