line_gbg70.gif (2214 bytes)

Memories
People
line_gbg70.gif (2214 bytes)

Dai campi profughi alla lontana Australia

Con l’entrata al campo I.R.O. de Bagnoli (Na) se sta per averarse la nostra ultima speranza de lassar i Campi Profughi, Fiume, e l’Italia per sempre. Lassar drio i bruti ricordi de la ultima guera, l’agonia e disperazion dei campi e l’umiliazion subida come profughi dai nostri stessi connazionali per grazie de gaver pagà per l’Italia el conto de l’ultima guera con la perdita delle nostre tere e con l’esodo quasi totale. Semo diventà più amari, senza lagrime, ma più decisi per affrontar l’ignoto. Tanto gavemo perso tuto, e unica cossa rimasta xe el nostro orgoglio de Fiumani e un grande coragio de scominziar de novo e sistemarse. Savemo già che sarà molto duro. Quei che xe partidi prima de noi ne sta scrivendo e i ne mete in guardia, ma noi semo ansiosi e pronti de andar fino el diavolo.

El Campo de Bagnoli xe come una picola zittà, el ga tuto: teatro, ciese, ospedai, casamenti moderni e campi sportivi (prima iera un colegio per fioi de banchieri). Se fa tute le pratiche, visite mediche, interviste consolari e cussivia, molte nazioni del mondo xe rapresentade e xe una intiera nazion unida. El tratamento xe bon el più uman che fin adesso gavemo rizevù, qua i ne trata da gente zivil e per la prima volta semo contenti, però la contenteza sarà completa solo quando saremo acetadi dal console australian.

Solo là saremo sicuri de poter andar via e el nostro sogno de scominciar de novo la nostra vita se poterà realizar. Intanto i nostri amici e conosenti i continua a partir ogni settimana, per el Canada, per i Stati Uniti, el Brasil, l'Argentina, l'Australia e via dixendo, dopo gaver passà le visite mediche e anche el console australian, anche per noi comincia a splender el ragio de sol.

Semo contenti ma la partenza se fa un poco aspetar. L'intrigo per zerti de noi esuli xe un dotorin che ne mete el baston fra le rode prima del imbarco, ma anche lui lo gavemo trapà (ghe gavemo fato la cavaleta) e el nostro giorno finalmente ariva.

Dopo gaver consegnà in magazin gamele, cuciar, piron e s'ciavine, semo pronti con le valigie al piazal de carigo “embarkation”. Xe 23 camion militari in dotazion del'I.R.O. che ne aspeta per carigarne. E vizin xe altri camion con i nostri cassoni che contien le nostre poche straze e le nostre picole preziose cramerie, quele dei nostri ricordi che gavemo salvà per portasele con sè in tera straniera, ultimo intimo toco de casa per ricordarse del passato.
La bandiera della nostra “libertà” sventola sul alto palo. La xe bianca con un salvagente in mezo, colorado verde e blu con la scrita “I.R.O.” (International Refugee Organization) in grande letere. Come se metemo in fila per montar sul camion la guardemo in silenzio, e ognidun de noi par che i ghe dixi “grazie I.R.O. dal fondo del cor, per gaverne ridà la dignità de gente zivil.”

Xe molta gente che parte quel giorno, in magioranza esuli Giuliani e la destinazion xe la Germania. El piazal grande xe zepo de gente, quei che resta xe ai margini, drio la corda che ne separa. Dopo gaver salutà i nostri cari amici e conoscenti del campo, de novo i ne ciama in apelo, montemo su, tuto xe pronto, xe come una parada militar. L’altoparlante anuncia in quatro lingue che i partenti per Stati Uniti, Canada e Australia xe pronti per la partenza. Con un augurio de un prospero e felice futuro i ne sona per la ultima volta la popolare canzon che dixe “È l’ora di partir, ti aspetta il mare torna a navigar, se addio non è, arrivederci allor, quando ritornerai sarò quaggiù”.

La polizia del campo monta con noi e i carabinieri de scorta va in cabina con l’autista. El convoglio se move. Addio addio... saludi, lagrime de dispiazer e de contenteza che se libera da questo cor martorizà. Se dirigemo verso la stazion feroviaria de Napoli dove ne speta un lungo treno che ne porterà in campo I.R.O. in Germania. In stazion anche i carabinieri ne augura bon viagio e bona fortuna.

El treno se move: xe un silenzio de tomba. Guardemo inebetidi, senza reagir. De colpo se sentimo svodi e non ne par vero. Ma vero xe, qualchedun se piziga la man, in caso che non sia un sogno. El treno prende la corsa, el passa davanti el campo I.R.O. de Bagnoli che xe su la linea Napoli-Roma, cussì de novo per la ultima volta nella picia stazion davanti el campo xe i nostri amici che ne vede passar e i ne sventola el fazoleto. Addio per sempre.

Viaggemo tuta la note e de matina presto semo a Verona. I ne cambia locomotiva, se dirigemo verso el Brennero con meza ora de sosta per pratiche de confin. Un grande fis'cio e el treno se move e el pasa el confin... Addio Fiume, Addio Italia, forse un giorno ritorneremo a vederte ma non da profughi. El treno continua la sua corsa atraverso l’Austria, la Germania, con una picia fermada a Hannover, e poi a Brema dove ne speta le coriere per portarne verso sera al campo de Grohon, che xe qualche decina de chilometri più in dentro.

In campo in Germania stemo fermi per un mese, tre chilometri più in xo xe un altro campo, “Lesum”, dove se trova altri esuli Giuliani. El magnar xe poco per noi giovani, e tuto xe dolze, ma bisogna adatarse alla tedesca; el giorno de Nadal quei soto ai ventiuno ani ga batu meza bava. El magnar non iera abastanza per la mularia ma le proteste non valeva niente (i gnochi iera in festa a casa).

In campo a Grohon iera molto razismo: polachi, russi, ucraini che i se fazeva passar per tedeschi noi ga aspetà un minuto per farne saver le sue opinioni: “Macaroni, sporchi taliani che non se lava e abita in condoti” e quando se andava per ciapar el repete in mensa i te rideva in muso e i dixeva che non xe più. La nostra razion iera sempre più picia e senza repete.

Noi mularia ritaiavimo come potevimo. Un giorno, idrofobi del tratamento, ghe gavemo tirà una patata lessa in finestrin del inseviente de cusina. E non gavemo sbaglia el colpo!

Con tuto che iera pien inverno el padre ga vendù el suo capoto e quel de mama e un per de calze de lana (che i ne gaveva dado al campo de Bagnoli, quando semo partidi per la Germania) per un per de marchi tedeschi, cossì potevimo comprar fora campo qualche cossa de rosigar.

Grazie Dio che ga dura solo un mese, cussì a gennaio se gavemo imbarca a Bremerhaven su la ex nave trasporto “Nelly” (convertida per el carigo de migranti a La Spezia) soto bandiera Panamese, salpadi a la volta dela Australia. Sulla bachina co lassavimo la Europa non iera nissun a salutarne: ghe iera solo i portuali de servizio, un per de ufficiali del I.R.O. e i gabbiani.

Addio Europa, addio a tutti!

Pino Bartolomè alias “El Lugaro”
Melbourne, aprile 1984

Tratto da:

  • La Voce del Popolo, 29 gennaio 2005


Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Saturday, May 07, 2006; Last updated: Tuesday, October 02, 2007
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA