line_gbg70.gif (2214 bytes)

Memories
People
line_gbg70.gif (2214 bytes)


 

Questo che avete costruito è un ponte davvero importante
di Umberto Usmiano

Ci sono sempre più persone che ritengono che questa nostra iniziativa sia più che benvenuta. Ecco che cosa ci scrive Umberto Usmiani, generazione 1950, oggi residente nei pressi di Firenze, responsabile commerciale estero di un’azienda molto conosciuta nel settore dell’abbigliamento. Suo padre, generale di Divisione dell’esercito italiano, era nato a Pola nel 1908 mentre il nonno ed i suoi avi hanno origini (sin dal 1260) di Arbe:

"Penso che questo ponte che state lanciando sopra le incomprensioni sia una cosa veramente importante. Purtroppo negli ultimi cinquant’anni i veri sentimenti delle nostre genti sono stati in egual misura strumentalizzati ed ignorati dai politici dei nostri due paesi. L’associazionismo dalmato ed istriano, qui da noi in Italia, ha fallito completamente i suoi scopi sostenendo da un lato una visione ottocentesca ed irredentista del nostro problema e dall’altro cercando sempre di non creare difficoltà di tipo politico ai governi italiani che lo sponsorizzavano. Sicché, a seconda delle convenienze, siamo stati nascosti nello "stanzino dell'immodizia" o esibiti nel "salotto buono di casa".

Sono fermamente convinto che i legami che faticosamente si stanno riallacciando debbano essere basati più sui ricordi e sui sentimenti dei singoli che sullo sventolio dei gagliardetti. Sostenere ancora oggi le tesi del 1918, oltreché essere antistorico, non può che generare reazioni contrarie a questo lento rimarginarsi delle ferite.

A Bolzano, quando avevo quattro o cinque anni, ogni sera mio papà veniva vicino al mio lettino per darmi la buona notte. Ricordo ancora l’odore del metallo delle sue spalline e il ruvido tessuto della diagonale. Ho poi saputo che molti miei amici, a quell’età, chiedevano al proprio padre di parlare di calcio o di eroi dei fumetti. Io invece gli chiedevo di raccontarmi le storie della sua giovinezza, quando era studente a Pola, frequentava il Carducci, aveva come professore il padre di Alida Valli, andava alla domenica in Siana oppure a Stoia. E mentre lui parlava davanti ai miei occhi passavano la Via Sergia, Veruda, Promontore, i suoi compagni di scuola, Lisetta, la cavalla di mio nonno, Hansele, il coniglietto nero di mio papà.

Ricordo ancora la prima volta che andammo a Pola e ad Arbe. Avevo 12 anni e lo avevo chiesto con tanta insistenza che mio papà, allora generale dell’esercito, finse di perdere il suo passaporto e se ne fece fare un altro con scritto 'impiegato statale'. E così potè ottenere il visto per sé e mi portò a vedere i posti di cui parlava da tanto tempo. Gli sono ancora infinitamente grato, 40 anni dopo, del rischio che corse per me e del senso iniziatico che diede a quel viaggio che nella mia memoria rimane quasi magico.

La mia vita, come quella del mio papà, è passata nella certezza di essere di sangue diverso, di tradizione lingua e cultura diverse da quella di coloro che mi circondavano. Non migliori o peggiori, semplicemente diverse. Certo vengo da una famiglia 'conservativa'. Ho uno scatolone di lettere di mio bisnonno, conservo come un tesoro tutta la corrispondenza scritta da mio nonno quando era nel 1893 'K.u.K. Infanterie Regiment', ho appese al muro vicino al mio computer le foto di 4 generazioni della mia famiglia. Ecco forse perché per me continuare ad essere Dalmato è stato naturale, normale e non so immaginare che avrei potuto essere null’altro.

Ho 'convertito' a questa mia passione (una passione che spesso mi arde ancora dentro come una fiamma inestinguibile) le persone che mi hanno accompagnato nella mia vita. Ho portato le mie ragazze in Dalmazia e la mia prima moglie in un gommone da 3 metri e sessanta in un meraviglioso viaggio da Fiume a Zara. Sempre con lei sono sopravvissuto all’incendio del mio piccolo cabinato a vela a qualche miglio fuori Traù. Quando la sento, me lo rinfaccia ancora. Ho percorso la Dalmazia baia per baia, 'molich' per 'molich', alla ricerca di ciò che già sapevo e che ritrovavo nelle pietre, negli arbusti e nei campanili. La famiglia della mia seconda moglie è serba e viene da Srebrenica e lei ha una serie di ricordi così tremendi che ciò che di orribile so del passato della mia famiglia quasi scompare e diviene leggero in confronto al peso che lei si porta dietro e che ancora, quando se ne parla, la fa piangere senza consolazione. Lei mi ha insegnato che l’odio, la morte, la fuga, le carovane di profughi, gli anni passati nelle aule delle scuole dormendo sui pagliericci non sono discusso 'privilegio' della nostra gente ma fanno in qualche modo parte dell’anima cupa dei Balcani a cui anche noi Dalmati venetofoni, sebbene di sangue non slavo, abbiamo dovuto sottostare. Da lei ho avuto una bambina, luce dei miei occhi, a cui mi toccherà spiegare un giorno che papà e mamma vengono da lontano ma ricordano con amore le terre perdute che furono dei propri antenati, perché queste terre sono la voce dei loro genitori, la memoria dei loro nonni, l’origine del loro sangue. Sono sicuro che capirà.

Umberto Usmiani

Tratto da:

  • La Voce del Popolo, 29 giugno 2002 - http://www.edit.hr/lavoce/020629/speciale.htm

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Wednesday, December 29, 2002; Last updated:Wednesday November 28, 2012
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA