line_gbg70.gif (2214 bytes)

Memories
People
line_gbg70.gif (2214 bytes)

Una festa de batiso a l'ostaria de "Manasse"
di Mario Lorenzutti

[Questa storiella d'altri tempi è realmente accaduta, ad Isola d`Istria e che mio nonno raccontava nel nostro bel dialetto.]

Savemo duti che co nassi un fio in famea xe una gioia granda e quando che 'riva el momento del batiso se xe duti in festa.

Ma una volta, batiso e nosse, iera forsi le do ocasioni più grande par far baldoria, parchè i nostri veci i no gaveva tante possibilità come che gavemo noi 'desso.

Insoma, in poche parole, in quei sorni se meteva de parte duti i pensieri, dute le malinconie e se pensava solo a divertisse, a fraiar.

Alora i se preparava a puntin, i tirava fora dell'armeron el vestito più bon, magari l`unico per de scarpe, - quele che serviva de domenega par 'ndar a Messa -, e duti vistii de festa i 'ndava al "batiso" che vigniva celebrà intela Cesa de la Madona, in piasseta, e dopo el "batiso", chi che podeva permeterse, se fasseva pariciar una bela tola par un bon pranso in ostaria.

La famea che xe protagonista de sto ricordo che ve conto, gaveva riservà un bel posto in quela ostaria vecia, drio la pescaria, vissin del squero, che gaveva una bela pergola e la iera sistemada propio davanti el mar. Se no sbalio, iera l'ostaria de Vincenso (Manasse de soranome).

Iera una bela sornada, el picio iera stà batisà, el magnar, in sta ostaria, iera gustoso e bondante, la bona compagnia no mancava e no mancava gnanca el bon vin in tola. Voio ricordar che Isola, in quei tempi, gaveva un bon nome par el so Refosco [vino]. Cussì che sti convitati i ga magnà ben e bevù ancora meio e........el morbin no mancava. Iera un gran divertimento esser in compagnia e man man che passava le ore i se trovava sempre meio. I ciacolava, i rideva, i cantava, i contava barselete........e iera anca l'imancabile sonador de armonica, quela triestina a botoni, cussì che i ga fato anca quatro salti in alegria. In poche parole, una de quele sornade che no se volaria che le finissi mai. Insoma, i ga fato le ore pice e duti alegri e sodisfai, par no dir inciucai, a malincuor, i ga dovù rassegnarse che iera ora de 'ndar a casa.

Pitosto rumorosi i ga passà par le "canisele" del paese e prima de darse la bonanote, el santolo a ghe ga domandà ala mama del picio: "Comare, visto che ormai son rivà a casa, prima de 'ndar a dormir, volaria darghe un baseto a me fiosso.

"E la mare preocupada: "Orpo compare, cossa no 've ciolto vu la creatura?"

E lu: "Mi no, comare! Mi no lo go!"

La mama, duta in pensier, la ghe fa: "Ma alora, chi ga me fio?" Duti se ga vardà, un co'l'altro, ma sto fio .....a no iera.

"Scometo - ga dito la santola - che lo gavemo lassà in ostaria! Sì, desso me ricordo! Lo gavemo messo a dormir intela cofa, soto la tola.........e là a xe restà!"

E alora, presto, torna duti indrio. Duta la combricola, in pensier, ga slongà el passo e la mama se ga messo a corer. Int'un bater d'ocio i iera 'rivai davanti de l'ostaria,.......ma, ormai la iera serada, parchè i paroni, stanchi, i iera 'ndai driti a dormir. Alora, podemo imaginarse el bacan che ga fato sta sente davanti de l'ostaria:.....bati i scuri, ciama i osti........E finalmente qualchedun, rabià par la confusion che i ghe fasseva soto de la finestra, ga verto i scuri. Iera l'oste e co a se ga inacorto che iera quei "del batiso", che gaveva lassà poco prima el so local, a ghe ga fato capir che lu a iera sa in leto e che iera ora che i 'ndassi a dormir anca lori,.....parchè doman ghe spetava un'altra sornada de fadighe. E, a ghe ga anca dito che l'ostaria iera serada...... e che anca se i gaveva sede, a no gaveva nissuna intension de verserla a ste ore de note.

Ma una vose se ga alsà par dirghe: "Xe meio che a vegni so, caro Vincenso, parchè ne par de gaver lassà el picio fio soto la tola, in ostaria."

A sto punto, al povero Vincenso no ghe ga restà altro che vignir a verse l'ostaria." Infati, el picio iera propio là. I lo ga trovà soto la tola che, beato, a dormiva intela cofa.

Stavolta, contenti e rassicurai, dopo 'ver ciapà quel spagheto,......fate le scuse a l'oste,......i se ga saludà de novo. El compare ga podù darghe un baseto al fiosso ritrovà e, finalmente, duti contenti i xe 'ndai a dormir.

Podè star sicuri ch'el pare e la mare de sto picio, ma anca duti i parenti invitai, i no varà mai più desmentegà sta festa de de batiso.

Mario Lorenzutti, London, ON (Canada)


Main Menu


This page compliments of Mario Lorenzutti

Created: Saturday, February 02, 2004; Last updated: Tuesday, October 02, 2007
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA