Roberto Stanich
Ricordi


Bucalete e Bucai

Purtropo, dopo tanti ani che se xe via de la nostra tera e, parlando raramente in dialeto, capita de dismentegarse certe parole o de far confusion. Qalche tempo fa, parlando con un amico de origine dalmata, el me ga dito: "Bon, se ti vien a trovarme, te ofrirò un bucal de vin bon. "Orpo", ghe go dito, " un bucal proprio no, forsi ti intendevi una Bucaleta?" E, dato che nol capiva ben cossa che volessi dir, ghe go spiegà la diferenza tra bucal e Bucaleta, che xe notevole, anche se, forsi, l'origine dela parola xe la stessa.

La Bucaleta (bisogna scriver la parola con la maiuscola) in Istria iera e, penso, xe ancora una istituzion. Quando che rivava un ospite de riguardo, la prima roba che ghe vigniva offerta iera la Bucaleta de vin. El paron de casa no doveva gnanche ordinar, la moglie o le fie le saveva zà e le coreva subito in cantina a travasar el vin dela bote in te la Bucaleta. A la sera, quando i omini iera sentadi intorno al fogoler e i parlava del tempo , dela campagna o dele bestie , la Bucaleta la passava de un al'altro e ogni dun beveva. Iera come un rito de comunion che rinsaldava i raporti de amicizia e de cameratismo. Iera squasi come che fazeva i Indiani in America con el Calumet della Pace. Un'altra roba che vegniva fata in te la bucalata iera la "supa". Se brustolava sule bronze una feta de pan de casa e se lo meteva in te la Bucaleta con vin nero, zuchero oio de oliva e un poco de pevere. Quando che, nele sere de inverno, fora xe iazo e sufia bora e ti inveze ti son sentado sula "banchela", intorno al fogoler, coi amici e con una bela bucaleta de "supa" , ti te senti veramente a casa, protetto, sicuro e ti ghe vol ben a tuti. Le Bucalete le iera de varie misure e el paron de casa gaveva la sua preferida , magari più picia, per bever anche quando che el iera solo, inveze che bever del bicer. Sula Bucaleta iera piturade robe in tema come graspi de uva o fiori e scrite che incoragiava a bever come "Bevi Bepi" o "In Vino Veritas" o altri modi de dir. Iera un ogeto de tignir de conto e se, per sfortuna, la cascava per tera e la se rompeva, iera anche quei che la ingovernava con punti de fil de fero dato che no iera le cole e i mastici che xe adesso.

A proposito dela Bucaleta, mio nono contava sempre una storia:

Iera una famiglia dove che i iera strenti e co' vigniva qualche dun i ghe ofriva la Bucaleta con drento "bevanda" de acqua e asedo. Un giorno xe vignuda in visita una comare e la parona ghe ga oferto la Bucaleta" bevè comare " la ghe ga dito e la comare, che la saveva che de solito noi ofriva vin, "no, grazie, no go sede" a ancora la parona "bevè comare, xe vin" e la comare " ma che stupida, gavevo sede e gnanche no savevo".

Cossa dir del bucal (scrito con la minuscola). Anche se l'origine dela parola xe probabilmente lo stesso dela Bucaleta, el servi per tuti altri scopi. Xe un ogeto vile ma utile. Una volta in Istria, specialmente in tei paesi de campagna, i gabineti no i iera in casa, ma fora, in corte, vizin la stalla. De note, specialmente de inverno col fredo e la bora, no se se risciava de andar fora per i bisogni corporali anche perché certe parti del corpo xe delicate e no se devi esporle ale intemperie. E cussì se fazeva in camera e ala matina se andava a svodar el contenuto. Qualche volta el serviva anche per scoragiar i spasimanti non graditi dele fie, che vegniva a cantarghe la serenada soto la finestra. La parona de casa la li inafiava con un bucal pien e questi no se fazeva più veder. De solito questi bucai i iera de lamiera smaltada, bianchi col bordin blu o nero e, soto l'Austria, i vigniva dela Boemia che la i iera bravi de far 'ste robe. Ma ghe iera anche quei bei, de lusso fati de porcelana con disegni de rose e altri fior. Mia nona ghe ne gaveva uno ma la lo tigniva solo per bela figura e guai a pissar drento.

Al mio amico ghe go mandà le fotografie dela Bucaleta e del bucal, cussì el se le studi e che el impari la diferenza per no sbagliarse quando che el invita un Istrian a bever.

Roberto Stanich

Copyright © Roberto Stanich 2003 -2004

Photograph: 

  • Bagpipe (meh) player from Orlec on Cres, from Andre Mohorovicić & Daniel  Načinović, Terra Magica, Otokar Kersovani, Laurana (Zagreb, 1994)

Main Menu


This page compliments of Roberto Stanich

Created: Sunday, December 21, 2003; Last updated: Saturday, June 23, 2007  
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA