line_gbg70.gif (2214 bytes)

Memories
People
line_gbg70.gif (2214 bytes)

Pasqueta Isola - Strugnan: Iera una volta....
di Mario Lorenzutti

Gente mia, quanti ani che xe pasai de quando noi Isolani andavimo al Santuario de Strugnan a festegiar la nostra Pasqueta. Iera una ricorensa che noi fioi spetavimo con ansia. Come dir, iera la prima scampagnada de primavera, fata insieme ala famea e co' i amici.

Quanti ricordi per noi isolani pensando a sto giorno!

Iera duta una preparasion: la setimana prima le nostre mame e none le iera dute indafarade a preparar le "pinze" e per noi fioi no mancava mai le "titole". Ve le ricordč, no?Quele fate come una coda, co' l'ovo colorą in canton. Per colorar sti ovi se li boiva in acqua, insieme a un toco de carta de napa, quela carta colorada e ingrespada che de solito iera messa intorno ala napa, in cusina, o anca se usava le foie de altricioco (oggi carciofo)...

Iera sempre una gran competision tra le nostre done e te sentivi dir: le mie xe pił bele, le mie xe un poco brusade, le mie no se ga levą 'bastansa, forsi le iera tropo condide o go messo tropa trapa o rum.

Ma che profumo che se sentiva co se passava davanti o vissin ai nostri forni, che durante la setimana santa i iera indafarai al massimo. Se vedeva le done che col pianer in testa le tornava del forno con sto ben de Dio, lasandose drio una scia de profumo de pan bon che a noi fioi ne fasseva vignir l'acquolina in boca. Ma no se podeva tocar le pinse e le titole fina la domenega de Pasqua.

Finalmente, la matina de Pasqua, prima de 'ndar a Messa, se podeva magnar una feta de pinsa, fasendo sopa in tel cafč o per i pił fortunai tociandola in tela ciocolata... Ma quei che 'ndava a cior la Comunion doveva spetar dopo Messa. Ve ricordč che in quei tempi, se doveva esser digiuni per ricever el Signor.

Me ricordo che me nono ghe piaseva tociar la pinsa in tel vin, magari nel nostro refosco, opur nel bicer de moscato che noi isolani lo fasevimo 'ssai bon.

Pasqua a Isola iera una roba granda e cusģ credo anca nei altri paeseti istriani. Me ricordo la cesa piena dela nostra gente, la iera cusģ piena che noi fioi dovevimo sentarse sui scalini che 'ndava sull'altar. Iera primavera, iera voia de tornar a viver. In sta ocasion la nostra gente sercava de vestirse come che i podeva meio, magari con qualche vestitin novo, iera la stagion nova e bisognava far bela figura.

A Isola gavevimo dei sarti bravi e anca se no se podeva ver dei tochi de stofa novi, se risolveva la question rimodernando e rimodelando la roba vecia... che saria "voltar i manteli" come che se diseva o altri capi de vestiario per poder far bela figura "in piassa" e esser eleganti nel nostro picolo. E, po', no se diseva che noi, a Isola, gavevimo le pił bele mule dell'Istria?!

Tornando ala Messa granda, chi xe quell'isolan che no se ricordarą la Messa celebrada del nostro paroco Don Giuseppe Dagri, ma per noi duti, conosu` come el paroco Biri? Un gran orator, che con le sue prediche a ne fasseva vignir i brividi, se diseva: A ga propio un don de natura, xe pochi come lu che predica cusģ ben, insoma, ierimo orgogliosi de lu. Me ricordo che tante volte a doveva sonar anca l'organo, se sa in cesa bisogna far un poco de duto. Ma, bisogna anche dir che a gaveva anche un gran aiuto da Don Attilio, ultimo paroco de Isola prima dell'esodo, e Don Antonio, grandi e benvolui anche lori.

Chi gavaria mai imaginą, a quei tempi, che per noi le robe dovesi cambiar per sempre? Chi varia mai pensą che per noi isolani, Isola, diventarą solo che un ricordo?

Ma, pasemo ala scampagnata de Strugnan. De solito, el tempo iera sempre bel; me ricordo che a casa mia se preparava un poco de duto; iera sa pronto el radiceto novo e se se portava drio un pochi de ovi lessi, cunigio 'paną, un poco de formaio, un poco de parsuto, le pinse no mancava, compreso el vin. Se impiniva le borse e se partiva...

Strugnan no iera lontan. Chi 'ndava a pie', chi col caro e caval o asino, chi in bicicleta, chi co la barca, ma la magioransa 'ndava caminando, in compagnia, ciacolando. Noi, de solito, 'ndaimo per la curta: passavimo sora dei rivassi de San Simon; de lą, se fasseva presto e se godeva de un panorama che no ve digo. Rivai a Strugnan, la prima roba che se fasseva, iera de 'ndar in cesa e dopo ver scoltą la Messa dita dai frati o dal nostro prete isolan se 'ndava a veder i quadri ex voto dove che anca tanti isolani ghe gaveva dedicą ala Madona per le grasie ricevute. Devo dir che a mi, de fio, iera una roba che me restava 'ssai impressa. Dopo, pian, pianin se 'ndava sui prai in giro ala cesa .Lą, se sceglieva un bel posto dove che se distirava una coverta portada 'posta da casa e se tirava fora dale borse el magnar che se magnava in compagnia coi parenti e amici e per noi, quela volta, iera un ben di Dio. Noi fioi corevimo in qua e in lą, sercando i nostri amici spagliai un poco per duto, per dopo 'ndar duti insieme fin lą de la Croce, propio lą, in sima al rivasso.

Che bel che iera! Che sensasioni! Che bela vista! Per noi mularia, ierimo felici cusģ, no domandavimo altro, iera quele giornade indimenticabili! Me ricordo anca, che co la matita fasevimo el nostro nome sula Croce, sperando de trovar la scrita anca el prossimo ano. Questo iera parte dele nostre tradisioni del periodo de Pasqua, che noi fioi, ma anche i grandi, no gavessimo mai pensą che un giorno dovessi duto finir.

Intanto, per i prai in giro ala cesa iera duto un`alegria, un ciacolar, cantar, insoma quele giornade che no se volaria che finisi mai. A sol a monte, se cominciava meter via la roba per tornar a casa. Magari, prima de tornar verso Isola, se faseva un gireto per le saline, per ingrumar qualche maseto de santonego che le nostre mame diseva che fasseva 'sai ben pei vermi, come che se vedi, la nostra gente pensava a duto. Dopo se se incaminava, in clapa verso el paese e iera sempre qualchidun che intonava qualche vecia canson popolare e duti ghe 'ndava drio in alegria. Tra le varie canson me ricordo: "Tuti mi chiamano bionda, ma bionda io non sono. Va l'ombra, va l'ombra Nineta, ch' el sol ti fa male... e via disendo e per finir  Magari col caro de Rucola, magari col caro de Rucola, a Isola voio tornar", formando un belissimo coro che ne 'compagnava fin a Isola. Questa iera la nostra gente: gente onesta, umile e laboriosa che per colpa dei altri e no nostre, le robe xe cambiade per sempre.

Ma, el ricordo del nostro paese vivarą sempre con noi, ierimo e semo e saremo sempre Isolani, almeno questo nissun podarą portarne via. Anche se sparpagliadi per il mondo, per noi isolani, Isola sarą sempre nostra, rimarą sempre con noi, perchč l'abbiamo sempre amata.

Vi saluto dal Canada con Isola nel cuore.

Mario Lorenzutti


Main Menu


This page compliments of Pietro Valente

Created: Saturday, May 07, 2006; Last updated: Tuesday, October 02, 2007
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA