Izola - Isola
Cities, Towns and Hamlets


 

El canon de fighera

Dalla Repubblica nr. 20 di Guide d'Europa monografiche ' Istria (Istituto geografico de Agostini pubblicato nel l999 a pag. 37 trovo scritto così:

Il cannone di legno di fico

Nel Medioevo le città dell'Istria combattevano talvolta l'una contro l'altra. Una leggenda racconta il conflitto fra Piran (Pirano) e Isola (Isola d'Istria); Izola [sic] era disturbata dai continui tentativi di Piran di estendere i propri possedimenti costieri ai danni dei vicini, e fu dunque dichiarata una guerra. Poiché però a Izola [sic] mancava il ferro per forgiare le armi, venne costruito un cannone con il legno di un albero di fico. L'arma fu issata a bordo di una nave che si spinse fin nella baia di Piran.

Una versione originale in dialetto è stata scritta dagli alunni della Scuola elementare "Dante Alighieri" di Isola in un lavoro di ricerca intitolato "A Isola una volta se diseva e se rideva cussì". A pag. 39 troviamo:

Canon de fighera

Tra Isola e Pirano non correva mai buon sangue; ne fanno prova le guerre tra le due cittadine, che culminarono col colpo del famoso "Canon de fighera".

Quei de Isola de sempre i la gaveva con quei de Piran, perché i piranesi i credeva de esser chissà chi.

Un giorno i ga pensà de farghela veder ai piranesi, e cossa i fa? ...I ga fato un canon de fighera; i lo ga messo in t'un trabacolo e via lori, col scuro, verso Piran, par molarghe un per de canonade... I riva soto che iera presto giorno. I se ferma, i punta l'arma e... fogo!
Xe stà un finimondo! El canon de fighera xè andà in mile tochi e tre omini che iera là vissin, i xe restai morti.
-Mama mia " ga dito i vivi " se noi gavemo tre morti, chissà quanti ghe ne sarà a Piran?

E presto el capitano ga dà ordine de tornar indrio.
Ma, intanto che i voltava, i ga butà l'ocio sora Piran e i vedi fumi sora i teti.
-Varda, varda, compare, quanti foghi che se ga alsà! " ga dito un. ( Ma iera quei de Piran che i impissava el fogo, per farse 'l cafè.)

Co i torna a Isola, el podestà, che li spetava, a ghe domanda:
- Bon, come xe andà?
- Ben, sior podestà," i ghe rispondi " noi gavemo tre morti, ma gavemo lassà Piran che iera duto un fumo de sora e un fogo de soto: i sarà duti morti!

De note i manda le spie soto i muri de Piran, per capir qualcossa.
Iera duto sito; no se sentiva anima viva.
- Ma dutintun i senti: - Tre, sete, nove... !
- Qua i conta i morti, - i se disi tra de lori sti spioni isolani " tornemo a casa.
Subito i va a raporto:
- Sior podestà, a Piran xe sai mal: gavemo sentù che i contava i morti, almeno vinti ghe ne xe...!

Ma cossa iera?
Iera do muloni de Piran, che i zogava la mora. 

Ancora una piccola leggenda, e a pag. 35 trovo che anche i Piranesi no iera meio dei Isolani e così ... via... via...

Rema che te rema

Una volta quei de Piran i voleva far una scoribanda a Isola.
I se ga prontà in gran segreto e, in punto a mezanote, i soldai se ga imbarcà, a faghela vede a quei de Isola, cossa che i xe boni de far.
Al'ordine del capitano i se ga messo a remar.
E rema che te rema, de Isola gnanca segno.
Finalmente i senti cantar i gali.
- Qua semo vissin " i disi...
Ma po' un se volta indrio e a siga:
- Ma come? Semo de novo a Piran?
I se gaveva dismentigà de molar la sima della corda!

E xa che me trovo visin, a pag. 41, de novo trovo che a Capodistria cresi l'erba sul campanil. 

L'erba sul campanil

Anche tra Isola e Capodistria non correva buon sangue.
I Capodistriani erano chiamati "cavrisani" anche perché...

sula sima del campanil de Capodistria cresseva erba.
Se raduna el consiglio comunal e se studia el modo per cavarla.
Se alsa un contadin a disi:
- Mi go una cavra che no la xe mai sassia.
- La lighemo e la alsemo fin in sima e in un bater d'ocio,  l'erba no sarà più.
Duti i xe de acordo.
I porta la cavra, i ghe meti una corda atorno al colo e... issa... issa... issa... i la alsa verso la sima del campanil.
- Gente vardè, a la tira la lingua fora per magnar l'erba.

La cavra gaveva la lingua fora sì, ma no per magnar l'erba, ma perché a forsa de tirarla su i la gaveva sofigada.
E da quel giorno i Capodistriani vegniva ciamai cavrisani.


Main Menu


This page compliment of Marisa Ciceran and Mario Demetlica

Created: Friday, October 24, 2003; Last updated: Sunday October 28, 2007
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA