Milivoj ZoviŠ
Memories


La capra Bianchina

Nel 1952, d'estate, se gavemo trasferì dal paese de Brajkovici in quel de Katun, dove che se gavevimo fato una nova casa. Iera quel che se disi el sogno de tuta la vita de mia mare e de mio pare, e anche de noi fioi; gavemo abitado tredise ani insieme con un'altra famiglia. La nostra cusina serviva de pasagio per el quartier de quei altri, el nostro fogoler iera el spacher per quindise de lori. Co se gavemo trasferi gavevimo dò capre, una mussa e le galine, e una casa sensa pavimento, sensa finestre e tramezi, ma s'ciopavimo de contentessa.

La capra Bianchina la gaveva dò bei corni e una bela testa e co ti ghe parlavi la te 'scoltava come un cristian. Ghe piaseva magnar ma no' la fasseva dani. La iera inteligente e bona de far late. E la gaveva la bona usansa de partorir ogni volta dò capreti.

Nel 1955, d'estate, xe stada emanada le lege sul'eliminasion de le capre, che le iera stade dichiarade animali nocivi e per questo el Sabor de la Croasia gaveva ordinado de massarle tute. La gente gaveva scomincià a massar i caproni e i capreti, lassando le capre per l'ultimo. Cussi' diventava un problema trovarghe un mari'. I ne gaveva dito che a Trosti stava una vedova che la gaveva un bel mas'cio, e alora mi e un mio amico semo 'ndai oltra,la Draga e oltra el ponte de Tomasin e el bosco a portar la capra a nosse. E poco ghe ga mancà che no' casco in tel fiumizel, perche sul ponte le capre se sburtava e el pasagio iera massa streto. E come se no' bastassi ierimo lavai de piova e no'gavevimo ciolto gnente de magnar. La siora del capron la iera 'sai povera, no' la ne gaveva podudo dar gnanche un toco depan. La capra invesse se gaveva pascolà, e a noi, che ierimo afamai, asetai e bagnai, una roba sopratuto no' ne iera ciara: per cossa la gavevimo portà del capron se cuss' e cussì la lege ordinava de massarla?

Co' xe passà el suo tempo, la capra ga partorido, i capreti cresseva, fin che no' xe rivado un telegrama che diseva che bisognava menar le capre a l'amasso.

Mio pare e mia mare quel giorno i doveva 'ndar in te le vide, e cussì me ga tocado a mi de portar la Bianchina in te la corte de Venanzio. Quela iera una giornata disgrasiada per mi. Co' semo rivadi in strada go visto che i butava le capre in tel camion de bauxite come se saria zochi de legno. Anche ogi me par de sentire el belar disperado dei capreti e de le capre che me spacava le recie, e no' me posso rasegnar per quel che i ghe ga fato a quele povere creature.

In un lampo gavevo deciso de sconder la capra, anche se savevo cossa che me 'spetava de mio pare.

La capra se doveva smonser e mi la gavevo portada de sia Fume Morova. La povera vecia me gaveva dito: "Fio mio, scondi 'sta capra, che la xe cussì bela e bona de far late, perchÚ quele bestie i te la coperà."

Gavevo scomincià pianser, gavevo ciapà la capra per la cadena e iero andà casa, e che sia quel che sia. Mio pare e mia mare voleva diventar mati. Mio pare gaveva 'una pozision, el iera: el diretor de la Cooperativa, el doveva preocuparse de quel che gaveria dito la gente. Ma come? propio lui che no' consegni la capra?

Quela note no' gavevo serado ocio. Mio pare gaveva ordinado de ciamar Mirko, el guardaboschi, che iera anche sinter: ch'el massi la capra e che la gente no' gabi de sparlassar. Xe rivado el sinter, uno che ghe piaseva 'sai magnar iota. La mama ghe gaveva oferto la sua e quando ch 'el se gaveva sassià el gaveva dito: "Trove qualchedun, ghe imprestero' el s'ciopo, mi no' me la sento, de massarla." Ma no' se gaveva trovado nissun disposto a spararghe, e cussì la capra la se la gaveva scapolada.

Per mi più grande contentessa no' ghe podeva eser: la Bianchina restava con mi. Dopo de quela volta la gaveva fato altri tre capreti, un più bel de l'altro.

Ma un giorno la capra no' xe tornada dal pascolo. La gavemo sercado per dò giorni. Drio la casa iera un foiba e mia mare la ga scomincià a sospetar che la gaveria podudo eser cascada drento: infati la iera là in fondo, meza sconta tra le graie, viva ma tuta rota.

Dò giorni no' gavemo fato altro che guardarla de l'alto disperadi, nissun no' se la sentiva de coparla.

Alla fine gavemo pregado un paesan ch'el ne fassi 'sto piaser, ch'el se cali in te la foiba e ch'ella finissi.

Quel giorno go pianto de scondon tute le mie lagrime. E per tanto tempo dopo dequela volta, in tute le altre capre che gavemo gavudo, go sercado sempre la mia Bianchina.

Tratto da:

  • Milivoj ZoviŠ, "La capra Bianchina", Jurina i Franina, Rivista di Varia Cultura Istriana, No. 52, Inverno 1992, Libar od Grozda (Pula, 1992), p. 76-7.

Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Thursday, November 08, 2001; Last updated: Friday, June 15, 2007
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA