Alberto Martinuzzi
Ricordi



"Papà mi sposo"

19 giugno 2002

Siora Marisa,

La scolti cossa me ga tocà. Sarà sta zirca Nadal, mi credo, quando che me telefona mia fia de l’Inghiltera dove che la vivi de tanti ani. La mi fa mi dice: “Papà mi sposo”.

Mi al momento resto come un momolo, zito; po’ ghe digo: “Che bela sorpresa, a quando le noze?” intanto pensavo “Iera ora, birbante!”. E ela: “A maggio, a Venezia!”, e mi che ben, che son tanto contento e che bela scelta del logo, assai romantico.

No la staghi domandarme de quando che i se parlava i do promessi. Altro che parlarse, siora Marisa! Insieme i viveva, za del 1997. Ben, indiferente: i dixi che xe natural, che i tempi no xe più quei de Marco Caco, che i giovini devi far esperienze. Dacordo, ma perchè quando anca mi volevo far quele stesse esperienze mio papà defonto me ga fato corer?

Pasa el tempo, riva magio, xe ora de prepararse. In primis me toca meterme a dieta strenta, se no no rivo a starghe dentro nel vestito bel de zerimonia. Po’ me toca sbarbarme tute le grandi manovre de mia moglie e de mia fia picola, come mate pei vestiti e i acesori che devi esser in tinta. Ormai ghe semo: quasi tuti i parenti, amichi e conosenti svola a Venezia el giorno prima, giusto el giorno del malignazo patatrac del ‘trafic control’ a Londra. Per tuta Europa ritardi, secadure, contratempi de no creder. Ma quando Dio ga volù xe rivà finalmente el gran giorno, 18 maggio.

Savè come che xe Venezia, comunicazioni dificili, de l’otel a la cesa de San Trovaso se ghe riva solo caminando. Per le calli iera pien de tuti ‘sti giaponesi, ‘sti chinesi, coreani forsi, mi no so, che mi li confondo sempre. E come che i ne vedeva, zo a fotografarne e saludarne come se fussimo star de Holivud.

Vien el momento de entrar in cesa: ghe dago el brazo a mia fia, ma tutintùn me sento un tremaz zo per le gambe, e me sento i zenoci fiapi. Una bela resiprada e via: paso lento ma no tropo, fin a l’altar, dove che afido la fia a quel che la spetava. E mi a pensar: che sempiada, no ocoreva che te la consegno, la iera za tua de ani anorum! Ma questo no fa niente. Un gropo me ciapa in gola, siora Marisa, co’ el pievan legi la formula, e i fioi ghe rispondi che sì, che i vol star insieme per sempre, anche se el vento dovessi girar de la parte sbagliada... e mi so che el destin el fa de 'sti bruti tiri.

Come tute le noze che se rispeti, dopo la messa tuti a magnar. De caminar fin el restaurant, nianche sognarse; montemo sui uatertaxi, traversemo mezo Canal Grande de l’Academia fin oltra Rialto, incrosemo altri sposi su le gondole. Cussì femo de novo contenti i turisti che fotografa tuto. Ma che fame, siora Marisa, fame de morir gavevimo dopo dute quele fadighe. Col ben de Dio che ve iera nel menu gavemo pasà tuto el dopopranzo a magnar, bever e contarsela: anca mi che son sempre stà omo stufadiz.

Al momento de andar via, vien fora che ale sete de sera ve comincia el siopero dei ferovieri, cussì tuti quei che iera vignudi in treno se meti in agitazion. Cori de qua, ciama de là, gran da far coi celulari. Come formigole, se un ghe mola una piada al formigher. Insoma i se rangia con machine fitade o col aiuto de altri amichi, tuto per no restar blocadi fin doman a Venezia. Che sarà anca la perla dela laguna, ma la xe maledetamente cara e per una stanza in otel i te cava anca la camisa.

De quela volta, ve devo dir, a ognidun che me domanda alora come xe andà a Venezia, ghe rispondo che xe stà una ‘esperienza unica’. Nel senso che, al momento bon, a l’altra fia ghe consilierò la montagna, inveze che el mar.

Alberto Martinuzzi

Main Menu


This page compliments of Alberto Martinuzzi and Marisa Ciceran

Created: Wednesday, June 19, 2002; Last Updated: Tuesday, October 02, 2007
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA