Lošinj - Lussino Island
Cities, Towns and Hamlets


SINTETIZZATI NELLA GUIDA AL MONUMENTO GLI ASPETTI SALIENTI DEL PASSATO ISOLANO

Una Torre, la storia di Lussingrande

20 maggio 2005

LUSSINGRANDE – Come tutto il mondo anche Lussingrande ha ricordato la Giornata internazionale dei musei con la presenza delle massime autorità cittadine nella locale Torre-museo. Jasminka Ćus-Rukonić, direttrice del museo ha inaugurato di fronte a un folto pubblico la prima guida del museo galleria, edito dall’Università Popolare di Lussinpiccolo, diretta da Jagoda Mužić. Una guida particolarmente curata, esaustiva sotto l'aspetto tecnico-culturale. È sorta per espresso desiderio di Jasminka Ćus-Rukonić, direttrice anche degli enti museali di Cherso ed Ossero, autrice dei testi, mentre la giovanissima e brillante Dunja Janković, pittrice accademica, ha curato la parte grafica e le illustrazioni (ottime le fotografie di Tomislav Križić, Sandro Volarić, Dunja Janković e Jasminka Ćus-Rukonić).

La Torre circolare isolata – costruita a scopi difensivi dai Veneziani, per la protezione della città dagli attacchi degli uscocchi di Segna e degli altri pirati del mare Adriatico – quest’anno compie 550 anni di vita. È una fortificazione militare tipica del Rinascimento, con le mura forti e piuttosto bassa, a soli quattro piani, per poter resistere più facilmente al fuoco dei cannoni, mentre le parti superiori delle sue mura sono sporgenti, per bersagliare meglio l’aggressore. I parapetti della Torre sono muniti di due apici a forma di "emme".

Il ruolo originale della Torre era esclusivamente militare, ma questa serviva anche per la guardia, oltre quale abitazione del corpo militare. Abbandonata e lasciata andare in rovina, restaurata nel 1774, il suo degrado continuò fino al 1911, quando dietro disposizione delle autorità austriache fu conservata con il restauro delle sole mura. Negli ulrimi anni la tutela della Torre è affidata alla Direzione per la protezione dei beni culturali e naturali. Nell’anno 1992 è iniziata la realizzazione del progetto di restauro della Torre, nel 1997 iniziarono i lavori archeologici, restaurate le mura, ricostruito il tetto ed il solaio a travi di legno. Lavori finanziati dalla Città di Lussinpiccolo, dalla Regione Veneto e dal Ministero della cultura croato.

Dopo questa grande impresa di recupero, la Torre di Lussingrande è stata arredata e trasormata in museo-galleria dalla Città di Lussinpiccolo, sotto l’alto protettorato del sindaco Dragan Balija. Aperta al pubblico nell’anno 2000, vanta un museo con la sua collezione permanente sulla storia della Torre e della città, con accento sullo sviluppo urbanistico ed architettonico e sulla ricca storia marittima, navale e turistica di Lussingrande.

Non solo una guida della Torre, ma una guida storico-culturale di Lussingrande, dovuta al coinvolgimento dei lussingrandesi di ieri e di oggi, in patria ed all’estero, in quest'iniziativa. Un desiderio anche di mantere e far crescere l’interesse storico-culturale isolano per lo sviluppo della marineria e delle costruzioni navali di Lussingrande, che nel XVIII e XIX secolo permisero ai marittimi del luogo di costruirsi magnifiche ville e case, con giardini e parchi. Contemporaneamente, furono costruiti i moli di attracco, strade e altre infrastrutture.

Lussino si affaccia al XX secolo con una piccola flotta a vapore e con gli ultimi grandi velieri di pregio: il bark “Contessa Hilda” di 1646 tonnellate fu venduto nel 1908. A quella nave è legato il nome di uno dei più famosi capitani marittimi lussignani, Aldebrando Petrina, l’ultimo grande lupo di mare.

Nel suo ultimo viaggio, dopo mezzo secolo di navigazione, quaranta anni al comando di velieri, dopo aver passato cinquantacinque volte l’Equatore, il Petrina percorse oltre 19000 miglia marine all’età di 64 anni. Da Trieste a Taltal in Cile doppiando il Capo di Buona Speranza, in 94 giorni, guidò la “Contessa Hilda” nell’ultima corsa sugli oceani sotto bandiera lussignana.

Mariano L. Cherubini

Tratto da:

  • http://www.edit.hr/lavoce/050520/cultura.htm

Copyright © "EDIT" 2000-2005

Main Menu