Loredana Bogliun
Poetry


al fiur de l'Eistria zi oun cor ch'a bata
fato de meigule, de qualche 'redita'

il fior dell'Istria è un cuore che batte
fatto do briciole, di qualche eredita'

cvijet Istre je srce koje bije
načinjeno od ulomaka, od nekih nasljeda

The poem above and the ones below are written in the Istriot language, the oldest spoken Istrian language still in use in southern towns of Istria. It is followed by a translation into the Italian language and, in some cases, also into Croatian.

Dignan zi

Dignano  è

Dignan zi la peicia ch'a zoga
par la cal cariga de pulvaro
Zi la porta scoura ch'a sera drento
la meia e la toia maleincuneia

in tale man al curaio da f castei
douto o un guvern de braghe
par zei ananti inseina impalidei
A mirà quil tacòn
me par al sul cu se scondo pian
grando cumo la zbroumbula piena

A zi cantoin de tera rusa
vula ch'al rispeiro
se cunfondo virgino
cun la scritoura de la cal
ch'a begna cugnusi
cumo i drapi guvernadi
Dignan zi quil logo
ch'a naso fra le piere
la meia fantazeia
ste dui parole
la sparansa ch'a me scanteina

Dignano è la bambina che gioca
per la strada piena di polvere
è la porta scura che chiude dentro
la mia e la tua malinconia

Nelle mani il coraggio di far castelli
Tutto un rattoppare di pantaloni
per andare avanti senza impallidire
Ad ammirare quel rattoppo
mi sembra il sole quando
si nasconde piano
grande come il tuorlo pieno

Sono angoli di terra rossa
dove il respiro
si confonde vergine
con la scrittura della strada
che bisogna conoscere
come i vestiti rattoppati
Dignano è quel luogo che nasce tra le pietre
la mia fantasia
queste due parole
la speranza che m'abbandona

Vodnjan je

Vodnjan je djevojica u igri
po ulici punoj praine
On je tamna vrata iza kojih stoje
moja i tvoja sjeta

u rukama hrabrost da se grade dvorci
krpanje hlaa da se prezivi
a pritom ne problijedi
Gledajui tu zakrpu
izgleda mi kao sunce kad se glatko skrije
veliko poput punog umanjka

Tu ima zakutaka zemlje crvenice
gdje se dah
djevianski mijea
s pismom ulice
koje treba poznavati
kao i zakrpane haljine
Vodnjan je ono mjesto
gdje meu kamenjem izbija
moja mata
ove dvije rijei
nada to me napusta

Me paro la madona

Mio padre la madonna

Co le caze se dizgourba a pian a pian
mei se ch'a piura douto Dignan.
Ancui ghe vidi sulo la ruveina
 
i se ch'a mai el turnarò quil de preima.
Oun amur cu fineisso lassa sempro
sta disperassion ch'a zlangueisso

e la nostra tera zi douta drento la mazera,
al formenton impiantà cumo omini de pana,
cu la radeiga soia, al cavel ingarissà

a zi me paro ch'a favela, la me tera
imbastardeida s'ciavuneizada,

zi la me campagna ingraiada.

Me paro scanteina al se iò fato vidurno:
al cavo par aria, se poza cumo calado,
in sirca d'al nouvolo ch'a vignarò zbrombolando.

virdo e zalo in tra le veide,
al so cameinà iò impinei la boto.

Me paro la madona.
Parchì no zi viro ch'a sulo
le fimene iò lagrema santa.

Quando le case si sfasciano giorno per giorno
so che piange tutto Dignano.
Oggi vedo dentro la sua rovina
e so che mai tornerà come prima.
Un amore che finisce
lascia questa disperazione che langue

e la nostra terra sta tutta dentro il muricciolo
    di campagna,
il frumento piantato come uomini di pannocchia,
con la radice, il capello sgualcito

è mio padre che parla, la mia terra
imbastardita fatta schiavona,

la mia campagna cespugliosa.
Mio padre traballa, si è fatto gerbido:
il capo in aria, si posa come afflosciato,
in cerca della nuvola che arriverà rotolando.

Verde e giallo tra i vitigni,
il suo camminare ha riempito la botte.

Mio padre la madonna.
Perché non è vero che solo
le femmine hanno lacrima santa.

Amur

Amore

co i te strenzi de dona,
al vudio se impineisso in tal aria
seita la favela ardo in tala carno;

cumo brama brouzada
la vouia zi de essi s'cita.

Coussei nouda
gnente me se taca zura,
no lassa signo al suspeir
de sto sussour ch'a se bandona,

e douto me caio e me se inguanta,
la trasparenssa me par ch'a zvula.

Ciapime douta, mouvimento de l'anema.
Missiade in tala scodela feile de grani

parchì zuta al siel in tra le fuie stusseiga
Zi l'ombra ch'a de la lous la lassa al signo.

E là drento, cu tei me magni,
i sarè cun tei al bazito de la neina nana.

quando ti stringo da donna,
il vuota si riempie nell'aria,
zitta la parola arde nella carne;
come ardore bruciato

la voglia è di essere pulita.

Così nuda
niente mi si attacca sopra,
non lascia segno il sospiro
di questo sussurro che si abbandona,
e tutto mi cade e mi si aggrappa,

la trasparenza mi sembra che voli.

Prendimi tutta movimento dell'anima.
Mescolati nella scodella chicchi di grano
perchè sotto il cielo tra le foglie stuzzica
l'ombra che della luce lascia il segno.

è la' dentro, quando mi mangi,
sarò con te il bacio che prepara al sonno.

Vecio eistrian

Vecchio istriano

Iè cugnussoudo in tra i monti
oun vecio ch'a iò la pele doura.
El iò zuta i oci ouna reiga
ch'a par ouna fissoura,

el iò le man grande e la muier peicia.

In tai varti ghe crisso l'aio -
ch'a douta piena la dressa peica -
El ghe reido a la mizeria grama
in tala so furssa al so castel de paia
pien de ouna fata ch'a sparagna al dano.
In tala so squara veivo al busco,
l'anemal ch'a raia

e seito, a peindulon, el se cumpagna a caza.

Ho conosciuto tra i monti
un vecchio dalla pelle dura.
Sotto gli occhi ha una riga
che sembra una fessura,
ha le mani grandi e la moglie piccola.

Negli orti gli cresce l'aglio -
tutta piena la treccia pende -
Ride alla povera miseria
nella sua forza il suo castello di paglia 

pieno di una fata che risparmia il danno.
Nella sua dimensione vive il bosco,

l' animale che raglia

e silenzioso, pendolando, si accompagna a casa.

Mazera

Muricciolo di campagna

I vuravi par tei
la cansson ch'a se canta sempro
anca se cun ste vecie parole
i faveli sulo par mei

i vuravi par tei
l'amur ch'a se da' la man par la cal.

E in tala scarssela sconta
tignei strento quil peicio saldein

fate pioun zuvena, vite sa vissein
parchi' meia i vuravi ch'a fusso
douta la to ligreia, i toi oci de zbarasseina.

Reidi, reidi mama
parchi' zi bel incuntrate in tale fouie ch'a crisso
ne la fighera ch'a se zlarga, in t'al zlavano
ch'a parfouma sempro.

Le mazere ch'a par l'Eistria qualcodoun
a io' alsa' le io' ouna piera ch'a scumeinssia
ouna ch'a fineisso, ancui le io' de strapassa'
ma le zi doure cumo al corno d'al manzo

e tinare parchi' vecie
stagne cumo la to ligreia, al to fa de zbarasseina.

Vorrei per te
la canzone che si canta sempre
anche se con queste vecchie parole
parlo solo per me

vorrei per te/l'amore che si da' la mano per strada.

E nella tasca nascosta
tenere stretto quel piccolo fermacapelli

farti piu' giovane, averti qua vicino
perchè mia vorrei che fosse
tutta la tua allegria, i tuoi occhi da sbarazzina.

Ridi, ridi mamma
perchè è bello incontrarti nelle foglie che crescono
nel fico che si allarga, nell'alloro
che profuma sempre.

I muriccioli di campagna che per l'Istria qualcuno
ha messo su hanno una pietra che incomincia
una che finisce, oggi sono malconce
ma sono dure come il corno del manzo

e tenere perchè vecchie
forti come la tua allegria, il tuo fare di sbarazzina.

Gromaca

Htjela bih ya tebe
pjesmu sto se uvijek pjeva
makar ovim starim rijecima
govorim samo ya sebe

htjela bih ya tebe
ljubav sto se vodi rukama niz ulicu

I u skrivenom dzepu
drzati cvrsto onu malu ukosnicu

da te pomladim, da tel imam ovdje blizu
jer htjela bih da moja bude
sva tvoja radost, tvoje oci djetinje

Smij se, smij se, mama
jer te je lijepo sresti u lisću sto raste
u smokvi sto se siri, u lovoru
što uvijek mirise

Gromače sto ih je netko po Istri
gradio imaju jedan kamen što počinje
jedan sto završava, danas su ruševne
ali su tvrde kao rogovi u junca

i meke jer su stare
jake kao tvoja radost, tvoje djetinje ponasanje.

La casa d'al monto

La casa del monte

In seima al monto ouna caza. Vudia.

Vudia zi sta caza soun al monto
ch'a la se dizgourba a pian a pian
cul vento ch'a ghe favela in tala panssa vudia
zburtandosse drento par sercala, magnala douta.

Al ghe fa frido ai mouri zbiadeidi de fiuri
ch'a se rampiga in feila cumo par ricamo
soun par la reiga de le scale sfassade.

Spoussa de zento ch'a no se sento pioun.
Soun al monto no zi pioun gnanca ledan
de la vaca, al gal ch'a te ciama bunura.
Scuverto al cousso d'al porco. Silenssio.

Sulo sta caza. Fata par veivi e par lavura'.
Restada la zi anca desspoi de la dezgrassia
a fa bela l'ombra, a vardasse la cochera.

Meio monto, paiz de l'Eistria ch'a no io' memoria.
I soin restada, crissouda par descuverzi le mazere
par no piura' anca se vidi secasse le fighere.
Straca i me fermarè in ta l'ombra de ogno caza

vula ch'a bagula zgourle e sempro fourbe le medizime
furmeighe ch'a magari le geira cumo ch'a vuravo i altri

ma sempro le cata soun sta tera, ouna meigula
oun gran zbruva', quil ch'a basta par veivi e par magna'.

In cima al monte una casa. Vuota.

Vuota è questa casa sul monte
che si rovina lentamente
col vento che le parla nella pancia vuota
spingendosi dentro per cercarla, mangiarla tutta.

Fa freddo ai muri sbiaditi di fiori
che si arrampicano in fila come per ricamo
su per la riga delle scale sfasciate.

Puzza di gente che non si sente piu'.
Sul monte non c'è neanche il letame
della vacca, il gallo che ti chiama buonora.
Scoperta anche la stalletta del porco.Silenzio.

Solo questa casa. Fatta per vivere e per lavorare
è rimasta anche dopo la disgrazia

a fare bella l'ombra, a guardarsi il noce.

Mio monte, paese dell'Istria che non ha memoria.
Sono rimasta, cresciuta per ripulire i muriccioli di campagna
per non piangere, anche se vedo seccarsi i fichi.
Stanca mi fermero' all'ombra di ogni casa

dove bagolano grulle e sempre furbe le stesse
formiche che magari girano come vorebbero gli altri

ma trovano sempre su questa terra, una briciola
un chicco bollito appena, quello che basta per vivere e per mangiare. 

*The Croatian diacritic symbols are not shown in favor of the Istriot/Italian ones which are in a different Windows character set. 

Source:

  • Loredana Bogliun, Mazere - Gromace - Muri a secco (translations by Mate Maras and Tonko Maroevic'), Book Editore Castel Maggiore (Bologna) & Edit (Rijeka-Fiume)
  • Loredana Bogliun (via Michael Plass)

Main Menu


This page compliments of Loredana Bogliun, Marisa Ciceran & Michael Plass

Created: Tuesday, October 12, 1999; Last Updated: Sunday, August 16, 2009
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA