line_gbg68.gif (1697 bytes)

Italic
Lyrics
line_gbg68.gif (1697 bytes)


Index  |  A-G  |  I-L  M-V

Mamma

Mamma son tanto felice
perché ritorno da te...
La mia canzone ti dice
ch'è il più bel giorno per me!

Mamma, son tanto felice...
Viver lontano, perché?

Mamma ...
Solo per te la mia canzone vola...
Mamma...
Sarai con me, tu non sarai più sola
Quanto ti voglio bene... 
Queste parole d'amore
che ti sospira il mio cuore
forse non s'usano più...

Mamma ...
Ma la canzone mia più bella sei tu!
Sei tu la vita e per la vita
non ti lascerò mai più!

Sento la mano tua stanca
cerca i miei riccioli d'or...
Sento ... e la voce ti manca,
la ninna nanna d'allor...
Oggi la testa tua bianca,
io voglio stringere al cuor...


Mamma mia dammi cento lire
MIDI

Mamma mia dammi cento lire 
che in America voglio andar ...! 
Cento lire io te li dò,
ma in America no, no, no. (2x)

I suoi fratelli alla finestra,
mamma mia lassela andar.
Vai, vai pure o figlia ingrata
che qualcosa succederà. (2x)

Quando furono in mezzo al mare
il bastimento si sprofondò.
Pescatore che peschi i pesci
la mia figlia vai tu a pescar. (2x)

Il mio sangue è rosso e fino,
i pesci del mare lo beveran.
La mia carne è bianca e pura
la balena la mangierà. (2x)

Il consiglio della mia mamma
l'era tutta verità.
Mentre quello dei miei fratelli
l'è stà quello che m'ha ingannà. (2x)


Marieta, monta in gondola

(Bixio-Cherubini-Concina)

Lui: Marieta, monta in gondola che mi te porto al Lido! 
Lei: Mi no che non me fido ti è massa un impostor ... 
Lui: Cossa te disi, cocola? perché ta quel boscheto. 
Lei: Ti m'ha scrocà un baseto per pizzegarme el cuor.
Lui: E tiche-tiche-ti ... ti te disi "no" 
ma mi so' che te bate el cuore 

Tiche-tiche-ta ... anca lu' lo sa 
che a Venessia l'amor se fa 
... in gondoleta ...!

Lei: Digo no ... no ghe vegno no!!! 
Co sto afar del sì e del no 
moleghe un ponto ... moleghe on ponto. 
Co sto afar del sì e del no
molè on ponto tutti dò ...!

Lui: Ma varda che spettacolo.. la luna xè d'argento ... 
Lei: No far del sentimento ... cossa te voi mi sò ... 
Lui: Sora le tonde cupole, svola le colombelle ... 
Lei: E ... zònteghe pur le stelle -- ma non me fido, no ...!
Lui: Va ben, va ben, finimola…mi ciapo 'naltra strada. 
Lei: Te fa una balossada, no so se te convien ... 
Lui: Me sercarò Felisita per farte un bel dispeto 
Lei: Mi no che no permeto... perché ... te vojo ben...!

E tiche-tiche-ti ... ti te disi sì
... anca mi si me bate el cuore.. 
Tiche-tiche-tà ... che felisità ... 
a Venessia l'ama se fa ...! 
... in gondoleta ... in gondoleta 
... in qondoleta ... te darò un basin!


Marina
MP3 (in Istrorumeno)

Mi sono innamorato di Marina,
una ragazza mora ma carina.
Ma lei non vuol saperne del mio amore.
Cosa farò per conquistarle il cuor?

Un giorno l'ho incontrata sola sola. 
Il cuore mi batteva a mille all'ora
Quando le dissi che la volevo amare, 
mi diede un bacio e l'amor sbocciò!

Ritornello:

Marina, Marina, Marina, 
ti voglio al più presto sposar
Marina, Marina, Marina, 
ti voglio al più presto sposar.

O mia bella mora, 
no non mi lasciare, 
non mi devi rovinare. 
Oh no no no no no...

O mia bella mora, 
no non mi lasciare, 
non mi devi rovinare 
Oh no no no no no…..

Mi sono innamorato di Marina, 
una ragazza mora ma carina.
Ma lei non vuol saperne del mio amore.
Cosa farò per conquistarle il cuor?

Un giorno l'ho incontrata sola sola.
Il cuore mi batteva a mille all'ora.
Quando le dissi che la volevo amare 
Mi diede un bacio e l'amor sbocciò.

(Ritornello)

Oh no no no no no no,
Oh no no no no no no...


Me compare Giacometo

Me compare Giacometo
el gaveva un bel galeto
quando el canta el verze el beco
che 'l fa proprio innamorar.

E quando el canta
el canta el canta
el verze el beco
el beco el beco
che 'l fa proprio
che 'l fa proprio 
innamorar.

Ma un bel dì la sua parona
per far festa agli invitati
la ghe tira el collo al galo
e lo mette a cucinar.
E la ghe tira…

Le galine tutte mate
per la perdita del galo
le ga roto el caponaro
per la rabbia che le g'ha.
E le ga roto…


No la me vol più ben

No la me vol più ben, 
e no la me vol più ben: 
la prega Dio che crepo, 
la prega Dio che crepo! 
E no la me vol più ben, 
e no la me vol più ben: 
la prega Dio che crepo, 
inveze stago ben!

E mio marì xe bon, 
el xe tre volte bon 
ma solo la domenica 
'l me onzi col baston! 


O barcarolo

Nina mia, son barcarolo,
son galante e son gentile:
se` nella mia barca ti vol venire,
vogaremo in alto mar.

In alto mar che noi saremo,
Nina mia, no`ver paura,
se la note se fa oscura,
sempre amor te portaro`.

Barcarol, son in sete mesi,
barcarol meneme via,
voio andar da mama mia,
a contarghe l`mio disonor.

  • Musica Emil Zonta con strumenti
  • Armonica Triestina, bais sopele,clarino, meh,
    flauto in canna, violino mandola, flauto dolce.
  • CAPRIS ISTRIAE
  • Capodistria, 1908, rilevato da s.d. Maria Minca
  • Raccolta: Carlo Riccobon, canta coro Villotta.

Osteria di Via Minerva

Disi un proverbio molighe
Quando che inbianca el crem,
Lassila andar sta femina
E tachite al bon vin.

Se te se suga l'ugola
Drio de quel canton
Ti troverà una betola
Che vendi de quel bon.

In via minerva, se un' osteria,
Xe l'alegria, del polesan
Se vado esule, la porto via,
Quel'osteria con mi lontan.

La se giovani mandorla,
Se piero cota e gim,
Tuti aventori nobili,
Del popolo più fin.

Dopo un tresete e briscola,
E un goto de nostran,
Do canzonete celebri,
Del vecio polesan.

In via minerva, se un`osteria,
Xe l'alegria, del polesan.
Se vado esule, la porto via,
Quel'osteria con mi lontan.


Osterie

This drinking song can get quite raunchy. Here are some verses fit to print here.

Osteria numero zero
Para-bom zi-bom zi-bom
è successo un fatto nero
Para-bom zi-bom zi-bom
Anche i morti putrefatti
si ubriacavan come matti
daghela ben biondina daghela ben biondà.
Osteria numero uno
Para-bom zi-bom zi-bom
non c'è dentro mai nessuno.
Para-bom zi-bom zi-bom
Ma c'è dentro la padrona
che davvero è proprio bona
daghela ben biondina daghela ben biondà.
Osteria numero cento
Para-bom zi-bom zi-bom
vieni fuori se sei dentro
Para-bom zi-bom zi-bom
Non puoi star sino a sera
a ubriacarti di barbera
daghela ben biondina daghela ben biondà.
Osteria del grignolino
Para-bom zi-bom zi-bom
qui si beve solo vino
Para-bom zi-bom zi-bom
Chi non beve in compagnia
o l'è ladro o l'è spia
daghela ben biondina daghela ben biondà.
Osteria numero mille
Para-bom zi-bom zi-bom
questo vino fa scintille.
Para-bom zi-bom zi-bom
Fa scintelle, scintilline
su bevetelo o bambine
daghela ben biondina daghela ben biondà.

Papaveri e paperi

Su un campo di grano che dirvi non so, 
un dì Paperina col babbo passò
e vide degli alti papaveri al sole brillar 
... e lì s'incantò. 

La papera al papero disse: 
"papà, pappare i papaveri come si fa?" 
"Non puoi tu pappare i papaveri" disse papà.

E aggiunse poi, beccando l'insalata:
"Che cosa ci vuoi far, così è la vita".
Lo sai che i Papaveri son alti, alti, alti.. 
e tu sei piccolina e tu sei piccolina.

Lo sai che i Papaveri son alti, alti, alti.. 
sei nata paperina che cosa ci vuoi far?

Vicino a un ruscello, che dirvi non so, 
un giorno un papavero in acqua guardò, 
e vide una piccola papera bionda giocar 
…e lì si incantò. 

Papavero disse alla mamma: 
"Mammà, pigliare una papera come si fa?" 
"Non puoi tu pigliare una papera" disse mammà. 

"Se tu da lei ti lasci impaperare 
il mondo intero non potrà più dire":
Lo sai che i Papaveri son alti, alti, alti..

E un giorno di maggio che dirvi non so, 
avvenne poi quello che ognuno pensò: 
papavero attese la papera ai chiaror lunar
... e poi la sposò. 

Ma questo romanzo ben poco durò... 
poi venne la falce che il grano tagliò... 
e un colpo di vento i papaveri in alto portò. 

Così papaverino se n'è andato 
lasciando Paperina impaperata.
Lo sai che i Papaveri son alti, alti, alti.

Cantata da: Nilla Pizza


Pirano dormi

Una festa damisela, 
incomincia sa sufiar,
De ponente sula vela, 
Xe un gusto a coltisar.

Te saluto dona mia, 
vado in barca panolar,
Se sta note stago via, 
non te devi a disperar
Se sta note stago via, 
non te devi a disperar.

Pirano dormi, 
el palpibro de sera,
Le stele brila, 
e le me fa sognar.
Se questa note, 
ciapo una sirena,
Te la voio, 
domani a regalar..

Dopo alviste e grandi afeti,
quando vado la sul mar
O pirano ho I ochieti, 
nella barca per pescar.
Ma domani co fa giorno, 
te mi sentira cantar,
Mi te porto qua de torno
tuti I pesci che se in mar,
Mi te porto qua de torno
tuti I pesci che se in mar.

Pirano dormi, 
el palpibro de sera,
Le stele brila, 
e le me fa sognar.
Se questa note, 
ciapo una sirena,
Te la voio domani a regalar.

  • Verteneglio, 15 agosto 1997

Pola - Romana

Sta mia cara e vecia Pola
la se fa sempre più bella
la me par propio una stela
piena de Italianità.

Un sofion de vita nova
se ga senti per la strada
per le rive sue bagnade
de sto caro nostro mar.

Le mule Polesane
xe tanti botonzini
de rose senza spini
fate per far l'amor.

Se in questo mondo mato
cità trove più bela
de pola la mia stela
voria morir d'amor.

Oltre a tute ste beleze
de sta picia capitale
xe l'Arena colosale
la gran Roma a ricordar.

Xe latini i nostri coli
Xe latini anche i pineti
soto i rustighi mureti
che dolceza far l'amor.

  • Parole di Luciano Speranza
  • Musica di Antonio Saitz
  • Canta Nory La Micela
  • Durata 3 min. 30 sec.

Pompieri di Viggiù

Per volere del visconte, sul parere del barone
han formato la sezione, dei pompieri di Viggiù…

Pompa qua, pompa là, pompa su e pompa giù.
Ed a spese del marchese, han comprato le divise
con feluche a larghe tese, e pennacchi rossi e blu.

Pompa qua, pompa là, pompa su e pompa giù.
Indi a scopo addestrativo, il paese hanno incendiato
e il reparto si è schierato, e ha gridato ip, ip, urrà!
Viva qua e viva là, viva su e viva giù.

Ritornello:

Viva i pompieri di Viggiù
che quando passano i cuori infiammano!
Viva i pennacchi rossi e blu!
Viva le pompe dei pompieri di Viggiù.

Affrontarono l'incendio, con le pompe verso sera…
però l'acqua, ahimé, non c'era, per potere funzionar!
Pompa qua e pompa là, pompa su e pompa giù.
Però il capo ebbe un'idea, veramente peregrina:
caricò con la benzina, tutti quanti gli estintori!

Pompa qua e pompa là, pompa su e pompa giù.
Ed in meno di un secondo, nel villaggio già bruciato
tutto in fumo se ne è andato,
il plotone dei pompier…

Viva qua e viva là, viva su e viva giù.
Viva i pompieri di Viggiù…


Profumi e balocchi
Audio

Tutta sfolgorante è la vetrina
piena di balocchi e profumi.
Entra con la mamma la bambina
tra lo sfolgorio di quei lumi…
"Comanda signora?"
"Cipria e colonia Coty…"

"Mamma!
Mormora la bambina
mentre, pieni di pianto ha gli occhi;
per la tua piccolina
non compri mai balocchi,
mamma, tu compri soltanto
i profumi per te!"

Ella, nel salotto profumato
ricco di cuscini di seta,
porge il labbro tumido al peccato,
mentre la bambina, indiscreta,
dischiude quel nido
pieno d'odor di Coty…

"Mamma!
Mormora la bambina
mentre, pieni di pianto ha gli occhi;
per la tua piccolina
non compri mai balocchi,
mamma, tu compri soltanto
i profumi per te!"

Esile, agonizza la bambina..
Or la mamma non è più ingrata:
corre a vuotar tutta la vetrina
per la sua figlia malata..
"Amore mio bello,
ecco i balocchi per te…"

"Grazie!
-mormora la bambina,
vuole toccare quei balocchi…
Ma il capo già reclina,
e già socchiude gli occhi..
Piange la mamma, pentita,
stringendola al cuor!


Quarant'anni dopo

Mi no te go tradido,
se poi te go lassà,
lontan che son andado,
mai me son scordà.

Pensando la tua "Rena",
e i oci tui de mar,
el cuor xe sempre in pena,
de non poder tornar.

Mi te volevo ben, ma propio tanto,
po' xe sta come altri ga vossù;
Un grande ben che no savevo quanto,
co go capì, no te gavevo più.

Per mi ti ieri tuto un paradiso,
de gioia nela tua semplicità.

Mi no te go tradido,
se poi te go lassà,
lontan che son andado,
mai no me go scordà.

Pensando la tua Rena,
e i oci tui de mar,
el cuor xe sempre in pena,
de non poder tornar.

  • Versi di Albino Dorliguzzo
  • Musica di Piero Soffici
  • Canta Annamaria Leoni

Quattro cavai che trottano

Quattro cavai che trottano
sotto la timonella
vuoi tu venir mia bella
vuoi tu venir mia bella.

Quattro cavai che trottano
sot to la timonella
vuoi tu venir mia bella
in su la riva del mar.

Che bella notte che fa
in barchetta si va
a fa l'amore con te
che bella notte che fa
In barchetta si va
a fa l'amore con te.

In riva al mar si pescano
si pescano le sardelle
Bone, lucenti e belle
Bone, lucenti e belle
in riva al mar si pescano
si pescano le sardelle
Bone, lucenti e belle
come i tuoi occhi per me.

Che bella notte che fa
In barchetta si va
e fa l'amore con te
che bella notte che fa
in barchetta si va
a fa l'amore con te.

Vieni alla tua finestra
bruna o mia bella bruna
che al chiaro della luna
che al chiaro della luna
andremo a fare l'amor.

Vieni alIa tua finestra
bruna o mia bella bruna
che al chiaro della luna
andremo a fare l'amor.
Che bella notte che fa

  • Elaborazione Lumni
  • Ed. Karma It./Midem
  • Cantata da Orietta Berti, "Così come le canto"
  • Polydor # 2448-032-A

Quel mazzolin di fiori
Audio

Quel mazzolin di fiori 
che vien dalla montagna 
bada ben che non si bagna 
chè lo voglio regalar, 
bada ben che non si bagna 
chè lo voglio regalar.

Lo voglio regalare 
perchè l'è un bel mazzetto, 
lo voglio dare al mio moretto 
stasera quando vien, 
lo voglio dare al mio moretto 
stasera quando vien.

Stasera quando vien 
gli fo una brutta cera [sara una brutta sera]; 
e perchè Sabato di sera 
lui non è vegnù da me, 
e perchè Sabato di sera 
lui non è vegnù da me.

Non l'è vegnù da me, 
l'è andà da la Rosina... 
Perchè mi son poverina 
mi fa pianger e sospirar, 
perchè mi son poverina 
mi fa pianger e sospirar.

Mi fa piangere e sospirare 
sul letto dei lamenti 
e che mai diran le genti, 
cosa mai diran di me, 
e che mai diran le genti, 
cosa mai diran di me. 

Diran che son tradita, 
tradita nell'amore 
e a me mi piange il cuore 
e per sempre piangerà, 
e a me mi piange il cuore 
e per sempre piangerà. 

Abbandonato il primo, 
abbandonà il secondo, 
abbandono tutto il mondo 
e non mi marito più, 
abbandono tutto il mondo 
e non mi marito più. 

Variation:

Quel mazzolin di fiori
che vien dalla montagna (2x)
e guarda ben che no 'l se bagna,
che lo voglio regalar. (2x)

Lo voglio regalare
perché l'è un bel mazzetto,
lo voglio dare al mio moretto,
questa sera quando 'l vien.
Aleop la curva

Stasera quando 'l viene,
sarà una brutta sera (3x)
e perché sabato de sera
lu no 'l' è vegnù da me,
da me, da me, da me, da me, da me.

No 'l'è vegnù da me
l'è andà dalla Rosina,
e perché mi son poverina
mi fa pianger e sospirar.
Aleop la curva.

Fa pianger, sospirare
sul letto dei lamenti. (3x)
E cosa mai diran i parenti,
cosa mai diran di me
di me, di me, di me, di me, di me.

Diran ch'io son tradita,
tradita nell'amore,
e perché mi fa piangere il cuore
e per sempre piangerò.
Aleop la curva.

Source: http://www.missioni.ch/frit/canzoniere/Q.html


Reginella Campagnola
Audio

All'alba quando spunta il sole
L'a nell'Abruzzo tutto d'or
Le prosperose campagnole
Discendono le valli in fior.

O campagnola bella tu sei la reginella
Negl' occhi tuoi c'e il sole c'e il colore
Delle viole delle valli tutti in fior
Se canti la tua voce e' un'armonia di pace
Che si diffonde dice se vuoi vivere
Felice vieni a vivere qua sua.

Quand' e' la festa del paesello
Con la sua cesta se ne va
Trotterellando l'asinello
La porta verso la citta'.

O campagnola bella tu sei la reginella
Negl' occhi tuoi c'e il sole c'e il colore
Delle viole delle valli tutti in fior
Se canti la tua voce e' un'armonia di pace
Che si diffonde dice se vuoi vivere
Felice vieni a vivere qua sua.


Se ben che son dai monti

In this song from Veneto, a young man tells a woman he is interested in that he may be from the mountains, but he can make love as well as an urban man.

Se ben che son dai monti
e che non so ballare
l'amore lo so fare
al par del cittadin.
Che bella notte si fa
in gondoletta si va
sulla barchetta a fare l'amor.
Se ben che son dai monti 
so fare innamorare.
se poi l'amore vuoi fare
devi venire con me.
Che bella notte si fa
in gondoletta si va
sulla barchetta a fare l'amor.

Stassera el mar...

Stassera el mar xe lisso come l'olio,
co' la barcheta 'ndemo un fiàlontan,
e riveremo là sul nostro scoio,
soto la luna, in meso al nostro mar.

El panorama de 'sta nostra tera,
visto de là ne fa fantasticar,
meravigliosa come che la iera,
come se la sogna, chi se lontan.

Stassera xe un incanto, una magia,
un`armonia che no` se pol,
mai più scordar.

  • Parole di Albino Dorliguzzo
  • Musica di Piero Soffici
  • Canta Nory La Micela
  • Durata: 3 min.

Te l'ho detto tante volte

La mia mamma la mi diceva
stai attenta figlia mia
stai attenta ai giovanotti
ti potrebbero ingannar.

Ritornello:

Viva I'amor biondina,
viva l'amor bionda.
viva l'amor biondina.
viva l'amor bionda.

Te l'ho detto tante volte
non guardare i marinai
che se no ti pentirai
non ti sposerai mai piu'.

Te l'ho detto tante volte
iascia stare i bersaglieri
sono sempre lusinghieri
non ti sposerai mai piu'

(Ritornello)

Te l'ho detto tante volte
non andar con gli aviatori
che son tutti incantatori
non ti sposerai mai piu'

Te l'ho detto tante volte
lascia perdere l'alpino
quello beve solo vino
non ti sposerai mai piu'

(Ritornello)

La mia mamma la mi diceva
non fidarti mai dei mori
sono tutti traditori
non ti sposerai mai piu'

La mia mamma la mi diceva
non fidarti mai dei biondi
che son tutti vagabondi
non ti sposerai mai piu'

La mia mamma la mi diceva
non fidarti mai dei rossi
sono guai e sempre grossi
non ti sposerai mai piu'
(Mi resto celibe.)

  • Elaborazione Lumni
  • Ed. Midem/Karma It.
  • Cantata da Orietta Berti

Ti col mus, mi col tram [andemo a Servola]

Ti col mus, mi col tram 
'demo a Servola doman, 
'demo a Servola doman, 
'demo a Servola doman.

Ti col mus, mi col tramn 
'demo a Servola doman, 
'demo a Servola doman. 

Ti col suf, mi col pan 
'demo a Servola doman, 
'demo a Servola doman, 
'demo a Servola doman. 

Ti col suf, mi col pan 
'demo a Servola doman, 
'demo a Servola doman. 

Mi con ti, e ti con mi 
'demo a Servola doman, 
'demo a Servola doman, 
'demo a Servola doman. 

Mi con ti, e ti con mi 
'demo a Servola doman, 
'demo a Servola doman.


Torna piccina!

Nella mia vita triste e senza amore
tutto svanisce e nulla mi sorride più ...
Ho una speranza ancora in fondo al cuore,
questa speranza mia sei solo tu! ...

Torna piccina mia,
torna dal tuo papà..
egli ti aspetta sempre con ansietà.
Fra le sue braccia, amore, egli ti stringerà...
la ninna nanna ancora ti canterà!..
Sei tutta la mia vita,
tutto tu sei per me;
certo sarà finita
se resto senza te mio bene!...
Torna piccina mia,
torna dal tuo papà...
la ninna nanna ancora ti canterà!

Quando fa notte e brillano le stelle,
penso a chi sogna un mondo di felicità:
ma la mia stella, bella fra le belle,
chi sa se un giorno ancora brillerà! ...

Torna piccina mia,
torna dal tuo papà..
egli ti aspetta sempre con ansietà.
Fra le sue braccia, amore, egli ti stringerà...
la ninna nanna ancora ti canterà!..
Sei tutta la mia vita,
tutto tu sei per me;
certo sarà finita
se resto senza te mio bene!...
Torna piccina mia,
torna dal tuo papà...
la ninna nanna ancora ti canterà!


Trieste mia
Audio: MID and MP3

È una canzone nostalgica a cui i Triestini si sentono molto legati e viene cantata da tutti sempre con un certo impegno. Nel 1925 vinse il Concorso di canzonette organizzato dal giornale "Marameo…!".  La musica è di Publio Carniel e il testo di Corrai (Raimondo Cornet).

Rena Vecia è il rione più centrale di Trieste cosiddetto per contrazione di arena, in quanto anticamente si pensava che, sotto alcune case sventrate ed abbattute poi nel 1936, ci fosse un'arena risalente al periodo dell'Impero Romano e che invece si rivelò essere un teatro.

Co son lontan de ti Trieste mia,
me sento un gran dolor, un gran dolor,
e più che zerco de pararlo via,
più me se ingropa'l cuor.
Le lagrime me cori zo pe'l viso
e digo tra de mi e tra de mi
che no ghe esisti un altro paradiso
più splendido de ti!

(Ritornello)

Un buso in mia contrada,
un vecio fogoler,
un sial che pica in strada,
do rose in un piter,
e in alto quatro nuvoli, 
de soto un fià de mar,
xe'l quadro più magnifico
che mai se pol sognar! 

Lontan de ti Trieste no go pase:
me manca el nostro ziel, el nostro mar
el verde dei tuoi pini, le tue case
e i muri del castel,
e penso al mio balcon in Rena Vecia
quel caro balconzin!
De dove vedo i monti che se specia
nel golfo zelestin.

(Ritornello) 

Lontan de ti son come l'useleto,
che vivi in s'ciavitù, in s'ciavitù
e me dispero e pianzo el mio dialeto
che no lo sento più!
Ma quando torno canto de alegria,
me salta'l cuor in sen, el cuor in sen
e zigo: Ah sì Trieste te son mia.
Te vojo tanto ben!

(Ritornello)

 
Variation (1949):

Trieste mia, che nostalgia
mi gò lontan de ti,
girà gò il mondo
de cima a fondo
ma penso sempre a ti.
Poder tornar a Miramar
col vecio amor
e dirte ancor:
"Te voio ben. Te me vol ben?"

Trieste mia,
te pregarìa
de farme un gran favor,
saluda a tuti,
e coi saludi
te porti un fior
al vecio campanon
che sempre fa din don
qua in fondo al cor.

Trieste mia,
te pregarìa
de farme un gran favor,
saluda a tuti,
e coi saludi
te porti un fior
al vecio campanon
che sempre fa din don
qua in fondo al cor.


Un giorno...là!

Go visto l'Istria dopo tanto tempo,
dal giorno che, fagoto su le spale,
senza più casa, come un vagabondo,
go comincià andar pel mondo.

Cambiada xe la lingua che se parla,
diversa xe la gente per le strade,
no` se senti più ciamar i nostri nomi,
cambiade xe tute le canzoni.

Ma cossi go imparà,
che perfin un disperà,
sa trovar felicità,
s'el pol provar,
quel che se senti nel ritrovarse,
un giorno...là.

Ga sempre i sui colori la campagna,
se rompi sempre l'onda su quei scoi,
spira ne l'aria el maestral e l'ostro,
che ne ricorda un mondo tuto nostro.

Nel rosso de la tera se confondi,
i nostri morti soto i bianchi sassi,
ma xe restada la canson del mar,
madre natura no` se pol cambiar.
Ma cossi go imparà.

  • Versi di Gianni Giuricin
  • Musica di Piero Soffici
  • Canta Annamaria Leoni
  • Durata: 3 min. 10 sec.

Val piu' un bicer de Dalmato

Si tratta di un canto bacchico (letteralmente il titolo del brano significa "vale più un bicchiere di vino dalmato") che tuttora è possibile ascoltare in varie versioni, ammortizzate estemporaneamente dalle compagnie di bevitori. Il testo, che  racchiude la "sapienza" popolare secondo cui è più sincero un bicchiere di vino che l'amore di una donna, ci riporta verso l'immagine di una vecchia osteria.

In città ce ne sono ancora alcune con le botti dietro il banco, i tavolini col sottoripiano per riporre i bicchieri quando si gioca a carte o le lavagnette col gesso per annotare i punti.

Val più un bicer de Dalmato
che l'amor mio,
che l'amor mio,
che mi tradisce.

No vojo amar più femmine
perché son false,
perché son false
in t'el fare l'amor.


Valsugana

Quando saremo föra,
föra nella Val Sugana,
andarem trovà la mamma,
per veder come la sta.

La mamma la sta bene,
ma il papà l’è ammalato,
il mio ben partì soldato,
chissà quando tornerà?

Tüt me dis ca lü'l s'è già trovà
n’altra morosa,
l’è na storia dolorosa che mi
credere non so.

Mi non la credi miga,
ma se fosse proprio vera,
biond’o moro questa sera,
un altro amor lo trovero.


Vien giù Nineta soto l'umbrelin

Ven giù Nineta soto l'umbrelin,
Ven giù Nineta soto l'umbrelin,
Ven giù Nineta soto l'umbrelin,
Ven giù Nineta te darò un basin
E col basin io te darò un bel fior
Ven giù Nineta che farem l'amor.

English translation: 

Come down, Nineta, 'neath my umbrella,
Come down, Nineta, 'neath my umbrella,
Come down, Nineta, 'neath my umbrella,
Come down and I will give you a kiss,
And with the kiss you'll get a lovely flower,
Come down, Nineta, and we'll make love.

Source - http://ingeb.org/songs/vengioni.html


Vinassa, vinassa

Là nella valle, c'è un'osteria 
è l'allegria, è l'allegria 
là nella valle, c'è un'osteria 
è l'allegria di noi alpin!

E se son pallida nè miei colori 
no' vo' dotori, no' vo' dotori 
e se son pallida come 'na strassa 
vinassa, vinassa e fiaschi de vin! 

Là sul Cervino c'è una colonna 
è la Madonna, è la Madonna 
là sul Cervino c'è una colonna 
è la Madonna di noi alpin! 

Là nella valle c'è un filo d'erba 
l'è la riserva, l'è la riserva.
Là nella valle c'è un filo d'erba 
l'è la riserva di noi alpin.

Là nella valle c'è la Rosina
l'è la rovina, l'è la rovina.
Là nella valle c'è la Rosina
l'è la rovina di noi alpin.

Là nella valle c'è un buco nero
l'è il cimitero, l'è il cimitero
Là nella valle c'è un buco nero
l'è il cimitero di noi alpin.

Là su quel monte c'è una lanterna 
requiem aeternam, requiem aeternam,
Là su quel monte c'è una lanterna
requiem aeternam per noi alpin.


Violino tzigano

Oh Tzigano, dall'aria triste e appassionata,
che fai piangere il tuo violino fra le dita,
suona ancora, come una dolce serenata
mentre pallido, nel silenzio ascolterà
questo tango che, in una notte profumata,
il mio cuore ad un altro cuore incatenò ...

Suona solo per me, o violino tzigano...
Forse pensi anche tu a un amore, laggiù
sotto un cielo lontan... Se un segreto dolor
fa tremar la tua mano questo tango d'amor
fa tremare il mio cuor, oh violino tzigano.

Tu che sogni la dolce terra d'Ungheria,
suona ancora con tutta l'anima tzigana ...
Voglio piangere, come te, di nostalgie
nel ricordo di chi il mio cuore abbandonò.
Come il canto che tu diffondi per la via,
con il vento la mia passione dileguò ...

Questo tango è d'amore;
ma il mio amore è lontano.
Suona, suona per me
pur se piango con te,
oh violino tzigano! ...


Viva L'A e pò bon

score

Questa è la vera canzone triestina, che rappresenta il rapporto tra Trieste e l' Impero ( l'A significa l' Austria, e la "Galina co dò teste" null'altro è che la k.u.k , la corona Imperiale d'Asburgo). [Source: http://osmize.blogspot.com/]

La parte musicale sembra poggiare il suo insieme sulle note di una marcia derivante da un canto popolare E che la vadi ben; venne utilizzato in parte poi nel 1949 da Gigi Borsatto nella sua canzonetta, [vedi sotto] Viva là e po’ bon. Il testo delle prime strofe dovrebbe risalire al 1910-1914, posteriore comunque ai grandi scioperi degli anni antecedenti. Secondo alcuni sarebbe nato in casa socialista, quei socialisti italiani favorevoli alla Triplice Intesa.  Però, Il Piccolo di  Trieste del 7.2.1994 ci dice che la canzonetta di Borsatto era "apparsa subito dopo la guerra nel ’45".  [Source: http://www.atrieste.org/viewtopic.php?p=59323&sid=5fde5db990029fd926d599a458bc0770]

La galina con do' teste
mi la go vista svolazar
sora i copi de Trieste
l'alabarda sventolar.

Qua se magna, qua se bevi
qua se vivi in abondanza
pasta e ceci no ne manca
e viva l'A e po' bon...

E viva l'A e po' bon
xe el vecio moto triestin
che l'A vadi ben, che l'A vadi mal,
sempre alegri, mai pasion
viva l'A e po' bon.

(Qui segue la canzonetta con differente melodia e il ritornello)

E viva l'A e po' bòn
xe questo el moto triestin
che l'A vadi ben, che l'A vadi mal
sempre alegri e mai pasion
viva l'A e po' bon!

Gavevo un porco
el me xe crepà
ohi che pecà, ohi che pecà
lo incoconavo, per farlo bel
ma coi salami el xe svolado in ciel

E viva l'A e po' bòn
xe questo el moto triestin
che l'A vadi ben, che l'A vadi mal
sempre alegri e mai pasion
viva l'A e po' bon!

Gavevo una mula
la me xe scampà
ohi che pecà, ohi che pecà
la cocolavo, ma sul piu bel
la xe svolada via come un stornel

E viva l'A e po' bòn
xe questo el moto triestin
che l'A vadi ben, che l'A vadi mal
sempre alegri e mai pasion
viva l'A e po' bon!

E viva là e po’ bon:
xe questo ‘l moto triestin.
Che la vadi ben,
che la vadi mal,
sempre alegri, mai pasion
viva là e po’ bon.

La mia biondina me ga lasà
Oh che pecà, oh che pecà!
La xe telada senza saver:
la xe andà star con un vecio baloner…


Vivere

Oggi che magnifica giornata,
che giornata di felicità ...
la mia bella donna se n'è andata,
m'ha lasciato alfine in libertà ...
Son padrone ancor della mia vita
e goder la voglio sempre più ...
Ella m'ha giurato nel partir
che non sarebbe ritornata mai più!.

Vivere, senza malinconia ...
Vivere, senza più gelosia ...
senza rimpianti,
senza mai più conoscere cos'è l'amore
cogliere il più bel fiore,
goder la vita e far tacere il cuore.
Ridere sempre cosi giocondo...
ridere delle follie del mondo...
Vivere finché c'è gioventù
perché la vita è bella
e la voglio vivere sempre più! ...

Spesso la commedia dell'amore
la tua donna recitar ti fa ...
Tu diventi allora il primo attore
e ripeti quello che vorrà ...
Sul terz'atto scende giù la tela...
finalmente torna la realtà
e la sua commedia dell'amor
in una farsa trasformata sarà! ...

Vivere…


Voga, Nineta

Voga e rivoga,
voga la mia barcheta
voga, Nineta,
che semo in mezo al mar.

Tute le mule passa,
la mia non passa mai
te vojo ben assai,
ma tu non pensi a me.

Voga e rivoga
voga la mia barcheta,
voga, Nineta
che semo in mezo al mar.

In mezo al mar che mormora
se pesca le sardele,
adio, fiumane bele,
me tocarà partir.

Voga e rivoga
voga la mia barcheta,
voga, Nineta,
che semo in riva al mar.


Vola Colomba
MP3

Primo Premio
al 
SECONDO FESTIVAL DI SANREMO 1951

Questa canzone era ispirata alle tristi vicissitudini della città di Trieste. Infatti con il Trattato di Parigi (1947), Trieste fu tolta all'Italia per costituire il cosiddetto Territorio Libero di Trieste e solo nel 1954 ritornò all'Italia, se pure manca di tutto il suo entroterra istriano. La canzone è una struggente preghiera per il ricongiungimento della città all'Italia.

Dio del ciel se fossi una colomba, 
vorrei volar laggiù dov'è il mio amor, 
Che, inginocchiata a San Giusto, 
prega con l'animo mesto:
"Fa che il mio amore torni,
ma torni presto!"

Ritornello:

Vola, colomba bianca, vola. 
Diglielo, tu, che tornerò. 
Dille che non sarà più sola,
e che mai più la lascerò!

Fummo felici uniti e ci han' divisi... 
Ci sorrideva il sole, il cielo e il mar. 
Noi lasciavamo il cantiere 
lieti del nostro lavoro, 
e il campanon, din-don, 
ci faceva il coro.

(Ritornello)

Tutte le sere m'addormento triste
e nei miei sogni piango e invoco tè...
Pure el mi vecio te sogna,
pensa alle pene sofferte,
piange e nasconde il viso tra le coperte.

(Ritornello)

(A bocca chiusa)

Finello:

Vola, colomba bianca, vola,
Diglelo tu che tornerò.
Dille che non sarà più sola,
e che mai più la lascerò..... che tornero!

O Boze nebeski kad bi bio golub
letio bi dole gdje je ljubav moja
da se pokleknem na San Giusto 
molim sa dusom casnom: 
Ucini da se ljubav moja vrati
da se vrati sto prije.

Leti , golube bijeli, leti
i kazi joj
da cu se vratiti.

Kazi joj da vise nece biti sama
necu ostaviti.

Bili smo sretni skupa i onda su nas odvojili
smijalo se sunce, nebo i more
ostavljali smo dokove
zadovoljni sa svojim radom
a zvonik je u zboru
zvonio din don

Svaku vecer tuzan se uspavam
i u svojim snovima placem dozivljujuci te
i moj stari te takodjer sanja 
razmislja o pretrpljenim mukama 
place i skriva lice pod punjavu.

 
  • Testo di B. CHERUBINI
  • Musica di C. CONCINA
  • Canta Nilla Pizzi con Ennio Morricone e 
    la sue Orchestra in "La Regina della Canzone"
  • RCA Italiana # PML 10389 -
  • Durata 3:40

Index  |  A-G  |  I-L  M-V

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Tuesday, December 6, 1999; Last updated: Sunday, December 30, 2012
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA