line_gbg70.gif (2214 bytes)

Pino Bartolomè
Ricordi
line_gbg70.gif (2214 bytes)

Sbalociadi dalla bora

Pino Bartolomè è un fiuman “patoco”, da 52 anni esule a Melbourne, in Australia, inviò questi ricordi in lingua dialettale:

Era pien inverno, con sta bora che suffiava e i scuri delle finestre che fazeva rumor quando sti refoli passava. Credo che nissun gaveva voia de alzarse de mattina, perché soto le coverte se stava mejo in calduz. El mio papà ghe tocava alzarse per primo, verso le quatro de matina, perché el scominciava lavorar molto presto. Poco dopo la mama lo seguiva. El primo lavor de far era de impizar el sparghet de legni, con sbize e legneti dolzi, per scaldar un poco la cusina, anche per poi far el caficio per noi mularia. El papà se scaldava el suo con la picia spiritera de ghisa, con tre buchi fati in simetria, per lasar passar l’aria. Come che el fogo se impizava in tel sparghet, el fumo vegniva fora tra meso dei cerci della piastra, che era fata in modo de poter scaldar pignate de diferenti grandeze e poi anca per via del vento che sburtava refoli zo del camin, cussi che el fogo stentava a impizarse. In quele matine jazade, de bonora, a noi mularia non ne tirava el cul per alzarse del leto. Cussì la mama ne doveva ciamar più de una volta, e più de una volta la ne minaciava con el batipan.

«Gnjus» era chi che non xe lavava el muso

Dopo gaverse alzà se lavavimo el muso con l`acqua freda, fazendo qualche volta anche finta de gaver dimentica de lavarse. E alora la madre se infogava ciamandone “gnjusi” e boni de gnente. Insoma, fredo o no fredo, co la ne scovava fora, ne tocava farse corajo e plockar el muso soto la spina de acqua freda. Brrr.

Bevudo el caficio caldo e fato un bocon, rosigando do fete de pan vecio, metevimo inte la borsa de scola la marenda che la mama gaveva prontà per noi e davimo una ultima ociada ai libri e ale poesie che gavevimo de studiar. Guardavimo fora delle lastre apanade dela finestra dela cusina, spostando la coltrina e con el dito, per viz, scrabociavimo su de lore. Guardavimo fora el nostro picio ortizel davanti, co sti alberi senza foie con la ioza de jazo che la picava da la zima dela chita, e la teceta de acqua de le galine che era sempre jazada anche ela. Prima de andar fora de la porta per andar a scola, la mama ne imbacucava con sciarpa e pasamontagna, e a mi, la me gaveva fato un grande giacheton de un capoto vecio, rivoltado che el era molto caldo e la me meteva anche la bareta de sciator in testa (cussi me potevo coprir le orece) ligada con un boton soto el mento che el vento non me la porti via sopra el pasamontagna. Dopo gaver imbacuca anche le mie due sorele Arianna e Mirella, racomandandone, come al solito, de comportarse ben, la ne spediva a scola.

In clase la stufa de ghisa

In quei tempi, apena dopo la guera, noi andavimo alla “Settenale Belvedere”, che prima che arivi i druzi a Fiume, nel 1945 se ciamava “Scuola Magistrale Egisto Rossi.” Come andavo fora de la porta de casa, malegnaso come che iero, mi ghe davo, credendo de far del ben, una piada col el taco del scarpon a la tecia del’acqua delle galine, che ghe se spachi el jazo: ma quasi sempre la andava rivoltase sotosora.

Co arivavimo davanti la pistoria de Piero Superina, sto bon odor de pan caldo che te vegniva fori del forno, ne meteva una mata voia de rosigar. Xo per la discesa de la Cripta de Cosala ierimo esposti a tuta la forza de la bora che ne vegniva adoso a forti refoli. Noi se tegnivimo per le mani e tante volte dovevimo tegnirse anche per el pasaman de fero ghe era lungo la strada, propio davanti el parco della “Rimembranza” che andava fino al scarpelin Marrusich, in angolo de Via Canova. I refoli usava eser così forti che tante volte ne pareva che i ne voi butar in aria o contro el muro de soto la casa del Grubesich; el fredo taiava la pele scoverta del viso che era iazado. Sto’ vento se calmava un poco apena quando se arivava davanti a la pistoria del Cressevich. Ma a quei tempi de fame e carestia le vetrine de la sua pistoria era tute svode. Non se vedeva più le paste creme, i pimini, le fave colorade, i biscoti savoiardi, che a noi ne piazeva tanto. Ghe era solo la lunga fila de done che spetava per el pan, e per el late, se ghe ne era - anche quel inacquado - de fianco a la lateria. Ste povere babe fazeva soto quel fredo con la bora che suffiava, rasegnade, la fila per poter portar a casa quel poco che i dava per la famiglia per rosigar. Anche noi fazevimo quele file dopo scola, per aiutar la mama. Soto i novi paroni de ocupazion magnar non ghe ne era, e era fortunado chi rivava ciapar qualche mezo chilo de bobagna o qualche ioza de oio, per condir, giusto quel tanto che bastava per tirar avanti per qualche giorno senza sentir i granfi de fame in tel stomigo. E anche quela poca miseria che i ne dava era tessearada. Me ricordo le tessere anonarie R1 per i lavoratori, R2 per i fioi, R3 per le casalinghe, e la R2B per i lavoratori de assalto e propaganda comunista. Ma el bon odor de pan sfornà caldo - anche se el era nero de segala (de segadura con la cola rabica, come che lo gavevimo batezà) - el era bon lo stesso, per impinir i tubi. Insieme ai nostri compagni de scola se andava su per le scale, pasando el orto ben coltivado, che el era, mi credo, de la bidela. Poi, quando erimo dentro el porton de la scola, ognidun se incaminava ciacolando verso la sua classe. In te la nostra, che era in primo pian, davanti a la tabela (lavagna) ghe era una stufa a legni de ghisa, con el camin che andava oltre el muro dove ghe era una volta el vetro de la finestra e al posto del vetro i gaveva messo un toco de lata che fermava e tegniva suzo el tubo del camin. Prima che scominzi le lezioni, i nostri cari bideli gaveva già impizà tute le stufe de la scola. Noi con ste mani jazade, anche se gavevimo i guanti, se andavimo a strucarse vizin sta stufa per scaldarse un poco le “zate”, aspetando che soni el campanel. Durante le ore de lezion, la bidela vegniva ogni tanto a meter in te la stufa un poco de legni e carbon, sora la stufa ghe era una lata de acqua, “i dixeva che era contro el mal de testa”.

El canton vicin el sparghet

Dopo scola, co tornavimo a casa, ne spetava una altra sbalociada de bora che ne spostava in tute le direzioni, caminando in salita andavimo avanti per storto, contro vento. A casa ne spetava la mama, con sto sparghet caldo, noi apena arvadi se sciocavimo vizin per scaldarse. La mama più de una volta la ne scaziava via in un canton perchè la doveva misiar le pignate, quasi svode, per darne quel poco de boba calda che ghe era a quei tempi. Mi me piazeva la sedia vizin la caldaia de acqua, de fianco el sparghet. De parte del sparghet ghe era un picio pasaman dove stava sempre impicado un caziol che serviva per ciolder l`acqua calda de la caldaia. Ogni tanto ghe davo, sempre… senza voler, un colpetto e el finiva per tera. Dopo magnado la mama netava el tavolo, cossi la poteva tegnirne de ocio fin che facevimo i compiti e in caso che, come che xe per tute le case dove xe molti fioi, se barufavimo noi mularia. Finida la roba de scola, era tropo fredo e scuro per andarse giogar de fora, anca perchè tuti i altri muli e mule era come noi tapadi in casa; cossì gnanche mi molavo el “osso” e non me movevo via de quel cantonzin caldo, per non perder el posto, perché anca a le mie sorele ghe piaseva quel cantonzin. Chi se moveva perdeva el posto e alora era sburtoni, zuconi, barufa, fino che la madre, snervada, non la cioldeva el palentar de la polenta dixendone che se non stemo boni la ne svica!

Tratto da:

  • Pino Bartolomè, "Sbalociadi dalla bora", La Voce del Popolo, 11 maggio 2004 - http://www.edit.hr/lavoce/040508/esuli.htm.

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Tuesday, May 11, 2004; Last updated: Wednesday, November 28, 2012
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA