line_gbg70.gif (2222 bytes)

Family Albums
People
line_gbg70.gif (2222 bytes)

English | Hrvatski | Istroveneto

Un testo facile e scorevole per leger de la vita rurale del sud del'Istria

Vladimiro Gagliardi: “Mog kruha isti nes!" (Non mangerai il mio pane!), Club literario “Uljanik”, Pula, 2004

sabato, 13 novembre 2004.

Vladimiro Gagliardi no xe un nome sconossudo sula scena leteraria istriana. Xa perechi ani el scrivi poesia e prosa in dialeto ciacavo e istroveneto, come anche in lingua croata. Le prime opere xe stade publicade in ''Glas Istre'', ''La voce del popolo'', nela rivista ''La Battana'', nela racolta ''Versi na sterni'', nel'antologia ''Per molti versi'', el ga ricevu' tanti premi e riconoscimenti, come al concorso ''Istria Nobilissima'', al consorso internazionale a Trieste ''Etniepoesie'' e al concorso ''Drago Gervais''. Fin ora el ga publicà sei libri, cominciando con la racolta de poesie °'Vitri gromac nasih°.

Nel nuovissimo libro ''Mog kruha isti nes!'' (Non mangerai il mio pane!) de novo el riporta pezetini dela vita rurale del sud del'Istria, con descrizioni dei paesagi, e i fati legadi a quel ambiente.

El libro xe stado publicà in due edizioni, in ciacavo e la traduzion italiana. L'autore trova el linguagio che corispondi de più al ambiente e al svolgimento dei fati, e in tuto questo risalta la sua conossenza del paese e dele cità come la storia atuale e remota.

Pola, Montemorano, Cavrana, Vareski e Pavicini xe solo uni dei loghi nei quai se xvolgi el trama de questo romanzo, che se lassa leger in un fiato. El romanzo xe scrito in un ecelente ciacavo, fluente e tanto figurativo, descrivendo la vita de una dona del paese, la qui vita seguimo atraverso i sui ricordi e i ricordi de sua fia. I dialoghi xe significativi, curte, però sugestive le descrizioni e un figurativo modo de racontar, senza ripeter o cascar nela monotonina del raconto, fa de questo romanzo un testo assai legero e velocemente legibile, però no un testo superficiale.

Anche nela verione ciacava del romanzo, incontremo dele frasi in lingua italiana, come dele sageze con le quale l'autore evidenzia el multilinguismo e multicultura de queste parti, visibile anche nel ambiente rurale. L'intera fabula se podessi sintetizar in una diacina de frasi, però non el profilo psicologico dele persone, che al letore diventa piu' ciaro de pagina in pagina. Giusto in questo modo l'autore acentua che un libro colocado nel ambiente rurale nol devi per questo esser automaticamente sotovalutado. Anche con l'espresione dialetale se pol riuscir esprimer valevoli sfumature, come le definizioni psicologiche dele persone, come le definizioni dei interiori e esteriori, come le relazioni tra le persone in varii episodi.

La famiglia che Gagliardi descrivi la ga i sui alti e bassi, al centro xe la mama sola che con grandi rinunce e sacrifici la riva rilevar i sui fioi. Qua xe descriti i petegolezi del paese, le malelingue, tuto aloposto del modo de pensar dela interprete principale, la quale no xe stada acarezada dela vita. Legendo questo libro, se conossi el paese, le usanze del sud del'Istria, tuto meo riconoscibile dele fotografie in bianco-nero, aparteneti al'autore, che le acompagna la fabula. Ala fine del libro xe el vocabolario dele parole meno conossude, dove l'autore su 13 pagine elenca le parole in ciacavo acompagnade dela traduzion in lingua croata . El redator xe Denis Kontosic, la recension xe del Dr. Ante Dabo, mentre l'autor ga disegnado la copertina e fato la preparazion tecnica per la stampa.  

Vanesa Begic

(Translated to Istro-Venetian by Vladimiro Gagliardi)

Tratto da:

  • http://www.glasistre.hr/?b95e1c5441a03d0c7a92fd25eeb3e0ce,TS,190,181,1047,779,14174

Main Menu


Created: Saturday, November 13, 2004; Last Updated:Monday, August 10, 2015
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA