istrians.gif><strong><font color=
Archeology
Pula - Pola


NEL CANTIERE VICINO ALLA POSTA L'ARCHEOLOGIA "SCOPRE"

Ritrovata una macina tardo antica

L’impegno degli archeologi non si placa, e fa riaffiorare dalla terra nuovi reperti. Gli scavi sono quelli di via Flaccio. Ieri, nel cantiere aperto un mese fa nei pressi della Posta per lavori alla canalizzazione, l’archeologo responsabile dello scavo, nonché operatore del MAI, Željko Ujčić, ha convocato conferenza stampa assieme alla conservatrice Martina Barada.

"Abbiamo fatto un’interessante scoperta, quella di una macina per l’olio d’oliva, di collocazione tardo antica – ha spiegato Ujčić - Ci troviamo lungo la cinta muraria di quella che era stata la parte meridionale del nucleo storico cittadino. Qui era stato innalzato uno sperone, costruito molto probabilmente per rinforzare la muratura, perché è proprio qui che collochiamo il delta del torrente di Pragrande”.

Parlando della macina, che è non è la prima di questa epoca, poiché altre sono state ritrovate a Pola ed in altre località dell’Istria, l’esperto ha ribadito il concetto già noto, dell’olivicoltura e della viticoltura, basi dell’agricoltura antica dell’Istria. Tanto che, distese di olivi avrebbero potuto trovarsi proprio nelle vicinanze del ritrovamento, entro le mura del vicino cantiere navale. Le due lastre di sasso massicio sono larghe 2 metri e lunghe dai 3 metri e mezzo ai 4 metri. Riconoscibili anche i canali della macina, che “avrà lavorato” intensamente, all’epoca, sempre in considerazione del fatto che le piantagioni erano numerose.

“In epoca tardo antica la popolazione migrava per i forti venti di guerra; politicamente, la situazione era instabile, e la gente abbandonava le ville rustiche, per venire in città. Nell’urbe, infatti, aveva fatto capolino l’economia rurale”.

Sempre in zona sono venuti recentemente alla luce altri due scheletri di epoca medievale (i primi due erano stati scoperti ai primi del mese), di cui si occuperanno ora gli studiosi per le analisi del caso.

Interrogata su dei possibili ritardi dei lavori infrastrutturali, in conseguenza agli scavi, Martina Barada ha negato tale possibilità, spiegando che è possibile procedere parallelamente con le due operazioni.

Rosanna Mandossi Benčić

Tratto da:

  •  © La Voce del Popolo, 15 novembre 2007 - http://www.edit.hr/lavoce/070609/cfiumana.htm


Main Menu


Created: Thursday, November 15, 2007; Last updated: Tuesday, December 06, 2011
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA