Ristampato da: http://www.fabula.it/mgriner/cinema_fascismo.html


Cinema italiano durante il fascismo

(bibliografia a cura di Alessio Billi e Massimiliano Griner)


La bellissima Alida Valli in L'amante segreta, di Carmine Gallone (1942)


Alida Valli (la penultima a destra) in Ore 9: lezione di Chimica, di Mario Mattoli (1941)

Clara Calamai e Vittorio De Sica in L'avventuriera del piano di sopra, di Raffaello Matarazzo (1941)


Luisa Ferida in Un'avventura di Salvator Rosa, di Alessandro Blasetti (1940). La fama di donna perversa, nella vita oltre che sul set, si rivelerà letale per Luisa Ferida durante la guerra civile. A torto, fu accusata di aver praticato sevizie a danno di partigiani, con l'aggravante dell'averlo fatto per mera libidine. Fu finita a colpi di mitra a Milano, in via Poliziano, insieme con il compagno Osvaldo Valenti, durante i giorni della Liberazione.


Telefoniste con calze di seta. Ma solo ne La telefonista, di Nunzio Malasomma (1932), con Isa Pola (in piedi al centro)


Carla Del Poggio, Vera Bergman e Vittorio De Sica in Maddalena zero in condotta, di Vittorio De Sica (1940)


La svolta del cinema italiano. Luchino Visconti sul set di Ossessione (1942).

Bacio intenso (ma senza lingua). Memo Benassi e Marta Abba in Il caso Heller, di A. Blasetti (1933)


Luigi Almirante, padre dell'ora più noto Giorgio, in Il presidente della Ba.Ce.Cre.Mi, di Gennaro Righelli (1933)


Bibliografia:
  • aavv, La generazione degli anni difficili, Laterza, 1962
  • aavv, La cinepresa e la storia: fascismo, antifascismo, guerra e resistenza nel cinema italiano, Mondandori, 1985
  • aavv, La città nel cinema: produzione e lavoro nel cinema italiano 1930-1970, Napoleone, 1979
  • Alfassio Grimaldi Ugoberto, I giovani negli anni '30 tra fascismo e antifascismo, in Italia, Feltrinelli, 1975
  • Aprà A. - Pistagnesi P., I favolosi anni '30, Electa, 1979
  • Araldi V., Cinema, arma del nostro tempo, La prora, 1939
  • Argentieri Mino, Risate di regime: la commedia italiana 1930-1943, Marsilio, 1991
  • Bolzoni F., Il progetto imperiale, La biennale di venezia, 1976
  • Caldiron O., La paura del buio, Bulzoni, 1980
    ___[ottimo studio sul cinema del regime, con particolare attenzione all'esperienza dei Cineguf]
  • Carabba Claudio, Il cinema del ventennio nero, Vallecchi , 1974
    ___ [profilo critico di vaglio, di taglio spregiudicato]
  • Cardillo M., Il duce in moviola, Dedalo, 1983
    ___[il ruolo del cinegiornale nella propaganda del regime]
  • Cardillo M., Tra le quinte del cinematografo: cinema cultura società in italia 1900-1937, Dedalo, 1987
  • Casadio F., Il grigio e il nero, dati non disp.
  • Casadio G., Telefoni bianchi, Longo, 1991
    ___ [dettagliata panoramica sui generi del cinema durante il fascismo]
  • Freda Riccardo, Divoratori di celluloide, Mystfest, 1981 
    ___ [memorie, piuttosto superficiali, del regista recentemente scomparso]
  • Freddi Luigi, Il cinema, L'arnia, 1949
    ___ [imprescindibile strumento, l'autobiografia dell'uomo che diresse per lunghi anni la Direzione Generale del Cinema]
  • Gambetti Fidia, Gli anni che scottano, Mursia, 1967
  • Gerosa G., Da Giarabub a Salò, Cinema nuovo, 1963
  • Gili Jean, Stato fascista e cinematografia: repressione e promozione, Bulzoni, 1981
    ___ [ottimo profilo critico, con particolare riferimento alla censura, di uno studioso nizzardo]
  • Gori G.M., Patria diva: la storia d'italia nei film del ventennio, La casa usher, 1988
    ___ [tema per tema, come il cinema degli anni '30 e '40 ha rivisitato la storia "patria"]
  • Marchesini D., La scuola dei gerarchi, Feltrinelli, 1976
  • Mida M., Compagni di viaggio: colloqui con maestri del cinema italiano, Nuova Eri 1988
    ___ [rapidi e colloquiali profili di Vittorio De Sica, Roberto Rossellini, Luchino Visconti e Anna ____Magnani]
  • Mida M. - Quaglietti L., Dai telefoni bianchi al neorealismo, Laterza, 1980
  • Ottavi N., L'industria cinematografica italiana, Bianco e nero, 1940
  • Redi R. Storia di una casa di produzione italiana, cnc, 1991
  • Redi R. (a cura di), Cinema italiano sotto il fascismo, Marsilio, 1979
  • Renzi R., Il fascismo involontario e altri scritti, Cappelli, 1976
    ___ [genuine e, verosimilmente sincere riflessioni di un uomo di cinema]
  • Renzi R., Da Starace ad Antonioni. Diario critico di un ex balilla, Marsilio, 1967
  • Savio F., Ma l'amore no, Sonzogno, 1975
    ___ [repertorio di centinaia di circa 400 film usciti tra il 1930 e il 1943]
  • Savio F., Cinecittà anni trenta, Bulzoni, 1979
    ___ [interviste con oltre cento protagonisti del cinema del regime]
  • Solaroli L. - Bizzarri L., L'industria cinematografica italiana, Parenti, 1958
  • Spinetti G.S., Vent'anni dopo: ricominciare da zero, 1964
  • Toeplitz L., Ciak a chi tocca, Milano Nuova, 1964
  • Tonti Aldo, Odore di cinema, Cappelli, 1974
    ___ [memorie e ricordi di un importante cineoperatore]

Main Menu