Household Tools
Crafts & Trades

        
La Boccaletta

La boccaletta è l'ultima reliquia di un genuino comunismo rurale: un bene comune, ugualmente accesibile a tutti. Un assetato vi poteva bere fino a spegnere la sete più ardente. In cima alla boccaletta affiora il vino, sul fondo la verità.

In ogni festival folkloristico istriano c'è sempre almeno una canzone dedicata alla boccaletta (in croato bukaleta; [in istroveneto bocaleta]). Quel nome, boccaletta, è lo stato d'animo che la canzone suscita, evocando un passato, remoto e recente, di un'arcadia felice, quando la boccaletta significava bere e brindare. La parola boccaletta/bukaleta ricorre spesso nella poesia ciakava, sia in quella più antica che in quella più recente.

Nelle trattorie e ristoranti odierni, nei ritrovi ameni dove si sorbono caffè, liquori, birra e talvolta vino, la boccaletta appare oggi più che altro come souvenir. Nelle case degli Istriani le boccalette sono ormai tutte nuove. Quelle vecchie sono sparite: rotte o ammaccate, dalla bellezza spenta, sono finite tra i rifiuti. Oppure se le è prese per ricordo qualche straniero di passaggio togliendole per pochi soldi da case in cui avevano perso ogni significato.

Nelle case istriane di un tempo la boccaletta aveva il sapore di un culto e perciò un posto adeguato: se ne stava sempre a portata di mano, nel cuore dello spazio familiare, accanto al focolare, dando con la sua presenza il benvenuto ai parenti, agli amici, ai viaggiatori e a tutti coloro che erano ammessi in una casa, che venivano invitati a penetrare nella sua sacralità. In alcune regioni agli stranieri e ai conoscenti vengono offerti, in segno di benvenuto, pane e sale; in Istria si offrono pane e vino. E vino dalla boccaletta, dalla quale una volta tutti bevevano e brindavano, legandosi vicendevolmente non solo a un oggetto di culto - la boccaletta -, ma anche a uno stesso modo di pensare. Almeno così si riteneva.

Il bicchiere, la coppa, la coppetta, il boccale, l'orcio, il calice, il nappo, la brocca, la grolla, "el bicerin", sono tutti "recipienti di piccolo formato che servono per bere". Nelle nostre case la boccaletta era invece qualcosa di particolare, di completamente diverso. Non solo per la forma singolare, ma anche per la funzione.

Una persona un pò più colta saprà dirvi subito che la parola boccaletta deriva dall'italiano boccale. Pochi sapranno invece che la radice più antica di boccaletta, e quindi boccale, ha origine nel greco bizantino bokalion.

La storia del bicchiere è una storia lunga: fu dapprima un fondo di zucca o la metà della scorza di un grande uovo; diventò quindi un oggetto fuso o coniato in metallo, poi di vetro, di terracotta e d'argilla, fino ai moderni bicchieri di plastica "usa e getta". Ma quì ci interessa la nostra boccaletta istriana. Nel 1803 Josip Voltić (Giuseppe Voltiggi) non conosce ancora il termine boccaletta e nel suo Ričoslovnik (vocabolario) registra soltanto bukara, che traduce in italiano con boccale, pinta e in tedesco con Maass, Krug.

Bukara, per indicare un recipiente o un bicchiere, è la parola più diffusa fra i croati dell'Istria fino al XIX secolo, tanto che uno scrittore (A. Baćić nel 1732) dirà a proposito del calice: "Ne bi mogao se služiti s ričima: ovo je čaša, nego bi valjalo reći: ovo je bukara" (Non si dovrebbe dire: questo è un bicchiere: bensì bisognerebbe dire: questa è una bukara). Anche il vecchio saggio Kavanjin canta della bukara e di vecchiette brille:

"A starice na kominu
uz bukaru cijela pića,
pokle site dobro vinu,
pivaju Marka Kraljevića,
pa kad vinu d no bukari,
jedva otidu na ruzari".
Le vecchiette presso il camino
ben satolle sorseggiano
un'intera bukara di vino,
e di Marko reuccio canti intonano,
quando la bukara è al fondo,
il rosario stenta a girare in tondo.

Di solito la bukara viene descritta come un recipiente di legno con manico, fatto di doghe di legni diversi, cinte da un cordoncino di legno o trattenute da un cerchietto di ferro. Talvolta nelle case più benestanti il cerchietto era di latta gialla. Le bukare potevano contenere da uno a tre litri di liquido. Ce n'erano anche di più piccole, scavate in un pezzo di legno. Queste ultime nell'Istria croata venivano chiamate dižve, altrove kepčije, il che è un turcismo. Tuttavia nel dizionario croato "Šta je šta" (Che cosa è cosa) di Iso Velikanović e Nikola Andrić non si trovano nè bukara, nè bokal, nè dižva.

Un ricordo istriano della famiglia Giacofcich (circa 1925-30) che i vecchi chiamavano "broka e broca."
 

Torniamo alla boccaletta. Nei vecchi dizionari croati si trova più spesso la forma bukal (boccale) che bukaleta. In Istria presso la popolazione croata, il termine bukaleta ha oggi soppiantato tutte le parole consorelle che, ancora all'inizio del secolo, erano più in uso: buka, bukal, bukara. Il dizionario (1880) dell'Accademia croata riporta, accanto ad un esempio di Segna e a uno di Ragusa (Dubrovnik), anche il seguente esempio istriano: "Ja ću ti dat vina iz bukala" (Ti darò vino dal boccale).

Nell'edizione dello Car delle "Canzoni popolari istriane" (Istarske narodne pjesme, 1924) il lessema bukal viene spiegato come boccale, coppa, mentre "mali bukal zove se bukaletica ili zdravica, jer se iz nje piju zdravice" (un piccolo bukal viene chiamato bukaletica o zdravica-brindisi - perchè serve per brindare). Ma dalla boccaletta/bukaleta [istriano: bocaleta] che Car Emin non menziona o dalla "bukaletica", come egli la chiama, gli istriani bevevano anche quando non c'era da brindare. Bevevano quando avevano sete e avevano sete non appena erano in compagnia. Il vino era la bevanda dell'anima e della compagnia, poichè anche la vite era una pianta considerata sacra.

Nella poesia popolare istriana, intitolata "Zemljić Stipan", raccolta da Stjepan Ziza a Sansego, nel XIX secolo, c'è un riferimento preciso alla sacralità della vite. Lo Stipan della poesia torna a casa, dopo nove anni trascorsi in guerra, perchè ha sognato che la moglie sta per risposarsi abbandonando i figlioletti:

Tot nahaja jednu staru majku
lozu sadi, suzam ju obliva,
i s kosami lozicu veziva".
Qui trovò una vecchia madre
piantava una vite e l'innaffiava di lacrime,
con i crini la vite legava.

Dopo aver assistito a questa scena, che altro poteva fare se non recarsi alle nozze della moglie? La quale, Visto lo sconosciuto, vuoI "ballare con lui la carola" ("Kolo") e gli chiede:

Ti si junak po svitu hodio
a ti znadaš pisme po hrvatski?
Tu, prode, hai visto il mondo
e sai cantare in croato?

Un ritorno simile a quello di Ulisse: la felicità ritrovata dopo nove anni.

Certamente alle nuove nozze di Zemljić Stipan si sarà brindato. Con le zdravice o bukaletice di Car Emin in genere si brindava gagliardamente alle nozze istriane. All'inizio di solito si cantava un brindisi di questo tono:

Istrijani nasi stari, Bog ih poživi
koji jesu srca naša razveselili.
Prijatelju, pij do kaplje tvoju kupicu.
Dio conservi i nostri Istriani
gli Istriani che confortano i nostri cuori.
Amico, vuota la tua coppa fino all'ultima goccia.

Quando l'amico in questione si attaccava alla coppa, la compagnia attaccava questa canzone:

Smo vidili Bepeta pijanca,
kako pije iz lonca,
prez svakega konca. "

Una traduzione a senso può essere la seguente:

Gavemo visto Bepi l'imbriagon
ch'el beveva del pignatin
nòl ga lassà un tantin.

Al posto di Bepi, potevano esserci indifferentamente Jože, Anton o Mare. Il campione era colui che trincava senza ubriacarsi. Ognuno veniva invitato singolarmente:

Pij ga, Pepo, na tebi je red.
(Bevi, Pepo, tocca a te.)

Altrove il cerimoniale di tracannare il vino fino all'ultima goccia era più complesso. Si incominciava cantando così:

Draga moja kumpanija
verni prijatelji
gospodar od kuce lipo prosi
budite veseli!
Cara la mia compagnia
amici fidati
il padrone di casa vi prega cordialmente
di stare allegri!

Quando la boccaletta veniva a trovarsi da una parte della tavolata, dall'altra cantavano:

Vino zove: pij mene,
uzjigrat cu ja tebe.
Dice il vino: bevi me
esultare farò te.

Chi accoglieva la boccaletta e si chinava per bere, veniva incicato dal coro:

Junak ga je ispio,
Joii ga je napio:
napij mi se, Jože moj,
na tebije red.
Il prode l'ha vuotato,
Jože s'è ubriacato:
bevi, Jože mio,
tocca a te.

Finchè Jože beveva, gli altri osservavano se stessi bevendo veramente o non facesse finta, e intanto stornellavano:

Red, red; muzi ga, muzi ga, muzi
bližnji bratac, otari mu suze.
In fila, in fila; goccia a goccia
asciuga le lacrime al compare.

Così la boccaletta faceva il giro della tavolata, passando di mano in mano, di bocca in bocca: nessuno doveva scansarla o rifiutarla.

Nelle vecchie trascrizioni invece di bukal compare la parola čaša (bicchiere), solo che non si tratta di un bicchiere di vetro, trasparente, bensì del boccale o boccaletta istriana.

Čašu punu kako dunju
od reda napija.
Ala muze, ala muze
kot ga muze, hot ga muze
svu čašu pomuze!
Pieno è il bicchiere come un melone
sale l'ebbrezza.
Trinca, trinca
prosciuga il bicchiere!

Altrove al posto della parola čaša (bicchiere) si usa piuttosto buka, come nella seguente Koleda (canzone natalizia):

Stani gori gospodar:
Ku nes stati stari,
stani gori mladi:
popadi buka,
utoci fijolan.
Jedan bukal vina;
ho je malo jedan,
utoči njin dva!
Fermati lassù, signore:
se non ti fermi vecchio,
resta lassù giovane:
afferra il bicchiere,
versane al figliolo.
Un boccale di vino;
se uno è poco,
versane due!

Mio padre usava dire che gli istriani si riconoscono per il fatto che di bicchieri ne bevono piuttosto due, invece che uno. Vale per il vino naturalmente, non certo per l'acqua, come dice il seguente brindisi:

"Ne pij, Mare, te hladne vodice,
aš to su ti vile nanosile;
Ja ću ti dati vina iz bukala,
iz bukala, tebi Bože hvala!"
Non bere, Mara, di quell'acqua gelata,
non berla che è fatata;
ti darà vino dal boccale,
dal boccale, grazie al Cielo!

Memorie degli usi domestici patriarcali in Istria si ritrovano spesso nella poesia ciakava di Mate Balota, Drago Gervais e Zvane Črnja. Sono immagini dell'infanzia nostalgica di un modo di vita bruscamente interrotto, di una felicità  sottratta, della casa perduta.

Nella lirica intimistica "Ognjište" (Il focolare) Balota descriva la notte di Natale e ricorda:

Od ruk do ruk je hodila bukaleta,
sua su usta bižala na smih...
La bocca letta andava di mano in mano,
una risata scappava da tutte le labbra...

Pensando che Kalavojna, una baia vicino a Castelnuovo, significasse "buon vino", Balota non menzionò, nella poesia omonima, la boccaletta "che andava di mano in mano", bensì:

Teta Fume mudre nosi mižoliće
i natače ljudom od kapljice stare.
Zia Fume reca bicchierini birichini
e alla gente li riempie di vino vecchio.

Un'immagine simile si può trovare in Drago Gervais (nella poesia "Pul ognjišta" - Accanto al focolare):

Žvanka s črjenimi vlasi vino je s konobi nosila
i va bukaletu točila.
Z ruki v ruku je bukaleta hodila.
Žvanka dai capelli corvini portava il vino dalla cantina
e lo mesceva dalla boccaletta.
La boccaletta girava di mano in mano.

 Anche per Zvane Črnja il focolare è il centro della vita familiare, attorno al quale una volta si raccoglievano familiari e parenti, oggi dispersi per il mondo:

"I sa naš ruod je od vieka
okoli ugnjišća se kupi.
Si so jenako žulji
na rokah imeli
i sienjejenako mila
bukaleta bila.
Per secoli na nostra gente
si è raccolta attorno al focolare
Tutti avevano sulle mani
gli stessi calli
a tutti la boccaletta era
ugualmente cara.

Oggi, come nel 1939, quando Črnja scrisse questa sua "Ugnjišće" (Il focolare), le nostre case sono vuote del calore patriarcale: vuoti gli scagni, deserte le case, non c'è nessuno:

Samo nuono va kantune sedi
bukaleto va rokah drži... pensa i muči.
Solo nonno siede nell'angolo,
la boccaletta in mano...
pensa e tace.

 La boccaletta è sempre stata simbolo di compagnia, di convivio. Guai a colui che beve da solo: affogando il proprio dolore, affoga se stesso.

Nella storia della popolazione istriana alla boccaletta spetta un ruolo particolare. Non tanto per se stessa, quanto per quello che significava: condivisione della gioia e del dolore.

Ma oltre che un particolare significato, in Istria la boccaletta ha anche una particolare forma. è un recipiente panciuto, con orli larghi e con manico, dirimpetto al quale c'è un beccuccio sapientemente modellato in modo da far scorrere il liquido a fiotti. Chi beve imbocca facilmente il beccuccio e non corre il rischio di sporcarsi. La boccaletta istriana è sempre un recipiente di ceramica o di terracotta. Quelle fabbricate a Castelnuovo non vengono smaltate, ma sono piuttosto rare.

Capodistria, vendemmia 1897

Giovani gaudenti rendono omaggio al vino con la bocaleta, mentre quello seduto finge di suonare un violino che è in realtà un prosciutto, ormai ridotto all'osso.

Nel XIX secolo, e probabilmente anche prima, nelle famiglie benestanti la boccaletta era un oggetto bello e apprezzato, di maiolica o di ceramica, proveniente dall'Italia. Già il materiale impiegato (maiolica) indica la differenza tra le boccalette di Castelnuovo e quelle acquistate a caro prezzo e perciò particolarmente pregiate. Nei villaggi le boccalette venivano vendute dagli ambulanti e dai piccoli commercianti, ma più tardi fecero la loro comparsa tra altri prodotti ricercati nei negozi cittadini.

Nella seconda metà del XIX secolo, ma soprattutto verso la fme del secolo, nelle case dei contadini più ricchi incominciò ad entrare il vasellame di porcellana: le "dizve" (grolle) di legno diventarono rare perfino nelle case più misere. E mentre le porcellane giungevano da tutta l'Europa, le boccalette di regola arrivavano, attraverso Trieste, dall'Italia. Erano decorate da motivi floreali, a larghe pennellate, alla maniera barocca. I colori erano intensi: azzurro, rosso, viola, raramente verde. Di solito recavano una scritta invitante il padrone o la padrona a bere: "Bevi Toni", "Bevi Maria".

lìinizio di questo secolo c'erano anche a Pola, secondo quanto ci racconta il signor Ivan Rogi, che ha una buona memoria, boccalette con scritte in croato, simili a quelle che andavano per la maggiore nelle altre regioni croate ("Pazi brate da se ne polijes!" - Attenzione, fratello, a non bagnarti!). Ivan Rogi ne ricorda alcune:

Furbast je ki malo pije
ča ga vino ne inšempija.
 Furbo xe chi che bevi poco,
ch'el vin nò lo insempi.

Oppure:

Ča ne gleda Loško i ča ne vidi Foška
zač ni munjen i ač ne barufa".
Che nol guardi Losco e nol vedi Fosca,
perchè ne mato nèbarufante.

Boccalette panciute, con un beccuccio speciale modellato a somiglianza del becco del gallo, erano particolarmente popolari tra i Friulani. Anche le scritte erano in friulano. Quelle con il beccuccio più piccolo venivano di preferenza acquistate dagli Istriani, Croati e Italiani.

Bagpipe (meh) player from Orlec, Cres

Source:  Andre Mohorovicić & Daniel  Načinović, Terra Magica, Otokar Kersovani, Laurana (Zagreb, 1994)

Nelle case istriane il posto della boccaletta era di solito sulla scansia, dove stavano anche i piatti, i "taglierini". Ma il suo vero posto era in effetti fra la gente, accanto al focolare. Lì la boccaletta aveva un posto tutto suo, in una specie di gabbia, formata dai due manici superiori del posatoio in ferro battuto per la legna (che così vicino al fuoco, si asciugava per benino e poi ardeva meglio). In quella cesta di ferro il vino contenuto nella boccaletta, e portatovi dalla cantina, acquistava un pò del calore dell'ambiente. Quando si faceva la sopa/supa (zuppa) la boccaletta doveva rimanere accanto al fuoco più a lungo. Al vino rosso, già riscaldato, si aggiungevano un pò di zucchero, dell'olio e un pizzico di pepe. Infine vi si immergeva il pane abbrustolito. La sopa si beveva e si mangiava, ed era spesso ingannatrice, nel senso che dava ubriachezza. Di solito si beveva quando tutti erano in casa. Dopo la sopa il sonno è duro e pesante. E se qualche anziano di notte aveva un bisogno, sotto il letto c'era il bucalin (il pitale). Sarebbe perciò un grossolano errore fare confusione tra "buka", boccaletta, "bukaletica", boccale, da una parte, e bucalin dall'altra!

I giovani d'oggi, che cercano di riappropriarsi le tradizioni natie, incontrano la boccaletta più spesso nelle canzoni che nella realtà. Tuttavia, c'è un ritorno della boccaletta nelle case, ma il suo posto è adesso in vetrina. Vi si beve di rado. L'igiene del corpo ci è più cara di quella dell'anima. I bicchieri hanno soppiantato la boccaletta. Ognuno beve per conto suo. E del resto non è possibile bere dalla boccaletta succhi di frutta, coca-cola, acqua.

La boccaletta è l'ultima reliquia di un genuino comunismo rurale: un bene comune, che era ugualmente accessibile a tutti. Un assetato vi poteva bere a sazietà. Nessuno poteva controllare le sue sorsate. Era un segreto, gelosamente conservato dal ventre opaco, decorato di fiori, della boccaletta. Colui che voleva rimanere lucido, poteva bere quel tanto da non venir traditore men che meno rapito - da quel ben di Dio. Nessuno degli astanti poteva sapere se beveva sul serio o se la dava solo ad intendere. Ognuno quindi si regolava secondo desiderio o necessità. La boccaletta era a disposizione di chiunque e quanto lo desiderasse. La boccaletta radunava la famiglia, i parenti, gli amici. In cima alla boccaletta affiorava il vino. Sul suo fondo la verità.

Bibliografia:

  • Testo ' Josip Bratulić, "La boccaletta", Jurina i Franina, rivista di varia cultura istriana, n. 50, primavera 1992, Libar di Grozda (Pula), p. 48-51. 
  • Fotografie - Andre Mohorovicić & Daniel  Načinović, Terra Magica, Otokar Kersovani, Laurana (Zagreb, 1994)
  • Fotografia (1987) - cortesia di Pietro Valente.
  • Fotografia (1930 "broca") - cortesia di Will Giacofcich.

Vedete anche:


Main Menu


This page compliments of Marisa Ciceran

Created: Friday, September 22, 2000; Last Updated: Wednesday, August 21, 2013
Copyright © 1998 IstriaNet.org, USA