Vladimiro Gagliardi
Memories


 

 Titola 

- Credeme no son colpo! No volevo! 

Zercavo de spiegarghe, tuto afanado, dopo la lunga corsa che gavevo fato per rivar più presto possibile. Jera xa scuro, gavevo paura de passar davanti la scola dirocada in Via Piranesi, che jera quasi distruta nel bombardamento del'ultima guera. Durante 'l giorno, quamdo andavo in botega de Bachetti a comprar 'l pan e late, vedevo spesso girar dentro la scola dei musi loschi. La gente contava spesso, che l'altro inverno drio dei muri i gaveva violentà una signorina. In quel momento, l'unico mascio presente »nel regno dele done«, in casa nostra, jero mi, paura o no, senza obiezioni, dovevo andar in botega.

- E no mio caro, no contarne bale! Ti son sempre el solito sprovedù. Ti ga spanto el late, roto i ovi. Dime adesso, come faremo a impastar la pinza e la titola? 

- Jera colpa dela borsa grande, pesante. For a xe scuro. Go intopà, son cascà. 

- Vaghela contar al prete e no a noi. Ti lo ga fato aposta, perché no ti volevi andar. 

- No xe vero! 

Scherzavo, no lo go fato aposta. No gavevo nissun modo de discolparme. Va ben, jero un poco birichin, dispetoso, maldestro, vivace, ma no gavevo mai fato gnente con cativeria. Purtropo capitava sempre a mi, che curioso come jero, metevo sempre el dito nel punto sbaglià.

- Credeme, no son colpo! No volevo! Xe tuta colpa dela borsa maledeta che la me ga fato intopar mentre corevo cascandoghe sora. 

- E perché ti corevi? 

- Gavevo paura passando davanti la scola bombardada. 

- No contar le solite bale. 

La più grande ofesa per mi jera, quando che disèvo la verità e noi me credeva. Me son ritirado in canton dela cusina vicin del spacher. Atraverso le lagrime guardavo 'l tavolo preparado per impastar le pinze e la titola, che sognavo tuto l'ano. La tavola per impastar con la farina tamisada, bianca come una montagna de neve, l'uva passa, el limon de gratar, el zuchero bianco cristalin che pareva una miriade de diamanti. Mancava solo i ovi e'l late. Le me gaveva dito de far più presto che podevo per rivar in tempo.Coi oci pieni de lagrime stavo disèndo: 

- Credè, no son colpo! No volevo! Xe tuto colpa de la borsa. 

- Finìssila con le tue lagne. Per castigo va subito dormir! 

Con la testa calada, el viso rigà de lagrime, dando la bona note soto vose, son andà in camera. No capivo come che 'sti »veci« podeva castigarme cossì pesantemente. Me giravo e rigiravo nel leto no podendo indormenzarme. Spetavo tuto l'ano per veder come che la nona impastava la farina. Soto le sue mani, l'impasto diventava una montagna profumada, giala, che cresseva sempre de più. Dopo che l'impasto se levava, la fasseva dele pinze che pareva grandi rose. Mentre la sfornava, l'odor de vaniglia e limon inondava tuta la casa. E la titola... 

La somigliava a una pupa: el corpo jera intrecià con tre fini filoncini de pasta, come testa la gaveva un ovo circondà de una strica de pasta. Prima de infornarla la nona l'onseva col gialo de ovo, che ghe dava un color dorà. 

Mentre me se serava i oci, sul palato gustavo el gusto sublime dela titola. I »veci« podeva castigarme quanto che i voleva, ma i miì sogni nissun me li cioghevaaa... 

La vedevo corerme incontro, falcando come un leon afamado mentre el verseva le fauci per inghiotirme in un bocòn. Me gavevo svejà de soprasalto agitado e sudado. 

Sora 'l cussin vicin de mi; la sorpresa! 

Involtissada in un tovajol bianco, la mia titola profumada e tanto adorada. 

Titola

Crede'me, no son colpo,
crede'me, no volevo!
El late go spanto
i ovi spaca',
jera colpa de la borsa,
go intopa', son casca'.

Tuto jera pronto per impastar,
le pinze e la Titola,
che d'un ano la sognavo,
per far più presto che podevo
con 'sta borsa maledeta
corevo, corevo.

Per castigo
i me ga manda' dormir.
No me podevo indormensar,
no capivo che 'sti "veci"
i me podeva cossi' castigar.

Solo una roba
'sti "veci" no saveva,
ch'el mio sogno
nissun me lo ciogheva.

Titola,
cossì bela,
indorada,
con tre gambe intreciada,
con un ovo per corona,
ma che bona, ma che bona!

In t-un momento 
te la vedo rivando,
grande e grossa come un leon,
versendo la boca
per magnarme in t-un boco'n.

Me xvejo de colpo,
spaurido,
sul cussin la sorpresa!
Involtissada nel bianco tovajol,
calda e profumada,
la mia Titola adorada.

Bibliografia: 

  • Storia e poesia - Vladimiro (Miro) Gagliardi
  • Fotografia - cortesia di Pietro Valente

Main Menu


This page compliments of Vladimiro Gagliardi and Marisa Ciceran

Created: Monday, July 02, 2001; Last Updated: Monday, August 10, 2015
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA